Jump to content
bn-top

Crisi economica e professione.


yogurt
 Share

Recommended Posts

Buongiorno a tutti.

non so bene come iniziare questa discussione, dato l'argomento un po' delicato.

Sono due giorni che ho aperto questa pagina con questa discussione e scrivo cancello aggiungo tolgo..non riesco a trovare un inizio.

Allora, io sono un grafico come tutti o, insomma, la maggior parte di voi. Amo il mio lavoro. Lo faccio per più del tempo che mi viene retribuito ma alla fine son contento di quello che faccio.

Lavoro in una ditta piccola molto specializzata (un po' vecchia forse) e da qualche mese soffre anche lei il fatto che di commercio ce ne poco, che i clienti non pagano le fatture o che , peggio, commissionano lavori enormi e poi falliscono.

Immagino che la situazione sia un po' ovunque così. Oddio queste cose succedevano anche prima della crisi ma ora vedo un rallentamento notevole del lato lavorativo e la frequenza di queste cose ha assunto proporzioni che iniziano a spaventarmi.

è la crisi. ok. e adesso? ma più che adesso, poi? domani? il mese prossimo?

come la vedete voi? come si svilupperanno le cose? cosa fare per pararci le natice?

cioè il nostro settore credo che sia tra i primi che ne risente. Se un cliente non vende la prima cosa che taglia è la pubblicità e la stampa e il 3d.

Emigrare? lo farei ma dove? la situazione negli altri paesi è diversa?

.........

insomma ditemi... voi come la vedete?

Link to comment
Share on other sites

bn-top

La situazione in italia non è delle più rosee, certo che il settore grafica 3d è rallentato negli ultimi anni, ma non per questo non c'è lavoro.

Quello che dici tu, la situazione che vive la "tua ditta", accomuna molte ditte che, per rientrare nelle spese (stipendi dei dipendenti compresi, oltre all'affitto, alle bollette, all'aggiornamento hardware e software ecc...) non può permettersi di scendere al di sotto di certi prezzi per le commesse!

In una situazione un po' diversa sono i professionisti, che magari lavorano a casa, non hanno dipendenti e non pagano un secondo affitto o mutuo, ma che comunque sono in regola con le tasse e i contributi!

In fondo la ragione può stare anche su questa diversità tra "ditta" e "libero professionista"

E adesso arriviamo al secondo lato della medaglia.

La grafica 3d non è un settore così specialistico, nel senso che oggi, con gli strumenti che sono a disposizione, chiunque può, in un breve periodo di tempo, riuscire a fare qualcosa di buono...

Ed è per questo che si trovano molti ragazzi che si improvvisano grafici da un giorno all'altro, spostando la qualità dei lavori ad un livello più basso ed in alcuni casi molto basso, perchè mancano di esperienza, non investono in corsi e attrezzature.

Sinceramente mi dispiace dire queste cose, ma è la verità...

Io mi occupo al 99% di render architettonici di esterni e alle volte mi chiedo come si possano vedere dei lavori così mal fatti in pubblicità cartacee o cartelloni di cantiere!

Bene, la risposta l'ho avuta da più di una persona che ho contattato per lavoro, le testuali parole, a fronte di un preventivo, sono state spesso queste: "Il ragazzo che mi fa i render di vuole di meno"

E questo è tutto. Come avete notato non ho rivolto critiche, ma ho solo esposto i fatti, quelli che sono sotto gli occhi di tutti...

Ed ora la soluzione, istituire un tariffario! Sono sempre stato d'accordo e penso che si debba veramente iniziare a tutelare la categoria!

Ciao a tutti

Luca

Link to comment
Share on other sites

è la crisi. ok. e adesso? ma più che adesso, poi? domani? il mese prossimo?

come la vedete voi? come si svilupperanno le cose? cosa fare per pararci le natice?

cioè il nostro settore credo che sia tra i primi che ne risente. Se un cliente non vende la prima cosa che taglia è la pubblicità e la stampa e il 3d.

Emigrare? lo farei ma dove? la situazione negli altri paesi è diversa?

La crisi è globale, il che significa mondiale o quasi. Vuoi andare in India o in Cina a lavorare per 2 o 3$ al giorno? Secondo me bisogna avere un po' di pazienza e tenere duro.

Link to comment
Share on other sites

Buongiorno a tutti.

non so bene come iniziare questa discussione, dato l'argomento un po' delicato.

Sono due giorni che ho aperto questa pagina con questa discussione e scrivo cancello aggiungo tolgo..non riesco a trovare un inizio.

Allora, io sono un grafico come tutti o, insomma, la maggior parte di voi. Amo il mio lavoro. Lo faccio per più del tempo che mi viene retribuito ma alla fine son contento di quello che faccio.

Lavoro in una ditta piccola molto specializzata (un po' vecchia forse) e da qualche mese soffre anche lei il fatto che di commercio ce ne poco, che i clienti non pagano le fatture o che , peggio, commissionano lavori enormi e poi falliscono.

Immagino che la situazione sia un po' ovunque così. Oddio queste cose succedevano anche prima della crisi ma ora vedo un rallentamento notevole del lato lavorativo e la frequenza di queste cose ha assunto proporzioni che iniziano a spaventarmi.

è la crisi. ok. e adesso? ma più che adesso, poi? domani? il mese prossimo?

come la vedete voi? come si svilupperanno le cose? cosa fare per pararci le natice?

cioè il nostro settore credo che sia tra i primi che ne risente. Se un cliente non vende la prima cosa che taglia è la pubblicità e la stampa e il 3d.

Emigrare? lo farei ma dove? la situazione negli altri paesi è diversa?

.........

insomma ditemi... voi come la vedete?

Penso che il problema più grande da noi è quello che hai evidenziato: non pagano o falliscono e il sistema è troppo lento per accertare il dovuto o a volte è troppo costoso.

a parte i discorsi della crisi che sono reali, sono gli strumenti per far valere i propi diritti nei pagamenti che non funzionano da noi.

Ci sono paesi europei più seri, certo ci sono anche paesi in via di sviluppo magari meno

evoluti come diritti del lavoro, ma non è che bisogna copiare sempre il peggio.

qui basterebbe avere un sistema più serio senza dover rincorrere tra avvocati e tribunali

e spendere tempo e denaro e forse qualcuno investirebbe un po di piu.

Edited by Mak21
Link to comment
Share on other sites

La settimana scorsa ho rifiutato un lavoro di una persona che fa cosi, dopo il lavoro non si fa trovare o rinvia i pagamenti fino a che non lo porti davanti ad un avvocato o un tribunale.

La cosa bella è che dopo ti ricontatta pure, per sapere se vuoi fare un altro lavoro con lui, per lui è normale è la prassi, ci prova e magari qualcuno lascia perdere o qualcuno lo porta in tribunale e allora paga.

stiamo parlando di pagamenti dopo 1 anno dal lavoro concluso.

Per me questo non è un modo per portare un paese verso lo sviluppo.

Edited by Mak21
Link to comment
Share on other sites

mi piacerebbe sentire cosa ne pensa krone (dovrebbe essere in austria giusto?)..

asp. forse stiamo già andando fuori dal discorso.

come si diceva in chat ora come ora sento dire da una parte "bisogna fare questi sacrifici per evitare la crisi" dall'altra "il sistema è meglio che collassi perché così non può andare avanti". e il punto è questo. entrambe le affermazioni tendono a mantenere le cose come stanno, uno per migliorarlo uno per peggiorarlo. non c'è una proposta alternativa. tiriamo vanti 10-20-30 anni e poi di nuovo? o collassiamo e poi? quando un panino costa 150€ come si fa?

il sistema italia sta fallito (che è a metà tra sta fallendo e è fallito). da quel che mi risulta le banche svizzere lasciano a casa i propri dipendenti (la svizzera cacchio!) inghilterra esce dall'UE, grecia è morta spagna e portogallo pure, islanda a mandato tutti al diavolo. l'europa va a scatafascio.

Però vorrei capire se questa sia una questione ...diciamo mediatica. voglio dire mi piacerebbe sapere cosa si dice di questa crisi nel mondo (nel nostro settore) perchè io non riesco a farmi un'idea chiara di come stanno andando le cose. non so voi.

Link to comment
Share on other sites

mi piacerebbe sentire cosa ne pensa krone (dovrebbe essere in austria giusto?)..

asp. forse stiamo già andando fuori dal discorso.

come si diceva in chat ora come ora sento dire da una parte "bisogna fare questi sacrifici per evitare la crisi" dall'altra "il sistema è meglio che collassi perché così non può andare avanti". e il punto è questo. entrambe le affermazioni tendono a mantenere le cose come stanno, uno per migliorarlo uno per peggiorarlo. non c'è una proposta alternativa. tiriamo vanti 10-20-30 anni e poi di nuovo? o collassiamo e poi? quando un panino costa 150€ come si fa?

il sistema italia sta fallito (che è a metà tra sta fallendo e è fallito). da quel che mi risulta le banche svizzere lasciano a casa i propri dipendenti (la svizzera cacchio!) inghilterra esce dall'UE, grecia è morta spagna e portogallo pure, islanda a mandato tutti al diavolo. l'europa va a scatafascio.

Però vorrei capire se questa sia una questione ...diciamo mediatica. voglio dire mi piacerebbe sapere cosa si dice di questa crisi nel mondo (nel nostro settore) perchè io non riesco a farmi un'idea chiara di come stanno andando le cose. non so voi.

Penso che la risposta sia su temi di sviluppo e quindi temi anche politici economici dei vari paesi e sul forum mi sembra che non sia consentito parlare più di tanto.

La parte mediatica certo fa il suo peso e a mio parere dovrebbero smorzare di molto i toni, informare si, ma fare il carosello di come va la borsa ad ogni ora mi sembra eccessivo

non credo che un italiano medio abbia investito migliaia di euro e vuole sapere se si sono volatilizzati o meno.

Edited by Mak21
Link to comment
Share on other sites

Penso che il problema più grande da noi è quello che hai evidenziato: non pagano o falliscono e il sistema è troppo lento per accertare il dovuto o a volte è troppo costoso.

a parte i discorsi della crisi che sono reali, sono gli strumenti per far valere i propi diritti nei pagamenti che non funzionano da noi.

Ci sono paesi europei più seri, certo ci sono anche paesi in via di sviluppo magari meno

evoluti come diritti del lavoro, ma non è che bisogna copiare sempre il peggio.

qui basterebbe avere un sistema più serio senza dover rincorrere tra avvocati e tribunali

e spendere tempo e denaro e forse qualcuno investirebbe un po di piu.

Direi che questo è tutto vero. A me non manca il lavoro è che devo lavorare anche per riscuotere però. In pratica faccio due lavori. L'Architetto ed il riscossore. Ma per il secondo non ho garanzie.

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo dico che per risollevare il nostro paese ci vuole una rivoluzione civile o comunque sia un cambiamento davvero forte.

Nel nostro campo manca totalmente di tutela, non esiste ne un albo ne un tariffario, un mio amico mi diceva che ormai ci sarebbe spazio per creare un sindacato per i lavoratori autonomi cioè quei ragazzi costretti in mancanza di assunzioni ad aprirsi una partita IVA e regolarmente schiacciati dal sistema, che è stato descritto precedentemente da Mak21.

La cosa che più grava sulle nostre teste è il fatto che non vi è una classificazione tra di noi è che il nostro mondo sia vicino alla magia per molte persone che ha il comune pensiero "se lo fa quel ragazzo non sarà così complicato".

Siamo una categoria di sconosciuti che non si capisce bene che cosa effettuiamo però tutti vorrebbero i nostri servizi ma costano troppo.

Ci vorrebbe un sindacato/albo dove pagando una quota uno viene tutelato e si ritrova a far parte di una comunità con un tariffario minimo; la cosa ideale sarebbe creare un esame o più esami di difficoltà crescienti per poterci entrare e con una qualifica per identificare la categoria di appartenenza.

Bella cosa la fantasia :w00t:

Link to comment
Share on other sites

Ed ora la soluzione, istituire un tariffario! Sono sempre stato d'accordo e penso che si debba veramente iniziare a tutelare la categoria!

Non è una soluzione: da geometra iscritto posso dirti tranquillamente che avere dietro le spalle un ordine o un collegio non ti tutela dall'intascare la parcella. Ti può tutelare nei confronti di altre cose ma sicuramente non per quanto iguarda la riscossione crediti.

Le tariffe minime sono state abolite per "liberalizzare" il mercato, quindi anche nel nostro campo il cliente va dove paga meno (salvo poi tornare a farsi sistemare i casini creati da "colleghi").

Da questo punto di vista in Italia bisogna decidere se avere un'economia liberale o meno, perchè queste mezze vie non aiutano nessuno. I primi però a doverlo capire sono i clienti: capire che la qualità - che sia un render o il disegno della tettoia - va pagata adeguatamente, che quegli ignoranti che fanno il lavoro per la metà valgono metà di quello che chiedono.

Comunque sto andando OT

Per rispondere al quesito iniziale:

personalmente non la vedo bene, per l'amor del cielo, personalmente non posso lamentarmi sulla mole di lavoro, ma incassare - come dice Sardo - stà diventando sempre più un'impresa. Se consideriamo che i privati ora procrastinano eventuali lavoretti, le ditte investono poco e solo se ne hanno la possiblità, altrimenti cercano solo di rientrare al più presto, quando finiranno le casse integrazioni - straordinarie e non - gli unici consumi che continueranno saranno quelli dei beni di prima necessità e il superfluo subirà un grosso rallentamento.

L'unica cosa che possa ribaltare questa situazione sarebbero delle decisioni politiche prese molto in alto, su base molto larga e con una buona dose di coscienza, altrimenti il panino non ti costrà più 150€, ma tre galline :hello:

Link to comment
Share on other sites

Lavoro in una ditta piccola molto specializzata

Per curiosità, di che cosa si tratta?

PS: Se volete emigrare, sappiate non sono tutte rose e fiori. Si è pur sempre immigrati in terra straniera. Dopo una certà età, non si può più adattare la forma mentis a quella di un altro paese.

Personalmente preferirei lavorare nel mio paese, emigrare è l'ultima spiaggia.

redsith: Per favore puoi portarmi degli esempi concreti? In che settore: commercial/film/videogame/...?

Edited by jobim
Link to comment
Share on other sites

Per curiosità, di che cosa si tratta?

PS: Se volete emigrare, sappiate non sono tutte rose e fiori. Si è pur sempre immigrati in terra straniera. Dopo una certà età, non si può più adattare la forma mentis a quella di un altro paese.

Personalmente preferirei lavorare nel mio paese, emigrare è l'ultima spiaggia.

redsith: Per favore puoi portarmi degli esempi concreti? In che settore: commercial/film/videogame/...?

Film, nell'ultimo anno un sacco di produzioni americane si sono spostate da queste parti, non solo per VFX, molti degli ultimi blockbuster come Capitan America, I pirati dei caraibi, Hugo Cabret sono stati girati qui a Londra.

Per quanto riguarda i VFX ci sono tanti progetti che stanno partendo e c'è tanto movimento.

Per il trasferirsi all'estero, io non mi sono MAI pentito e non ho mai sentito la mancanza dell'italia, e quelli che la sentono se la fanno passare pensando alla situazione lavorativa che si sono lasciati alle spalle.

Edited by redsith
Link to comment
Share on other sites

In che campo ti sei specializzato?

Io non la faccio tragica, perchè, nonostante mi spettino 4 mensilità arretrate e la prospettiva del licenziamento per mancanza di lavoro, ho uno stile di vita a dir poco monacale (o da hikikomori , se preferite) e i soldi bastano e avanzano.

Edited by jobim
Link to comment
Share on other sites

In che campo ti sei specializzato?

Io non la faccio tragica, perchè, nonostante mi spettino 4 mensilità arretrate e la prospettiva del licenziamento per mancanza di lavoro, ho uno stile di vita a dir poco monacale (o da hikikomori , se preferite) e i soldi bastano e avanzano.

Ho un background da animatore e mi sono specializzato in previsualizzazione e camera layout, in pratica cinematografia applicata alla cg.

Link to comment
Share on other sites

Per curiosità, di che cosa si tratta?

la mia ditta era ai tempi specializzata in un certo tipo di fotografia e stampa fotografica nella quale vi era un workflow rigidissimo con parametri ai quali non potevi sgarrare.

I clienti che ci chiedono questa qualità non son più così tanti e molti decidono di risparmiare accontentandosi di una semplice correzione cromatica. Quelli che invece non possono farne a meno si rivolgono ancora a noi. Così per venire incontro al mercato hanno deciso di provare con il render. quindi ora facciamo render per quel ristrettissimo gruppo di ditte alle quali serve una resa che risponda a caratteristiche e dati precisi. un lavoraccio

Link to comment
Share on other sites

Per quanto riguarda lo studio in cui lavoro, la crisi c'è e si sente, ma più che per mancanza di lavoro generale, per una scelta radicale dei clienti, ovvero: noi lavoriamo principalmente nel territorio veneto, dove di agenzie di grafica e 3D ce ne sono una infinità ma quest'anno abbiamo perso dei clienti non perchè hanno preferito un nostro competitor ma perchè hanno deciso di farsi il 3D in azienda. Queste ovviamente sono medio/grosse realtà che possono investire, al contrario alcuni "piccoli" clienti hanno trovato la soluzione in "nipoti di", "il figlio del titolare", "il cugino dei un dipendente".

Possiamo avere le nostre obiezioni in merito ma il fatto è che tutti stanno tirando i remi in barca e cercando di tagliare e controllare maggiormente le spese.

Link to comment
Share on other sites

Ho un background da animatore e mi sono specializzato in previsualizzazione e camera layout, in pratica cinematografia applicata alla cg.

Quali sono i ruoli che "tirano di più" attualmente?

Io studio nel settore lighting, mi permette di affiancare la programmazione (shader, tools) con "l'arte"...

Secondo me uno può essere, che so, lighter e modeler, rigger e modeler, vedo un sacco di generalist bravissimi...ma per fare sul serio l'animatore devi fare solo quello :)

Link to comment
Share on other sites

Dai che da domani 17 settembre entra in vigore l'Iva al 21% ( almeno cosi mi ha mandato una email il mio commercialista ) questa si che è una bella notizia per incrementare le vendite. :Clap03::Clap03: si va tutti a Londra????

Edited by Mak21
Link to comment
Share on other sites

No, sinceramte più ci penso e più credo non credo possa andare peggio.

Il problema poi non sono nemmeno le tasse, il problema è che il sistema burocratico/istituzionale/legale è diventato talmente inefficente pesante ed opprimente da scoraggiare ogni possibile investimento.

So che sono totalmente OT ma non ce la facevo a non scriverlo.

Però ragazzi cerchiamo di non metterci a discutere questo argomento, cerchiamo di attenerci a quel che riguarda la CG e la crisi del mercato della CG.

Buona continuazione.

Link to comment
Share on other sites

Quali sono i ruoli che "tirano di più" attualmente?

Io studio nel settore lighting, mi permette di affiancare la programmazione (shader, tools) con "l'arte"...

Secondo me uno può essere, che so, lighter e modeler, rigger e modeler, vedo un sacco di generalist bravissimi...ma per fare sul serio l'animatore devi fare solo quello :)

Ruoli che tirano non saprei, posso dire che gli animatori devono affrontare una competizione molto dura perche' il livello medio si e' alzato parecchio, anche per via di Animation Mentor e gli altri corsi.

Chi ha conoscenze da generalist oltre che una specializzazione e' avvantaggiato, perche' puo' rimanere nello stesso studio a fare altro quando la sua parte "principale" e' finita.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...