Vai al contenuto
zampa1973

Creazione background artificiale e inserimento auto

Recommended Posts

Buongiorno a tutti, sono Marco e faccio il fotografo di auto e moto. Vorrei provare a variare un po' il mio lavoro facendo esattamente il contrario di quello che si fa di solito con le auto e il 3D, ovvero inserire auto VERE all'interno di background FINTI. Ci sono centinaia di tutorial su come inserire un'auto modellata in 3D all'interno di una scena vera, ma non sono riuscito a trovare nulla per il contrario.

Quello che vorrei fare io è questo: fotografo la mia auto in una determinata location (con eventuali pareti/edifici intorno per aiutarmi poi nel matching della prospettiva), costruisco poi una scena virtuale in 3DS Max con le stesse geometrie della location in cui ho fotografato l'auto (usando il perspective matching per allineare la camera con la scena vera), la renderizzo senza auto, e con photoshop le unisco.

Il classico utilizzo sarebbe per foto di auto in studio con fondo bianco (luci belle ma fondo banale).

Potrebbe servire anche solo a cambiare il pavimento (ad esempio migliorare l'asfalto) o lo sfondo verticale.

Vi allego una mia foto di esempio (scusate il copyright ma non si sa mai...) e vi allego anche un link per farvi capire cosa vorrei realizzare

http://www.diseno-art.com/news_content/2012/06/2012-aston-martin-vanquish/

Sotto nella gallery trovate le foto della stessa auto realizzate nello stesso studio (erano subito dopo di me), vorrei capire se è meglio utilizzare 3dsmax oppure fare tutto in photoshop.

Questa foto

http://www.diseno-art.com/news_content/wp-content/uploads/2012/06/2012-Aston-Martin-Vanquish-3.jpg

e questa foto

http://www.diseno-art.com/news_content/wp-content/uploads/2012/06/2012-Aston-Martin-Vanquish-9.jpg

hanno praticamente la stessa texture di pavimento e sfondo

Che ne dite?

post-89724-0-74674100-1365023622_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io penso che la soluzione migliore sia fare in PS, dato che hai lettteralmente un maggiore controllo su tutto. Puoi provare in 3dsmax con un modellino (base) della vettura e costruirci intorno il tuo background, ma non vedo molte vie di fuga (anche se può essere un'intererssante soluzione)... Hai già provato?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In photoshop è molto più rognoso lavorare in 3d, mentre in max mi basta mettere 4 piani con le texture giuste e ho risolto il problema... potrei provare con um modello di macchina generico e usare la foto originale come mappa,di sfondo, cercando,di far,combaciare le prospettive, ma mi sembra molto macchinoso... ci vorrebbe qualcuno che lo fa tutti i giorni...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La rogna più grande sono i riflessi nella carrozzeria dell'auto e l'illuminazione globale dell'auto reale rispetto a quella dell'ambiente virtuale..... potrebbe essere pratico con sfondi relativamente semplici (tipo quelli del secondo e terso esempio), con particolari poco definiti. Ma ricreare l'ambiente di una piazza ... partendo dai riflessi che questa genera sulla carrozzeria della vettura mi sembra davvero non semplice e magari anche poco realistico.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La luce ambiente è davvero l'ultimo dei problemi, la luce che si fa in studio va bene x quasi tutte le ambientazioni, a me basterebbe anche un background semplice come quello dei due esempi...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Puoi fare una prova così, costruisci tutto il tuo ambiente virtuale in Max, questa è la fase più lunga perché devi ricreare tutti i dettagli foto realistici di una piazza/location.

Ci aggiungi un cubo di dimensioni esatte.

Quando fotografi l'automobile ci metti pure li un cubo di cartone così puoi usare il camera match per allineare le prospettive.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti, sono Marco e faccio il fotografo di auto e moto. Vorrei provare a variare un po' il mio lavoro facendo esattamente il contrario di quello che si fa di solito con le auto e il 3D, ovvero inserire auto VERE all'interno di background FINTI. Ci sono centinaia di tutorial su come inserire un'auto modellata in 3D all'interno di una scena vera, ma non sono riuscito a trovare nulla per il contrario.

Quello che vorrei fare io è questo: fotografo la mia auto in una determinata location (con eventuali pareti/edifici intorno per aiutarmi poi nel matching della prospettiva), costruisco poi una scena virtuale in 3DS Max con le stesse geometrie della location in cui ho fotografato l'auto (usando il perspective matching per allineare la camera con la scena vera), la renderizzo senza auto, e con photoshop le unisco.

Il classico utilizzo sarebbe per foto di auto in studio con fondo bianco (luci belle ma fondo banale).

Potrebbe servire anche solo a cambiare il pavimento (ad esempio migliorare l'asfalto) o lo sfondo verticale.

Vi allego una mia foto di esempio (scusate il copyright ma non si sa mai...) e vi allego anche un link per farvi capire cosa vorrei realizzare

http://www.diseno-ar...artin-vanquish/

Sotto nella gallery trovate le foto della stessa auto realizzate nello stesso studio (erano subito dopo di me), vorrei capire se è meglio utilizzare 3dsmax oppure fare tutto in photoshop.

Questa foto

http://www.diseno-ar...-Vanquish-3.jpg

e questa foto

http://www.diseno-ar...-Vanquish-9.jpg

hanno praticamente la stessa texture di pavimento e sfondo

Che ne dite?

post-89724-0-74674100-1365023622_thumb.j

scusa ma, non ne carpisco il senso.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ottima idea quella del cubo, tente conto che davvero per cominciare mi servono 4 pareti con delle texture, non certo una città...

Drako, il senso è molto semplice, in quell'occasione per esempio eravamo solo 6 fotografi da tutta europa, nello stesso studio e con la stessa illuminazione, in un tempo limitato: siccome i miracoli non li fa nessuno, siamo praticamente usciti tutti con le stesse foto (uguali), tranne le ultime due che ho postato, che sembrano fatte in luoghi diversi.

In queste occasioni avere foto diverse dagli altri è molto importante e prestigioso, inoltre, visto che oggi c'era un tempo da schifo e che ho dovuto fotografare un'auto in esterni, mi avrebbe fatto comodo cambiare un paio di sfondi delle foto statiche con altri virtuali

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Guardate i due link che ho messo, non c'è alcuna riflessione anche perchè ci sono solo un pavimento e delle pareti. L'abilità è proprio quella di ricreare un ambiente compatibile con lo scatto originale. Se fate caso alle foto di cartella stampa delle auto, nella maggior parte dei casi non ci sono riflessi dell'ambiente circostante sulla carrozzeria.

Proviamo col metodo del cubo. Il modo migliore per creare 3 pareti e un pavimento?

4 Piani? Prendo un cubo e lo svuoto? perdonate le banalità, ma non modello da credo 20 anni quando si usava ancora softimage e insegnava Paganoni allo IED...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se usi 3dsmax, crei un semplice piano, lo converti in polilinea ed estrudi gli edge che vuoi diventino le pareti selezionando gli edge stessi e tenendo premuto il tasto shift e spostando sull'asse Z fin quanto vuoi che siano alte le pareti....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non sò, mi sento alquanto perplesso da questo sistema inverso di lavorare.

non ne riesco a capire lo scopo finale...che tipo di finalità avrebbe un workflow del genere?

Cataloghi? di che genere?

Perdonami, ma in me è anche presente molta curiosità.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il prodotto è destinato a riviste, cataloghi e press kit per Case Costruttrici. Mi capita spesso di dover realizzare cartelle stampa per alcune aziende italiane di moto, in tandem con alcuni colleghi, e la possibilità di poter bypassare eventuali location "brutte" o obbligate per me sarebbe un enorme valore aggiunto oltre che un punto a mio favore.

Per esempio ho dovuto fotografare uno scooter un mese fa a Roma, scappando dalla pioggia. Avrei potuto invece chiudermi al buio da qualche parte, lavorare solo con luce flash (quindi luce molto bella e indipendente dall'ambiente), e poi successivamente montare lo scooter davanti a un muro di marmo, oppure sotto un palazzo hitech, ecc. Ovvio che non puoi fare il lavoro completo "finto", ma in casi di emergenza o per uno/due scatti può avere un senso.

Pensavo che l'esempio dell'Aston Martin fosse lampante: in Europa tutti i giornali sono usciti con le stesse foto, tranne TopGear che ha messo quelle che vi ho linkato. Risultato, 8 giornali con foto uguali, un giornale con foto diverse. Dal punto di vista giornalistico è un eccellente risultato.

Un bravo modellista quanto ci mette a fare un "set" virtuale come quello nero dell'Aston Martin? Mezzora? Pure meno credo, ma cambia completamente faccia alla foto.

Spero sia più chiaro, nel caso chiedete pure.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×