Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
Laszlo

Aiuto:prototipare Da Rhino: Strumenti Per La Pulizia Della Mesh

Recommended Posts

Buongiorno a tutti i treddiani. Senza preamboli introduco subito il problema

Mi trovo tra le mani un modello in Rhino di uno scafo e di alcune strutture del ponte dal quale dovrei ottenere un file .stl valido per la prototipazione.

Preciso che normalmente modello tutto in poligonale, quindi con Rhino non mi trovo molto a mio agio

Fatto sta che meshando il modello di Rhino mi trovo una mesh assolutamente inutilizzabile, con più di 600 oggetti i cui vertici perimetrali non coincidono, quando addirittura la mesh non altera completamente tutti gli smussi (tutti gli angoli sono smussati) rendendo un ipotetico lavoro manuale di pulizia un'impresa improba.

Visto che credo che il passaggio da .3dm a .stl non sia l'unico a doverlo fare, anzi, immagino che gli utenti più avanzati utilizzino un qualche genere di strumento per automatizzare il processo... fosse anche una qualche operazione che mi permetta almeno di avere polisuperfici contigue meshate con vertici coincidenti.

So che le bacchette magiche non esistono, ma se dovessi sbagliarmi spero che ci sia qualche fatina buona tra di voi!

Grazie in anticipo per qualunque info vogliate darmi

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi è capitato + volte di dover esportare da rhino in poligonale e in alcuni casi ho trovato + comodo rimodellare (tutto o parte del modello), esportando delle curve da Rhino in iges per avere dei riferimenti + precisi possibili... però l'unica volta che ho esportato in mesh x la prototipazione l'ho fatto in automatico (con il preset al massimo) e non ci furono problemi x quanto la mesh era un casino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intanto grazie ad entrambi pe rle rapide risposte!

@Gurugugnola: purtroppo il file è un file di progetto, e quindi certamente non ottimizzato per la prototipazione. Questo include superfici sovrabbondanti e vertici non coincidenti su profili curvi, il che rende il modello purtroppo inutilizzabile....Ho importato la mesh risultante in modo e quando ho chiesto al programma di farmi vedere quali fossero i lati non condivisi mi sono spaventato....18000...ingestibili!

@algosuk: ottimo link...temo che il costo del software sia esorbitante. Hai idea di dove trovare un listino? Intanto ho fatto richiesta per il Trial, vediamo che mi dicono!

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me è capitato parecchie volte di realizzare prototipi da rhino ed ho sempre

ottenuto buoni risultati , a patto di seguire alcuni accorgimenti :

I server che realizzano tale servizio utilizzano sempre il file .stl

perchè è quello normalmente utilizzato dalle macchine nei vari processi di prototipazione rapida .

1) Avendo il modello in Rhino è meglio se riesci facendoti dare una mano magari

da un amico che lo conosca meglio , continuare la modellazione utilizzando le nurbs e non le mesh,

garantisce sicuramente risultati migliori ,perchè rhino converte molto bene dalle nurbs al file . stl (che è poligonale)

puoi tenere nella finestra di regolazione del file stl nella conversione un valore medio come quello indicato

di default in caso d' oggetti con prevalenza di linee tese perchè in caso contrario il file stl diventa enorme.

Rhino gestisce meno bene la conversione in mesh poligonali dando addito agli inconvenienti da te elencati.

2) Per ottimizzare meglio il file prima di convertirlo in stl , utilizza dal menu' analizza di Rhino l' opzione

di gestioni bordi evidenziando quelli aperti ed utilizzando se ci fossero delle facce aperte impercettibilmente

lo strumento unisci bordi ,perche il file stl funziona meglio se è chiuso, quindi è buona cosa assicurarsi

che lo sia , in caso contrario i server utilizzano per la maggiore appunto Magics come suggerito da Algosuk che ottimizza , ripulisce e chiude il file

perchè se non è perfettamente chiuso non viene postprocessato in macchina.

3) Se proprio non puoi rinunciare alla modellazione poligonale esiste uno strumento valido che viene utilizzato

da chi fa reverse engenering e riesce a convertire e correggere mesh scadenti poligonali in superfici accurate traducendole direttamente in stl. l' ho usato parecchie volte affidandomi a server esterni ,quando necessitavo partendo da mesh mediocri d' ottenere superfici morbide specialmente in soggetti organici. Il software è Geomacic se cerchi in rete trovi facilmente il link, è molto costoso e non so' se esiste una soluzione trial.

Considera però che se parti da una situazione disastrosa nemmeno quest' ultimo fà miracoli.

Il consiglio che ti do' come Gurugnola , quindi è di riuscire a fare tutto in Rhino.

Spero d' esserti stato utile.

Dream ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie ancora per la vostra sollecitudine e per l'articolata risposta. Il modello di Rhino è effettivamente un modello NURBS, il problema insorge quando lo faccio meshare e noto tutte le magagne....

Grazie alla tua risposta ho verificato tutti i bordi ed incomincio a capire che c'è qualcosa che non va nel modello. Tutte le polisuperfici sono disgiunte, e tutti i margini di contatto sono aperti...ecco perchè mi mesha in maniera così irregolare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
Aspetta! x

Ti piacerebbe rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità nel campo della computer grafica?

Iscrivendoti alla Newsletter riceverai subito una mail con le indicazioni per scaricare gratuitamente:

  1. Le immagini HDRI presenti su HDRI pro
  2. Una sequenza di 300 immagini HDRI generata da Luca Deriu tramite il programma Real HDR