Vai al contenuto
Carlo Esposito

Lavoro con Errore: Ma chi ha sbagliato davvero?

Recommended Posts

Salve, vi volevo parlare di un problema che ho avuto oggi con un committente.

Ho consegnato un lavoro, lui ha detto che gli piaceva, mi ha pagato, mi ha chiesto il file a livelli separati ma gli ho chiesto di non fare modifiche se non strettamente necessarie. Dopodichè l'ha mandato in stampa.

Oggi, a stampe arrivate, mi ha detto che io avevo fatto un errore,per cui le stampe che egli ha fatto NON sono vendibili e quindi inutilizzabili. Siccome ha sprecato soldi mi chiesto di risarcirgli metà della somma del mio compenso.

La domanda è: E' giusto risarcirgli metà del mio compenso?

Io penso che in quanto committente e ideatore del lavoro (si tratta di un tabellone da gioco da tavolo) ne sei anche supervisore,giusto? Quindi essendo tu supervisore la colpa è tua,non mia!

è come se l'art director della (per esempio) Ubisoft si ripiglia metà della somma perchè aveva sbagliato a supervisionare e io non me n'ero accorto! è lui quello che chiude il lavoro ,se non sa fare il suo lavoro e non sa notare gli errori che ci sta a fare???? non serve a niente!!! o sbaglio?


Modificato da gelo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi viene da ridere!

ma non hanno fatto delle prove di stampa prima delle definitive?

e quale sarebbe l'errore che ti contesta?

Avranno unito i livelli?

Avranno eliminato tracciati, maschere, canali e quant'altro prima di stampare??

mah..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mi viene da ridere!

ma non hanno fatto delle prove di stampa prima delle definitive?

e quale sarebbe l'errore che ti contesta?

Avranno unito i livelli?

Avranno eliminato tracciati, maschere, canali e quant'altro prima di stampare??

mah..

Il committente ha dichiarato "l'ho fatta (la prova) ma non ho visto l'errore, perchè mi fidavo del lavoro fatto"

L'errore mio è stato quello di aver messo alla rovescia alcuni numerini.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

in realtà è anche colpa tua... -_-

invece di restituire la cifra proponi di correggere gratuitamente l'errore.

In caso abbia già provveduto lui dovrai trovare un accordo equo per entrambi direi...

magari uno sconto sul prossimo lavoro.

:hello:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

in realtà è anche colpa tua... -_-

invece di restituire la cifra proponi di correggere gratuitamente l'errore.

In caso abbia già provveduto lui dovrai trovare un accordo equo per entrambi direi...

magari uno sconto sul prossimo lavoro.

:hello:

Ciao Silver, è vero che è anche colpa mia, ma tu anche dopo la stampa di prova non ti accorgi? Quindi secondo te,poi.... rifiutare il risarcimento?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

secondo me è giusto, se la cifra che spende lui è superiore alla meta del tuo compenso ne esci a testa alta.

non è chiaro chi sia il responsabile del controllo degli errori, questo dovrebbe invece essere chiarito non è detto che il committente sia il supervisore.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si algo, hai ragione...ma io avevo anche parlato chiaro: "Fai una stampa di prova,dimmi eventuali errori e li correggiamo"

Ora,l'errore non è stato notato ne da me ne da lui, ma dopo 20 giorni dalla retribuzione me lo vieni a dire?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quando devi stampare test, volantini e tabelle controllare eventuali errori dovrebbe essere normale. :wallbash:

Si chiama professionalità.

Poi di mio aggiungo sempre (per email o altro) che la revisione è a loro carico (in caso di lingue straniere perché con il russo o il cinese non vado molto d'accordo :) )

Che poi lui abbia pensato di rifarsi su di te nei tempi e nei modi che hai indicato purtroppo può capitare.

Ripeto trova un accordo se vuoi mantenere il cliente e una certa reputazione e facci sapere come finisce.

:hello:


Modificato da silver7

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusa ma la colpa ritengo sia la tua e ti spiego subito perchè.

Prima di tutto dovevi (come si usa fare sempre in campo grafico) compilare e fare firmare una lettera di manleva per quanto rigurada la consegna e le correzioni delle bozze lavoro, cosi facendo tu ti proteggievi per quanto riguardava eventuali errori nelle bozze.

Vedi si usa sempre in campo editoriale e tipografico fare stampe di prova (a tuo carico) proprio per verificare eventuali dimenticanze o discrepanze di colore.

La cosa che puoi fare ora è eseguire le correzioni a tue spese oppure come già ti è stato accennato trovare un compromesso con il cliente su futuri lavori.

Salutandoti ti ricordo che la professionalità nello svolgimento dei lavori si vede anche dalla documentazione preparatoria al lavoro stesso, la cura che metti nel creare o ideare un lavoro deve essere tutelata e protetta prima di tutto...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un cliente si è affidato alla tua professionalità e tu hai fatto un errore, ergo l'errore è tuo. Se avesse le competenze per fare il supervisore farebbe il tuo di lavoro e non il suo.

Se compri un paio di jeans difettosi e te ne rendi conto a casa non li porti indietro?

Oltretutto un cliente scontento è la pubblicità peggiore che uno possa avere.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi Bisognerebbe guardare la cosa da un altro punto di vista. Si tratta di stabilire una responsabilità ed io non ne avevo, in quanto non sono il finalizzatore. Il progetto se lo approvi non torni indietro. A maggior ragione se ogni giorno ti vengono consegnati gli UPDATE e richiesta di conferma per poter procedere. Io sono uno che è stato pagato per fare un lavoro sotto il comando di un'altro che si occupava di tutto, questo è.

Tra l'altro,gli avevo raccomandato di effettuare delle stampa di prova proprio per vedere errori, dicendogli che eventuali errori sarebbero stati corretti dopo la stampa di prova. Nemmeno dopo la stampa di prova te ne accorgi.

Tra l'altro, avendo ricevuto il mio file in .PDS e avendo APPORTATO MODIFICHE al lavoro (non si è comunque accorto) Il file l'ha CHIUSO LUI.

Oltretutto uno ti paga, e dopo 20 giorni ti chiede i soldi indietro, soldi che io ho già investito. C'è da riflettere signori.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io ti chiedo solo una cosa

quei numeri che sono venuti stampati al contrario li hai messi tu e lui ti ha detto semplicemente li metti 20 e li 30 oppure ti ha passato un file dove già era presente l'errore?

perche nel primo caso hai torto tu,anche se lui non si è accorto dell'errore in tempo.E' palese che il tuo errore penalizzi il funzionamento del prodotto.

Detto ciò da professionista non mi laverei così le mani,dovrebbe essere tuo scrupolo controllare ogni dettaglio,e se l'errore è numeri al contrario non puoi dire che non potevi accorgertene perchè non sei tu il designer del prodotto...credo

comunque in bocca al lupo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi io ho lavorato per varie ditte e società, e ci sono SEMPRE stati i supervisori, i quali, se un lavoro PUBBLICATO usciva male, la responsabilità era sua. NON mi è MAI capitata una cosa simile.

Non è che io vado a lavorare alla Capcom, mi esce fuori un difetto,poi devo ripagare i danni alla Capcom quando la decisione di pubblicarlo non l'ho presa io. Ma che scherziamo?

Personalmente, mi sarei limitato a chiudere il rapporto lavorativo se avessi ritenuto grave, l'errore. Ma chiedere i soldi indietro è eticamente sbagliato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io -sinceramente- non capisco il senso di questa discussione, tutti, e ripeto, tutti, ti hanno detto che il tuo comportamento è sbagliato, non professionale sia per l'errore iniziale che per come decidi di comportarti ora; nonostante tutto ciò tu continui a sostenere che hai piena ragione, tra un pò ti dovrà dare pure un bonus il tizio perchè non ha visto il tuo errore...

Ora, apparte il fatto come ha detto qualcuno che se fossi professionale tutto ciò sarebbe stato descritto al momento del contratto io ti dico questo, io ho un ufficio e ho ragazzi sotto, quindi sono forzatamente supervisore ed è quindi ovvio che se un lavoro esce con un errore è anche, e soprattutto, colpa mia, ma non siamo infallibili, quindi vado da chi ha fatto quel lavoro e chiedo spiegazioni, e se uno mi risponde come stai facendo tu, ovvero scaricando le colpe solo su di me io prima me lo mangio, poi lo caccio dall'ufficio e sicuramente la pubblicità che avrà negli altri studi della zona non sarà delle migliori...

E' vero, lui dall'ufficio non ti può cacciare, ma credi davvero che tenere quei soldi ti faccia buona pubblicità?

Io ti consiglierei di usare un pò di umiltà e professionalità e mettere almeno a posto gratuitamente l'errore, la colpa può essere 50e50 ma il lavoro è tuo e credo tu abbia convenienza a non bruciarti clienti così a gratis...

:hello::hello:

Bebbu

edit:

Credo che dalla capcom se fai un discorso del genere e te ne freghi del lavoro che fai "tanto c'è il supervisore" ti ci cacciano a pedate...


Modificato da Bebbu

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei mettere in evidenza la contraddizione delle tue parole, Bebbu.

"non siamo infallibili" Appunto. Non puoi chiedere i soldi indietro. La professionalità dell'artista non sta nel restituire i soldi indietro, ma nel constatare l'errore, fare ammenda ravvedendosi e correggendo l'errore gratuitamente ma NON restituendo i soldi. Difatti ho dato TUTTA la mia disponibilità riguardo la correzione gratuita dell'errore.

Io veramente sono sconvolto da certe dichiarazioni, il progetto è stato APPROVATO, non l'ho approvato io.

Una persona che ti chiede indietro una somma davvero misera (mo ve lo dico, 70 euro) è un pidocchioso e basta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

imho sono 2 problemi diversi

chiaro che, come scritto sopra, a cifre basse non si possono richiedere talune responsabilita, cmq il responso del sito mi è parso abbastanza chiaro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ci fosse qualcosa di professionale ti si potrebbe consigliare. Da quel che dici tutto però sembra esser stato fatto un pò a caso o male (il tuo lavoro, la sua supervisione, i vostri accordi, il compenso).

Quando ci si trova in queste situazioni, per evitare che si ripetano in futuro, si prova a gestirle cercando di arginare i danni. Per cui cerca di far meno danno possibile.

Se dovessimo darti (parlo dei professionisti) un consiglio sarebbe inadeguato visto che nulla è stato professionale in questo caso.

Chiudi in fretta la questione e facci sapere com'è andata. Son certo che per il futuro sarai più accorto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi, una cosa non mi piace molto di questo forum è la tendenza a svalutare gli altri senza sapere con chi si ha a che fare,"dicendo: si vede che non sei professionale" o cose simili. Guardate è una cosa proprio odiosa che voi avete quaggiù.

Il mio lavoro è stato fatto professionalmente, si è verificato un errore ed è umano.

Non ho fatto un contratto per personalissimi motivi, non perchè non conosco bene il mestiere, i procedimenti o sono un principiante.

Il compenso è così basso perchè sono venuto incontro al cliente, non perchè i miei compensi siano sempre così vergognosamente bassi. QUESTO è il motivo della mia indignazione. Un risarcimento MISERO richiesto per un lavoro fatto ad un prezzo BASSISSIMO.

Per quanto riguarda la perdita del cliente e il rischio della carriera,ma voi credete veramente che se racconti in giro che ti sei rifiutato di dare indietro i soldi a un pidocchio la gente ti prende per un poco di buono?

Queste persone non vanno educate in questo modo, meglio fare il cameriere che disegnare così. Ho accettato un compenso ESIGUO per venire incontro al cliente e non accetto che mi venga addirittura richiesto di restituirlo.

Ripeto: Una persona seria, chiude il rapporto di lavoro ma non ti chiede un esiguo risarcimento. Se si trattasse di cifre esorbitanti io capirei pure. Ma vi assicuro che ho lavorato per aziende molto più importanti, con compensi MOLTO più ALTI e non è mai successa una cosa del genere, MAI.

P.s. Il discorso di rimettersi in gioco è un discorso che possono fare le persone incapaci che hanno bisogno di lavorare con chiunque pur di ottenere quattro soldi.


Modificato da gelo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa alle risposte.

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×