Jump to content
taz

Creazione Di Un Nome E Di Un Marchio

Recommended Posts

ciao a tutti, spero di postare nella sezione giusta.

Mi è stato affidato il compito di inventare un NOME e un MARCHIO per una nuova società privata. Non posso dirvi chi è, ma molto probabilmente questo nome e questo marchio avranno visibilità in TUTTA ITALIA.

Ho tre domande da porre a chi è più esperto di me, soprattutto per evitare fregature.

1) avevo intenzione di proporre alla società delle bozze di nome e marchio, e dopo loro sceglieranno quella su cui lavorare. però ho paura, che dopo viste le bozze, mi dicano: "le faremo sapere", e poi mi ritrovo con il MIO logo usato da loro e io con due dita negli occhi. per questo volevo registrare il marchio, per evitare che qualcuno me lo "rubi". voi che dite? come devo procedere?

2)ovviamente, il discorso restribuzione, che cifra devo chiedere?

3) devo dar loro anche il formato vettoriale del logo o devo tenerlo io?

grazie a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

1) ditta veramente seria se temi che ti ribino il logo, cmq basta farsi fare un contratto, un incarico professionale ecc.

2) no comment

3) si certo gli vendi il logo....

Share this post


Link to post
Share on other sites

ti rispondo:

1) non temo quello, ma la registrazione del logo la devo fare io o è a carico loro?

2) perchè "no comment"? ho chiesto all'ufficiio brevetti che la registrazione di un marchio con le mie caratteristiche è intorno alle 500 euro, quindi se chiedo 1000 euro è giusto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti posso dire alcune cose in base alla mia esperienza.

Non ti conviene registrare a tuo nome un logo o marchio o qualsiasi cosa se non sei abbastanza sicuro che poi lo venderai, o se non è qualcosa che ti piace veramente e che vuoi tutelare, perchè sarebbero soldi buttati.

Comunque ci sono 2 cose distinte da prendere in esame.

1) Opera dell'intelletto

2) Registrazione e diritti sull'opera dell'intelletto.

Nel caso dell'opera dell'intelletto (è quello che riguarda te) puoi agire in diversi modi. Se la ditta vuole affidare la creazione di un marchio a uno specialista, sarà nel loro interesse chiarire le questioni di diritto d’autore sul marchio nel contratto che stipulerà con te, o assicurarsi che il diritto d’autore sul marchio venga formalmente attribuito alla loro impresa. Tu glielo devi fare presente per poi tutelarti. Poi vedi loro cosa ti dicono.

Per tutelarti ci sono diversi modi, parlando della semplice creazione di un "qualcosa" che appunto tu crei, non parliamo ancora di registrazione quindi.

Il Diritto d'autore sorge automaticamente in capo a chiunque crei un'opera dell'intelletto, come una poesia, canzone, articolo, romanzo, e una pagina web etc. Teoricamente non c'è bisogno di registrare alcunchè: nel momento stesso in cui si 'crea' qualcosa si possono vantare diritti personali e patrimoniali sulla propria opera.

Nella pratica però è di vitale importanza avere delle prove tangibili per dimostrare la titolarità di un'opera dell'intelletto e poterle presentare in caso di abuso.

In italia, il metodo più efficace e tradizionale per tutelare il diritto d'autore è associarsi alla SIAE, e depositare presso un ufficio della propria città i propri lavori. Gli associati, oltre a disporre della prova CERTA della titolarità di un'opera beneficiano anche di assistenza e tutela giuridica in caso di infrazione del copyright. Come forse saprai l'iscrizione alla SIAE non è gratuita, e a seconda delle categorie cui appartieni (letteratura, arti visive...) e a seconda del numero di opere che depositi, l'impegno economico potrebbe rivelarsi sovradimensionato alle tue tasche e alle tue esigenze.

In alternativa, puoi fare un backup delle tue risorse e affidarle ad un Legale o un Notaio che certifichi data di creazione e titolarità. Anche questa soluzione, a meno che non faccia parte di una grande azienda per cui la protezione di brand e contenuti è vitale, potrebbe essere eccessivamente onerosa.

Quello che ti consiglio di fare in questi casi è fai una copia CARTACEA o su SUPPORTO DIGITALE dei tuoi contenuti (Cdrom, Floppy...), inseriscila in una busta e spediscila a te stesso sotto forma di RACCOMANDATA CON RICEVUTA DI RITORNO. Farà fede il timbro postale.

Ricevuta la busta e la ricevuta -mediamente ci vuole una settimana- tienile INSIEME e non aprire mai la busta. E' la tua prima prova tangibile di titolarità del contenuto.

Questo è importante perchè c'è la data e il timbro postale che certifica quando ti sei mandato la raccomandata, in più tieni i file originali nei quali è presente la "Data di ultima modifica" che in sede legale è valida come prova.

Ti consiglio anche di mandare a te stesso, ad un account di posta elettronica come hotmail, Yahoo, Libero.it , lo stesso ZIP. Non scaricarlo mai sul computer. Tienilo sul server.

La data di ricezione di una mail, su un server come Yahoo, non è falsificabile e rappresenta un'ottima prova tangibile e datata.

Questo è quello che riguarda te, per evitare di spendere soldi nelle eventuali registrazioni in camera di commercio o da un legale, per un qualcosa che non sai nemmeno se sarà approvato.

2) per quanto riguarda la registrazione del marchio (quindi dell'opera dell'intelletto che tu hai creato) di solito lo fa il grafico, ma non è un obbligo. TU non sei obbligato a farlo, lo si fa per cortesia, ma sono loro a doverlo fare in quanto è di loro interesse, e sono loro che lo pagano, tu cortesemente puoi informarti del costo e riferirglielo, per poi farti dare l'ok alla registrazione, ma ti ripeto sono loro che pagano la registrazione, tu non c'entri nulla.

Ovvio che se gli dici che te ne occupi tu (come normalmente quasi tutti fanno) devi fare le cose fatte bene, ti devi informare in camera di commercio all'ufficio registrazione marchi e compilare moduli e cose del genere. Dopodichè c'è una procedura che loro avviano, e ci vuole un pò di tempo, controllano se il marchio o il logo è stato già usato, è esistente etc solite menate, se tutto va bene te lo registrano.

Un consiglio, cmq poi chiedi, quando registri un marchio o un logo o logotipo o qualsiasi cosa di questo genere, registrala in maniera GENERICA.

Ad esempio se registri un logotipo con carattere BOLD Times new roman, e la scritta dice "PIPPO" sei tutelato solo su questo specifico caso, uno è liberissimo di scriverlo in Times new roman ma non in bold. Registra sempre in maniera generica, cmq son tutte cose che ti diranno in camera di commercio.

Mi son dimenticato il punto 3

Certo che devi darglielo, ma di solito (se puoi) fatti pagare alla consegna del materiale, perchè il file vettoriale è quello di stampa, una volta avuto quello loro possono stampare e riprodurlo, sempre per evitare problemi, il materiale definitivo non si da mai se non si viene pagati, ovviamente dipende i rapporti che hai con loro, ma sono cose da dire, da parlarci e da chiarire, altrimenti si creano casini.

Tu tieni sempre una copia e l'originale di Tutto quello che hai fatto.

Ciao ciao


Edited by Maximus

Share this post


Link to post
Share on other sites

la procedura di regola e' far firmare al tuo cliente un NDA (non disclosure agreement) preliminarmente alla visione delle bozze.

Si tratta in pratica di un documento standard, peraltro puoi trovare i templates su internet, in cui si mette in chiaro che il materiale che loro stanno visionando e' soggetto a non-diffusione o utilizzo senza un successivo accordo (retribuito o meno) tra le parti, in quanto finche' non c'e' un accordo, il materiale e' di tua proprieta'. Ovviamente devi includere nel documento le immagini in questione e le pagine vanno controfirmate.

Ciao,

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie per le risposte molto interessanti.

ho parlato con il cliente, alla vista del preventivo mi darebbe subito un anticipo e poi incomincerei il lavoro, quindi sul fatto della tutela sono a posto, perchè il lavoro inizierebbe DOPO il compenso economico, o almeno una parte di quest'ultimo.

l'unica cosa che mi rimane da chiedere è il compenso. devo in pratica realizzare da 0 ragione sociale e marchio, quindi anche il nome che avrà la società..quindi è abbastanza importante. logico che non posso chiedere i prezzi che fa la Robilant o simili...però neanche 2 lire. alla fine gli stamperò diverse opzioni di marchi e ragioni sociali, di cui ne sceglieranno una e di quella gli darò ovviamente gli esecutivi. da quel momento in poi il logo diventerà loro a tutti gli effetti, per questo non volevo svendermi totalmente.

avevo pensato ad una cifra di 2000 euro. voi che pensate? è troppo? è poco? fate conto che la società nasce dalle ceneri di una s.p.a con 300 dipendenti, quindi non è piccola...

FANTOMAS, mi puoi dare un link dove posso scaricare e stampare questo modulo di tutela? vorrei darci comunque un'occhiata.


Edited by taz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...