Jump to content
Sign in to follow this  
Simone82

Guida All'overclock Delle Schede Video

Recommended Posts

Le prestazioni di un pc sono regolate dalla frequenza alla quale lavorano le componenti interne. Di seguito si vedrà come operare per aumentare le frequenze di una scheda video.

Teoria

Prima di cominciare ecco in breve come lavora una scheda grafica: il colore del pixel dello schermo o il carattere di un testo è contenuto in una locazione di ram, il chip grafico legge in sequenza queste informazioni per inviarle al RAMDAC, deputato a generare il segnale video che verrà visualizzato sul monitor. L'aspetto finale della superficie di un oggetto è determinato dallo shader, un set di istruzioni soggetto alle specifiche dello stream processing: da poco più di 2 anni (dalle GeForce 8 series e Radeon HD2 series in poi), le tre tipologie di shader utilizzate dalle librerie grafiche DirectX e OpenGL sono diventate 1 sola (per essere compatibili con le DirectX 10 incluse in Win Vista), dando così origine all'Unified shader model, o anche Shader model 4.0. Gli shader unificati consentono una migliore gestione dell'hardware di elaborazione, in quanto ognuno di essi è in grado di eseguire indifferentemente il set di istruzioni di ognuna delle tre tipologie di calcolo precedenti.

Strumenti

Quali sono gli strumenti per praticare un buon overclock stabile e sicuro?

  1. Per prima cosa, bisogna aggiornare i driver del chipset, le DirectX e i driver video (in quest'ordine) alle ultime release
  2. Procurarsi l'utility di controllo GPU-Z
  3. Scaricare i software di monitoraggio RivaTuner ed ATI Tray Tools
  4. Installare i benchmark grafici Rthdribl (D3D9) e Crysis Bernchmark Tool

Per utilizzare l'ultimo bench è necessario procurarsi anche la demo del gioco, gratuitamente scaricabile dal sito del produttore (1,77Gb). Perché questi ultimi 2 software e non altri? Come nel caso dell'overclock dei processori, si possono trovare numerosi applicativi in grado di controllare la stabilità delle frequenze maggiorate: tuttavia, il Real-time High Dynamic Range Image-Based Lighting è uno stress-test notevole e Crysis rappresenta il gioco più pesante attualmente in circolazione. In ogni caso, anche programmi come RightMark, 3DMark o Aquamark (tutti D3D9) e 3DMark Vantage (D3D10) sono ugualmente validi per questo scopo e possono aiutare al termine a determinare l'incremento prestazionale ottenuto.

Pratica

Come nel caso delle cpu, l'overclock (di seguito OC) ha il compito di aumentare le frequenze del componente oltre i valori di base impostati dal costruttore/produttore. Similmente, non tutte le gpu sono in grado di raccogliere lo stesso OC praticato su identiche gpu, con una tolleranza che varia da pezzo a pezzo. In questo contesto verrà valutato il solo OC via software, non quello via hardware, che comporterebbe la modifica del bios, un'operazione che sebbene più efficace risulta molto più pericolosa (soprattutto a lungo termine): proprio per questo motivo, l'OC di una scheda video è operazione relativamente semplice che può non agire sul voltaggio della scheda ma soltanto sulle frequenze, ecco perché l'aumento di temperatura potrebbe essere relativo. Tuttavia bisogna fare attenzione, perché a meno di non possedere schede con dissipatore del produttore, i dissipatori stock del costruttore risultano generalmente poco performanti. Dunque, per prima cosa, attiviamo una sessione di benchmark per controllare l'attuale situazione della gpu: se notiamo temperature eccessivamente elevate (sopra gli 80°) già a default, si dovrà verificare la bontà dell'areazione del case, verificare che la posizione del dissipatore sia perfettamente aderente ed infine controllare lo stato della pasta termica, che non sia eccessivamente secca o di cattiva qualità. Quest'ultima operazione purtroppo può essere effettuata soltanto smontando fisicamente il dissipatore, operazione che oltre a poter invalidare la garanzia della scheda può determinare seri problemi in mani inesperte. Va detto in ogni caso che il software che agisce sulle frequenze è soggetto ad errori o crash (per bug, incompatibilità o altro), quindi la modifica non è mai permanente ma sempre temporanea (sebbene oramai tutti i programmi integrino funzioni di salvataggio e richiamo automatico dei settaggi di OC). Se non si vogliono correre rischi, si può acquistare direttamente una scheda overclockata dal produttore, ma in tal caso non solo si perde il bello del gioco, ma spesso si va anche a spendere di più.

Procedura

Esistono diversi software che permettono l'OC della scheda video: sia i driver nVidia che ATI contengono questa possibilità al loro interno (nascosta nel primo caso ma facilmente attivabile), entrambe le case inoltre hanno prodotto software proprietari come nVidia nTune, ma esistono anche software di terze parti come RivaTuner, ATI Tray Tools, PowerStrip o EVGA Precision Tools, compatibili con praticamente tutti i modelli di schede video attualmente in circolazione. Come detto in precedenza, in questa guida verranno utilizzati i 2 software maggiormente apprezzati.

rivatuner.th.jpg

Per cominciare, si proceda all'installazione di RivaTuner, attendendo al termine la costruzione del database dei driver; una volta aperto il programma, accedere nella voce driver settings al controllo "system settings" come mostrato in figura 1, spuntare la voce "Enable driver-level hardware overclocking" e selezionare il profilo "performance 3D" (2); fatto questo, le barre di scorrimento potranno essere spostate a piacimento (3): nel nostro esempio è possibile vederne soltanto 2 in quanto la Quadro FX560 è equipaggiata con chipset G73GL di vecchia concezione. Con le gpu moderne sarebbe apparsa una terza barra, relativa agli shader, la cui frequenza è linkata a quella del core con un rapporto di 2,5: è possibile disabilitare questo link, ma in tal caso la crescita prestazionale risulterà in ogni caso molto modesta. Fatto questo, bisogna selezionare la voce "Apply overclocking at Windows startup" (4) (io consiglio via startup folder e non tramite modifica al registro di sistema) affinché la modifica sia permanente e cliccare su save per salvare il nuovo profilo, quindi applicare il tutto tramite il pulsante apply in basso a destra. Ciò non è sufficiente, perché bisogna contestualmente abilitare l'avvio di RivaTuner al boot di sistema: la relativa voce si può trovare nel tab "settings".

Inizialmente è consigliabile applicare step di 20Mhz al core della gpu lasciando le memorie a default: ad ogni step sarà necessario far partire una sessione di RTH per almeno 15 minuti, contestualmente controllando le temperature soprattutto quando l'incremento sarà notevole. Il limite si può facilmente individuare quando, aumentato il core e avviato RTH, il sistema andrà in blocco. Una volta raggiunto il livello stabile desiderato, si proceda all'OC delle memorie: qui è possibile applicare inizialmente step anche di 50Mhz, finché non appariranno i primi artefatti come pixel neri, strisce indesiderate ed altri problemi gravi di visualizzazione; se invece si presentano problemi relativi alle geometrie, la colpa è degli shader, e la loro frequenza andrà contestualmente abbassata con quella del core; in tali casi, una volta tornati alla configurazione stabile precedente, si salga a step di 20-25Mhz. Sia nel caso del core che in quello delle memorie, alla fine per affinare al massimo l'OC si può salire gradualmente anche a step di 1Mhz. Personalmente ogni 2 steps eseguo una sessione del benchmark di Crysis, anche per valutare la bontà del guadagno. All'aumento delle frequenze corrisponde un aumento delle temperature: bisogna tenerle sempre sotto controllo. Generalmente si tratta di ventole tachimetriche controllabili via software: non sempre è possibile, ma in ogni caso attraverso il tab "fan" della finestra system tweaks è possibile impostare il regime rotazionale adeguato per il profilo 3D performance appena creato (si rimanda a specifiche guide su RivaTuner per come gestire i diversi profili di OC e i settaggi delle ventole, oltreché per tutte le impostazioni della scheda video controllabili via software).

Quando si saranno raggiunte le massime frequenze con stabilità comprovata dai benchmark e temperatura accettabile, non resta che lanciare delle sessioni con i giochi o programmi di uso quotidiano, per controllare che anche loro siano perfettamente stabili con le nuove frequenze: ad ogni errore rilevato, si dovrà pian piano ripetere la procedura descritta fino a trovare il nuovo limite stabile per il nostro computer. Per verificare infine la bontà del nostro lavoro, tramite GPU-Z è possibile verificare le nuove frequenze, la temperatura della scheda ed il regime rotazionale della ventola (espresso in percentuale rispetto al suo massimo).

Risultati

Alla fine del nostro lungo lavoro, è necessario verificare i risultati ottenuti sulla PNY Quadro FX560 (+PowerDraft su Win 7beta) raffreddata fanless con Arctic Accelero S2:

3DS Max ---> nessun miglioramento

Cinebench 10 ---> nessun miglioramento

AutoCAD 2009 ---> +30% in ambito 3D (con bench Cadalyst 5.1)

quadro350.th.png quadro525.th.png

Ciò è facilmente comprensibile in quanto la visualizzazione tridimensionale di AutoCAD è interamente a carico della gpu. In particolare, a fronte di un aumento delle frequenze del 50%, nella visualizzazione wireframe non si hanno sostanziali guadagni (+3%), il massimo vantaggio si ottiene nelle visualizzazioni nascosta (+45%) e concettuale (40%), qualcosa in più si ottiene anche nella visualizzazione realistica (20%). Nello specifico, è stato possibile verificare che un incremento di 50Mhz nella frequenza della RAM portava un beneficio di appena 2 punti sul risultato finale (stessa configurazione ma Ram a 700Mhz: total index score 290).

Non ho verificato le prestazioni nel 2D, ma siccome queste dipendono molto dalla cpu, è su questa che bisogna agire per migliorare le prestazioni in tale ambito.

Il massimo ottenibile via RivaTuner è proprio 525Mhz: tramite nTune è possibile arrivare molto più in alto, ma in pratica già intorno a 550Mhz la scheda mostrava i primi problemi. Inoltre i settaggi del bios sono stati mantenuti a default: aumentare la frequenza del PCIe oltre a poter provocare danni irreversibili sulla scheda, non porta alcun miglioramento neanche in AutoCAD: un bench a 110Mhz ha restituito gli stessi risultati del 100Mhz (a parità di frequenza della gpu).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ineressante il miglioramento in autocad, ammessoche le frequenze che hai raggiunto siano adatte ad un daily use: certo non si spiega come mai le prestazioni di autocad siano migliorate mente le altre no! A me comunque con un overclock le pretazioni del chinebench aumentano...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Devo verificare se miglioramenti simili si hanno anche con driver D3D normali... Inoltre è significativo come i programmi di grafica se ne stradisinteressino delle frequenze della ram, mentre almeno AutoCAD dipende da quelle degli shader (chissà se con l'architettura unificata migliora ancora, vedrò).

Cmq considera che a default sono a 38°, 43° durante il test di autocad, portandolo a quelle frequenze la gpu si alza di appena 2°, quindi penso che non ci siano particolari problemi, perché in ogni caso sono abbondantemente al di sotto delle temperature rilevate con il dissipatore stock.

Invece con Cine 3000 punti facevo prima e 3000 punti facevo dopo, idem con Max ma in questo caso me lo aspettavo perché risaputo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

IO con la hd3850 guadagno più di qualcosa col C4D anche se ora non so darti un valore preciso: si tratterà di circa 200 punti alzando di 100MHz il clock!

La memoria non conta un tubo comunque... questo ècerto.

Comunque si, con l'accelero le temperature sono sicuramente ottime: non ho ancora letto tutto, spero comunque che i voltaggi non siano troppo elevati!

Comunque è anche vero che quel chip nasce da un corrispondente geforce con frequenze superiori! Per cui almeno fino a quelle della geforce 7600 dovresti poter salire senza dubbi! Inoltre alcuni pixel shading sono disabilitati per cui la scheda dovrebbe consumate anche meno e potrebbesalire qualcosa di più anche li!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche a 525Mhz rimango abbondante sotto le frequenze della 7600GT. I voltaggi non sono stati toccati perché ho agito solo via software e RivaTuner (a differenza di ATI Tools) non permette di agire sui voltaggi: ecco perché a 550 comincio a piantarmi, in ogni caso non mi interessa direttamente, per i lavori che faccio uso molto wireframe dove non ci sono miglioramenti... Quando proverò la 3450 ti saprò dire che effetto ottengo... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...