Jump to content
fracap

Colorare in illustrator attraverso maschere di opacità

Recommended Posts

Finalmente ho domato illustrator.

Come mio personale metodo di lavoro ho trovato eccezionale l'uso delle maschere di opacità come mezzo per applicare il colore senza interferire minimamente con il disegno espresso in tracciati.

Voi mi direte: ma anche le maschere di opacità sono tracciati! Esatto.

Quante volte avete iniziato a dipingere e andando sul pannello livelli avete visto che si era riempito di un miliardo di tracciati? Quante volte avete usato le guide sensibili e la vostra sensibilità ha iniziato a bestemmiare perchè il "disegno" si agganciava a tutti questi infiniti tracciati?

Quante volte avete avuto il capogiro per creare col bisturi una "fusione" accettabile?

Bene io credo di aver scoperto l'uovo di colombo di illustrator (non ho saputo resistere nel comunicarvelo visto gli aiuti infiniti che mi avete dato con solerzia e pazienza), ovvero come riportarlo alle dimensioni di un programma di disegno/paint stile photoshop ma col vantaggio della risoluzione sempre al top.

Utilizzare le maschere di opacità non solo per nascondere semplicemente un oggetto...ma per colorare si avete capito perfettamente utilizzando appunto la mascheratura di una campitura.

Potete fare così mille variazioni cromatiche partendo da un solo elemento campito. Insomma la tecnica è quella dell'applicazione dei retini come si faceva (facevo) un tempo all'era della pietra (da cui sono orgoglioso di esserne uscito).

Mi chiedevo se le maschere di opacità creano o meno in fase di stampa tipografica o digitale dei problemi

(non ho quasi mai stampato nulla).

Ah dimenticavo il metodo è nettamente migliore rispetto al metodo "dipingi dentro, ecc", ma bisogna sempre capire quello che si vuol fare.

Premendo CTRL+Y (uso WIN) per vedere il wire, incredibile! le pennellate vettoriali non si vedono ma ci sono...non so conviene rasterizzare? magari per alleggerire il file?


Edited by fracap

Share this post


Link to post
Share on other sites

sì è un pò l'uovo di colombo ma in effetti ha enormi potenzialità.

Io lo uso con molta moderazione per questioni di retrocompatibilità... ovvero non tutti hanno la suite aggiornata alla + recente e in casi in cui il lavoro vettoriale sia così massiccio che da far diventare il file di illustrator ciccione, mi vedo costretta all'esportazione di raster.

La trasparenza porta peso, paradossale no? :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Emilie se hai presente le maschere di livello di photoshop funzionano alla stessa maniera: è molto semplice ma bisogna andare con calma e capire se colorare merita realmente farlo in illustrator

Laura non ho capito la retrocompatibilità se salvo in pdf generico?


Edited by fracap

Share this post


Link to post
Share on other sites
Laura non ho capito la retrocompatibilità se salvo in pdf generico?

il pdf non sempre mantiene tutte le proprietà dell'illustrazione salvata in ai.

La retrocompatibilità si riferisce a salvataggi in formato ai precedenti alla corrente suite.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...