Vai al contenuto
papafoxtrot

Il Caso Intel - Antitrust Ue

Recommended Posts

Inviata (modificato)

So che non è questo il luogo più adatto a queste discussioni ma, trovandoci in un modo o nell'altro, chi per lavoro, chi per diletto, chi per passione, a contatto con il mondo dell'hardware in genere, ritengo che molti di noi possano essere interessati a leggere un articolo esplicativo sulle vicende che hanno portato alla grande decisione ed alla ormai nota sonora multa che l'antitrust ha notificato al noto produttore:

http://www.hwupgrade.it/articoli/cpu/2203/...-faq_index.html

Ritengo fra l'altro giusto che gli utenti vengano a conoscienza di pratiche illecite così gravi nei confronti loro e della concorrenza.


Modificato da papafoxtrot

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
"La Commissione Europea ha imposto una multa di €1,06 miliardi ad Intel Corporation [...]

[...] Il mercato mondiale delle CPU x86 muove un valore di circa 22 miliardi di euro all'anno, con l'Europa che ne genera il 30% circa. "

penso che la multa non servirà poi a tanto...

;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo non credo sarà risolutiva, ma sono dell'idea che stando così le cose se la sono meritata e sia anzi poco. Spero in una decisione simile da parte dell'antitrust degli USA e in un risarcimento ad AMD.

Ricordiamoci che molto probabilmente una parte dei problemi che sta avendo AMD da 2-3 anni a questa parte sono collegati alle difficoltà di produrre vendite quando effettivamente poteva farlo, e cioè dal 2002, quando aveva ottime cpu e una concorrenza tecnologicamente inferiore. Credo che con profitti maggiori (e non di poco) in un periodo così lungo lo sviluppo di nuove architetture sarebbe stato estremamente avvantaggiato.

Senza contare comunque la scorrettezza nei confronti degli utenti... Chi il computer se lo fa non ha avuto grandi problemi ma davvero trovare un pc con amd nella grande distribuzione era come cercare un ago in un pagliaio e per i portatili era praticamente impossibile...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho seguito anch'io la vicenda su hwupgrade, la cosa è veramente gravissima, come dice Papa negli anni 2002 2003 amd era fortissima, con i suoi processori a 64bit, che non hanno visto nessuno sviluppo software x64 fino a quando Intel non ha raggiunto la controparte AMD. Microsoft fino a quel momento non ha sviluppato un OS a 64 bit, e i programmi vari sembravano in attesa... di Intel. Quindi oltre al danno recato ad AMD (gravissimo) siamo stati danneggiati tutti noi.

Stesso discorso vale per la licenza x86, che spero venga annullata dalla corte USA, è arrivato il momento di dare libera concorrenza al mercato cpu, (Nvidia, Via e altri) è inpensabile che solo Intel possa costruire processori x86, e AMD per farlo paga l'ira di dio di royality ad intel...

vi immaginate se AMD dovesse fallire? Intel potrebbe vendere un i920 a 1500 euro, chiunque voglia un pc sarebbe costretto ad acquistare intel al suo prezzo...

speriamo bene <_<

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Intel ha già pronto il ricorso...sarà l'ennesimo processo infinito :)

p.s. è passato al senato il decreto che prevede l'introduzione delle class actions anche in Italia ;) questa è un ottima cosa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In pratica Intel pagava i produttori per far montare le loro cpu, e poi si faceva pagare AMD per produrre cpu che non avrebbe venduto... :lol:

Tuttavia non vedo alcun pericolo di cpu a €1500, attualmente AMD non può competere con i 920 e questi ultimi costano lo stesso €230, nel campo dei netbook esiste solo Intel (vabbè ha debuttato ION di nVidia ma insomma), e le piattaforme Atom costano €80 complete. E sinceramente non vedo colpe di Intel nell'incapacità di AMD di produrre cpu competitive, loro hanno toppato con Phenom perché hanno sbagliato il progetto e inizialmente avevano anche sbagliato produzione con cpu fallate fin dalla fabbrica. Perché quando hanno voluto con i Phenom II ce l'hanno fatta a fare buoni processori e sugli Opteron sono sempre rimasti molto competivi rispetto agli Xeon e se andate a vedere la classifica del top computer la maggior parte monta Opteron. Ora Intel ha prodotto Nehalem e probabilmente guadagnerà anche in questo settore, se AMD non ce la fa è per sua incapacità non certo per altro IMHO.

Tra l'altro AMD ha sempre prodotto piattaforme a prezzi bassissimi, e se se li può permettere ci sarà un motivo considerando anche che paga la royalty ad Intel...

Tra l'altro è fin troppo evidente che una società come Microsoft ha molto più mercato di Intel ma ha preso una multa inferiore. Evidentemente il comportamento in Silicon Valley è stato veramente grave per le leggi europee.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Tra l'altro è fin troppo evidente che una società come Microsoft ha molto più mercato di Intel ma ha preso una multa inferiore. Evidentemente il comportamento in Silicon Valley è stato veramente grave per le leggi europee.

il problema è un altro. Quando si entra in campo finanziario/economico, le ragioni di cosa è stato fatto realmente vanno un pò nel dimenticatoio. Mi spiego.

Le multe dell'antitrust sono molto di ragione politica. La dimensione delal multa è proporzionale a diversi fattori, alcuni quantificabili in cifre, altri "ipotizzati". A microsfot dare una multa di 1-2-3 miliardi non tocca se non per il fatto che scoccia sborsare e perde la faccia (ha una liquidità che supera sempre i 25-30, quindi non intacca il suo patrimonio e piani di sviluppo). Intel invece avrà dei problemi (non gravi, ma problemi nel breve periodo per obblighi futuri di contabilità) maggiori a pagare una cifra del genere nel medio termine (le multe non vengono pagate in una botta unica il giorno dopo e vengono contabilizzate realmente spalmate nell'arco di un anno circa o poco meno).

Quindi cosa significa: dare una multa a micro non arreca danno reale ma può provocare una sua reazione dal punto di vista commerciale. Dare una multa a intel, la obbliga a cambiare strategia commerciale per non incorrere in altre multe. In pratica, alzano il tiro con chi prenderà in considerazione l'atto dell'antitrust. Con chi sanno che "non si dispera" hanno la mano leggera.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Intel ha un fatturato di 27 miliardi di dollari, non penso che andrà fallita se gliene levano 1,5... E anche se dovesse perdere il 10% del mercato smettendola di fare i giochetti ugualmente non penso che andrà fallita o sarà costretta a licenziare dipendenti. Caso mai ci guadagna AMD che così respira.

E la cosa non è peregrina perché i prezzi delle piattaforme AMD come detto sono bassi ed Intel può reggerli solo facendo concorrenza scorretta, tenendoli leggermente più alti per il mercato al dettaglio. Forse così facendo anche noi utenti "assemblatori" potremmo guadagnarci un cinquantone, perché Intel può abbassare i prezzi delle sue cpu come e quando vuole, e da 3 anni a questa parte le sue cpu sono migliori.

Staremo a vedere, anche quali saranno le motivazioni che Intel porterà nel suo ricorso... ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)
Intel ha un fatturato di 27 miliardi di dollari, non penso che andrà fallita se gliene levano 1,5...

il fatturato non c'entra con la liquidità. La liquidità è quello che tu hai nel tuo conto in banca dopo aver speso tutto ciò che devi spendere (detto nel modo più volgare possibile). La intel non ha una liquidità così importante da poter pagare la multa senza avere fastidio nel breve termine (in finanza il "breve termine" s'intende 2-4 mesi). Purtroppo, la borsa è molto sensibile alle trimestrali di bilancio (cosa che dovrebbero eliminare perchè blocca gli sviluppi) e una perdita di tale portata non è assorbibile nel bilancio trimestrale senza riscuotere un giudizio negativo da parte degli investitori.

Per questo ho detto: le multe dell'antitrust sono di ragione politica, non economica. Queste multe fanno più danni con le ripercusioni borsistiche che direttamente di bilancio. L'intel soffrerià di più rispetto a microsoft su qeusto piano ed ecco perchè dovrà stare più attenta.

Bisogna estraniarsi dal porblema "è mgliore questa o quelal ha i prezzi più bassi" perchè purtropo non c'entra nulla ocn la finanza. Si lavora a un'altro piano, purtroppo. Dopo 10 anni in cui "gioco" a questo gioco, ho ancora difficoltà a cpaire certi meccanismi di questa natura :wacko:


Modificato da icer

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Credo proprio che icer abbia ragione, soprattutto se si tiene conto del fatto che, stando alle risposte pubblicate da hwupgrade la multa dovrà essere versata nbel giro di 3 mesi dalla sua notifica (avvenuta 3 giorni fa). In caso di ricorso la multa sarà comunque versata su un conto bloccato. Intel dunque i soldi li tira fuori comunque. Poi in base al verdetto finale sarà la UE o intel o entrambi ad incassare i soldi depositati.

Credo che intel quel miliardo di euro li avrebbe ben più volentieri investiti in ricerca e sviluppo... Grosso modo è quello l'ordine di grandezza degli investimenti fatti in questo senso da ditte di quel calibro. In questo senso è un a cifra enorme! Senza appunto contare il fatto che sicuramente avrà obblighi nei confronti di altre banche e altre aziende che potrebbero divenire difficili da rispettare ed una risposta negativa della borsa.

Certo intel non fallirà per tutto questo; non sarebbe fallita neanche se avesse operato in modo leale e trasparente d'altra parte!

Per quanto riguarda il fatto che AMD non è stata in grado di produrre buone cpu: credo che se in quei 5 anni AMD avesse riscosso gli utili che si meritava per i buoni prodotti che offriva, ora sarebbe in una condizione diversa. Un buon profitto consente di investire in R&D, dunque di affinare arhitetture, cambiare processo produttivo, aggiornare le fabbriche, insomma arrivare se non altro prima sul mercato con ild prodotto adatto... Immagini, Simone, come sarebbero andate le cose se AMD si fosse presentata nel 2006 con il phenom un po' migliore di com'era e nel 2007 con il phenom II a 45nm che c'è ora? Pare poco.... Uscire un anno prima con un processore del genere avrebbe fatto la differenza, avrebbe avuto cpu molto competitive.

E senza contare questo prova a pensare se nel periodo athlon 64 avesse guadagnato la quota di mercato che le spettava... anche avesse avuto poi un periodo nero con cpu inferiori alla concorrenza avrebbe comunque potuto garantirsi un volume di vendita superiore. Le percentuali di vendite non cambiano mai bruscamente... Perdere il 10% del mercato partendo dal 25% o perdere il 15% del mercato partendo dal 40% non sono certo la stessa cosa!

Ed il ritorno d'immagine? I P4 facevano letteralmente schifo eppure la gente voleva solo quelli, perché solo di quelli si sentiva parlare! E se anche avesse vuoluto altro, in molti casi non avrebbe potuto! E' chiaro che il ritorno di immagine per Intel è stato comunque enorme... nessuno sapeva che in realtà produceva autentica me...

Fa davvero pensare in questo senso il fatto che AMD non abbia potuto nemmeno REGALARE le sue CPU, perché accettandole i rivenditori avrebbero perso sul piano della concorrenza con tutti i loro prodotti basati su intel, dovendo acquistare le cpu intel a prezzi superiori ai concorrenti che loro malgrado si adeguavano alla concorrenza sleale di quest'ultima!

Ed è giustissimo ciò che ricorda Kris... i software a 64bit? XP a 64bit è stato disponibile commercialmente dal 2005 mi pare, lo stesso per le versioni server! Una cosa inaudita! Non ci credo che microsoft sia arrivata così in ritardo rispetto alla concorrenza (linux e macosX tiger).

Intel ha lo strapotere sui netbook? Infatti era concorrenza sleale anche li! Vendeva il solo procesore ad un prezzo superiore all'accoppiata processore + chipset! Cosicché chi volesse comprarsi il chipset ion dovrebbe pagarlo tuttoin più, anche comprando da intel chipset + cpu e buttando il chipset...

E le piattaforme puma/spider? I turion X2 ultra? Sono fuori ormai da un anno ma come mai solo da questinverno sono effettivamente in vendita?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Erano cose che un po' si sapevano da tempo queste... ma da una parte avevano più la parvenza di voci, di accuse solo in parte fondate, dall'altra non avrei mai pensato che i fatti fossero così gravi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

conseguenze ...

Le scelte di Dell per quanto riguarda i processori in dotazione sui prodotti professionali porta a qualche riflessione in merito ai possibili cambiamenti del percorso di AMD dopo la condanna comminata ieri a Intel da parte della Commissione Europea. In seguito alla condanna di Intel, il sito Cnet ha intervistato telefonicamente il responsabile alla produzione per i computer business di Dell al fine di fare il punto sulla percentuale di prodotti AMD presenti nel listino dell’azienda americana, e la risposta è particolarmente interessante.

Darrel Ward ha infatti risposto che attualmente la sua divisione di Dell ha a listino un solo desktop con tecnologia AMD e nessun notebook, ma se gli si dovesse riproporre la stessa domanda fra un anno, alla luce della sentenza della Commissione Europa, probabilmente la risposta sarebbe differente. In particolare, ha proseguito, Dell deve cercare di ottimizzare il portafoglio prodotti basandosi sia sulla domanda degli utenti sia sulla scelta dei prodotti che garantiscano all’azienda il migliore ritorno di investimento.

A questo punto il giornalista ha fatto notare che la precedente affermazione lascerebbe adito a pensare che Dell abbia accettato i consistenti sconti offerti da Intel alle maggiori aziende per escludere AMD dal mercato, ma ovviamente l’intervistato evita una risposta diretta, dicendo che non sa rispondere, ma presume che non sia così, e che Dell abbia semplicemente predisposto quelle che ritiene le configurazioni migliori per le esigenze dei suoi clienti.

Per capire perché AMD sarebbe meno competitiva e perché un’azienda come Dell punterebbe tutto su Intel e non su AMD, il giornalista di Cnet ha contattato il CEO e direttore delle ricerche, che ha dapprima elogiato la magnificenza dei prodotti Intel ("Intel's manufacturing is so superb”), poi ha spiegato che di fatto Intel ha una vantaggiosa economia di scala, che è uno dei suoi maggiori punti di forza.

Il CEO ha anche precisato che nel corso degli anni ci sono stati molti produttori che hanno cercato di prendere il posto di Intel dicendo che il loro prodotti erano più convenienti quando invece non lo erano, e a titolo di esempio cita Transmeta e Cyrix; AMD è l’unica ad “esserci andata vicino”.


Modificato da arri

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh si, c'è la borsa di mezzo, a questo non avevo pensato.

Sul fatto che buoni progetti si possano fare solo avendo tanti soldi in tasca non sono per niente d'accordo... I buoni progetti escono se hai buone menti in casa, basta guardare la differenza che oggi passa tra Ferrari e BrawnGP (il solito paragone motoristico! ^_^ ) per capire che il budget non è tutto.

Certamente AMD non avrebbe mai potuto investire 7 miliardi di dollari per aggiornare il processo produttivo, ma AMD non ha 5 fonderie (non le aveva neanche prima del 2002)... Eppure le cpu le sapevano fare meglio di Intel. Il progetto Phenom è fallito perché è stato pensato male, ed è stato pensato male non perché mancano i soldi ma semplicemente perché non è un buon progetto. Punto. Questo ha bruciato il loro mercato in parte, non certo solo la concorrenza sleale di Intel. A testimonianza di questo ricordo nuovamente che i progetti Opteron sono ottimi, estremamente concorrenziali e migliori di quelli Xeon (almeno fino ad oggi), e questo nonostante tutto ciò che è stato detto.

Per quanto riguarda i prodotti, sappiamo tutti che c'è un gioco politico dietro... Inutile farsi domande logiche perché quello che sta dietro non è logico... I motori non a benzina (tipo quello ad acqua della Lancia se non erro) esistono da decenni eppure il progetto è chiuso in un cassetto. Mi sembra inutile spiegare il perché...

La UE ha fatto bene a far venire fuori una roba del genere ed a comminare una multa che entra nella storia ed è finita sulle pagine di tutti i giornali del mondo, ora vedremo come reagirà Intel ma penso proprio che per loro questo 2009 sarà molto lungo...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh siomone hai ragione solo in parte. Certo si possono avere montagne di soldi e sperperarli in un progetto che non rende e si può tirar fuori un gran progetto anche con un budget limitato.

Ma è assolutamente fuori discussione che, un ipotetico stesso team di sviluppo può spesso pervenire a risultati migliori e/o in meno tempo se ha più soldi a disposizione. E le fabbriche non si aggiornano da sole! I processi produttivi non migliorano da soli! Sono tutti processi che richiedono, fra l'altro, grossi investimenti e molti collaboratori.

Una buona disponibilità economica permette di assicurarsi i migliori cervelli della piazza, ad esempio, o comunque di assumere più lavoratori.

E' fuori di ogni dubbio che se amd avesse avuto il mercato che le spettava phenom II sarebbe disponibile da tempo.

E, ripeto, pur nella perdita avrebbe potuto mantenere un livello di vendite superiore.

Non dimentichiamo che molte persone non sanno neanche cosa sia amd... se questi avessero saputo, nel periodo 2002-2006 che questa produceva le migliori cpu x86 al mondo probabilmente ora la condizione sarebbe diversa.

Poi certo non sono qui a fare l'avvocato di AMD, che ha già la sua schiera. Ricordiamo che questa è solo la sentenza dell'antitrust. Segue quella già applicata dall'antitrust giapponese, sud coreano e mi sembra olandese (o danese??), e sarà molto facilmente seguita dalla sentenza dell'antitrust USA che dovrebbe esprimersi a breve (mi sa che sarà una bella botta anche li)... ma non risarcisce in alcun modo AMD ne ha lo scopo di garantirne i diritti. L'antitrust nasce unicamente come garanzia dei diritti dei consumatori.

Altre cause sono in corso in tribunale fra AMD ed intel al fine di ottenere, quasi sicuramente, un risarcimento.

Ad ogni modo credo che il ritorno di immagine per intel sia comunque già così disastroso: gli azionisti, i consumatori, ed anche i produttori, ora che, si spera, saranno più liberi di scegliere i prodotti che credono.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

No ma su questo non c'è dubbio... Solo dicevo AMD avrebbe potuto aggiornare tutte le fabbriche del mondo alle ultimissime tecnologie e faceva produrre loro un progetto ciofeca, e questo non lo poteva cambiare nessuno. Coloro che hanno progettato il Phenom erano probabilmente gli stessi che avevano già lavorato sui K8, K10 e compagnia bella: prima erano bravi e poi sono diventati ciocchi perché avevano pochi soldi? No, semplicemente hanno sbagliato progetto, può capitare... E per rimettere mano ad un progetto non contano tanto le fabbriche aggiornate prima, bisogna ridisegnare l'architettura, correggere eventuali bug, insomma rifare da capo... Tornando all'esempio di prima, non credo che McLaren e BMW abbiano un budget inferiore a quello Ferrari, eppure hanno sbagliato progetto e non riescono a correggere quello iniziale... E non è incompetenza, perché i primi sono campioni del mondo in carica...

Può capitare di toppare un rendering, metterci mano è doloroso, ma non è che se hai sotto un i7 ti esce bene... Certo lo rirenderizzi prima probabilmente di un quad, questo è indubbio, ma parliamo di qualche mese, non di un anno e passa, come ci ha messo AMD per rifare il Phenom salvo poi inventarsi quella roba che dire stupida è dire poco, degli X3: mi dirai, prendono gli X4 fallati in un core e lo spengono e non buttano la cpu, ma dal punto di vista del mercato sono un ibrido inutile.

Come è indubbio anche il fatto che tanta gente non come noi è rimasta in qualche modo fregata (ai tempi del P4), che molti dipendenti di AMD sono stati licenziati magari proprio a causa della concorrenza sleale di Intel e così via seguitando...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma certo, su questo non c'è dubbio.

Ciò che voglio dire è che il progetto in realtà non era un'emerrita ciofeca. I phenom II ora non van niente male e se fossero arrivati un anno prima sarebbero stati molto ma molto competitivi! AMD avrebbe venduto il top di gamma (l'attuale 950) a 500$, prezzo a cui si trovava il 9650, non a 250$ circa a cui tocca venderlo ora! E arrivare un anno prima sarebbe stato possibile evitando tutti i problemi produttivi che ha avuto fra l'altro ai tempi dei primi phenom 65nm (vedi due step sbagliati, bug della TLC...) all'epoca ci sarebbe stata tutt'altra concorrenza sui processori, ecco tutto. Ed ora forse avremmo core i7 più economici e phenom II un poco più veloci. Poi che AMD non avesse un progetto davvero vincente come lo sono stati i core 2 e i core i7 su questo non ci piove... Ma ripeto, sarebbe cambiata la concorrenza, le disponibilità sul mercato, la notorietà del marchio, la disponibilità anche di soluzioni AMD per portatili, magari avrebbero introdotto anche un simil-Atom, e infine non avrebbero perso clienti (molti) nel settore server non potendo produrre se non con due anni di ritardo quasi una cpu opteron quad core...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Intanto è arrivato l'appello presentato da Intel che chiede oltre all'annullamento della multa anche il pagamento delle spese legali: insomma l'azienda di Santa Clara rigetta in toto le accuse mosse a suo carico.

http://www.onehardware.it/17/09/2009/intel...litta-dalla-ue/

Secondo la stessa, risulterebbero anche dei comportamenti scorretti da parte della Commissione UE, che non avrebbe fornito uguali diritti nel giudicare la posizione dei due contenders (l'altro ovviamente è AMD).

Staremo a vedere.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ah si certo... come quella volta che hanno cancellato tutto lo storage di email interne giustificandosi con un "eh... non avevamo più spazio sugli hard disk"... :D :D

E' ovvio che stanno rpesentando il ricorso e probabilmente la multa sarà ridotta. Ma personalmente spero più che altro che comportamenti simili spariscano.

Eppure intel continua a vendere atom + chipset a meno soldi del solo atom... e così la piattaforma nvidia ion, che sarebbe un eccellente alternativa a quel vecchio disastro del 945G non riesce a diffondersi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo ovvio, ma se fosse vero che la UE ha impedito alla Intel di difendersi rispetto alle accuse mosse, sarebbe un atteggiamento dittatorio molto grave... Sul resto ovviamente siamo d'accordo, con un solo problema: che cmq alla nVidia non mancano i soldi ma evidentemente non può svendere i suoi pezzi... Intel può anche farlo, evidentemente perché punta sulla quantità... ION punta sulla qualità ed indubbiamente il suo prezzo deve per forza essere superiore.

Ma al di là di tutto, nessuno sa dell'esistenza della piattaforma VIA, in grado di consumare qualcosa come 1mV, non so se rendo quanto possa essere utile soprattutto in certi ambienti...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si simone, alla nvidia non mancano i soldi... ma non può mica pagare i produttori perché si prendano il suo chip!!

Capisci che non è un problema di sconto sul chipset intel, ma proprio di "pagare" percé i compratori non usino ion.

In sostanza il fatto è che se anche nvidia regalasse ION, noi acquirenti pagheremmo di più per averlo in luogo di un normale chipset intel... Sarà mica giusto no?

Simone ora è inutile che leggiamo tutti i ricorsi di intel... è ovvio che non dirà altro se non "UE cattiva, noii non abbiamo fatto niente e quelli ci fanno un miliardo di euro di multa", "stavamo solo facendo qualche sconticino", "senza neanche che potessimo rispondere ci hanno multato salatamente"...

Ora con l'appello avranno tutte le possibilità di difendersi che vogliono...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Certo, rimane solo il fatto che allo stato attuale addebitiamo ad Intel comportamento illeciti senza avere prove o documenti sui quali basarci... A noi non resta solo che sperare che queste cose non siano successe o almeno non in quei termini e che il mercato abbia fatto il suo lavoro senza essere troppo alterato da comportamenti poco consoni. Anche se purtroppo per ora il tutto sembra appunto poco giusto...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si simone... sta di fatto che hai mai visto un MAND al media-world?

Non dico sui portatili... guarda anche i fissi!

All'epoca degli athlon 64 x2 ti giuro che se volevi un amd lo dovevi prendere dal trippone in versione retail! Computer preassemblati con gli amd c'erano solo i sempron...

Capisci che se anche non sono io ad avere in mano le prove (e non credo che all'antitrust UE vadano a dare un miliardo di euro di multa senza avere uno straccio di prova) non fatico a credere all'accusa...

Se poi consideri fatti come la cancellazione delle intere comunicazioni interne ad intel, che erano state richieste dall'UE...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Diciamo che da MW non entro per partito preso, soprattutto se devo prendere un pc, quindi no non ne ho visti... :D

Io di pc targati AMD continuo a non vederne neanche nel negozio sotto casa oggi (né in tutti quelli in cui sono andato negli ultimi 2 anni post-2007, se non appunto Sempron o Athlon in pc di fascia extra-entry-level), che siamo nel 2009: non credo che sia una questione solo di privilegi, credo proprio che spesso sia una questione di forma mentis, esattamente come non è colpa della Microsoft se la maggior parte delle persone non vuole passare a Linux pure se è gratuito e fa le stesse cose che fa Windows (anche se magari a volte con programmi diversi). E permettini a volte anche di ignoranza, per cui si stabilisce che cmq Intel è più potente e quindi va montato quello (non è sempre così e cmq non è detto che conti solo la potenza).

Infine purtroppo come sai la giurisprudenza prevede diversi gradi di giudizio: come a volte capita, si sbatte il mostro in prima pagina salvo poi dimenticarsi di lui qualora venisse assolto. Quindi è evidente che ci sono cose che non tornano ma è altrettanto evidente che non necessariamente tutto è andato come dice la UE: o almeno, stando a quanto dicono gli avvocati di parte, che sono di parte esattamente come gli avvocati dell'accusa... ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh negli ultimi anni il motivo c'è se vedi più intel... va meglio, merita di vendere di pi§! Il problema era prima del 2007... quando il confronto era pentium 4 e peintum D vs athlon 64 e athlon 64 x2. Ovviamente dopo il 2007 non esiste neanche l'accusa... che motivo avrebbe avuto intel di pagare per scongiurare la vendita di un prodotto concorrente inferiore al suo?

Microsoft non è colpevole se la gente preferisvce il windows al linux. Anche io che il linux ho voluto provarlo, oltre ad esser stato obbligato ad usarlo in università, preferisco il windos... ci sarà pur un motivo no? Ecchediamine... è più semplice! Cosa devo, complicarmi la vita e passare i pomeriggi a smanettare sul linux per il gusto di smanettare e metterla sul naso a microsoft?

Pago quei 130 euro che sul costo di un omputer non sono per nulla tanti e mi prendo una licenza windows... visti i costi delle licenze attuali (sia rriva a 60 euro per un antivirus da comprare ogni anno) non credo proprio che i 130 euro del windows OEM siano una richiesta esosa...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

No infatti, ma secondo alcuni il fatto che la gente scelga Windows mette Microsoft in una posizione di dominanza sul mercato per cui la società sarebbe costretta di conseguenza a tagliar via dal suo sistema applicativi di base quali browser e player: la situazione diciamo è leggermente più complicata di quanto appaia, per questo ho fatto quel riferimento. Io Ubuntu sto imparando ad usarlo solo perché sul netbook per ora ci gira solo quello, altrimenti chi me lo farebbe fare di morire dietro il terminale ogni volta che qualcosa non funziona?

Ecco cmq rimane il fatto che oggi i Phenom II vanno praticamente uguale, scaldano di meno, consumano di meno, fanno meno rumore, eppure ugualmente vengono montati gli Intel anche per semplici applicativi da ufficio, dove non è necessario avere core a 4Ghz... Anche qui la cosa è più complicata insomma: non è facile stabilire fin dove si spinga l'illecito e fin dove tale illecito abbia danneggiato effettivamente AMD, e fino a giudizio definitivo se si possa effettivamente parlare di illecito oppure no. Certo le prove e le situazioni non sembrano lasciare molti dubbi, però ecco anche gli avvocati della difesa potrebbero avere le loro ragioni come le hanno quelli dell'accusa... Purtroppo noi siamo semplici spettatori, quindi non possiamo far altro che attendere ulteriori sviluppi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×