Jump to content
Simona 90

i limiti del disegno automatico

Recommended Posts

ciao ragazzi, sono una studentessa di architettura che ancora non s'è avvicinata al cad.

Nonostante questo, ci è stato chiesto quali possono essere i limiti del disegno automatico rispetto a quello manuale. Sapete darmi qualche suggerimento?

Share this post


Link to post
Share on other sites

No quella fa parte del programma dei precorsi ;)

Pensando con la mia testa ho dedotto che per conoscere i limiti del cad, dovrei conoscere il cad, e abbastanza bene da distinguere i suoi limiti dai miei.

Dal momento che inizieremo ad usarlo solo al secondo semestre, arrivare da sola alla risposta potrebbe richiedere qualche anno :D.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se hai scelto architettura autocad devi per forza conoscerlo al giorno d'oggi.. Se posso darti un consiglio da studente non aspettare che te lo insegnino in in corso, scaricati la versione per studenti dal sito dell' Autodesk e comincia a "far conoscenza" con il programma, prova, smanetta con i comandi, guardati qualche tutorial o guida introduttiva.. Il miglior modo di imparare é con la pratica.. E cosi facendo potrai anche scoprire da sola quali sono i limiti del disegno automatico rispetto al manuale..

Share this post


Link to post
Share on other sites

quali possono essere i limiti del disegno automatico rispetto a quello manuale.

Perchè, il disegno automatico ha limiti rispetto al manuale? Io direi che è più corretto il vice versa...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perchè, il disegno automatico ha limiti rispetto al manuale? Io direi che è più corretto il vice versa...

quoto tristan.

scusa quanti anni ha il tuo professore?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti consiglio di leggere un po di articoli sulla progettazione al CAD e BIM e sul generative design.

Il limite del disegno al computer è solo nella progettazione, cioè il progetto lo pensi e lo schizzi a mano, poi lo passi al computer

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao ragazzi, sono una studentessa di architettura che ancora non s'è avvicinata al cad.

Nonostante questo, ci è stato chiesto quali possono essere i limiti del disegno automatico rispetto a quello manuale. Sapete darmi qualche suggerimento?

Nel disegno a mano l'unico limite sei tu, in quello automatico l'Enel.

EDIT: cioè, lzr, aspettare due minuti, no èh? :lol:


Edited by ruezzana

Share this post


Link to post
Share on other sites

potrei azzardare a dire che senza un disegno manuale non vi possa essere un disegno automatico, nel disegno manuale ognuno di noi può creare una scena con elementi davvero unici, in quello automatico "soffriamo" di una sorta di standardizzazione, anche se devo dire che il disegno automatico con la dovuta fatica si avvicina molto a quello manuale, e che in fin dei conti ... e questa risposta potrebbe essere quella giusta...

l'unico limite sia del disegno manuale che di quello automatico sei TU!!

il Tu inteso come persona, come fantasia, ogni persona ha i suoi limiti e cercare di andare oltre, comprendere dove sono è segno di chiarezza ed umiltà, non comprenderlo è solo essere superficiali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me potresti rispondere che essendo due cose diverse non possono essere messe in relazione se non magari con il risultato finale, mi spiego meglio, un disegno esecutivo o è stato fatto a penna o disegnato al pc e poi stampato deve essere lo stesso, quindi il vero limite è nel risultato finale e non come ci sei arrivata...

ora... questa domanda ve l'ha fatta per farvi capire che saper usare un programma di disegno non necessariamente significa saper progettare, io dico però che per saper progettare ci vuole molta esperienza in svariati campi, che tu piano piano affronterai, la statica, l'uso dei materiali, una composizione e una distribuzione corretta delle funzioni, ecc ecc. perciò in un futuro ti aiuterà tantissimo rappresentare in tre dimensioni un tuo progetto perchè potrai verificare magari errori o adottare scelte diverse mettendoci pochissimo tempo, ma se prima non penserai che ad ogni linea che disegnerai corrisponderà uno spazio ti sarà difficile comunicare quello che hai disegnato, perchè non lo avrai capito neanche tu. (un pò contorto, ma spero di essermi spiegato)

In bocca al lupo per gli studi, e se ti scatterà la vera passione per l'architettura, sappi che è una malattia...ahhahaha, te lo dice uno che è malato...

Share this post


Link to post
Share on other sites
per quello automatico serve corrente elettrica e un pc

Neppure: basta un notebook a batteria, senza alcuna presa di corrente...

Scherzi a parte, o Simona, il concetto e' semplice: se hai un'idea in testa, devi saperla disegnare con matita e righello.

Se sai progettare a mano, ergo imparerai in fretta a disegnare al cad, punto.

A differenza del disegno su carta, quello elettronico ha diversi vantaggi:

1] le modifiche (tipo cancellature, spostamenti e copiature) sono immediate

2] la quotatura e' un'operazione elementare e veloce

3] da un modello in 3D si ricavano quasi automaticamente piante, prospetti e sezioni in scala

4] fatto un progetto, il computo metrico e' tanto piu' veloce, quanto piu' "architettonico" e' il software che acquisti.

Da ultimo, la resa finale: e' vero che una prospettiva fatta a mano e' molto romantica, ma se ad un potenziale cliente mostri un render fotorealistico, beh, vendi meglio il tuo prodotto.

smile.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi ho scoperto una cosa nuova, non sapevo di questi limiti..... sarà la vecchiaia ma son abituato ad avere il mio spazio infinito x,y,z,.

Un consiglio che ti è già stado dato anche da altri è: studiati il cad da sola, siamo nel 2012 cavolo.... ai miei tempi si faceva il corso di cad nel pomeriggio dopo scuola (alle superiori)...... si parla di 15 anni fa! Il cad ti servirà sempre e sarà il primo di altri software che ti serviranno se vuoi svolgere la professione di architetto!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'autore del topic purtroppo sembra scomparso, qui si sono date molte risposte tecniche sui limiti, chi sulla rappresentazione chi sulla corrente, tutte risposte giuste per carità, ma se ricordate bene, specie per chi ha intrapreso studi di architettura, i docenti impostano lezioni ed esami direi a livello "filosofico", perchè essere architetto per loro è similare ad un creatore di forme (ho scritto similare perchè molti si definiscono creatori ed oltre) non avete idea delle domande apparentemente assurde venivano poste, esempio, "sei un naufrago in un isola deserta, ed hai a disposizione qualche legno e cartone, che fai? in genere molti venivano addirittura insultati perchè non sapevano rispondere, perchè ovvio la cosa logica era pensare di costruirsi un rifugio temporaneo utilizzando la sabbia (che non era menzionata ma essendo naufrago sulla spiaggia doveva per forza esserci) e da lì continuava con le tecniche di costruzione etc etc, quindi per esperienza ribadisco che non vi sono limiti si può dar forma a tutto quello che vi passa per la mente perchè l’unico limite è quello che ti imponi, la nostra fantasia non ne ha.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...