Vai al contenuto
chemicad

Fotorealismo Vs ...?

Recommended Posts

Salve a tutti,

qual'è secondo voi il giusto equilibrio tra i vari tipi di rappresentazione?

Mi spiego...durante il percorso universitario ho utilizzato diverse tecniche, ma sono ancora indeciso su quale sia la più comunicativa, la più emozionante.

Vedo molti lavori fotorealistici e penso " ammazza, bello, sembra vero..." ma finisce qui, lo stupore del contesto "ridimensiona" il progetto.

In altri casi degli sketch rappresentano perfettamente l'idea progettuale, forme, volumi e processo costruttivo, ma perdono qualcosa sui materiali e sulla luce...

Qual'è il giusto compromesso?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

il fotorealismo non esiste, è un assieme di elementi che per un motivo o per l'altro non è possibile includere tutti nella stessa immagine.

c'è il trasporto della luce che è una approssimazione, c'è la disposizione degli oggetti, che può soddisfare più o meno l'aspettativa dell'osservatore, c'è la cura dei materiali, sempre limitati a pochi livelli di complessità (di tutti si dovrebbero curare fattori di dispersione e assorbimento della luce secondo il vecchio modello kubelka-munk), ci sono le aberrazioni di lente e gli scherzi di gamma dei CCD. eccetera

detto questo non c'è UN sistema di rappresentazione.

ci sono fattori importanti che mutano volta per volta sulla base sei gusti, delle necessità, dell'umore del cliente.

se conosci bene il tuo cliente sai cosa desidera dalla tua opera di previsualizzazione.

una buona fetta del mestiere sta qui.

in bocca al lupo :hello:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Concordo con Mercy... in parte... il realismo on esiste in parte, nel senso che per fare una cosa reale devi per forza studiare la realtà che non è mai perfetta anzi è "in-r-reale" è sporca e fatta di piccole cose vissute... tutti elementi che al committente non piacciono e la rendono personale... la rappresentazione 3D nel mondo dell'architettura è un arma a doppio taglio e vale la pena affrontarla nel modo giusto solo per ar capire al tuo committente come sarà nella realtà il tutto... puoi farlo anche con un semplice schizzo a mano, l'importante che il progetto sia di un buon livello...

Mat

:hello:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Salve a tutti,

qual'è secondo voi il giusto equilibrio tra i vari tipi di rappresentazione?

Mi spiego...durante il percorso universitario ho utilizzato diverse tecniche, ma sono ancora indeciso su quale sia la più comunicativa, la più emozionante.

Vedo molti lavori fotorealistici e penso " ammazza, bello, sembra vero..." ma finisce qui, lo stupore del contesto "ridimensiona" il progetto.

In altri casi degli sketch rappresentano perfettamente l'idea progettuale, forme, volumi e processo costruttivo, ma perdono qualcosa sui materiali e sulla luce...

Qual'è il giusto compromesso?

Non esiste il giusto equilibrio devi sempre capire chi è il destinatario del messaggio visivo. per un prof, un collega architetto può andar bene uno schizzo o render più astratto... per un cliente di una immobiliare magari un "fotorealistico" è la scelta migliore... il segreto secondo me è far passare al destinatario il messaggio che meglio può fargli capire il tuo pensiero progettuale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×