Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
fracap

programmi di grafica vettoriale stile illustrator con snap decenti

Recommended Posts

illustrator mi piace in generale, ma ha molte difficoltà lui e non io a gestire gli snap.

non capisco perchè nella cs5 non siano stati sviluppati meglio, come un cad. già sono microscopici e vi assicuro che chi ha problemi di vista gli si incrociano di più gli occhi. Se attivati poi sono invasivi, cioè sarebbe bello settare tipo lo snap fine,tangente ecc, come dicevo tipo un cad.

voi mi direte utilizza un cad, ovvio uso rhino, ma siccome sono un tipo che disegna, a volte una pianta bella e fatta la stravolgo come se stessi lavorando su di un lucido: prendo lo strumento pennello e inizio a progettare in modo libero senza la freddezza di un cad (già a pronunciare questa parola mi si rompono i denti e non solo).

disegno e disegno fino a trovare l'idea giusta mantenendo le dovute proporzioni: uso perciò illustrator in quanto la gestione dei tracciati è formidabile, ma come dicevo gli snap fanno pietà.

ho visto che se disattivo le guide sensibili e lavoro liberamente illustrator risponde chiaramente meglio essendo un programma di grafica, ma a volte la precisione è fondamentale, tipo rotazioni, specchaiture, prolungamento esatto di linee ecc. tutte queste operazioni a volte funzionano altre volte no

esiste in rhino un'opzione per dare spessore visivo ai tracciati vettoriali? io non voglio assolutamente rompermi coi pennini o con la creazione di layout orribili...stavo pensando a qualche altro programma di grafica vettoriale, tipo corel...ho visto corel cad...

il mio sogno sarebbe quello di trovare un cad abbinato alla vera pratica del disegno che certo non nasce in automatico: credo che il mio problema sia un problema comune, ma come diceva algo, quanti architetti ancora disegnano? lo so: provare per un attimo a mettersi le seste negli occhi può far male.

purtroppo dobbiamo subire il diktat softwaristico: credo ancora nella rivoluzione delle idee: passaparola!

ciao, ditemi che ne pensate

Share this post


Link to post
Share on other sites

voi mi direte utilizza un cad, ovvio uso rhino, ma siccome sono un tipo che disegna, a volte una pianta bella e fatta la stravolgo come se stessi lavorando su di un lucido.

hai un po di confusione in testa, CAD é una definizione molto generica che comprende un po tutti i programmi; Rhino é sicuramente un ottimo programma, ma per quello che vuoi fare tu ha dei limiti obiettivi. Basta che usi Autocad, Vectorworks, Archicad, etc. etc. e hai risolto il problema, tra l´altro, ormai hanno delle funzione di layouting abbastanza avanzate, dalle sfumature vettoriali ai ritagli delle immagini, che rendono Illustrator nel 98% dei casi inutile. Per il resto, stravolgere le piante, cambiare, spostare, etc. etc. é quello che fanno un po tutti, niente di incredibile, e con un CAD classico lo fai in maniera 10 volte piú veloce che con Illustrator, perché gestione dei layer, operazioni sui singoli elementi, etc. sono obiettivamente piú semplici e veloci.

Tra quelli sopra elencati Vectorworks é il piú simile ad Illustrator per alcuni comandi, pur essendo un programma con cui si fa dai layout agli esecutivi.

prendo lo strumento pennello e inizio a progettare in modo libero senza la freddezza di un cad (già a pronunciare questa parola mi si rompono i denti e non solo).

beh, allora fai prima con carta, Pantone, penna, matita, etc. e si chiama "schizzare"..... per progettare hai bisogno di misure, aree, etc. o forse non ho ben chiaro cosa hai mente, puoi postare qualcosa che hai fatto o qualche esempio simile?


Edited by krone

Share this post


Link to post
Share on other sites

dunque utilizzare un sistema bim sarà sicuramente meglio, non ho mai provato, non so se questi offrono le medesime evoluzioni geometriche di rhino, nonchè il suo controllo notevole delle superfici.

mi era sfuggito il comando curve a mano libera: questo è buono per abbozzare l'andamento delle linee da ripassare. certo il mio è ancora uno schizzare: progettare significa misurare. "lineamenta e structura".

mi incuriosisce vectorwors ...in generale quello che mi chiedo è se sia possibile impostare lo spessore già in fase progettuale, o mettiamola così in fase concettuale, quindi misurare e tramutare gli spessori in "linee cad". spero tu abbia capito.

sto parlando di 2d, nel 3d questi ragionamenti non valgono


Edited by fracap

Share this post


Link to post
Share on other sites

dunque utilizzare un sistema bim sarà sicuramente meglio, non ho mai provato, non so se questi offrono le medesime evoluzioni geometriche di rhino, nonchè il suo controllo notevole delle superfici.

mi era sfuggito il comando curve a mano libera: questo è buono per abbozzare l'andamento delle linee da ripassare. certo il mio è ancora uno schizzare: progettare significa misurare. "lineamenta e structura".

mi incuriosisce vectorwors ...in generale quello che mi chiedo è se sia possibile impostare lo spessore già in fase progettuale, o mettiamola così in fase concettuale, quindi misurare e tramutare gli spessori in "linee cad". spero tu abbia capito.

voi leggete i forum, vi riempite la bocca di definizioni e paroloni che neanche sapete bene cosa significano e poi parlate dei programmi senza mai averli provati e neanche aperti.

Finora hai fatto solo una gran confuzione, hai parlato di pennello di Illustrator, dei CAD che sono troppo rigidi ma Illustrator non é´preciso, di modellazione di superfici, di Autocad, Archicad e Vectorworks come BIM......ma che c´entrano tutte queste cose insieme?

Tra l´altro qualsiasi programma che tu vuoi definire BIM o come preferisci, ha sempre funzionalitá 2D e di layouting al suo interno, lo puoi utilizzare per le sue funzionalitá BIM o come uno scrausissimo CAD tutto linee e retini.......

Cosa vuol dire tramutare gli spessori in linee CAD? vuoi disegnare un muro come una singola linea invece di fare due doppie linee, incrociarle, etc. etc. Lo strumento "muro" di Vectorworks, Archicad, e (immagino) Revitt lo fa da 20 anni, segli l´allineamento (destro, sinistro o centrale) tracci una linea o una polilinea e come per magia hai un muro di spessore a piacere, di retino a piacere, di penna a piacere che si incrocia in automatico con gli altri muri e che puoi editare in qualsiasi momento. Se poi al posto dell´oggetto muro vuoi quattro linee ed un retino di riempimento, lo selezioni e lo esplodi..........

Le curve a mano (o mouse) libera ormai ce l´hanno pure i vari kakkacad gratuiti.....

Comunque posta un progetto, qualcosa per capire di cosa stai parlando altrimenti sembra quella cosa sai, dietro quella strada, vicino a quel palazzo, in quella cittá.................

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://www.treddi.com/forum/topic/88308-fracap-sketch-concept-di-un-divano-poltrona/page__view__findpost__p__847336 qui ci sono degli schizzi (assolutamente non veri progetti).

Mi rendo conto che dovrei imparare uno dei programmi che mi hai detto Krone...

In generale credo di essere stato chiaro con la mia domanda, utilizzare un programma di grafica vettoriale con degli snap decenti.

Parlando di fase progettuale-esecutiva, è chiaro che, ogni qualvolta subentra una modifica, rifare tutto da capo capisco che possa rappresentare una notevole perdita di tempo, ma a me interessa la fase concettuale il poter agire io direttamente sul pezzo (è chiaro che tutti i cad offrono questa possibilità). Con il controllo delle spline e delle superfici di rhino mi sono trovato a meraviglia da subito.

Ti chiedo scusa della mia vaghezza, sono partito non da zero ma da sotto zero. Ho dovuto fare e sto facendo i salti mortali per capire i vari passaggi fondamentali oggigiorno per restituire un'idea progettuale in 3d, non ho accumulato ancora la dovuta esperienza.

insomma la morale della storia è che bisogna adattarsi: scaricherò la demo di uno dei programmi da te citati (no autodesk grazie) cosi magari, dopo essermi riempito la bocca, potrò passare ad una sacrosanta digestione!

Krone, scherzo :rolleyes: grazie dell'aiuto, apprezzo sempre i tuoi consigli. ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa, credevo che tu fossi almeno uno studente di architettura, per questo non capivo bene il senso di alcune tue richieste.

Il problema é che progettare, diciamo per noi architetti, ingegneri, geometri, studenti di architettura, etc., é legato ad alcuni problemi fisici come possono essere le dimensioni (complessive e parziali di alcuni elementi), pratici come puó essere la distribuzione interna, l´orientamento dell´edificio, etc., nonché estetici perché alla fine anche la pianta puó avere una sua bellezza intrinseca.

Per questo motivo si parte da un asse, una superficie e si dettaglia via via la pianta o sezione che sia, senza stare qui a fare un tediosissimo mini-corso di architettura (cosa di cui non sono neanche in grado) si puó schizzare uno spazio o l´impressione che tale spazio deve generare, ma una pianta non si puó "schizzare" a linee con il pennello di Illustrator, o meglio, é un esercizio che puó fare chi ha esperienza e chi ha ben chiaro le misure e le dimensioni da rispettare, e in genere lo fa a matita su un pezzo di carta in qualche minuto, poi si passa sempre per degli assi, delle dimensioni, etc. etc., tutte cose per cui serve un CAD, un imput numerico e cosí via.

Per questo motivo tutti gli architetti, ingegneri e geometri della terra lavorano con un CAD (stile Autocad, VWX o Archicad, Revit, etc.) e non con Illustrator, perché pur avendo tantissima fantasia e creativitá hanno dei vincoli e delle limitazioni da rispettare e questi programmi, che tu consideri freddi e poco creativi, permettono il massimo della creativitá e libertá progettuale proprio per superare questi vincoli, perché con uno shortcut isolo un elemento da tutti gli altri del layer, con uno shortcut so l´area, la lunghezza, la distanza, etc.etc. etc.tutte cose che Illustrator non é in grado di fare essendo nato (come dice il nome stesso) per altri scopi.

Poi, permettimi, parli di creativitá, fantasia e tutto il resto e vedo una casa di campagna di due secoli fa, con le falde dei tetti che poverine non si sa bene come si incrociano tra loro, citi il Vittoriale e la casa di Canova che insomma, ognuno c´ha i suoi gusti e la casa se la arreda come vuole ma non li prenderei neanche alla lontissima come esempi architettonici (se non di pessimo gusto architettonico), vabbé che ormai per tutto c´é un tutorial o un super-master di una settimana, ma l´architettura necessita qualcosa di piú, se non i cinque anni del corso universitario almeno un giro sui vari blogs, un paio di libri, riviste, anche la creativitá va in qualche modo alimentata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa, credevo che tu fossi almeno uno studente di architettura, per questo non capivo bene il senso di alcune tue richieste.

Una pianta non si puó "schizzare" a linee con il pennello di Illustrator, o meglio, é un esercizio che puó fare chi ha esperienza e chi ha ben chiaro le misure e le dimensioni da rispettare, e in genere lo fa a matita su un pezzo di carta in qualche minuto, poi si passa sempre per degli assi, delle dimensioni, etc. etc., tutte cose per cui serve un CAD, un imput numerico e cosí via.

Poi, permettimi, parli di creativitá, fantasia e tutto il resto e vedo una casa di campagna di due secoli fa, con le falde dei tetti che poverine non si sa bene come si incrociano tra loro, citi il Vittoriale e la casa di Canova che insomma, ognuno c´ha i suoi gusti e la casa se la arreda come vuole ma non li prenderei neanche alla lontissima come esempi architettonici (se non di pessimo gusto architettonico), vabbé che ormai per tutto c´é un tutorial o un super-master di una settimana, ma l´architettura necessita qualcosa di piú, se non i cinque anni del corso universitario almeno un giro sui vari blogs, un paio di libri, riviste, anche la creativitá va in qualche modo alimentata.

intermamorinvitomuseocahv.jpg

hai ragione krone, tutto quello che dici è sacrosanto e perfettamente chiaro (illustrator=illustrazioni: gli snap se usate il pennino di bezier servono algo), allora facciamo così ti invito a prendere la prima corriera che passa (non abbiamo ancora i razzi interstellari), vai a Possagno http://www.museocanova.it/index.php.

se magari la corriera è partita non ti preoccupare qui troverai le indicazioni stradali per arrivarci a piedi sono 980 km, 8 giorni e 10 ore. Quando vedrai un'orribile capanna sgangherata sarai arrivato.

se magari hai bisogno di darti una rinfrescata passa per il vittoriale degli italiani http://www.passepartout.rai.it/dl/portali/site/puntata/ContentItem-a43618d1-82f5-4d9f-b9f2-0a15a63a549d.html

ti aspetto, sempre che prima tu non mi voglia prestare il tuo razzo supersonico per Dubai, anch'io sarei lieto di trovare un emiro: non temere, so perfettamente che girando il mondo i panorami cambiano. Spero che Armani abbia intriso le pareti del suo profumo,Armani code che amo particolarmente.

un giorno possiamo incontrarci, al bar, come dicevi in altre discussioni, e parlare delle nostre esperienze e differenze di vedute. scherzo e accetto le critiche sia in un senso che nell'altro, ciao! :rolleyes:


Edited by fracap

Share this post


Link to post
Share on other sites

imho spesso confondi gli strumenti, con la tecnica e con il contenuto, non dirmi che l'unico problema sia quel particolare parte del comando di un soft, sarebbe un po come dire che leonardo non ha fatto un dipinto perche la setola del pennello era girata storta...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ripeto: ho capito! mi ero dimenticato dello strumento "curva a mano libera", sono lento e testone lo so, non avevo pensato ad utilizzarlo come funzione sketch direttamente in rhino (posizionando il tutto su un altro livello all'occorrenza bloccato e oscurato).

un po'di confusione l'ho fatta vi do ragione. la differenza dei programmi la conosco. so anche a quello che servono. Illustrator ho capito che se non ci si sbatte troppo sugli snap si fila lisci.

Maître Lionard, prima disegnava e poi dipingeva con setole (da lui) storte ;)

ciao :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

a titolo di curiosità: perchè non hanno messo le spline in illustrator?

la gestione dei tracciati in rhino al di là del suo uso progettuale è incredibile:

certi passaggi, graficamente parlando, a farli col pennino è una rottura pazzesca.

con le spline seguo in un millesimo di secondo il disegno che ho fatto e pensato

poi in illustrator lo zoom non è dinamico come un cad... sembra che fatichi a rigenerare il tutto.

con una bitmap di sfondo non ha problemi di pesantezza il file in rhino..poi, sempre in rhino riesco a selezionare correttamente l'oggetto e a porlo direttamente dove voglio...insomma rhino per tutto, salvo che per la restituzione grafica è il numero 1.

ripeto non ho idea perchè la casa adobe tanto celebrata non abbia guardato come funzionano gli snap in rhino....ma..

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho capito sono spline bezier, ma io intendevo le spline quelle di grado 3 che normalmente si usano in rhino. la precisione con queste è garantita senza passaggi di accomodamento vari o abilità particolari.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
Aspetta! x