Vai al contenuto
Vegasiddharta

SPESSORI LINEE e PRESENTAZIONE TAVOLE

Recommended Posts

SALVE, SONO UNA STUDENTESSA DI ARCHITETTURA DEL PRIMO ANNO. TRA UN MESE DEVO SOSTENERE L'ESAME DI COMPOSIONE. QUALCUNO PUò AIUTARMI A CAPIRE QUALI SONO GLI SPESSORI CHE SI DEVONO METTERE NELLE PIANTE, NELLE SEZIONI E NEI PROSPETTI?(uso autocad) se è tutto o,o nero o 0.0 grigio.. con quale criterio si decidono gli spessori? e per i prospetti, come si fa a rendere la profondità?

grazie mille a chi mi risponderà ^__^

serena

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

alla fine del primo anno sono cose che sicuramente qualcuno ti ha insegnato. che senso ha chiedere su un forum di Computergrafica e non cercarle in un libro??? (-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

alla fine del primo anno sono cose che sicuramente qualcuno ti ha insegnato. che senso ha chiedere su un forum di Computergrafica e non cercarle in un libro??? (-)

bhe evidentemente NESSUNO me lo ha insegnato! altrimenti, come hai precisato tu, non starei qui a chiedere aiuto! ci han no sempre detto "sfogliate riviste, vedete su europa concorsi e affini.. fate prove di stampa" ma nulla di più!quale libro dici?


Modificato da Vegasiddharta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

e in un anno non hai mai disegnato nulla? non ti pare un po strano????

certo ho sempre disegnato la stessa cosa, con le dovute modifiche, che presenterò all'esame. ma ho sempre avuto preoblemi nella rappresentazione. allora, vuoi aiutarmi o no?!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sara che in quest ultimo mese che hanno cambiato le regole del disegno <_<. mi dispiace ma dovresti ottenere di piu da corsi che cmq paghi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sara che in quest ultimo mese che hanno cambiato le regole del disegno <_<. mi dispiace ma dovresti ottenere di piu da corsi che cmq paghi.

non sai nemmeno esprimerti in italiano -_-" !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusami, non lo chiedo in tono polemico, giuro...ma non fate uno straccio di modulo di rappresentazione durante il corso? E geometria descrittiva/scienza della rappresentazione??E' solo che "ai miei tempi" si facevano, per questo chiedo...(mannaggia che vecchietta che sono ormai!!)...

In caso ti serva una infarinatura proprio di base, e da approfondire...disegno architettonico

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

a me avevan dato delle dispense con tutte quelle cose scritte...

comunque io ho visto gente arrivare al quinto anno di ingegneria edile e non essere capace di incollare due cose in word (lascio immaginare autocad allora...), almeno apprezzate la buona volontà di mettersi e voler imparare le cose...

ciao!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questo mi dissero al primo esame di disegno:

"Linee in vista (spigoli non sezionati): x mm, linee in sezione: circa x*2 mm, tutto il resto (annotazioni, tratteggi ecc...): circa x/2 mm".

Ovviamente tutto questo dipende dalla scala di rappresentazione. Io per i disegni al 100 di solito uso:

linee in vista: 0.3 mm

linee in sezione: 0.6 mm

linee restanti: 0.18 mm

Se cerchi su internet comunque credo tu possa trovare di tutto e di più sull'argomento

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Comunque noon vorrei dire una cavolata ma penso che ognuno fa come gli pare...

nel senso Detail stampa con degli spessori, the Plan con altri, Casabella con altri, El Croquis con altri...

e ogni studio di architettura ha i suoi spessori...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Comunque noon vorrei dire una cavolata ma penso che ognuno fa come gli pare...

nel senso Detail stampa con degli spessori, the Plan con altri, Casabella con altri, El Croquis con altri...

e ogni studio di architettura ha i suoi spessori...

concordo sul fatto che le riviste hanno linguaggi di comunicazione tutti loro e che non rispettano le normali regole della rappresentazione ( a parte detail).

le regole del disegno tecnico sono normate dalle uni e da quelle non ci si puo scappare, un qualunque manuale di architettura cmq ne parla.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ma basta polemizzare, datele due consigli no? ci avreste messo 2 secondi!

All'incirca si sono ereditati gli spessori con cui, una volta, si disegnava a china coi pennini quindi:

linee di proiezione, fine, 0,20

linee sezionate, grosse, 0,40 o più

linee su piani superiori o nascosti, tratteggiate, 0,20 o meno

altri dettagli minori molto fini, quindi 0,10

poi con l'esperienza aggiusti da te.

Dico questo perchè ritengo che l'università oramai sia uno spreco di soldi e ti credo se non te l'hanno insegnato. Daltronde a me era successo uguale ed avevo trovato le informazioni su manuali di disegno, progettazione, dei geometri, degli architetti e nel neufert. Sono testi che di sicuro ci sono in biblioteca e che vivamenteti consiglio.

buona fortuna per gli studi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Scusami, non lo chiedo in tono polemico, giuro...ma non fate uno straccio di modulo di rappresentazione durante il corso? E geometria descrittiva/scienza della rappresentazione??E' solo che "ai miei tempi" si facevano, per questo chiedo...(mannaggia che vecchietta che sono ormai!!)...

In caso ti serva una infarinatura proprio di base, e da approfondire...disegno architettonico

ciao ^_^

purtroppo l'esame di geometria descrittiva è molto teorico... c'è stato da imparare solo nozioni puramente tecniche come ad esempio: descrivere l'ombra di un cono in DPO, prospettiva e assonometria; cotruire una volta a botte poggiante su piedritti in assonometria ortogonale, triangolo delle tracce... insomma cose di questo tipo. ecco perchè mi trovo in enorme difficoltà! Non riesco a trovare una "guida" che dica il criterio usato per assegnare i dovuti spessori (con autocad) alle piante, ai prospetti alle sezioni... etc =( ho letto sul manuale che in un progetto non si possono assegnare più di tre spessori diversi,e che si usano sempre i soliti 7

ma non dice per cosa sono associati.

comunque ti ringrazio per il link, sei stata molto gentile =)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ma basta polemizzare, datele due consigli no? ci avreste messo 2 secondi!

All'incirca si sono ereditati gli spessori con cui, una volta, si disegnava a china coi pennini quindi:

linee di proiezione, fine, 0,20

linee sezionate, grosse, 0,40 o più

linee su piani superiori o nascosti, tratteggiate, 0,20 o meno

altri dettagli minori molto fini, quindi 0,10

poi con l'esperienza aggiusti da te.

Dico questo perchè ritengo che l'università oramai sia uno spreco di soldi e ti credo se non te l'hanno insegnato. Daltronde a me era successo uguale ed avevo trovato le informazioni su manuali di disegno, progettazione, dei geometri, degli architetti e nel neufert. Sono testi che di sicuro ci sono in biblioteca e che vivamenteti consiglio.

buona fortuna per gli studi.

Grazie mille =D sei stato molto gentile!

sì, infatti...è assurdo pensare come in una facoltà di architettura non venga insegnato "l'abc" del mestiere. Ahimè,molte cose le danno per scontate! =(

GRAZIE =D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille =D sei stato molto gentile!

sì, infatti...è assurdo pensare come in una facoltà di architettura non venga insegnato "l'abc" del mestiere. Ahimè,molte cose le danno per scontate! =(

GRAZIE =D

Sempre a sparlare dei geometri ma alla fine sono proprio quelli che hanno le basi da loro richieste.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mah... sei all'università mica alle superiori, i professori non sono tenuti a fare da babysitters... io al primo ebbi il tuo stesso problema, ma l'ho risolto a novembre dato che dopo la quarta revisione con le linee sballate il prof ha minacciato di cacciarmi dal corso... e credo sia così per tutti!

comunque personalmente in scala 1:50 stampo

le linee di proiezione secondarie 00-05

le linee di proiezione principali 09-13

le linee di sezione 30-40

poi le pavimentazioni e gli arredi se richieste in grigio

i dettagli dal 20 al 5 sono un po' diversi, bisogna vederli di volta in volta in base al tipo di disegno (sezione-prospetto) ed all'oggetto (porte, finestre, scale, coperture, fondazioni...), per esempio le cose molto sottili tipo assi di legno e vetro non si disegnano come sezionate se no le linee si ammassano...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ciao ^_^

purtroppo l'esame di geometria descrittiva è molto teorico... c'è stato da imparare solo nozioni puramente tecniche come ad esempio: descrivere l'ombra di un cono in DPO, prospettiva e assonometria; cotruire una volta a botte poggiante su piedritti in assonometria ortogonale, triangolo delle tracce... insomma cose di questo tipo. ecco perchè mi trovo in enorme difficoltà! Non riesco a trovare una "guida" che dica il criterio usato per assegnare i dovuti spessori (con autocad) alle piante, ai prospetti alle sezioni... etc =( ho letto sul manuale che in un progetto non si possono assegnare più di tre spessori diversi,e che si usano sempre i soliti 7

ma non dice per cosa sono associati.

comunque ti ringrazio per il link, sei stata molto gentile =)

dunque comprati il libro di un certo CORAZZI ROBERTO sulla geometria e capirai che altro che teoria impareresti a disegnare non semplici scatole!

per capire lo spessore dei pennini pensa alla dimensione della tua tavola quando vedi la dimensione di stampa al 100% più o meno vedo la dimensioni del pennino: se usi illustrator puoi capire immediatamente lo spessore..poi naturalmente c'è sempre la prova del nove! eseguire una stampa su un supporto ultraeconomico mi raccomando e solo una porzione!! poi segui il consiglio di algo vedi le norme uni (per uniformare il disegno nel senso che così il primo muratore che magari non sà il latino ma l'arabo capisce al volo) lascia perdere le riviste buone per la digestione pesante: chiaramente certi canoni di linguaggio sono cambiati! ma la pratica del disegno resta invariata: a me fa speciè gente che non si è mai sporcata le mani..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

dunque comprati il libro di un certo CORAZZI ROBERTO sulla geometria e capirai che altro che teoria impareresti a disegnare non semplici scatole!

per capire lo spessore dei pennini pensa alla dimensione della tua tavola quando vedi la dimensione di stampa al 100% più o meno vedo la dimensioni del pennino: se usi illustrator puoi capire immediatamente lo spessore..poi naturalmente c'è sempre la prova del nove! eseguire una stampa su un supporto ultraeconomico mi raccomando e solo una porzione!! poi segui il consiglio di algo vedi le norme uni (per uniformare il disegno nel senso che così il primo muratore che magari non sà il latino ma l'arabo capisce al volo) lascia perdere le riviste buone per la digestione pesante: chiaramente certi canoni di linguaggio sono cambiati! ma la pratica del disegno resta invariata: a me fa speciè gente che non si è mai sporcata le mani..

grazie mille anche a te Fracap ^_^. non ho capito cosa intendi "...e solo una porzione". cioè io devo stampare il progetto in scala 1:100... per la prova di stampa ne stampo solo una porzione? e poi fino a che punto devono essere i dettagli in un disegno 1:100? il professore in pianta ci ha fatto mettere i dettagli degli arredi. e nei prospetti vuole anche gli infissi. ma vedendo sulle riviste, questi tipi di dettagli in un disegno a 100 non ci sono.... ecco perchè non so come regolarmi con gli spessori e i colori.

comunque ti ringrazio per i tuoi consigli =D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

a me avevan dato delle dispense con tutte quelle cose scritte...

comunque io ho visto gente arrivare al quinto anno di ingegneria edile e non essere capace di incollare due cose in word (lascio immaginare autocad allora...), almeno apprezzate la buona volontà di mettersi e voler imparare le cose...

ciao!

ciao =D, dove hai studiato? le dispense di cui parli le posso trovare su internet?

ciao

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mah... sei all'università mica alle superiori, i professori non sono tenuti a fare da babysitters... io al primo ebbi il tuo stesso problema, ma l'ho risolto a novembre dato che dopo la quarta revisione con le linee sballate il prof ha minacciato di cacciarmi dal corso... e credo sia così per tutti!

comunque personalmente in scala 1:50 stampo

le linee di proiezione secondarie 00-05

le linee di proiezione principali 09-13

le linee di sezione 30-40

poi le pavimentazioni e gli arredi se richieste in grigio

i dettagli dal 20 al 5 sono un po' diversi, bisogna vederli di volta in volta in base al tipo di disegno (sezione-prospetto) ed all'oggetto (porte, finestre, scale, coperture, fondazioni...), per esempio le cose molto sottili tipo assi di legno e vetro non si disegnano come sezionate se no le linee si ammassano...

ciao :)!

il corso di composizione è iniziato a febbraio. e prima di allora non abbiamo mai disegnato con autocad.

abbiamo cominciato ad usare autocad da circa un mesetto... inizialmente il prof voleva disegni fatti a mano con pennini e carta da schizzi! purtroppo all'uni non danno indicazioni di nessun tipo, nemmeno a noi matricole! ecco perchè mi trovo un po' disorientata. trovo che ci sia più soldarietà e supporto su forum di questo tipo, piuttosto che dai professori universitari. una volta chiesi un chiarimento sulla lezione al docente di geometria descrittiva... e sai cosa mi disse: "signorina,ma lei lo sa che un domani potrebbe essere una mia rivale"?! mi riconsegnò la tavola senza nemmeno correggerla! non mi sarei mai aspettata una risposta del genere!

Comunque, i disegni sono da presentare in tavole A1 in scala 1:100. i suggerimenti che mi hai dato valgono anche èper questa scala?

grazie mille ^_^

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×