Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
MSolferino

Prova Interno

Recommended Posts

Salve,

l'altro ieri ho voluto fare un esperimento con alcuni elementi d'arredo. L'obbiettivo era/è cercare di rendere quanto più fotorealistica l'immagine. Utilizzo Lightwave 9.6 sia per modellare/texturizzare che per renderizzare.

Ho ottenuto l'immagine linkata....cosa potrei migliorare o meglio, cosa vi fa pensare al "rendering" in quest'immagine?

Ciao, Marcello.

internoperilweb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Complimenti bella immagine....

Non mi convince il colore della frutta troppo satura e nemmeno la ceramica dei piatti sembra più vitrex o plastica, forse dovrebbe essere più bianca e più riflettente

...inoltre per fare i pignoli: la venatura degli elementi orizzontali della spalleria delle sedie deve essere orizzontale

comunque complimenti è già molto fotorealistica...bella illuminazone

ciao...

Share this post


Link to post
Share on other sites
complimenti bella! non mi convince troppo l'inquadratura..ma comunque molto bella!

Dimmi pure, come l'avresti fatta?

Comunque al di là dell'inquadratura...cosa cambieresti/aggiusteresti per renderla più fotorealistica?

Oltre a quello già detto da Bonnez (che ringrazio) sul quale mi trovo d'accordo.

1. Cambierò le venature orizzontali delle sedie, e quelle delle "sezioni" del legno in primo piano.

2. rivedrò le textures dei piatti perchè anche a me sembrano quasi trasparenti o meglio traslucidi (proprio come se fossero sottili e di plastica

3. la frutta non so...abbasserò un pò il valore del diffuse e vediamo cosa esce fuori.

Grazie, marcello.


Edited by MSolferino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto sommato la resa non è affatto male ,quoto quanto detto sopra e aggiungo che l'inquadratura converge un po ,dovresti raddizzare ,cioè ll mobile sulla parete si allarga troppo a V .cmq la resa promette bene a mi avviso ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

bello...rispondendo alla tua domanda, i frutti, il vetro dei bicchieri i piatti e le posate non sono realistici tanto questo il resto

è un ottimo render cmq :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho provato a cambiare qualcosa...anche se l'immagine sembra identica alla precedente!

ho modificato:

1. venature degli elementi orizzontali nelle sedie

2. il cuscino sembra stranamente identico, sebbene abbia ingrandito ed accentuato la trama!

3. Frutta meno "luminosa"

4. libri meno "luminosi"

5. shader dei piatti e posate cambiato (oltre che arrotondate leggermente le posate)

6. cambiato il legno della libreria

7. cambiato il legno delle "sezioni" del tavolo.

tavolomodificheperweb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' un bel rendering , peccato per tutto quello che sta sopra il tavolo rovina il lavoro pregiudicandone il realismo.Quella composizione la uso spesso anch'io per lavoro ma ho dovuto rifare da zero le posate, fare un cloth piu convincente per le tovagliette e trovare shader più particolari per il vetro e la ceramica.E' in quella direzione che ti consiglio di approfondire.

La luce è abbastanza naturale, non certo da fotografia professionale ma sufficientemente realistica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,la qualità del rendering è molto alta e mi piace,quelli che invece mi sono sembrati meno realistici sono gli elementi del tavolo:lo shader dei bicchieri ha qualcosa di strano,non so se sia dovuto all'ior oppure allo spessore del modello,anche le posate,allineate come sono ora,rovinano il realismo e,come ti ha suggerito BoLine,qualcuna non poggia perfettamente sul tavolo.La frutta forse manca un po di specular,inoltre toglierei quella statuetta sulla libreria.

Sistemando queste cose verrebbe ancora più realistica :)

Complimenti comunque per il risultato raggiunto. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
E occhio a quella posata che vola ;)

...vista, rimedio..:).

...inoltre toglierei quella statuetta sulla libreria.

ahahahah.....perchè?

:)

La luce è abbastanza naturale, non certo da fotografia professionale ma sufficientemente realistica.

Ecco. E' l'effetto che fa anche a me...secondo te "perchè" e "cosa" si può fare??

Share this post


Link to post
Share on other sites
...

Ecco. E' l'effetto che fa anche a me...secondo te "perchè" e "cosa" si può fare??

Una foto professionale si pone obbiettivi ben precisi mentre questa è una 'foto' amatoriale di uno spazio domestico.Al contrario se fosse mirata terrebbe conto dell'oggetto della foto ( o del messaggio).Ci sono molti ambiti per la foto professionale, dallo still life artistico a quello commerciale (un mobile ad esempio), paesaggistico,ritratto, cronaca etc.

Il ragionamento che dovresti fare a monte è quello di scegliere il contenuto (il messaggio) e poi identificare il modo di rappresentarlo.Ti faccio qualche esempio:

esempio 1) il tavolo con la torta di compleanno e i regali prima che arrivino gli ospiti.Focalizzeresti sull'ordine delle cose, quasi un preludio a quello che sta per succedere...oppure esattamente l'opposto: la tavola dopo che sono passati i vandali e hanno massacrato ogni cosa.La luce da studiare sarebbe quella che metta in evidenzia il disordine nel secondo caso (quindi alto contrasto che tira fuori le ombre sulle pieghe e da un senso di vissuto) oppure luce calda con glow tipo candela nel primo caso.

Ovviamente sono stereotipi ma prima di cercare l'originalità meglio farsi le ossa con quelli.

esempio 2) foto da catalogo ( scegli l'oggetto..ad esempio il tavolo e le sedie) sistemi le luci in modo da mettere in risalto innanzitutto le forme ( quindi aggiungi una backlight sicuramente) e poi altre luci che mostrino la finitura (se è lucida avrai bisogno di pannelli riflettenti per dipingere gli hilights dove servono).In questo caso, pur volendo mostrare uno spaccato di vita...un'ambiente domestico...sceglierai comunque degli oggetti e dei colori che rimangano volutamente sotto tono rispetto all'oggetto della foto e facciano convergere lo sguardo dove vuoi portare l'attenzione dello spettatore.

Il discorso è molto ampio per essere trattato in poche righe ma se deciderai di seguire i miei consigli piu avanti te ne darò altri, man mano che lo porti avanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Una foto professionale si pone obbiettivi ben precisi mentre questa è una 'foto' amatoriale di uno spazio domestico.Al contrario se fosse mirata terrebbe conto dell'oggetto della foto ( o del messaggio).Ci sono molti ambiti per la foto professionale, dallo still life artistico a quello commerciale (un mobile ad esempio), paesaggistico,ritratto, cronaca etc.

Il ragionamento che dovresti fare a monte è quello di scegliere il contenuto (il messaggio) e poi identificare il modo di rappresentarlo.Ti faccio qualche esempio:

esempio 1) il tavolo con la torta di compleanno e i regali prima che arrivino gli ospiti.Focalizzeresti sull'ordine delle cose, quasi un preludio a quello che sta per succedere...oppure esattamente l'opposto: la tavola dopo che sono passati i vandali e hanno massacrato ogni cosa.La luce da studiare sarebbe quella che metta in evidenzia il disordine nel secondo caso (quindi alto contrasto che tira fuori le ombre sulle pieghe e da un senso di vissuto) oppure luce calda con glow tipo candela nel primo caso.

Ovviamente sono stereotipi ma prima di cercare l'originalità meglio farsi le ossa con quelli.

esempio 2) foto da catalogo ( scegli l'oggetto..ad esempio il tavolo e le sedie) sistemi le luci in modo da mettere in risalto innanzitutto le forme ( quindi aggiungi una backlight sicuramente) e poi altre luci che mostrino la finitura (se è lucida avrai bisogno di pannelli riflettenti per dipingere gli hilights dove servono).In questo caso, pur volendo mostrare uno spaccato di vita...un'ambiente domestico...sceglierai comunque degli oggetti e dei colori che rimangano volutamente sotto tono rispetto all'oggetto della foto e facciano convergere lo sguardo dove vuoi portare l'attenzione dello spettatore.

Il discorso è molto ampio per essere trattato in poche righe ma se deciderai di seguire i miei consigli piu avanti te ne darò altri, man mano che lo porti avanti.

Ti ringrazio dei consigli. Questo discorso si fa ovviamente quando è un messaggio che si vuol trasmettere con la fotografia, o comunque se c'è sotto uno studio di composizione per mettere in risalto alcuni aspetti del ritratto o alcuni oggetti che vuoi valorizzare con le luci o con l'inquadratura, o attraverso altri oggetti.

Ma questo viene dopo.

Ossia, per ora l'obbiettivo è il "fotorealismo" e non la foto professionale. Mi spiego.

Io posso prendere una macchina fotografica e scattare alcune foto ad alcuni oggetti...lo stesso farà un fotografo, ma le sue saranno foto "professionali", le mie amatoriali...ma sempre "FOTO" sono.

In questo caso l'obbiettivo è quello di rendere "foto" ossia "fotorealisticamente" credibile l'immagine...poi se ti va (e mi faresti una cortesia) possiamo proseguire dando un senso più artistico ed espressivo all'immagine.

Per ora mi interessa che la luce, gli oggetti, gli shaders, ecc...siano fotorealisticamente credibili.

Poi molto volentieri, cambierò la luce e l'inquadratura per rendere la foto anche "apprezzabile".

Grazie molte, Marcello.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi, non essendo per un lavoro quest'immagine, ma la sto usando solo per raggiungere degli obbiettivi, quindi è una sorta di esercizio....che ne dite se condivido gli oggetti della scena e proviamo insieme a raggiungere un risultato ottimo dal punto di vista sia fotografico che artistico?? magari cercando di capire quali sono i limiti di un software rispetto ad un altro.

Diciamo anche che utilizzando lightwave e SOLO il suo motore interno, volevo vedere se, con questo "limite" si riescono comunque a tirar fuori risultati interessanti, e non da meno rispetto a software di rendering eccellenti come può essere V-RAY.


Edited by MSolferino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Va bene. converti in obj e facciamo questo esercizio.Ma ti ribadisco che il fotorealismo fine a se stesso fa spesso una brutta immagine.Te lo dico perchè tempo fa ho fatto questi studi...cmq...va bene...ti seguo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Va bene. converti in obj e facciamo questo esercizio.Ma ti ribadisco che il fotorealismo fine a se stesso fa spesso una brutta immagine.Te lo dico perchè tempo fa ho fatto questi studi...cmq...va bene...ti seguo.

No, ma infatti non ho come obbiettivo SOLO il fotorealismo, e non è quello che cerco nelle mie immagini quando faccio un rendering, anzi.

Era solo un esperimento per cercare di rendere "fotografica" l'immagine.

E' ovvio che quella del fotorealismo è solo una fase intermedia, l'immagine finale NON può essere solo "fotorealistica"...avrebbe poco senso.

Più che altro, come avevo anche scritto prima, era un esperimento per cercare di capire se con tutti i motori di rendering di possono raggiungere risultati altamente fotorealistici.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mamma mia Gabriele :o seguo ultra interessato e ti ringrazio anch'io per la tua disponibilità nel discutere questi argomenti.

Sono sempre più convinto che la composizione dell'immagine è un aspetto fondamentale che fa la differenza, e , correggimi se sbaglio, tutta la scena andrebbe impostata fin dall'inizio in base all'obbiettivo che viene prefissato.

Marcello , con l'obbiettivo di aiutarti (serve anche a me confrontarmi su questi argomenti , diciamo che il mio è più che altro un pensiero a voce alta :) ) mi permetto di dissentire su alcune tue osservazioni, riprendendo alcuni concetti già espressi da Gabriele.

Questo discorso si fa ovviamente quando è un messaggio che si vuol trasmettere con la fotografia, o comunque se c'è sotto uno studio di composizione per mettere in risalto alcuni aspetti del ritratto o alcuni oggetti che vuoi valorizzare con le luci o con l'inquadratura, o attraverso altri oggetti.

Ma questo viene dopo.

Io la penso esattamente al contrario , in quanto a mio avviso il render è pur sempre un'arte figurativa e di sonseguenza deve sempre trasmettere un messaggio e per poterlo fare deve essere organizzato e concepito fin dall'inizio con uno scopo ben preciso, vedi i vari esempi che ti ha fatto Gabriele.

E' vero che il tuo scopo per ora è di capire come ottenere il massimo da modellazione ,shader e luce, ma tutti questi aspetti cambiano e perdono di importanza se alla base manca un obbiettivo preciso.

Io sto approffondendo da un po' questi aspetti e come dice giustamente Gabriele ci vorrebbero pagine e pagine per poterne parlare come si deve.

Manuali di fotografia che trattano questi argomenti ce ne sono pochi (o non sono ancora riuscito a trovare qualcosa di specifico) ,e la rete è il solito pentolone anche se con un po' di pazienza qualcosa si trova , ma l'intervento e l'esperienza di chi ha e sta applicando questi concetti da tempo è una risorsa che non ha prezzo, quindi ribadisco i ringraziamenti a Gabriele e seguo molto volentieri

Mi raccomando , il mio intervento non vuole essere polemico ;) ... e se posso partecipo al test ;)

Rosty

Share this post


Link to post
Share on other sites

Luca...guarda che Marcello non dice una cosa diversa.Dice solo ( e non è sbagliato) che vuole prima studiare il cast (materiali e oggetti) e poi successivamente approciare la vista e l'immagine.Io intendevo fargli saltare questo passaggio per ottimizzare il tempo quindi dedicare energie agli shader studiati appositamente per rendere al meglio nella sua scena ma ci sta che voglia prima fare un po di esercizio per approfondire queste problematiche in maniera generale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok Gabriele, capisco ,e probabilmente ho mal interpretato le sue intenzioni, oltre che le tue...... -_- infatti rileggendo tutto con calma è vero , cavoli ho letto il tuo intervento e sono partito in quarta, carico di entusiasmo per gli argomenti che hai toccato....... bastava un po' di attenzione in più <_< da parte mia.

Pardon -_- Marcello , seguo ;)

Rosty

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nessun problema Luca figurati.

Io veramente guardo la composizione e le luci prima del fotorealismo...e spesso preferisco le belle immagini a quelle fotorealistiche (anche se a volte le due cose coincidono....ma non necessariamente).

La questione qui è un'altra...non il "render" finale in quanto rendering da consegnare al cliente. Ma semplicemente un esperimento "inter nos"...per gli addetti ai lavori insomma. Tanto per capire che tipo di luce o shaders posso ottenere con Lightwave e cosa invece potrei ottenere con V-Ray o con Cinema4d, maxwell render, ecc...E capire i limiti dell'uno e dell'altro software.

Probabilmente è difficile capire un limite oggi che i software 3D hanno raggiunto un livello di rendering elevato. Però magari un motore rdi rendering fa risparmiare tempo nel settaggio delle luci perchè ha delle impostazioni particolari, che rendono più "facile" la vita dei renderisti (renderizzatori).

E' probabile che io riesca ad ottenere lo stesso risultato con due software, ma magari con uno mi basta impostare semplicemente la luce del sole, con l'altro devo impostare diversi parametri e fare più prove per ottenere buoni risultati. E inoltre magari con uno per avere lo stesso risultato devo lasciare l'immagine a "cuocere" per ore...con un altro per qualche minuto!

Però è vero...non vorrei trasformare il thread in un contest..:).

il sottotitolo "alla ricerca del fotorealismo"...non vuol significare che affinchè un rendering sia bello deve essere fotorealistico. Ma voleva proprio dare il senso giusto al thread...ossia, guardando l'immagine...che migliorie si potrebbero apportare per renderla quanto più fotorealistica possibile l'immagine?

Che poi l'immagine non funzioni dal punto di vista della comunicazione, e risulti "bruttina" dal punto di vista della composizione, inquadratura, ecc...questo è un altro discorso, che si faccia dopo o durante (generalmente SEMPRE durante) il lavoro di preparazione dell'immagine, in questo caso ha poca importanza.

Spero di aver chiarito l'intento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nessun problema Luca figurati.

Io veramente guardo la composizione e le luci prima del fotorealismo...e spesso preferisco le belle immagini a quelle fotorealistiche (anche se a volte le due cose coincidono....ma non necessariamente).

La questione qui è un'altra...non il "render" finale in quanto rendering da consegnare al cliente. Ma semplicemente un esperimento "inter nos"...per gli addetti ai lavori insomma. Tanto per capire che tipo di luce o shaders posso ottenere con Lightwave e cosa invece potrei ottenere con V-Ray o con Cinema4d, maxwell render, ecc...E capire i limiti dell'uno e dell'altro software.

Probabilmente è difficile capire un limite oggi che i software 3D hanno raggiunto un livello di rendering elevato. Però magari un motore rdi rendering fa risparmiare tempo nel settaggio delle luci perchè ha delle impostazioni particolari, che rendono più "facile" la vita dei renderisti (renderizzatori).

E' probabile che io riesca ad ottenere lo stesso risultato con due software, ma magari con uno mi basta impostare semplicemente la luce del sole, con l'altro devo impostare diversi parametri e fare più prove per ottenere buoni risultati. E inoltre magari con uno per avere lo stesso risultato devo lasciare l'immagine a "cuocere" per ore...con un altro per qualche minuto!

Però è vero...non vorrei trasformare il thread in un contest..:).

il sottotitolo "alla ricerca del fotorealismo"...non vuol significare che affinchè un rendering sia bello deve essere fotorealistico. Ma voleva proprio dare il senso giusto al thread...ossia, guardando l'immagine...che migliorie si potrebbero apportare per renderla quanto più fotorealistica possibile l'immagine?

Che poi l'immagine non funzioni dal punto di vista della comunicazione, e risulti "bruttina" dal punto di vista della composizione, inquadratura, ecc...questo è un altro discorso, che si faccia dopo o durante (generalmente SEMPRE durante) il lavoro di preparazione dell'immagine, in questo caso ha poca importanza.

Spero di aver chiarito l'intento.

Guarda...se è solo questo che vuoi capire...ti conviene leggere e/o portare avanti una qualunque delle discussioni gia esistenti...è un argomento trito e ritrito e affrontato in tutte le salse.Se ti fidi dell'esperienza altrui ti assicuro che le differenze le puoi capire solo se ti metti Tu personalmente su tutti gli engine perchè la stessa immagine la possono generare due persone con lo stesso engine...una ci mette 18 ore e l'altra 18 minuti e le differenze sono impercettibili.Ho iniziato ad usare mental ray da poco e adesso posso dire che personalmente ho sfatato il mito che vray sia più veloce.Realizzo le stesse cose che facevo prima...alla stessa qualità nello stesso tempo.

ultima cosa....una richiesta personale...non definire e autodefinirti renderista o renderizzatore...quelli sono gli engine..è una semplificazione che poi i clienti usano e che mi da terribilmente fastidio...quasi quanto il mitico 'prospettivaro'. :D

Nel caso decidessi di portare comunque avanti il discorso...se impostato come hai detto...con educazione mi tiro fuori perchè non mi interessa.

In bocca al lupo.

Gabriele

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
Aspetta! x