Jump to content
IlPrincipiante

Appassionati Di 3d(polarizzato E Non)cercasi!

Recommended Posts

Ciao a tutti,mi piacerebbe sapere se tra di voi ci sono appassionati o meglio ancora professionisti del 3d(non inteso come computergrafica ovviamente),in modo da poter scambiare info ed altro.

So che ci sono forum specializzati,ma questo è il forum che preferisco in assoluto,sia perchè tratta di 3d grafico che è la mia passione,sia perchè qui ho sempre trovato gente disponibile al dialogo e con altri interesessi affini al mondo del digital video.

Comunque,io mi occupo di stereoscopia da un paio d'anni e ho già ,insieme ad un mio socio,un piccolo service di ripresa proiezione.

Ciao ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma oggi è la moda della polarizzazione?

Potresti spiegarti meglio? In che senso appassionati / professionisti del 3D ma non computer grafica, intendi 3d fatto con cinepresa? o.O

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, è da un po' che mi sono interessato alla stereoscopia, ma purtroppo non ho i mezzi giusti per giocarci bene.

Da quanto ho visto, la miglior cosa finora è il polarizzato, preserva i colori (sempre che non ti diano gli occhialini misti) e il refresh a video non cambia.

Ho visto che stavano facendo dei monitor stereoscopici senza necessità di occhialini, penso che funzionino con delle microgriglie orientate alternativamente per entrambi gli occhi, ma i driver andavano solo su vista :\

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intendevo i filmati in tre dimensioni,ovvero quelli che danno l'illusione di profondità o di vicinanza rispetto all'osservatore.

Cio si puo' fare sia in computer grafica sia con telecamere opportunamente sincronizzate per riprendere simultaneamente.

Per quanto riguarda i monitor 3d ,credo che si basano su uno swap delle immagini ad almeno 60 fotogrammi ciascuno,filtrati appositamente da un pannello polarizzato in due versi e diviso nelle due metà del monitor.

Io utilizzo un sistema basato su 2 video proiettori e uno schermo metallizzato altamente riflettente,il tutto accompagnato ovviamente da occhiali polarizzati.

Tale tecnica si chiama polarizzazione passiva,proprio perchè la luce arriva polarizzata ma di rimbalzo,al contrario della polarizzazione attiva dove sono gli occhiali che occludo la visione dell'occhio destro(o sinistro)alternandosi all'occhio sinistro alla velocità consigliata di 120 fotogrammi al secondo(60 per occhio).

Share this post


Link to post
Share on other sites

interessante come cosa, magari puoi creare un filone di appassionati qui su treddi.com, che non sarebbe male. Puoi postare qualche info, immagine o video tanto per farci appassionare?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bah, in tal caso io lavoro in un laboratorio di ricerca dove queste cose sono all'ordine del giorno.

Se ti interessa.. www.percro.org, sei libero di venirci a trovare quando ti pare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Intendevo i filmati in tre dimensioni,ovvero quelli che danno l'illusione di profondità o di vicinanza rispetto all'osservatore.

Cio si puo' fare sia in computer grafica sia con telecamere opportunamente sincronizzate per riprendere simultaneamente.

Per quanto riguarda i monitor 3d ,credo che si basano su uno swap delle immagini ad almeno 60 fotogrammi ciascuno,filtrati appositamente da un pannello polarizzato in due versi e diviso nelle due metà del monitor.

Io utilizzo un sistema basato su 2 video proiettori e uno schermo metallizzato altamente riflettente,il tutto accompagnato ovviamente da occhiali polarizzati.

Tale tecnica si chiama polarizzazione passiva,proprio perchè la luce arriva polarizzata ma di rimbalzo,al contrario della polarizzazione attiva dove sono gli occhiali che occludo la visione dell'occhio destro(o sinistro)alternandosi all'occhio sinistro alla velocità consigliata di 120 fotogrammi al secondo(60 per occhio).

Per il monitor, dubito che sia diviso a metà, altrimenti vedresti solo metà immagine per volta invece che intera, penso sia proprio un lavoro dedicato pixel per pixel e senza switch per occhio, ma potrebbe anche essere che ci sia un pannello a cristalli liquidi polarizzato, che alterni le polarizzazioni. E cmq questo discorso è per i monitor con occhialini. Quello che dico io, ti metti davanti senza nulla e vedi in stereo, ma ovviamente stando entro una certa posizione

Ho provato la polarizzazione passiva e mi sembra ottima, anche se gli occhiali erano sia polarizzati che anaglifi :\ quindi il colore non era perfetto, invece quella attiva mi ha fatto venire un po' di mal di mare, forse il refresh non era proprio di 60hz.


Edited by Wolf 3D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per il monitor, dubito che sia diviso a metà

È una tecnica comune quando si ha una scheda con due uscite (per pilotare due proiettori) di creare un unico desktop in span in maniera di avere due desktop normali affiancati. A quel punto si divide il desktop a metà e ogni metà va su un uscita diversa.

Immagino volesse dire questo.

I monitor autostereoscopici invece non li ho ancora provati, li ha visti un mio collega all'eurograph dell'anno scorso e me ne ha parlato bene.

Tale tecnica si chiama polarizzazione passiva,proprio perché la luce arriva polarizzata ma di rimbalzo,al contrario della polarizzazione attiva dove sono gli occhiali che occludo la visione dell'occhio destro(o sinistro)alternandosi all'occhio sinistro alla velocità consigliata di 120 fotogrammi al secondo(60 per occhio).

A dire il vero si chiama stereo passivo perché non c'è niente in "movimento", mentre l'altro lo stereo attivo gli shutter glasses si scuriscono e si schiariscano di continuo, in questo caso la polarizzazione non c'entra niente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch'io appassionato di stereografia ;) , ogni tanto giocherello con degli occhialini ELSA anni '90 con le lenti a cristalli liquidi e appena ho un attimo di tempo mi studio per bene come realizzare filmatini stereo con 3D studio...avevo provato creando due telecamere ecc....ma non era riuscito....:(

Share this post


Link to post
Share on other sites
A dire il vero si chiama stereo passivo perché non c'è niente in "movimento", mentre l'altro lo stereo attivo gli shutter glasses si scuriscono e si schiariscano di continuo, in questo caso la polarizzazione non c'entra niente.

Si ,hai ragione mi sono espresso male,infatti con gli shatter glass ,non esiste polarizzazione in quanto il principio si basa appunto su "apertura/chiusura" delle lenti in modo alternato.

Comunque ,altra cosa molto interessante ma mooolto costoso è il sistema a sigolo proiettore polarizzato!Bellissimo,al suo interno ha uno switch per le lenti polarizzate che va a 100 frame per occhio!

Ali livelli comunque!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti!!

Anche a me son sempre piaciute queste cose.. e quindi seguo interessato! -_-

A tal riguardo, vi chiedo una cosa..

Tempo fa, su un canale RAI, in una trasmissione (che naturalmente non ricordo il nome... <_< ) facevan vedere un filmato, il quale guardato con occhiali da sole con una sola lente sembrava appunto apparire in 3d

Parlavano di ritardo dell'occhio con la lente scura rispetto all'altro senza... ma non ci ho capito niente.. :lol: :lol: :lol:

Altra domanda: oltre a "prendere in prestito senza ritorno" presso cinema o parcogiochi (tipo GardaLand..), dove si trovano gli occhiali per vedere in "stereo"?

E che differenza c'è tra quelli con le lenti bicolori e quelli con le lenti nere?

Grazie

Ciacciao :hello:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao a tutti!!

Anche a me son sempre piaciute queste cose.. e quindi seguo interessato! -_-

A tal riguardo, vi chiedo una cosa..

Tempo fa, su un canale RAI, in una trasmissione (che naturalmente non ricordo il nome... <_< ) facevan vedere un filmato, il quale guardato con occhiali da sole con una sola lente sembrava appunto apparire in 3d

Parlavano di ritardo dell'occhio con la lente scura rispetto all'altro senza... ma non ci ho capito niente.. :lol: :lol: :lol:

Altra domanda: oltre a "prendere in prestito senza ritorno" presso cinema o parcogiochi (tipo GardaLand..), dove si trovano gli occhiali per vedere in "stereo"?

E che differenza c'è tra quelli con le lenti bicolori e quelli con le lenti nere?

Grazie

Ciacciao :hello:

Al cinema uci li paghi e li porti a casa sempre gli occhiali , cmq non esistono solo quelli a lenti colorate o nere, ne esistono molti tipo , tipo attivi a cristalli liquidi otturatori(quelli che uso io) oppure ad esempio quelli del vecchio VFX1 costituite da piccoli display lcd direttamente ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao.

Nella mia azienda mi hanno dato l'incarico di informarmi riguardo alla stereografia.

Attualmente possediamo uno schermo ZScreen 2000 con i relativi occhiali polarizzati.

Sono riuscito a visualizzare alcuni video in stereo 3d o alcuni esempi della Nvidia GeForce...

Sei a conoscenza di qualche software per visualizzare in stereo 3d file .obj o .vrml?

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao pure io mi sto interessando alla cosa! In special modo alla stereografia con gli occhiali attivi... uso 3ds e con una plugin free XIdMary sto piano piano tentando di fare qualcosa, ma ottenere effetti soddisfacenti non è semplice, se avete suggerimenti o avete provato questa plugin e avete qualche link interessante da condividere ben venga, mi aggiungo alla discussione pure io!

Ciaoooooooooo

Share this post


Link to post
Share on other sites
...A tal riguardo, vi chiedo una cosa..

Tempo fa, su un canale RAI, in una trasmissione (che naturalmente non ricordo il nome... <_< ) facevan vedere un filmato, il quale guardato con occhiali da sole con una sola lente sembrava appunto apparire in 3d

Parlavano di ritardo dell'occhio con la lente scura rispetto all'altro senza... ma non ci ho capito niente.. :lol: :lol: :lol: .. :hello:

Trattasi dell'effetto Pulfrich. Più che vera stereoscopia è un illusione ottica che sfrutta, come per appunto dicevi, il ritardo delle immagini nell'occhio. Diciamo che l'occhio su cui applichi la lente scura vede "più rallentato" e la differenza tra quello che vedono i due occhi da la sensazione di profondità. Quasi nessuno, neanche tra gli appassionati degli anni 70, se lo ricorda ma il cartone animato Remì era girato e trasmesso proprio con quell'effetto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...