Jump to content
papafoxtrot

Pareri Ed Opinioni Sull'installazione Di Una Renderfarm

  

29 members have voted

  1. 1.

    • Workstation multiprocessore
      8
    • Renderfarm
      21
  2. 2.

    • 3-4 nodi
      13
    • 5-6 nodi
      6
    • 7-8 nodi
      1
    • 9-10 nodi
      2
    • 10-12 nodi
      7
  3. 3.

    • Spazio occupato
      13
    • Consumo elettrico
      15
    • Acquisto delle licenze
      19
    • Complessità dell'installazione
      3
    • Prestazioni modeste (in relazione al costo/spazio)
      2
    • Personale pregiudizio
      1


Recommended Posts

Un sondaggio d'opinione...

Per capire la propensione dei treddisti all'acquisto di una farm... e le loro eventuali necessità.

Se ci sono consigli/opinioni, esprimetele qui; prima o poi apriremo un thread dedicato alle farm.

Share this post


Link to post
Share on other sites

qualcosa tipo schede per 4 processori o quella specie di server che qualcuno postó tempo fa che permetteva di montare fino a 5 shede madri insieme nello stesso case? Qualcosa insomma tipo un mini server senza i costi mostruosi di un vero server ma che permetta risparmio di spazio e corrente e di avere tutti i Ghz su una sola macchina? O si tratta sempre di roba fuori mercato?

Non tutti i software supportano il distributed rendering, c´é a chi fa comodo tanta potenza e tutta insieme ;) e a poco prezzo ;)


Edited by krone

Share this post


Link to post
Share on other sites

E il progetto a cui un po' alla volta sto lavorando... un case grande quanto un armadietto a mezza altezza che tenga da 6 a 10 schede madri a singola cpu.

Pensavo anche a tre versioni... un 6 schede abbastanza piccolo, un 10 schede grande, ed un 10 schede piccolo con liquid cooling integrato :D

L'unico grosso problema è, come già spiegavo, l'alimentazione. Ma ci riesco prima o poi!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Votato.

Personalmente ho immaginato di dover installare una renderfarm in casa, quindi ho agito di conseguenza: 3-4 nodi al massimo. In ogni caso, in aggiunta a quanto detto da krone, si può pensare di creare una rete cluster HPC se il motore di rendering supporta il calcolo parallelo: un cluster potenzialmente è più potente di una renderfarm, anche se ha alcuni problemi di gestione ed alcuni limiti. Sono insomma due sistemi diversi...

Papax, invece di pensare alle navi fai un bel WIP tutto modellato in CAD e Rhino di questo armadietto. Mi raccomando, voglio vedere tutti i circuiti, anche quelli dei mosfet... :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il cluster è l'altra soluzione che vorrei studiare... piacerebbe testare un render su di un cluster che succede. Ma ho degli infiltrati ad ingegneria informatica che potranno informarmi prima o poi... Anche se al terzo anno ancora non son buoni di montare un computer, impareranno pur qualcosa a sta cavolo di università no!?

Ad ogni modo no, niente wip. Se lo faccio lo faccio per venderlo! E o vendo il progetto o la scatola di montaggio, o addirittura l'armadio finito.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il cluster è l'altra soluzione che vorrei studiare... piacerebbe testare un render su di un cluster che succede. Ma ho degli infiltrati ad ingegneria informatica che potranno informarmi prima o poi... Anche se al terzo anno ancora non son buoni di montare un computer, impareranno pur qualcosa a sta cavolo di università no!?

Ad ogni modo no, niente wip. Se lo faccio lo faccio per venderlo! E o vendo il progetto o la scatola di montaggio, o addirittura l'armadio finito.

Ad ingegneria informatica si è no imparano un pò di java :P E cmq alla triennale si ha una minima infarinatura dei componenti elettronici, non credo sappiano cosa sia un cluster, se non per studi personali

NB:almeno a napoli è cosi',ho amici li con i quali mi confronto, io faccio ingegneria elettronica-biomedica!

PS:cmq votato anchio, anche se son lontano dal farmi una renderfarm facendo solo piccoli lavoretti...

Ma io bado sempre al rapporto Qualità\Prezzo e la renderfarm vince


Edited by DoOmgRaVE

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, ci sono persone che montano due hard disk e poi dicono: "Ma perché l'OS me ne vede solo uno?"... Forse perché il secondo va formattato? :lol:

Il problema di un cluster è che purtroppo è un caos la gestione, non è come una renderfarm che assembli 4 macchine e con 4 cavi LAN hai fatto tutto e sei già pronto per partire con il net-render. Bisogna saper gestire Windows Server e su ogni pc montare Vista con gli appositi pacchetti per l'HPC, avere hardware adeguato ed una rete che supporti velocità adeguate, configurare una doppia scheda di rete con 2 indirizzi per ogni pc ognuno dedicato a specifici compiti. Cmq i cluster sono alla base di superpc, ed alla Ferrari lo usano per le simulazioni aerofluidodinamiche (anche se non sempre con risultati eccellenti...).

La potenza è indubbia, ma in uno studio di rendering i vantaggi della renderfarm a mio avviso sono superiori... Se non fosse per le licenze...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il mio è più un interesse per le prestazioni. Che vuoi, una buona scheda di rete fiber channel non costa poi miliardi e se le prestazioni sono superiori puoi montare computer in meno e/o risparmiare sulle licenze.

Certo non lo installa chiunque ma io una prova sarei tentato di farla!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma ho degli infiltrati ad ingegneria informatica che potranno informarmi prima o poi... Anche se al terzo anno ancora non son buoni di montare un computer, impareranno pur qualcosa a sta cavolo di università no!?

non ci farei troppo affidamento, ne ho uno in famiglia e non mi sembra di grande aiuto in questo senso.......

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fino a qualche tempo fa le licenze per i cluster Windows te le tiravano addosso, le davano con il 70% di sconto... Tra l'altro Win Server 2008 per HPC lo davano in prova per 180 giorni... Con Linux escono fuori che è una meraviglia, il programma di gestione è veramente fatto bene. Io a suo tempo ci provai con due pc, ma non avevo gli strumenti necessari per valutare le sue prestazioni (credo siano passati 3 anni più o meno), oggi immagino sia ancora migliorato. Però si, una prova toccherebbe farla, qualcuno che ha 2 pc e si sacrifica? :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
qualcosa tipo schede per 4 processori o quella specie di server che qualcuno postó tempo fa che permetteva di montare fino a 5 shede madri insieme nello stesso case? Qualcosa insomma tipo un mini server senza i costi mostruosi di un vero server ma che permetta risparmio di spazio e corrente e di avere tutti i Ghz su una sola macchina? O si tratta sempre di roba fuori mercato?

Tipo il link postato poco fa o quello della Coolermaster, tutti sistemi con 5 schede se non ricordo male, nel primo caso 5 alimentatori, nel secondo uno.

Papa come mai soluzioni a singola CPU x scheda?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per motivi di costi Mac!

Una scheda madre, più processore e ram costano a farla grossa 400 euro, 500 con core i7.

Se si volesse montare schede madri per dual xeon, più rispettive cpu, più memoria si spenderebbe, a parità di potenza installata, ben più del doppio, e non ne varrebbe la pena. Tu fa conto che un core i7 920 a 2,66GHz costa 220 euro, mentre uno xeon 5550 alla stessa frequenza viene sui 1000 euro. Anche a scendere un po' compensandoi con la maggiore efficienza della singola scheda madre nei confronti della soluzuione con più schede in rete, usando cpu a 2,4 - 2,5GHz, si spenderebbero oltre 1000 euro per le sole cpu, più un 400 di schede madri e 500 circa per 12Gb di ram.

Si potrebbe comunque pensare anche ad un armadietto da 10 schede dual cpu... Si sa mai :D


Edited by papafoxtrot

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, per i singoli processori con amd si fanno sui 350 euro scheda madre + cpu + ram, ed è quello a cui miravo, anche perché core i7 non ha schede madri con video integrato... A parte credo qualche soluzione supermicro.

E volendo passare a biprocessori la spesa sarebbe molto simile a quella di un intel. Si dovrebbero usare cpu a sei core per avere buone prestazioni, e ram ecc ddr2, che alla fine non costa neanche di meno.

Metti che si risparmi qualcosa, ma niente di ché. Si avrebbero però consumi inferiori usando cpu da 55w di acp, che mi sembra arrivino ad ora sui 2,1GHz...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, si notano alcune cose molto chiare:

Circa gli svantaggi: il maggiore è certamente il costo delle licenze; non c'era da dubitarne tanto...

I due successivi sono i consumo, che posso dire essere un problema relativo, o almeno arginabile, e lo spazio occupato, anch'esso un limite in molti studi, ma in qualche modo è risolvibile almeno in parte, con una certa facilità, ed in toto con un po' più di fatica.

Sul numero di nodi: vedo una cosa abbastanza chiara: c'è gente che acquisterebbe 3-4 nodi, e c'è gente che ne acquisterebbe 10. Cosa vuol dire? Credo che qui intervenga la dimensione dello studio ed i vincoli: ci sono i piccoli studi ed i liberi professionisti che si accontentano di 3-4 nodi; e ci sono gli uffici più grandi che, dovendo fare l'investimento, pensano direttamente a 10-12 computer. In sostanza farm da massimo 5 e farm da massimo 12 computer si distinguono chiaramente.

C'è anche chi comprerebbe un unica macchina con più processori, e probabilmente ha pensato alla scelta fra una farm modesta (3-4 nodi) ed una grossa macchina. Difficile comparare una farm da 8-10 nodi con una workstation, per quanto potente.

Scriverò una relazione dunque. cercherò di fare chiarezza su quali sono i costi delle licenze e come vengono computati, e su come impostare correttamente una farm, anche se di questo ho già parlato nel famoso tutorial sulla configurazione dei computer.

Grazie a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

personalmente avrei aggiunto una voce riguardante i costi di manutenzione e gestione dei vari os collegati insieme. è vero che non è troppo difficile collegarli pero vedo che la maggior parte delle renderfarm hanno comunque un sistemista che gestisce l'ambaradan

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si papax, mi sembra che hai c'entrato perfettamente il problema, infatti la mia risposta verteva proprio su quello. Purtroppo per risparmiare spazio bisogna dotarsi di appositi rack che però costano quello che costano: magari inserire una voce del genere nella tua relazione potrebbe fare comodo. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

No simone... un rack costa troppo e non fa parte del mio "lavoro".

Preferisco un altro modo di risparmiare spazio: schede madri mini-atx e processori da 65-95w al massimo.

E poi il problema spazio non sta solo nei case, ma anche nei cavi. Ogni computer deve avere un cavo di alimentazione, un cavo di rete, un vga/dvi, una tastiera ed un mouse. 5 cavi... moltiplica per 5 computer e già hai fatto una bella matassa. Vedrai che ci sono sistemi migliori.

@Algo: mi occupo sempre di piccole farm, per quanto una farm di 10 computer possa esser considerata piccola. Certo per grosse installazioni conviene avere un sistemista disponibile, ma allora conviene anche fargli gestire il problema "linux", compatibilmente con i software in uso, in modo da risparmiare sulle licenze.

Voglio indagare quale sia la possibilità di interfacciare un software per windows con la rispettiva versione per linux in render. Se possibile sarebbero licenze risparmiate.

Per un installato di 3-4 computer, ma anche più se ben fatto e ben gestito (alias la pena capitale per chi solo vi si avvicina o porva a metter mano ai firewall e simili) si può risparmiare sul sistemista. E' sempre l'errore umano a far smettere di funzionare una rete che prima funzionava. Il software non sbaglia e non cambia impostazioni da solo. Al massimo si rompe l'hardware ma è raro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Attendo allora... Avevo visto un sistema rack ben costruito e mi pareva ottimo, però certo, al costo di un rack ci prendo una renderfarm forse potente il doppio...

Secondo me potrebbe funzionare: utilizzando Samba, un programma come Maxwell che è anche per Linux potrebbe "vedersi". Ma non ho mai provato, se ti capita potrebbe essere una ottima cosa... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho risolto il problema dell'alimentazione. ridondante di più computer con due alimentatori. Credo che tenterò di realizzare almeno un prototipo dell'armadietto di cui si parlava.... Dovrebbe trattarsi di un box di dimensioni 68x30x40cm (altezza - larghezza - profondità) contenente sei computer con singola cpu quad core... Non dovrebbe venir male!

Ho valutato che 8 computer sarebbero una misura un po' balorda, anche se migliorerebbe il rapporto fra volume ìdedicato alle scchede madri e volume totale dell'armadio e si gestirebbe ancora con due ali ridondanti... Però 8 computer sono forse un numero idiota... davvero troppi per l'utente comune e forse pochi per chi necessità di molta potenza. Una versione da 10 era in progetto... verrebbe anche bene coi suoi tre ali ridondanti, e non troppo grande... ma anche qui l'utilità e scarsa e si potrebbero comporre due da 6 con poca spesa in più...

Ad ogni modo or si pone il problema più grosso... sto facendo qualche prova usando vecchi muletti ma non ho certo la possibilità di finanziare la realizzazione di una macchina intera!

Per quanto riguarda le licenze, sto scoprendo che sono meno un problema del previsto... Vray ad esempio è utilizzabile su diversi computer avendo a disposizione una singola licenza... Per mental ray sto cercando di capire, ma per tale motore c'è anche un'altro vantaggio! Supporta il render in rete cross platform... cioè si possono usare nodi con sistema operativo linux. Non male eh!?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh per 6 macchine sia MR che VRay sono coperti con 1 sola licenza... Fryrender copre 3 macchine, per Maxwell non ricordo ma anche questo è crossplatform con Linux...

Ci farai vedere poi come hai risolto? Sono curioso... ^_^

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Algo: sei sicuro di ciò che dici? Non ne sono mica certo! Ad esempio se lo compro con max che abbia 1, 2, 4, 8 core li costa uguale!! Sempre max ho comprato!

Ad ogni modo sto cercando un contratto di licenza ma caspita faccio fatica...

Grazie simone per l'informazione su fryrender e maxwell.

La cosa era molto più sepmlice di quanto pensassi.. in sostanza si possono collegare in parallelo i cavi di accensione provenienti da ogni scheda madre.

Ora mi serve una scheda che distribuisca l'alimentazione... deve prendere in imput i due 24pin ed i quattro 8pin provenienti dagli alimentatori, e dar fuori 6 24pin e 6 8 pin. Pert un eventuale 10pc dovrebbe avere 3 imput e 10 output. Più i sata ovviamente... ed i molex per le ventole...

La scheda non è difficile da fare, il problema è che deve supportare, in versione 6pc, circa 1000w continui e tener botta ad almeno 2Kw... ed in versione 10pc dovrebbe supportare 1800w continui...) Non pochi per uno stampato...

Inoltre deve avere almeno sugli imput il connettore femmina uguale a quello della scheda madre (dove lo trovo?). E infine servono cavi maschio-femmina con i connettori tipici 24pin e 8pin.

Mi rivolgerò a qualche autarchico laboratorio artigianale veneto :D :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...