Vai al contenuto
EvIl DeViL

Qual'e La Differenza?

Recommended Posts

salve a tutti! nn e che qualcuno mi potrebbe chiarire la differenza fra mesh oggetto poligonale modificabile e patch?

cioe... xke dovrei sceglierne uno rispetto ad un altro?

quali sono i pro e i contro?

spero di nn aver fatto una domanda troppo scontata o stupida ma proprio nn riescoa trovare una risposta...

grazie!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non so dirti precisamente ma ci provo

mesh oggetto poligonale modificabile viene applicato in genere a figure tipo cubo parallelepipedo o qualsiasi altro oggetto di questi quindi aventi volume

invece modificatore patch viene applicato a superfici come piano quindi non aventi volume

la differenza dipende dalla modifica che devi apportare all'oggetto

ad esempio se da un parallelepipedo vuoi modificare e quindi modellare un astronave sarà + comodo utilizzare un modificatore mesh

lascio la parola ai + bravi se ho sbagliato a spiegare questa differenza :P

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grossomodo la metterei così:

1. la Poly (che è un'evoluzione della mesh) non può essere creata dal nulla, ma deriva dalla conversione di un altro oggetto; la Patch invece può essere creata da zero.

2. Sebbene tutti gli oggetti modellabili alla fine sono comunque poligonali, penso si possa fare una classificazione generale di questo tipo: modellazione poligonale (mesh e poly); modellazione organica (patch e Nurbs). Anche se rimane una classificazione inesatta poichè, in particolare, la nurbs è solo un metodo matematico per creare un modello poligonale.

3. La mesh si fonda sui triangoli che ne costruiscono la superficie; la poly invece permette l'uso di poligoni con più di tre lati; la patch si avvale delle maniglie Bezier; la nurbs si fonda sulla spline.

4. Direi che si possono utilizzare le mesh e le poly per la modellazione a basso numero di poligoni (mesh in particolare), nella modellazione architettonica in genere (poly in particolare) e, comunque, nella modellazione di oggetti alla cui base costruttiva vi sono elementi squadrati (ad esempio le volte, le pareti e le coperture curve, ecc...); le patch e le nurbs quando si devono realizzare superfici organiche (cioè altmanete smussate), tipo esseri viventi, natura, ecc.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×