Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
arri

I Prossimi Notebook Dell Caricheranno Le Batterie Via Wireless

Recommended Posts

Dell annuncerà presto la disponibilità dei nuovi notebook business Latitude Z, che introduce per la prima volta una nuova tecnologia di ricarica della batteria tramite wireless. All'atto pratico il Latitude Z sarà equipaggiato con una particolare base di appoggio che genera un campo elettromagnetico in grado di ricaricare la batteria del portatile senza bisogno di collegare il notebook alla presa di corrente. La tecnologia, che Dell ha soprannominato a carica induttiva, richiede un tempo complessivo più alto rispetto all'alimentatore tradizionale per potrare a termine la ricarica della batteria, però offre l'indubbio vantaggio di consentire ai professionisti di lavorare per giorni in viaggio senza mai cercare una presa di corrente.

Steve Belt, Vice President of business client engineering, ha spiegato che sono state state installate una serpentina nel pannello sottostante del notebook e una sulla base d'appoggio: quando il notebook aderisce alla base d'appoggio viene generato un flusso di corrente che ricarica la batteria.

La base d'appoggio con la serpentina di ricarica è opzionale, ma considerata la tencologia innovativa apportata da questo strumento sarebbe uno spreco acquistare il Latitude Z senza questo prezioso accessorio.

Le novità di casa Dell non finiscono qui: l'azienda ha anche pensato di implementare un sistema di avvio veloce per consentire ai professionisti di accedere rapidamente alle informazioni come le mail, il web, gli appunti o la rubrica, alla stregua di come si consulterebbero i dati memorizzati in uno smartphone. Oltre al processore Intel che gestisce il sistema operativo come di consueto, pertanto, è stato inserito un chip ARM che gestisce un ambiente ad accesso rapido soprannominato Latitude On, che è accessibile in una manciata di secondi che che consente l'uso delle applicazioni sopraindicate. Il sistema che ha in carico la gestione di questo ambiente separato è basato su una versione semplificata di Linux. la scelta del chip ARM è dovuta alla mancanza dell'ambiente Windows e alla necessità di contenere il più possibile il consumo energetico: in ambiente Latitude On, infatti, il notebook ha un'autonomia dichiarata che va da un minimo di 12 ore a un massimo di 2 giorni, in questo secondo caso tenendo il notebook in standby. Se le batterie ricaricabili wireless sono una rivoluzione inedita, non è altrettanto per la Latitude ON: soluzioni analoghe sono proposte da tempo da altri produttori, ovviamente con nomi differenti, fra i quali Asus, Sony e Acer.

Il Latitude Z, inoltre può essere collegato a una docking station wireless che consente di muoversi per la stanza portando il notebook con sè senza rinunciare alle periferiche che restano connesse alla docking e che saranno accessibili via wireless: DVI per il monitor, USB per tastiere, mouse e stampanti.

Il nuovo Latitude Z costituisce per Dell una sorta di sperimentazione per tastare il polso sull'apprezzamento da parte dei clienti verso le nuove tecnologie che l'azienda ha sviluppato negli ultimi mesi.

Ha in dotazione un display da 16 pollici, pesa circa 2 chili e ha uno spessore di 2,54 centimetri nel punto più sottile. La configurazione prevede i processori Intel Core 2 Duo low voltage da 1,4 GHz a 1,6 GHz, fino a 4 GB di memoria e fino a 512 GB di spazio di memorizzazione per il disco fisso. Fra le opzioni ci sono Wi-Fi 802.11 a/g/n e la connettività 3G o WiMax.

Al momento il Latitude Z è in vendita con prezzi a partire da 1.999 dollari negli Stati Uniti, in Canada e in alcuni Paesi dell'Europa e dell'Asia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah.. non ho capito bene il vantaggio... La base dovrà pur esser collegata alla presa elettrica no?

O la si collega ad un accumulatore al piombo da 200Ah facile facile da trasportare, in modo da consentire appunto ai professionisti in viaggio per giorni di non cercare la presa elettrica???

Alla fine questa cosa diventerà interessante quando si diffonderanno scrivanie, già prodotte a livello più che altro dimostrativo da qualche ditta che fa arredamenti per ufficio, con circuiteria integrata in grado di rilevare la presenza di dispositivi da ricaricare appoggiati al piano e configurare al di sotto di essi la bobina per fornire la ricarica... COsì arrivo in studio, poso il portatile ed il cellulare sulla scrivania e questi si ricaricano...

Finché oltre al portatile mi devo portar dietro anche la base non so quanto sia utile...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
Aspetta! x