Jump to content
Underscore

Gestione dati laser scanner

Recommended Posts

Salve a tutti ho un informazione da chiedervi, nello studio in cui collaboro, hanno da poco acquistato un laser scanner Faro 3d, per la gestione dei dati ( una marea ) ho fatto assemblare un pc con queste carattesristiche:

- Scheda madre Asrock p67 pro 3

- Processore Intel i5 2300 II generazione sandy bridge

- Sistema Operativo WIn 7 64 Bit

- 16 GB RAM

- Scheda Video Nvidia Quadro 600

- Hard Disk WD 500GB

- Alimentatore Rasurbo 550 W

Il problema e che quando vado a generare un modello 3d con il software dedicato il pc rallenta di brutto, non sò se questo dipende dalla scheda video se sì sapreste consigliarmi qualcosa di meglio?

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se il programma che chiami "dedicato" non è a 64 bit, potrai anche avere un pc assemblato dalla Nasa, ma il collo di bottiglia software resterà sempre...

Buona norma è comunque "decimare" la nuvola di punti prima di creare la TIN, ad es. col magnifico Meshlab (opensource).

smile.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

il programma che uso è a 64 bit il problema secondo mè è lascheda grafica che arrivato alla risoluzione massima possibile va a sovraccaricarela memoria ram

Share this post


Link to post
Share on other sites

hai un pc parecchio poco potente: passa a i7 o meglio agli xeon dual core.

come va lo scanner?

Lo scanner è una bomba il problema sono tutti i dati che ne vengono fuori sono un a marea, il problema si verifica quando vado a creare un modello 3d della struttura interessata, che và a rallentarmi in maniera significativa la visione del progetto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se il programma che chiami "dedicato" non è a 64 bit, potrai anche avere un pc assemblato dalla Nasa, ma il collo di bottiglia software resterà sempre...

Buona norma è comunque "decimare" la nuvola di punti prima di creare la TIN, ad es. col magnifico Meshlab (opensource).

smile.gif

Hio già programmi che sono usciti con lo scanner e sono moltoefficenti per il lavoro richiesto, il problema sussiste nella creazione di un modello 3d, secondo me la quadro 600 non riesce a supportare la mole di dati essenndo un entry level della nvidia

Share this post


Link to post
Share on other sites

è normale, siamo arrivati a gestire, con tecniche opportune anche miliardi di punti, che stai scansionando e cosa ne vorresti fare di sto modello?

Con lo studio in cui collaboro ci occupiamo di riliev metrici e topografici, lavoriamo nel cantiere più grande e lento del mondo (L'Aquila). Serve per fare prospetti piante e sezioni degli edifici oltre poi un modello 3d dell'intera struttura, ma qui per il momento andiamo cauti perchè le conoscenza sono limitate in questo ambito

Share this post


Link to post
Share on other sites

hehe ho capito, bhe lasciati dire subito che il modello che ottieni in auto dal laser è al 99% inusabile per altri scopi di modellazione, almeno in campo architettonico. bisogna rimodellare tutto a manina. rientra in chat che magari ne parliamo :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è una mia amica che adesso insegna a Toulouse che ha sviluppato un software di decimazione dei punti partendo dalle linee che estrae dalle foto scattate durante il rilievo. Sembra funzionare bene ma non è ancora commercializzato essendo in ambito universitario. Provo a chiederle se ha qualcosa che può essere usato e distribuito.

ps. Comunque il tuo è il problema classico della scansione laser (milioni di punti inutili) e metodi di decimazione (quelli meccanici) poco adattabili al contesto rilievo architettonico. Difatti la mia tesi di master è stato lo sviluppo di un applicazione che modellava le modanature in modo dichiarativo e poi con algoritmi di best fit adattava il modello creato alla nuvola di punti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

interessante è possibile leggerla da qualche parte?

Qua c'è la prima parte del mio mémoire, ma solo dove c'è il modellatore:

http://www.archistico.com/portfolio/sviluppo-di-un-modellatore-dichiarativo/

Questo invece è il lavoro della mia amica, è un articolo in cui spiega soprattutto come "tappare i buchi" nelle zone d'ombra dello scanner laser

"Towards recovery of complex shapes in meshes using digital images for reverse engineering applications" di Minica Panchetti

http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&ved=0CFMQFjAA&url=http%3A%2F%2F119.93.223.179%2FScienceDirect%2FComputer-Aided%2520Design%2FComputer-Aided%2520Design%2520Volume%25202010%2FComputer-Aided%2520Design%2520Volume%25202010%2520Issue%2520-%2520(8)%2Fsdarticle_005.pdf&ei=NO28T_mLPMaA4gTx9Lwh&usg=AFQjCNFRgtQsxfMUPbX2SuALE4gG9gU7cw&sig2=SJ748YHmppDXu1LWVdOTZA

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...