Vai al contenuto
mj23wizards

erba per attacco a terra scala al 1000

Recommended Posts

Ciao a tutti in questo momento sto lavorando a cad al 1000 per la mia tesi di laurea e il prof non è soddisfatto dell'erba realizzata con i puntini AR-SAND (sono difficili da controllare in stampa o invisibili o troppo fitti e impattanti). Avrei bisogno di una tecnica sobria per indicare sostanzialmente le aree pubbliche ad erba di un attacco a terra. Meglio lasciare cad e passare a photoshop? Premetto che non voglio aree colorate di verde ma soltanto qualche campitura leggera. Accetto qualsiasi genere di consiglio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti in questo momento sto lavorando a cad al 1000 per la mia tesi di laurea e il prof non è soddisfatto dell'erba realizzata con i puntini AR-SAND (sono difficili da controllare in stampa o invisibili o troppo fitti e impattanti). Avrei bisogno di una tecnica sobria per indicare sostanzialmente le aree pubbliche ad erba di un attacco a terra. Meglio lasciare cad e passare a photoshop? Premetto che non voglio aree colorate di verde ma soltanto qualche campitura leggera. Accetto qualsiasi genere di consiglio.

Mai avuto questi problemi di questo tipo in fase di stampa, per curiosità fai vedere cosa ottiene e spiega come stampi...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Giusto una precisazione, ma se ti stai laureando penso proprio che tu sappia già:

Aprire un file fatto sostanzialmente di "linee" (vettoriale CAD per esempio) in Photoshop significa rasterizzarlo, cioè imprimere su pixel quelle informazioni che nei software vettoriali permettono di visualizzare le geometrie che disegniamo.

Questo procedimento ha dei pro e dei contro, e quindi la risposta alla tua domanda dipende da tanti fattori.

In generale, una volta rasterizzato, un file vettoriale non può più essere scalato senza "sgranare", non puoi più intervenire sui colori e spessori delle linee in maniera pratica come faresti con CAD o Illustrator, e soprattutto diventa molto ma MOOOLTO pesante, dato che bisogna importare grandi formati (se hai tavole A0 e non puoi più scalare, devi importare in PS un file grande come un A0).

Se tutto il resto viene stampato a CAD e ti serve solo una soluzione per il prato io sconsiglio l'utilizzo di Photoshop, puoi provare invece con Illustrator, che essendo un vettoriale ti permette di lavorare senza perdere le informazioni che perderesti rasterizzando in Photoshop, e poi tutto dipende dall'effetto che vuoi ottenere. Se non vuoi aree colorate ma solo campiture astratte puoi provare a realizzare il pattern che ti interessa e poi applicarlo come riempimento dove ti serve indicare l'erba.

Spero di esserti stato utile e di non aver scritto castronerie. ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Giusto una precisazione, ma se ti stai laureando penso proprio che tu sappia già:

Aprire un file fatto sostanzialmente di "linee" (vettoriale CAD per esempio) in Photoshop significa rasterizzarlo, cioè imprimere su pixel quelle informazioni che nei software vettoriali permettono di visualizzare le geometrie che disegniamo.

Questo procedimento ha dei pro e dei contro, e quindi la risposta alla tua domanda dipende da tanti fattori.

In generale, una volta rasterizzato, un file vettoriale non può più essere scalato senza "sgranare", non puoi più intervenire sui colori e spessori delle linee in maniera pratica come faresti con CAD o Illustrator, e soprattutto diventa molto ma MOOOLTO pesante, dato che bisogna importare grandi formati (se hai tavole A0 e non puoi più scalare, devi importare in PS un file grande come un A0).

Se tutto il resto viene stampato a CAD e ti serve solo una soluzione per il prato io sconsiglio l'utilizzo di Photoshop, puoi provare invece con Illustrator, che essendo un vettoriale ti permette di lavorare senza perdere le informazioni che perderesti rasterizzando in Photoshop, e poi tutto dipende dall'effetto che vuoi ottenere. Se non vuoi aree colorate ma solo campiture astratte puoi provare a realizzare il pattern che ti interessa e poi applicarlo come riempimento dove ti serve indicare l'erba.

Spero di esserti stato utile e di non aver scritto castronerie. ;)

si si lo so ma la pesantezza non rappresenta un grosso problema il fatto è che sono sempre stato abituato a fare cose un po piu artistiche sull attacco a terra mentre qua il professore tende ad essere vecchia scuola e molto monochrome. Quindi sono costretto a retinare qualcosa. AR SAND con pennino nero e 0.13 mm diventa molto pensante e ripetitivo con scala 1. Ho provato a mettere pennino grigio e 0.09 mm ma diventa quasi invisibile. Tra le altre cose differenti plotter tante volte danno risultati diversi e in alcuni plotter il puntino grigio nemmeno si vede. Siccome mancano meno di 15 giorni e il tempo scarseggia pensavo di utilizzare il disturbo photoshop dato che illustrator lo so usare male. Giusto per sapere voi quando campite una planimetria al 1000 cosa fate? colore o retino per erba o campi?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh dipende sempre dallo stile che vuoi ottenere, sinceramente a me su scale così ridotte piace giocare con gli spessori di linea e la scala di grigi, al limite inserire campiture piene molto leggere, se proprio c'è necessità di evidenziare delle aree.

In generale non sono comunque un amante delle campiture astratte, a meno che non siano richieste dal tipo di disegno (esecutivo/tecnico/etc.).

Io, personalmente, insisterei con AutoCAD a questo punto, cercando il giusto equilibrio a suon di tentativi e prove di stampa. Fondamentale poi è scegliere il plotter su cui stamperai le tavole finali e non cambiarlo MAI! Fai tante prove ed affidati a quello, se continui a cambiare plotter mentre fai le prove non avrai mai un riferimento, ovviamente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh dipende sempre dallo stile che vuoi ottenere, sinceramente a me su scale così ridotte piace giocare con gli spessori di linea e la scala di grigi, al limite inserire campiture piene molto leggere, se proprio c'è necessità di evidenziare delle aree.

In generale non sono comunque un amante delle campiture astratte, a meno che non siano richieste dal tipo di disegno (esecutivo/tecnico/etc.).

Io, personalmente, insisterei con AutoCAD a questo punto, cercando il giusto equilibrio a suon di tentativi e prove di stampa. Fondamentale poi è scegliere il plotter su cui stamperai le tavole finali e non cambiarlo MAI! Fai tante prove ed affidati a quello, se continui a cambiare plotter mentre fai le prove non avrai mai un riferimento, ovviamente.

mi sembra la cosa piu sensata da fare anche io avrei preferito un riempimento molto leggero anche perche la campitura mi sa di ufficio tecnico... Sinceramente sono un po abbattuto perche nonostante i prof siano molto preparati. Lavorano sul campo etc... mi lasciano perplesse queste scelte ultra semplici di rappresentazione che non appagano l occhio. Sarà che non sono degli urbanisti... :) A parte che la scelta della rappresentazione dal mio punto di vista dovrebbe essere per lo piu decisa dallo studente

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In certi casi non c'è niente di meglio di una rappresentazione semplice ma efficace!

Nella mia esperienza comunque ho quasi sempre incontrato professori che ci tenevano ad uno stile grafico degli elaborati "coerente" al corso, quindi da un certo punto di vista è anche comprensibile che gli studenti vengano indirizzati verso uno stile grafico piuttosto che un altro.

C'è sempre modo e modo per fare tutto. Ho visto tavole in monochrome da stropicciarsi gli occhi e ne ho viste altre scialbe e banali. Dipende sempre dal grado di dettaglio del disegno, dall'accuratezza dello stesso, quanto tempo gli si dedica, dall'equilibrio generale della tavola e tanti altri fattori.

Non preoccuparti tanto della limitatezza di un certo stile, bensì prova a tirare fuori il meglio con i mezzi che quello stile ti concede di usare. ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Puoi usare due retini sovrapposti, anche sempre lo stesso ma differenziando il fattore di scala. uno con scala piccola e pennino fine 0.09, ed un altro con fattore di scala maggiore e pennino più marcato 0.13. Puoi scegliere anche un'altra strada, non deve per forza essere nero, può anche essere grigio scuro. In questo modo se lo spessore 0.13 è troppo marcato, lo alleggerisci usando un grigio scuro.


Modificato da zatta 3d

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

al 1000 è talmente piccola che mi pare assurdo discutere sull'erba. Tra l'altro è una tesi e dovresti fare una cosa carina...

perchè non creare una "mappa" erba da mettere sotto il dwg?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io da sempre faccio così:

- mi preparo un A4 con tanti quadratini che riempio con scale differenti di retinatura, spessore penna, colori

- guardo e valuto i risultati di stampa che mi aggradano;

- generalmente sovrappongo due retini per aree più dense in zone tipo angoli, o zone in ombra oppure elementi che voglio far risaltare.

Se non vuoi puntini fatti un hatch con qualche "ciuffo" d'erba (va bene per quei giardini con zone più aride) e distribuiscili bene senza esagerare.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×