Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
Pierfra

Renderfarm Homemade

Recommended Posts

Tempo fa giravamo per internet a studio e abbiamo trovato questo:

http://helmer.sfe.se/

pensiamo di farla.... che ne pensate??

con un calcolo approssimativo si riesce a fare con 1700 euro una mini farm di 6 q6600 4 gb di ram, che funziona come sei w.s. indipendenti..

che ve ne pare??

chiaramente non è un sistema alla pixar per fare i film di animazione però... sono sempre 24 processori..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella potenza! :o

Ma a quanto ho capito ci hanno fatto girare Fedora linux.

Solo Maya, XSI, Blender e poca altra roba gira nativamente su GNU/Linux. Cad, Max, Rhino e tutto il resto no, a meno che non venga emulato un ambiente windows e dubito nella stabilità del tutto...

Comunque il costo è veramente basso per un risultato del genere, wow :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bella potenza! :o

Ma a quanto ho capito ci hanno fatto girare Fedora linux.

Solo Maya, XSI, Blender e poca altra roba gira nativamente su GNU/Linux. Cad, Max, Rhino e tutto il resto no, a meno che non venga emulato un ambiente windows e dubito nella stabilità del tutto...

Comunque il costo è veramente basso per un risultato del genere, wow :D

si ma sono certo si possa installare anche win su tutti come penso faremo noi


Edited by Pierfra

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il progetto sembra bono e penso si possa fare.

Solo consiglio di fare attenzione al raffreddamento perché quel cabinet che hanno messo insieme mi sembra molto molto costretto. Lascierei un po' più d'aria eventualmente. E potrei consigliarti di usare cpu intel q8000 o q9000 se la differenza di prezzo non è molta, così da consumare meno.

Eventualmente aggiungere un dissipatore after market...

Share this post


Link to post
Share on other sites

uhmm...

con 1700€ puoi scegliere se farti una ws con 1 xeon e una quadro, oppure questo 24 core...

sarà che son cresciuto con art attack, che ho montato più mobili ikea io di molta gente, ma ti dico senza esitazione vai sulla seconda!!!

cavoli, sai che soddisfazione?! oltretutto i tempi di esempio di quel sito dicono che il fai-da-te conviene, sia come budget sia come prestazioni :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il progetto sembra bono e penso si possa fare.

Solo consiglio di fare attenzione al raffreddamento perché quel cabinet che hanno messo insieme mi sembra molto molto costretto. Lascierei un po' più d'aria eventualmente. E potrei consigliarti di usare cpu intel q8000 o q9000 se la differenza di prezzo non è molta, così da consumare meno.

Eventualmente aggiungere un dissipatore after market...

ma infatti il problema è solo quello.. lo pensavo anche io.. + che altro per render che durano una 10ina di ore no?? volevo chiederti se era possibile invece mettere per esempio un unico alimentatore, per tutti e poi come nella guida risolvessero il problema dell'accensione..

per il case non ci sono problemi.. abbiamo una cnc e ce lo costruiamo noi o cmq modificheremo l'helmer..

@ytsejam: dici 2003 con cluster.. ma non è meglio avere tante macchine tutte staccate??? così che si possano gestire meglio???

Share this post


Link to post
Share on other sites

ora stavo guardando i prezzi ed effettivamente Intel Core 2 Quad Q8200 2.33Ghz 4Mb FSB 1333 Box costa anche meno solamente penso che la componentistica di contorno ovvero ram, mobo etc costi d+.. quindi alla fine a conti fatti non conviene.. oltretutto ha meno cache, la metà.. il risparmio in consumo è sensibile?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si e no, però allora non capisco per niente l'inglese, scusate. Ma lui ha fatto questo con linux e con un file system di tipo nfs?

Sarà la mia scarsa conoscenza di certe cose, scusate se ho detto ca...e. Comunque ti seguo.

P.S. lui comunque non parla di un cluster? Per averlo in win, devi usare windows server cluster.


Edited by ytsejam

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao! Per l'accensione e spegnimento credo si operi dalla lan..come sulle reti delle aule informatiche per intendersi.

Per l'alimentazione... alimentarli tutti con un unico dispositivo non credo sia consigliabile: dovreste tagliare tutti i conduttori, montare una bella morsettiera e dividerli in 6, risaldare ogni cavo dentro un connettore uguale a quelli necessari per l'alimentazione (molex, 24pin e 4pin) e così collegarvi ad ogni componente. Certo non è possibile assicurare una stabilità dei voltaggi con tutte queste dispersioni ma poi se rompete l'unico ali rimanete di botto senza tutti i computer, mentre un fattore positivo delle renderfarm è che se anche se ne rompe uno il resto del sistema continua a lavorare... Comunque se voleste procedere per questa strada dovreste montare un bell'attrezzo da 1200w. Credo siano i più grossi per normali sistemi.

Quanto al processore: il q8200 costa circa come il 6600 ultimamente mentre l'hardware da scegliere è assolutamente lo stesso: tutte le schede madri da due anni in qua lo supportano e per la ram è sufficiente una normale ddr2 a 800MHz (basterebbe anche una 667). Per cui nessun costo aggiuntivo. Le prestazioni credo siano leggermente inferiori per cui sarebbe forse meglio optare per un q8300 se non è troppo costoso (ora guardo). Ti dico questo perché la differenza di calore prodotto è davvero sensibile e in un sistema così compatto sarebbe importante.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao! Per l'accensione e spegnimento credo si operi dalla lan..come sulle reti delle aule informatiche per intendersi.

Per l'alimentazione... alimentarli tutti con un unico dispositivo non credo sia consigliabile: dovreste tagliare tutti i conduttori, montare una bella morsettiera e dividerli in 6, risaldare ogni cavo dentro un connettore uguale a quelli necessari per l'alimentazione (molex, 24pin e 4pin) e così collegarvi ad ogni componente. Certo non è possibile assicurare una stabilità dei voltaggi con tutte queste dispersioni ma poi se rompete l'unico ali rimanete di botto senza tutti i computer, mentre un fattore positivo delle renderfarm è che se anche se ne rompe uno il resto del sistema continua a lavorare... Comunque se voleste procedere per questa strada dovreste montare un bell'attrezzo da 1200w. Credo siano i più grossi per normali sistemi.

Quanto al processore: il q8200 costa circa come il 6600 ultimamente mentre l'hardware da scegliere è assolutamente lo stesso: tutte le schede madri da due anni in qua lo supportano e per la ram è sufficiente una normale ddr2 a 800MHz (basterebbe anche una 667). Per cui nessun costo aggiuntivo. Le prestazioni credo siano leggermente inferiori per cui sarebbe forse meglio optare per un q8300 se non è troppo costoso (ora guardo). Ti dico questo perché la differenza di calore prodotto è davvero sensibile e in un sistema così compatto sarebbe importante.

uhm... non ho capito la storia dell'accensione e dello spegnimento.. hai un link???io parlo proprio del bottone per accendere e spegnere...

Si e no, però allora non capisco per niente l'inglese, scusate. Ma lui ha fatto questo con linux e con un file system di tipo nfs?

Sarà la mia scarsa conoscenza di certe cose, scusate se ho detto ca...e. Comunque ti seguo.

P.S. lui comunque non parla di un cluster? Per averlo in win, devi usare windows server cluster.

no no.. ma lui li fa funzionare così.. invece io contavo di usarli come se fossero tante ws separate.. insomma 6 win sei 3dsmax.. etc..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se vuoi puoi anche fare un bottone unico, però ti ritrovi che per spegnerli devi switchare da uno all'altro, che è comunque il peso maggiore! Purtroppo non ho un link e non sono neanche esperto di grosse reti... però credo proprio che se su uno dei pc che hai li (uno già presente che li controlli o uno di essi) installi windows 2003/2008 server, ci sia il modo per comandare l'accensione e lo spegnimento dei pc della rete dal sistema...

Per fare il bottone unico invece se hai schede madri tutte uguali puoi derivare il conduttore di imput da una delle schede, entrare nell'interruttore e all'uscita disporre un'altra bella morsettiera da cui ti diparti con un coduttore per computer, da infilare nel ritorno del consenso all'accensione.

In sostanza funziona così: quando la scheda madre è alimentata, uno dei due contatti a cui ti colleghi con la presetta a 2pin per il power switch è sempre in tensione. L'altro è collegato al primo attraverso il cavetto che è sezionato dall'interruttore.

Quando premi il pulsante fornisci un imput elettrico al secondo contatto che fornisce appunto il comando di accensione.

Se tu derivi il primo contatto da solo una delle schede, ammesso che le schede siano tutte identiche, puoi poi fornire a tutte lo stesso impu tatraverso un solo bottone.

Ma io darei l'accensione dalla rete...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se vuoi puoi anche fare un bottone unico, però ti ritrovi che per spegnerli devi switchare da uno all'altro, che è comunque il peso maggiore! Purtroppo non ho un link e non sono neanche esperto di grosse reti... però credo proprio che se su uno dei pc che hai li (uno già presente che li controlli o uno di essi) installi windows 2003/2008 server, ci sia il modo per comandare l'accensione e lo spegnimento dei pc della rete dal sistema...

Per fare il bottone unico invece se hai schede madri tutte uguali puoi derivare il conduttore di imput da una delle schede, entrare nell'interruttore e all'uscita disporre un'altra bella morsettiera da cui ti diparti con un coduttore per computer, da infilare nel ritorno del consenso all'accensione.

In sostanza funziona così: quando la scheda madre è alimentata, uno dei due contatti a cui ti colleghi con la presetta a 2pin per il power switch è sempre in tensione. L'altro è collegato al primo attraverso il cavetto che è sezionato dall'interruttore.

Quando premi il pulsante fornisci un imput elettrico al secondo contatto che fornisce appunto il comando di accensione.

Se tu derivi il primo contatto da solo una delle schede, ammesso che le schede siano tutte identiche, puoi poi fornire a tutte lo stesso impu tatraverso un solo bottone.

Ma io darei l'accensione dalla rete...

or ami cerco qualcosina per l'accensione da rete come mi hai detto...

per il resto prendo in considerazione l'idea di quell'altro processore.. effett se le prestazioni sono LIEVEMENTE INFERIORI.. e scalda molto meno...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Ciao, avevo già letto qualcosa su quel sito proprio su Treddi, seguo l'argomento....ovviamente mi interessa far girare Max...!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ne è stato già discusso diverse volte riguardo questa render farm "fatta in casa", ma hoo sempre nutrito forti dubbi a riguardo.

Già si possono avere problemi con un sistema fatto ad hoc, figuriamoci con un accrocco del genere in cui tyi ritrovi un groviglio di cavi disordinati.

Per non parlare poi del consumo di energia e del raffreddamento....

Non è che voglia scoraggiarti, anzi... però non cerdo si possa improvvisare così una render farm, e magari sull'articolo di cui hai messo il link mica ti dicobno tutti i problemi che hanno tutt'orae che hanno incontrato nel realizzarlo.

Inoltre mi pare una cosa abbastanza pericolosa tutto quel groviglio di prese, pensi che quell'attrezzo sia conforme alla normativa per la sicurezza? :lol:

Spero riusciate a farlo, ma non pensate sia così semplice.

ciao ciao e buon lavoro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mica è scritto da nessuna parte che verrà fuori un disordinato groviglio di cavi!

Basta mettere ordine! Certo che sia facile non lo dice nessuno e il raffreddamento non sarà da sottovualutare. Ma io non sarei così negativo se le cose saran fatte bene come credo.

Quanto alla normativa... Il computer lo puoi mettere dove vuoi! Anche sparpagliato sopra alla scrivania o dentro una scatola da scarpe! E di case moddati ne esistono tanti....Se poi esiste una normativa sui case... mi vengano prima a spiegare come fanno a rispettarla certi accrocchi che si vedono in giro... la settimana scorsa ho fatto manutenzione ad un computer il cui case non aveva alcuna ventola. E sul lato posteriore non era manco presente una griglia.

Il pc aveva due anni e montava un pentium D (processore notoriamente caldissimo, credo il più caldo della storia dei processori x86) e la proprietaria si lamentava che appena acceso il computer produceva un rumore immane... in sostanza anche in idle dopo un paio di minuti la ventola partiva a 4000 giri al minuto...E come se non bastasse un disco di polvere che ormai aveva superato lo stadio di costipamento e si avviava allegramente alla cementazione con l'aspetto tipico di una siltite ostruiva totalmente il dissipatore, o meglio, era adagiato sopra di esso, addossato alla ventola... Gli 80° in idle erano di default...

Per cui credo che a studiare un case con un minimo di criterio, anche se home made, si possa fare di meglio!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mica è scritto da nessuna parte che verrà fuori un disordinato groviglio di cavi!

Basta mettere ordine! Certo che sia facile non lo dice nessuno e il raffreddamento non sarà da sottovualutare. Ma io non sarei così negativo se le cose saran fatte bene come credo.

Quanto alla normativa... Il computer lo puoi mettere dove vuoi! Anche sparpagliato sopra alla scrivania o dentro una scatola da scarpe! E di case moddati ne esistono tanti....Se poi esiste una normativa sui case... mi vengano prima a spiegare come fanno a rispettarla certi accrocchi che si vedono in giro... la settimana scorsa ho fatto manutenzione ad un computer il cui case non aveva alcuna ventola. E sul lato posteriore non era manco presente una griglia.

Il pc aveva due anni e montava un pentium D (processore notoriamente caldissimo, credo il più caldo della storia dei processori x86) e la proprietaria si lamentava che appena acceso il computer produceva un rumore immane... in sostanza anche in idle dopo un paio di minuti la ventola partiva a 4000 giri al minuto...E come se non bastasse un disco di polvere che ormai aveva superato lo stadio di costipamento e si avviava allegramente alla cementazione con l'aspetto tipico di una siltite ostruiva totalmente il dissipatore, o meglio, era adagiato sopra di esso, addossato alla ventola... Gli 80° in idle erano di default...

Per cui credo che a studiare un case con un minimo di criterio, anche se home made, si possa fare di meglio!

si si.. infatti è quello che abbiamo pensato pure noi. poi avendo una CNC possiamoc ostruircelo in quasiasi materiale come meglio pensiamo..anzi.. si accettano consigli e idee.. i cavi e il groviglio del post penso siano dovuti al workinprogress.. non è detto mica come hai soprascritto anche tu che per forza ci debbano essere fili che si intrecciano in quel modo barbaro.. basta usare un minimo di criterio.. poi per la normativa.. bha.. mai sentita una cosa simile.. se è tutto in una scatola di alluminio da 3mm e traforata per d+... dov'è il problema? anzi.. tu che pensi??? una parete continua e bucherellata con una spugna tipo quelle che vendono per le ventole a fare da filtro? a limite due lati.. quello sopra e un laterale???

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dunque parliamo del cabinet: pensate di disporlo come hanno fatto sul wip indicato?

La disposizione è molto compatta: le schede madri bloccano l'aria calda non lasciandola salire e questo può essere positivo, nel senso che ogni pc avrà la sua aria di raffreddamento e anche quelli piuù iin alto non dovranno acconterntarsi dell'aria riscaldata da quelli sotto. Per contro ognuno dei sei computer richiederà una ventola oltre a quella dell'alimentatore e del processore per cui il risultato sarà rumorosetto; in sostanza si dovrà fare attenzione a montare ventole silenziose.

Premesso di utilizzare la disposizione già vista con una ventola da 12cm ad ogni computer: Gli alimentatori dovranno stare vicini alle rispettive schede madri per mere questioni di lunghezza dei cavi. Forse però si riesce a raccoglierli in due blocchi: anzi si riesce: dunque partendo dal basso: due schede madri, tre alimentatori, due schede madri, tre alimentatori, due schede madri. Così i cavi si ingrovigliano meno, anche dietro al cabinet. Anche gli hard disk e gli eventuali lettori dvd (ma non credo li monterete) potrebbero stare nello stesso vano degli alimentatori. In questo modo non devi smaltire la lunghezza di ogni cavo dell'alimentatore e basterà lasciare su un lato un canale per far correre tutti i cavi.

Il materiale dovrebbe essere alluminio possibilmente, così da dissipare meglio il calore e non risultare troppo pesante. Tutte le squadre di fissaggio dei componenti (alimentatori, hard disk e quant'altro), dovrebbero essere ottenute da profili ad L rivettati o avvitati o incollati alla lamiera del case. Pensare di piegare quest'ultima senza macchine è impossibile, si rischia solo di ottenere un cartoccio. Eventualmente potrebbero però essere qanche squadre di plastica.

E' buona l'idea di lasciare il lato anteriore e quello posteriore forati e dotati di spugna con funzione di filtro. E si potrebbe montare la ventola sul lato anteriore che soffia aria nel case. questo perché data la profondità limitata del case, la corrente creata da questa ventola e dalla ventola della cpu porterà l'aria ad uscire da dietro. Dietro non sarà necessario il filtro e non essendoci presumibilmente una ventola sarà bene non mettercelo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dunque parliamo del cabinet: pensate di disporlo come hanno fatto sul wip indicato?

La disposizione è molto compatta: le schede madri bloccano l'aria calda non lasciandola salire e questo può essere positivo, nel senso che ogni pc avrà la sua aria di raffreddamento e anche quelli piuù iin alto non dovranno acconterntarsi dell'aria riscaldata da quelli sotto. Per contro ognuno dei sei computer richiederà una ventola oltre a quella dell'alimentatore e del processore per cui il risultato sarà rumorosetto; in sostanza si dovrà fare attenzione a montare ventole silenziose.

Premesso di utilizzare la disposizione già vista con una ventola da 12cm ad ogni computer: Gli alimentatori dovranno stare vicini alle rispettive schede madri per mere questioni di lunghezza dei cavi. Forse però si riesce a raccoglierli in due blocchi: anzi si riesce: dunque partendo dal basso: due schede madri, tre alimentatori, due schede madri, tre alimentatori, due schede madri. Così i cavi si ingrovigliano meno, anche dietro al cabinet. Anche gli hard disk e gli eventuali lettori dvd (ma non credo li monterete) potrebbero stare nello stesso vano degli alimentatori. In questo modo non devi smaltire la lunghezza di ogni cavo dell'alimentatore e basterà lasciare su un lato un canale per far correre tutti i cavi.

Il materiale dovrebbe essere alluminio possibilmente, così da dissipare meglio il calore e non risultare troppo pesante. Tutte le squadre di fissaggio dei componenti (alimentatori, hard disk e quant'altro), dovrebbero essere ottenute da profili ad L rivettati o avvitati o incollati alla lamiera del case. Pensare di piegare quest'ultima senza macchine è impossibile, si rischia solo di ottenere un cartoccio. Eventualmente potrebbero però essere qanche squadre di plastica.

E' buona l'idea di lasciare il lato anteriore e quello posteriore forati e dotati di spugna con funzione di filtro. E si potrebbe montare la ventola sul lato anteriore che soffia aria nel case. questo perché data la profondità limitata del case, la corrente creata da questa ventola e dalla ventola della cpu porterà l'aria ad uscire da dietro. Dietro non sarà necessario il filtro e non essendoci presumibilmente una ventola sarà bene non mettercelo.

Seguo sempre con interesse i tuoi interventi, riesci sempre ad essere chiaro, anche se a volte se non capisco qualcosa è solo per la mia scarsa competenza nel settore.

Tempo fa chiesi consiglio a te per il mio attuale pc e ancora oggi, a distanza di mesi, son contento della scelta fatta. Va che è un missile...

A proposito di dissipazione...rimango soddisfatto del Thermalright 120 extreme montato...

Seguo anch'io con interesse la discussione e gli svolgimenti...

Buona giornata a tutti :hello:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
Aspetta! x

Ti piacerebbe rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità nel campo della computer grafica?

Iscrivendoti alla Newsletter riceverai subito una mail con le indicazioni per scaricare gratuitamente:

  1. Le immagini HDRI presenti su HDRI pro
  2. Una sequenza di 300 immagini HDRI generata da Luca Deriu tramite il programma Real HDR