Vai al contenuto
sssimone

L'inquadratura e l'esposizione per gli esterni architettonici

Recommended Posts

Ciao a tutti, non essendo assolutamente del mestiere

sto cercando una guida o testo (presumo scolastico o universitario)dove poter apprendere

non dico i trucchi del mestiere ma le tecniche basilari per inquadrare correttamente le architetture e settare l'esposizione della macchina fotografica.

Potreste indicarmi qualche titolo? mi sareste di grande aiuto

grazie di cuore

sssimone

ps: ovviamente non disdegno link a tutorial :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scusate ho dimenticato di dire che non intendo improvvisarmi un fotografo di professione

le tecniche mi servono solo per realizzare render

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molto interessante, seguo volentieri!

Avere un buon occhio per le inquadrature e il posizionamento della cam nei render nn'è così semplice, per chi non ha questo dono innato ovviamente.. :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

http://www.amazon.it/gp/cart/view-upsell.html?ie=UTF8&HUCT=1&newItems=U30YU4IL7U3K7P%2C1

http://www.amazon.com/Professional-Architectural-Photography-Third/dp/0240516729

Tempi e diaframmi sono spiegati in qualunque libro, ma non sono di grande interesse per i render, perche puoi lavorare in post produzione, e di solito vuoi vedere ampie zone del tuo progetto a fuoco,

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Guest Obeso

Ciao. se hai una macchina fotografica per l'esposizione basta quella e il relativo manuale. ( reflex chiarmente )

poi, basta crcare in google con parole chiave del tipo Mio collegamento

alla fine sono concetti semplici.

per la composizione e quindi l'inquadratura basta cercare e leggere i dettagli e i commenti alle foto di fotografi trovate su internet.

Tendenzialmente siamo alla solita regola dei terzi o delle diagonali. su treddi c'è una discussione a proposito alla regola del bilanciamento dei colori ed al peso di questi sull'immagine

Mio collegamento

spulciati questo e relative voci

Mio collegamento

Mio collegamento

Mio collegamento

ciao

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Guest Obeso
Inviata (modificato)

cribbio, il mondo capovolto :)


Modificato da Obeso

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molto interessante, seguo volentieri!

Avere un buon occhio per le inquadrature e il posizionamento della cam nei render nn'è così semplice, per chi non ha questo dono innato ovviamente.. :rolleyes:

ciao magog hai ragione non è per niente semplice tant'è che spesso sono tentato di

fare tutte prospettive quasi frontali cioè molto simili ai prospetti 2d fatti dal progettista

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se può servire, ho trovato molto interessante "L'occhio del fotografo - la composizione nella fotografia digitale" di Michael Freeman (questo). Per il tema che intendi approfondire lo trovo molto indicato.

Ho ordinato da pochi giorni anche un altro suo libro, "Reflex digitali - Guida Completa" (questo).

L'ho solo sfogliato perchè non ho ancora tempo di leggermelo per bene; mi sembra molto specifico, soprattutto perchè affronta anche il discorso Photoshop... ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

se vuoi beccarti delle belle foto di architettura cercati i libri di gabriele basilico e studiati le sue foto

(in particolare "Cityscapes") secondo me si impara moltissimo a fare così, anche cercando di risalire dalle foto a tempo e diaframma

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

secondo me le "classiche" regole di composizione sono roba da manuale che poco hanno a che fare con la pratica se parliamo di fotografia. Se parliamo di fotografia architettonica valgono ancora meno, stai interpretando un soggetto, non stai creando liberamente qualcosa.

Alla base ci dev´essere ovviamente la conoscenza dell´architettura, altrimenti credo che sia difficile dare una buona interpretazione di qualcosa che non si conosce.

Io ti consiglio di studiarti i fotografi "ufficiali"*, Gabriele Basilico é un grandissimo fotografo ma non c´entra nulla con l´architettura. La superstar del momento é Iwan Baan, la superstar di qualche anno fa era Werner Huthmacher (che purtroppo ha un sito molto minimalista) fotografi molto giovani ma apprezzatissimi e in rampa di lancio sono Jan Bitter, David Frank, die phototodesigner.

L´agenzia piú importante per la fotografia architettonica é Artur Images, ci troverai tutti quelli citati sopra e altri ancora.

Ti suggerisco di dare anche una letta all´interessantissima intervista a Luxigon dove parlano anche di composizione e dove ti puoi rendere conto come in realtá non ci siano regole.....

* ovviamente tutti possiamo andare a Weil am Rhein e fotografare il nuovo Vitra showroom di H&dM, ma solo un fotografo, quello "ufficiale", Iwan Baan in questo caso, puó avvicinarsi prima dell´inaugurazione, prima che qualcuno attacchi un adesivo sui vetri o apra un chiosco proprio di fronte all´edificio o che le macchine parcheggiate lo facciano scomparire, la vita "fotografica" di un edificio é cortissima. Le foto poi sono quelle "ufficiali" usate per i prospetti, le riviste e tutto il resto.

In alcuni casi, come ad esempio case private, interni o edifici poco accessibili, le foto "ufficiali" sono le uniche disponibili e sono in qualche modo l´unico mezzo per conoscere certe architetture e, cosa assurda, la loro unica "percezione".

Per fare un esempio molto semplice, questa villa esiste solo attraverso le foto ufficiali, vallo a sapere se il fotografo, David Franck, l´ha resa piú spettacolare della realtá o ha trasformato una specie di mauseleo in una modesta villa di due piani..............

Per questo credo sia importante riferirsi ai fotografi ufficiali, perché non credo siano stati scelti a caso o a simpatia per questo tipo di lavori, piuttosto perché gli si riconosce tecnica, qualitá, creativitá, etc. etc. etc., quindi credo sia giusto prenderli come esempio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

per quanto riguarda le tecniche di esposizione delle camere reali, non credo abbia alcun senso applicarle nei settaggi di rendering, diventa un virtuosismo senza senso, manca tutta la componente meccanico-matematica di quei numeri strani che erano l´apertura del diaframma, i tempi di scatto che sono sempre la metá o il doppio, gli ISO possiamo impostarli a cavolo quanto vogliamo tanto non ci sará mai grana, e cosí via.

Se devi correggere l´esposizione tanto vale mettere un valore non reale come puó essere 1/100 o 1/200 o diaframma 4, tanto se non si usa dof o motion blur non cambia niente.

Comunque é ovvio che conoscerle, oltre che piacere personale, puó essere d´aiuto, anche se ormai un po tutti i motori di rendering hanno il blocco dell´esposizione per non perdere tempo a calcolarsi le coppie equivalenti.......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche a te krone grazie infinite per la disponibilità.

Avete messo tantissima "carne al fuoco"

un grazie ancora a tutti

ciao

sssimone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×