Vai al contenuto
alligaunal

Luci Fotometriche Ed Il Comando Assemby....

Recommended Posts

Inviata (modificato)

Bene ragazzi, ho una domanda da un milione di dollari....ho da pocopreso un lavoretto....e fin qui....si tratta di una botique di una nota Griffe.... insomma la committenza vorrebbe una resa finale con la simulazione del progetto illuminotecnico fatto dai tecnici targetti!!! :)

Ho spippolato un po per capire qualcosa sulle luci fotometriche di max ma ancora sono molto lontano...ad esempio come primo step mi piacerebbe capire come si crea quella sorta di "link" tra faretto e luce fotomentrica che genera il menù di max Luminaire.....per ora ho solo capito che è un pacchetto che posso dissassemblare... :wacko: vi posto qualche screeen per essere piu chiaro....

ringrazio in anticipo chiunque sappia aiutarmi.... ;)

Saluti

non so se ho fatto bene la manovra allegati appena risolvo con l'ftp cambio link


Modificato da alligaunal

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sinceramente non è che abbia capito bene cos'è che ti serve! <_< Cmq. vediamo di fare sintesi....Allora una luce fotometrica è tridimensionalmente parlando quello che bidimensionalmente vedi rappresentato come sezione in qualsiasi catalogo illuminotecnico. Questo ti permette intuitivamente di capire se hai a che fare con un faretto o una plafoniera. Detto ciò perchè esistono dei cataloghi 3d di luci? Be fino a poco tempo fà (prima dell'uso massiccio della GI) i render di interni p.es. adottavano calcoli in radiosity. Questo significa che la luce emessa da una sorgente veniva permutata su tutto il modello geometrico, calcolando cosi l'illuminamento ambientale. Sempre con lo stesso metodo è possibile calcolare i lumen lux etc. quindi definire meglio la qualità illuminotecnica ( e ergonomica) dell'illuminamento progettato cosi da evitare riflessi indesiderati (tipo l'architetto progetta un'ufficio ci piazza le varie lampade dopo tre mesi l'impiegato diventa cieco perchè il suo monitor è zeppo di riflessi). Ora a che ti serve disassemblare il faretto? Spesso uso faretti della Erco simili a quelli che hai tu, non mi è mai venuto in mente di aprirli, se mi spiegi lo scopo forse ti posso aiutare.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

dovresti avere dei file IES forniti dall'azienda produttrice (Targetti nel tuo caso) da cui Max prende tutte le caratteristiche fisiche della luce dell'impianto che vuoi usare nella scena... Io ho sempre usato le luci ERCO x la radiosity e questo è il procedimento che c'è nel loro sito:

"It is equally possible to download either just individual luminaire product groups or the complete indoor or outdoor product range. Furthermore, the corresponding photometric data is also required (IES files). This data must be decompressed in the file system and the path to the photometric data attached (Customize/Configure Paths/External Files or Customize/Configure Paths/Photometrics). Following this, the luminaires can then be inserted directly into the actual scene of the lighting simulation. With the help of inverse kinematics, the luminaire can be aligned through the target point of the light source."

Altrimenti se hai solo i dati da catalogo credo che devi inserirli a mano... ciao :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

@@FitzCarraldo

Ok ok forse mi sono espersso male.... grazie cmq per avermi sispolverato alcune nozioni fa sempre bene...ma non era quello il problema...

allora ho in mano un progetto illuminotecnico con questo dalla targetti mi faccio dare i file IES...ed il faretto o plafoniera che sia in 3d....devo dcapire come si fa ad assemblare il tutto per poi gestirlo ( faretto 3d+luce fotometrica) dal pannello luminaire di max come in pic.... in realtà dici bene nn serve a nulla disassemblare il pacchetto... in fatti nn lo faccio :lol: però grazie a quello ho capito che era un assemblato di qualcosa :rolleyes: il problema in definitiva è creare l'interazione per poi gestirla col parametro luminaire....

un piccolo appunto alla teoria....Tutto ciò ora è calcolabile in GI... Vray e final render ad esempio effettuano in maniera impeccabile questi calcoli....spero che ora mi abbiate capito.... scusate ma ultimamante sono dislessico... :D

salut

@@ Florenceale.... attendi attenti ci sto lavorando... una cosa per volta... ;)

tutto ok?... A presto :ph34r:

@@ gurugugnola

si la targetti mi hafornito i file ies...ma come detto non riesco ad unirli alla luce e al corpo 3d del faretto... :D grazie comunque Guru...faccio un po di prove e vi faccio sapè

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io proverei il Radiosity. Con la 7.5 hanno aggiunto interessanti feature. Per la resa illuminotecnica è ancora la migliore cosa. Imposti tutta la scena in dimensioni reali, usi gli ies e il tutto dovrebbe essere più o meno corretto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ok,

Crea una luce fotimetrica assegna come web file i profili .ies. Fatto ciò dalla voce group passi ad assembly e il gioco è fatto. Ora credo che trattandosi di un faretto tu debba aggiungere un passaggio, ovvero la cinematica delle rotazioni gestite dal target della luce. Sinceramente non mi ero mai posto il problema, ho disasseblato un faretto erco per poi riassemblarlo e lui me l'ha riconisciuto come luminaire quindi dimmerizabile, per scrupolo o cancellato tutto ho preso uno spot fotometrico un cubo l'ho assemblato...ora ho un faretto minimalista!!!

Per quanto riguarda la postilla teorica io uso brazil e ho accannato lightscape da un po....mi piacerebbe usare vray (se vieni a spiegarmelo magari perchè non mi va di capirlo!!!). Bei render ma sinceramente non mi fido della simulazione scientifica, cioè ho permutato qualche dubbio riguardo l'attendibilità del risultato illuminotecnico.

buona fortuna!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ok,

Crea una luce fotimetrica assegna come web file i profili .ies. Fatto ciò dalla voce group passi ad assembly e il gioco è fatto. Ora credo che trattandosi di un faretto tu debba aggiungere un passaggio, ovvero la cinematica delle rotazioni gestite dal target della luce. Sinceramente non mi ero mai posto il problema, ho disasseblato un faretto erco per poi riassemblarlo e lui me l'ha riconisciuto come luminaire quindi dimmerizabile, per scrupolo o cancellato tutto ho preso uno spot fotometrico un cubo l'ho assemblato...ora ho un faretto minimalista!!!

Per quanto riguarda la postilla teorica io uso brazil e ho accannato lightscape da un po....mi piacerebbe usare vray (se vieni a spiegarmelo magari perchè non mi va di capirlo!!!). Bei render ma sinceramente non mi fido della simulazione scientifica, cioè ho permutato qualche dubbio riguardo l'attendibilità del risultato illuminotecnico.

buona fortuna!!!

tnx Fizz..... ora proverò....si sono daccordo con te senti io volevo solo dire che con vray funziona senza problemi nn che è attendibile....io sono di quelli ancora convinti che lightscape per queste cose pur essendo datato è il migliore e più attendibile che c'è.... però o che che fare con i temppi di calcolo... ti saprò dire se trovo un giusto compromesso...

Bella roba il faretto minimalista.... :lol::lol:

perche lo hai fatto....ora faccio un po di prove con ligh lightscape....

salut

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Senti la mia era una dissertazione....se devi vendere dei render ACCANNA lightscape!!! Troppi problemi!!! Mi spiego con lightscape devi rispettare le unità di misura, devi inportare modelli geometrici facendo attenzione alla poligonalizzazione degl' angoli, problemi con le ombre.... e poi come procedura un poco rigida nel senso che se ti cambiano qualcosa sul progetto devi un pò ricominciare da capo...(poi vieni a cercarmi per picchiarmi!!). Dagli un vray non sbagli nulla. Nei momenti critici il magheccio è essenziale!!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh dopotutto con il radiosity di Max avresti le stesse problematiche di lightscape elencate da Fitz... ma credo che per una simulazione del funzionamento dell'impianto Vray sia meno "scientifico"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
VRay è physical correct, nel senso che anche lui rispette le unità e i fenomeni fisici della natura.

in effetti se su una scena banale provate il radiosity e Vray e ancora FR... vedrete che le differenze si riscontrano nei tempi..... nel complesso abbastanza simili... naturalmente con fotometriche...chissà magari in scene complesse scazzano di + però assolutamente per ora i tempi sono a favore della chaos group secondo classificato fr...continuo i test magari poi posto qualcosina.... :lol:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A questo punto sono incuriosito, (tradotto potrei muovere il culo per assimilare Vray). Quanto dico relativamente all'analisi si riferisce ad una funzione di Lightscape che permetteva un' analisi per pseudocolori (lo fa anche brazil) con media di punti disposti sulla scena con i rispettivi valori in lux/lumen (e questo brazil non lo fa). In realtà questo corrisponde ( da prendere con le molle ) a quanto si fa realmente ponendo un foglio di carta bianco a un metro di altezza per analizzare la qualità ergonomica dell'illuminazione -(che bello sfruttai lightscape in questo modo per fare l'esame di ergonomia!!!). Detto ciò non che sia interessato alla teoria quanto al suo risvolto pratico; fai il render lo vendi, cambi la visualizzazione e vendi pure quella!! Io non conosco Vray, per la GI uso brazil che è enormemente più lento (ai voglia a usare le photon map, alla fine finisce a reghatering). Però se qualcuno di voi ha già affrontato il problema, prometto che muovo le chiappette e mi metto ad usare Vray!! Alligaunal sei un mito, da un faretto siamo passati ai concetti di illuminazione avanzata, ora svoltiamoci il soldo!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

uso lightscape...il tuo problema su questo software sarebbe risolvibile in maniera semplicissima e con risultati da paura: potresti fare oltre ai render anche una sorta di render con i valori illuminotecnici su ciascun punto che desideri o su una griglia di punti a tua scelta. Inoltre i tempi di calcolo sarebbero veramente ridicoli.

Es. il calcolo radiosity inciderebbe per al massimo 15-20 min (prove da me fatte con modelli molto complessi con oltre 100 punti luce) e il render vero e proprio 10min. Fai il conto che una volta calcolato il radiosity puoi lanciare tutti i render che vuoi senza dover ricalcolare il radiosity.

So già che non hai nessuna intenzione di imparare un nuovo software...qualora lo volessi fare puoi contare sul mio appoggio. ;)

ciao ciao

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Gerets,

Scusa ma non intendevo Lightscape ma Vray. Lightscape lo conosco quanto basta per evitarlo. Mi dispiace dire questo, ma il radiosity è troppo dipendente dalla geometria, ogni oggetto deve essere poligonalizzato tenendo conto della resa cosa teoricamente possibile, ma poco pratica. Purtroppo Lightscape è stato sacrificato dalla Autodesk in favore di 3dsmax e a detta di alcuni esperti la cosa li ha portati ad usare altri programmi più illuminotecnici e poco fotorealistici. All'epoca ci sbavavo davanti quando vedevo il raytrace a selezione finestra mentre ruotavo la scena già calcolata. A mio avviso quel modo di lavorare rimane concettualmente il migliore ma bisogna ammettere che i render sono più piatti di quelli generati dalla GI. Dall' altra parte abbiamo tempi mastodontici ed è un peccato non avere anche un tipo di informazioni più scentifico per analisi di tipo ergonomico. In fin dei conti quando Lightscape era vivo e vegeto fra di noi generava render da paura per il tempo, e forniva dati per una progettazione più accurata. Ora?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
uso lightscape...il tuo problema su questo software sarebbe risolvibile in maniera semplicissima e con risultati da paura: potresti fare oltre ai render anche una sorta di render con i valori illuminotecnici su ciascun punto che desideri o su una griglia di punti a tua scelta. Inoltre i tempi di calcolo sarebbero veramente ridicoli.

Es. il calcolo radiosity inciderebbe per al massimo 15-20 min (prove da me fatte con modelli molto complessi con oltre 100 punti luce) e il render vero e proprio 10min. Fai il conto che una volta calcolato il radiosity puoi lanciare tutti i render che vuoi senza dover ricalcolare il radiosity.

So già che non hai nessuna intenzione di imparare un nuovo software...qualora lo volessi fare puoi contare sul mio appoggio. ;)

ciao ciao

Bene allora comincio... vediamo un po che ne tiro fuori....al limite ti scoccio un po... :D mi intriga il fattore tempistiche.... come fai ad ottenere quei tempi? che pc hai? Oppure sono io che setto alla "membro di segugio"??

:lol:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Allego una scena che ho trovato in rete.... di defaul è inpostato vray....lanciate e vedete....poi se qualcuno prova con lightscape e ci da i tempi gli saro grato...io ho provato ma mi viene nel complesso nera.... :blink:

tnx e mrcì :)


Modificato da alligaunal

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Grazie Gerets,

Scusa ma non intendevo Lightscape ma Vray. Lightscape lo conosco quanto basta per evitarlo. Mi dispiace dire questo, ma il radiosity è troppo dipendente dalla geometria, ogni oggetto deve essere poligonalizzato tenendo conto della resa cosa teoricamente possibile, ma poco pratica. Purtroppo Lightscape è stato sacrificato dalla Autodesk in favore di 3dsmax e a detta di alcuni esperti la cosa li ha portati ad usare altri programmi più illuminotecnici e poco fotorealistici. All'epoca ci sbavavo davanti quando vedevo il raytrace a selezione finestra mentre ruotavo la scena già calcolata. A mio avviso quel modo di lavorare rimane concettualmente il migliore ma bisogna ammettere che i render sono più piatti di quelli generati dalla GI. Dall' altra parte abbiamo tempi mastodontici ed è un peccato non avere anche un tipo di informazioni più scentifico per analisi di tipo ergonomico. In fin dei conti quando Lightscape era vivo e vegeto fra di noi generava render da paura per il tempo, e forniva dati per una progettazione più accurata. Ora?

Guarda non credo di dover dimostrare niente a nessuno, tantomeno a te per cui io mi tengo le mie considerazioni e tu ti tieni le tue ....senza nessuna polemica di sorta.

ciao ciao

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ho 6 computer ma niente di particolare xp 2800 nvidia quadro 750 xgl.

ho scaricato il file fra circa 2 minuti ti mando il primo render senza neanche cambiare i settaggi di default.

ciao ciao

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non avendo Lightscape mi sono rifugiato in max. Ora di base manca l'illuminamento indiretto. I faretti da soli non ce la fanno (tipo spot in teatro, tutto buio..e mano morta). non avendo Vray ho ripiegato su un default volante quindi come prima cosa una illuminazione sufficente. Nella scena ho introdotto nouve fonti luminose (poi c'ho messo un ies a caso ma si sa sono disordinato). Ho messo un'ideal standard con molta brutalità naturalmente me ne sono impippato del pavimento bruciato (ies errata) ma come vedi nulla più nero è. render time 0:01:42 radiosity+reghatering default option

post-6203-1115215526_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

?????? e chi ha voglia di fare polemica???? con te poi????? se polemica era di sicuro lo era con la Autodesk percui non capisco il tono. Mi sembra di aver detto che Lightscape è un programma morto ( se mai incazzati con la autodesk) quindi no supporto. Io solo dire: tanto tempo fa lightscape=render=calcolo illuminotecnico. Oggi render=GI. E questo non l'ho deciso io.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

nessuna polemica, chiedo scusa se i miei toni ti son sembrati troppo accesi. Con autodesk ho un'incazzo che non ci vedo ogni volta che ci penso.

Non sono semplicemente d'accordo con quello che sostieni...tutto qui. ovviamente rispetto la tua opinione ma non la condivido neanche da lontano. ;)

ciao ciao

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×