Vai al contenuto
grafichissimo

Proprietà Del Prodotto E Riproduzione

Recommended Posts

Forse è già stato trattato, ma lo chiedo xchè mi viene un dubbio.

E'possibile riprodurre modelli di mobili ed altro in 3d di famose ditte d'arredamento e poi venderli, la ditta della quale riproduco il mobilio può avanzare pretese di qualche tipo??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Probabilmente non se ne accorgeranno mai,

ma la ditta a cui copi i modelli ti può denunciare

ovviamente non per il fatto che copi i modelli,

ma per il fatto che ci speculi sopra.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Probabilmente non se ne accorgeranno mai,

ma la ditta a cui copi i modelli ti può denunciare

ovviamente non per il fatto che copi i modelli,

ma per il fatto che ci speculi sopra.

la domanda me la sono posta anch'io diverse volte guardando alcuni modelli in vendita su turbosquid (ad esempio i tanti modelli di auto)... credo a quanto scrivi, ma sinceramente avrei detto il contrario prima di leggere il tuo intervento! Dopotutto venderebbe solamente una riproduzione tridimensionale (virtuale e di "massima") di un oggetto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Bhè mettiamola in questi termini:

passeranno ancora anni prima che la maggior parte della aziende capisca il "discorso 3D",

e quindi siti come Turbo Squid per ora non hanno rogne, non danno fastidio.

Per ora.

Guru, il punto è:

faresti soldi (ci si augura) vendendo quello che ha inventato qualcun'altro

e di cui c'è sicuramente depositato un brevetto ornamentale.

Se uno copia e inserisce modelli di altri nei suoi lavori è un conto,

un conto è se li distribuisce, ingenuamente, senza scopo di lucro

ma se si mette a venderli ... è un altro paio di maniche :ph34r:

@grafichissimo, Turbo Squid lo fa (e sicuro non ha le autorizzazioni). Prova.


Modificato da HecK

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Guest ermannopretidesigners   
Guest ermannopretidesigners

premettendo che pochissime aziende non conoscono il 3d molte hanno il 3d dei loro prodotti e li concedono gratuitamente con enorme piacere a chi ne voglia fare utilizzo

secondo me produrre il 3d di un prodotto non e reato in quanto l azienda non commercializza il 3d del prodotto ma il prodotto stesso e l azienda non puo essere che felice che qualcuno gratuitamente veicoli la commercializzazione del suo prodotto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Forse è già stato trattato, ma lo chiedo xchè mi viene un dubbio.

E'possibile riprodurre modelli di mobili ed altro in 3d di famose ditte d'arredamento e poi venderli, la ditta della quale riproduco il mobilio può avanzare pretese di qualche tipo??

Questa è una bellissima domanda... in questi giorni, è anche per questo che sono poco presente on-line, sto preparnado l'esame di "Diritto d'autore", anche se basato solo sull'immagine, in particolare sulla fotografia, la legge che sto studiando prende in esame proprio le opere di autore o opere di ingegno

Legge del 22 aprile 1941, n. 633 "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio"

Di recente il testo è stata aggiornata al 31 dicembre 2006, reso disponibile dal sito della SIAE

Al momento io mi sto rifacendo ad un libro che a quanto pare parla o meglio protegge le opere di ingegno, bisognerebbe vedere se nell'aggiornamento vengono anche comprese le opere realizzate in digitale... sicuramnete questi sono casi delicati dove viene anche analizzato l'eventuale brevetto e l'idea del creatore...

Cmq il libro, per chi fosse interessato, è questo

"La fotografia, dall'immagine all'illecito nel diritto d'autore" di Niccolò Rositani e Italo Zannier - ed. Skira 2005

Mat

:hello:

P.S.: in base a come va l'esame glielo chiedo... ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma credo che faccia prima a chiedere direttamente che ne so giusto per nn fare nomi al signor ikea..

Perchè se è come dite, nel momento che io facessi dei ritratti in photoshop di, una a caso, madonna, e li vendessi facendo i soldi, nn credo che questa potrebbe farmi causa, ma forse le cose sono diverse.

Difficile....

C'è cmq da dire che le diverse aziende avrebberò tutto l'interesse ad essere presenti negli arredi della maggior parte di architetti/designer.

No va beh ho deciso, farò come i cinesi, modificherò giusto un particolare tanto che nn si dica che i modelli siano uguali, questo mi permetterà di appendermi a un cavillo e le accuse cadranno....grazie vostro onore.

bshsbshsbsbsbshsbhs

TOK TOK TOK!! SILENZIO IN AULA!!!!

Cmq anche i modelli evermotion sono riproduzioni di pezzi famosi no?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se paragoniamo il modello 3d ad un immagine (che alla fine quello è, non è un oggetto fisico), allora dovrebbe esserci il copyright sull'immagine del mobile/accessorio/elettrodomestico.

Prendete il modellismo Giapponese, per chi non lo conosce, consiste in modellini in resina di personaggi degli anime/manga. C'è uno scultore bravissimo che fa dei modelli da paura (oh! mia dea in particolare), solo che gli fanno grane persino se pubblica le foto dei suoi modelli su internet, figuriamoci a farne delle copie e venderle.

Ora il punto è: il modello 3d è considerato un immagine o un oggetto?

Alla fine quello che vende il modello è uguale a quello che vende il rendering di tale modello?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Divido la risposta in due parti...

@grafichissimo

Allora... ho appena finito di studiarmi o meglio di ripassare per l'ennessima volta il libro e la legge del diritto di autore che non è solo per la fotografia, ma anche per le altre opere di ingegno, quindi create con una certa personalità dell'autore e creatività. Ora sono fatti abbastanza soggettivi e quindi si può facilemnte rasentare il limite del plagio e della contraffazione.

Il 3D, da quello che ho capito, è sicuramente opera di ingegno perchè creata dall'autore che la riporrta in un mondo virtuale non solo a livello tecnico quindi eseguendola tramite uno strumento come un modellatore 3D, ma può assumere valore di creatività se questa viene poi rivisitata (ma non nel modificarne la forma o altro) ma se nel tuo render finale riesci a dare una tua impronta e quindi a trasmetterne una sensazione che non sia iudentica a quella di altre persone e quindi che non sia un'immagine completamente uguale a quelle di altri (certo ci sarebbe da definire meglio il concetto di immagini tutelate, tutelate con dei diritti connessi e considerate opere di ingegno...)... unico appunto a questa dichiarazione -se pur mia- è che il tuo prodotto finale non è il render (inteso come immagine) ma un oggetto anche se virtuale poi rivendibile secondo alcuni canali come internet dove la legislazione internazionale è ancora un po' confusa visto che non avendo limiti/confini ben precisi è difficile collocarlo e regolarlo in determinati ambiti...

Una cosa cmq è sicura, che il tuo file lo devi ritenere un opera di ingegno se pur di secondo piano (quindi limitata da certi diritti e non avente i diritti assoluti, caso invece diverso per altre tipologie di file come ad esempio i file realizzati per un contest, un progetto proprio o altro che non sia la trasposizione di un oggetto... cosa voglio dire... se te fai la tazza di Ciberdany seguendo il tutorial passo passo ottieni un oggetto uguale al suo e lui tacitamente ti ha permesso di realizzarlo perchè ha prodotto un video dove ti spiega come farlo quindi l'ha reso pubblico senza proteggere tutte le tazze da un copyright particolare.... mentre se te rimodelli un oggetto noto o anche non noto come ad esempio la penna bic, ma la renderizzi e quindi crei una scena particolare già vai a dare un alettura dell'oggetot diversa da quella che è nella foto che hai trovato o in altre...)...

Poi bisogna anche scindere bene i casi in cui puoi essere citato in giudizio da qualcuno cioè se te fai un modello e lo tieni per i tuoi lavori personali senza ricavarne guadagno non ci sono problemi, i problemi nascono quando te ci guadagni sopra (come in tutte le cose)... I modelli della Evermotion (e qui azzardo) avranno chiesto dei permessi o comunque avranno una protezione in un certo senso verso gli autori delle ditte delle forniture, ma te quando acquisti (o scarichi un modello degli esempi) hai a disposizione la possibilità di utilizzarlo anche a fini commerciali perchè il loro diritto è stato ceduto al momento della compravendita, cioè te hai pagato per avere il diritto di utilizzarlo.

Poi nel caso delle fotografie bisogna scindere anche una cosa... se te prendi una foto e la usi come reference ed è una semplice fotografia che non è tutelata la puoi pure usare (anche per il motivo espresso sopra).... Le fotografie sono divise in:

- Non tutelate

(tutte le foto di oggetti manuali, testi, libri, monete, ecc....)

- Foto semplici tutelate dai diritti connessi

(cioè pure riproduzioni di macchine fotografiche senza una parvenza di creatività e quindi solo il funzionamento meccanico e fisico)

- Opere di Ingegno tutelate in tutti i modi possibili

(quelle foto che sono una visione particolare della realtà che l'autore della foto riesce a trasmettere con una sua personale interpretazione della psiche e utilizza la macchina fotografica come mezzo per realizzarla, in più devono avere un gradiente di creatività e una forte trasparenza della personalità dell'autore, se hanno anche una nuova idea di "movimento" hanno sicuramente una valenza in più)

Attenzione: Non è reato il momento che intecorre tra lo scatto della fotografia e la sua stampa e il suo utilizzo privato, diventa reato se alcune e determinate fotografie vengono rese pubbliche perchè possono contenere degli elementi che non permettono la loro diffusione (esempio una persona nota -ad esempio una persona di spettacolo- alla quale si va a recare un danno di immagine e non si trova in determinate situazioni). Situazione di carattere didattico, interesse pubblico, cerimonie o eventi pubbluci, giustizia e documentazione non richiedono assolutamente nessun consenso per la diffusione delle foto di persone note e non note.

Nel caso tu usi una foto di una persona non nota e ci crei un opera non ci sono problemi

Ad esempio... la foto della mia ex ritoccata non richiede assolutamente nessuna autorizzazione perchè non reca danno alla sua immagine e non è una persona nota e lei ne trae soltanto i benefici di una pubblicazione/diffusione, se lei diventasse una persona nota allor si che ci sono problemi però in questo frangente entra in campo un'altri fattori:

- il lavoro di post-produzione da me effettuato che quindi diventa un'opera superiore da una semplice fotografia, ma si potrebbe considerare opera di ingegno (poi questo viene stabilito da altri)...

- non reca danno alla sua immagine o onore

- il fatto che io non la utilizzo per bene commerciali e quindi non ne ricavo nessuna tipologia di guadagno...

- cosa più importante che nella manipolazione di essa lei sia stata resa irriconoscibile a molte persone quindi non è di facile lettura di conseguenza potrebbe essere chiunque (anch'io travestito da donna)...

@Anfeo

Se paragoniamo il modello 3d ad un immagine (che alla fine quello è, non è un oggetto fisico), allora dovrebbe esserci il copyright sull'immagine del mobile/accessorio/elettrodomestico.

Vedi sopra... dipene dall'utilizzo che se ne fa...

Prendete il modellismo Giapponese, per chi non lo conosce, consiste in modellini in resina di personaggi degli anime/manga. C'è uno scultore bravissimo che fa dei modelli da paura (oh! mia dea in particolare), solo che gli fanno grane persino se pubblica le foto dei suoi modelli su internet, figuriamoci a farne delle copie e venderle.

Sicuramente il tuo amico ha una committenza e un relativo pagamento giusto? quindi ha dei limiti, per quello non può rendere pubbliche le immagine dei suoi lavori, in ogni caso se non fosse così e lui realizzasse per conto suo delle proprie statue anche in stile manga ha dei diritti connessi totali sull'opera, perchè non ha un contratto di lavoro che gli dice che deve svolgere in maniera primaria quella mansione... Invece nel caso fosse la sua mansione principale e c'è una committenza quindi un pagamento (quello detto all'inizio) non può renderle pubbliche perchè possiede solo i diritti morali di quello che lui crea e non tutti i diritti connessi (morali, patrimoniali, di paternità, economici ecc...)...

Forse per quello gli fanno paranoie...

Ora il punto è: il modello 3d è considerato un immagine o un oggetto?

Il problema è questo... il prodotto digitale come il modello 3D (o altra tipologia di File -anche il semplice vettoriale di Illustrator ad esempio) è come la fotografia, arte, scrittura o pellicola cinematografica? cioè è da considerare tra le opere di ingegno e se si a che livello?... secondo me si, ma in parte e fino ad un certo punto...

Alla fine quello che vende il modello è uguale a quello che vende il rendering di tale modello?

No. In una società come la nostra oggi si vendono servizi o meglio la nostra società è basata di più sul servizio quindi su qualcosa che non è concreto al 100%, am alcuni prodotti che vengono realizzati vanno un secondo distinti... l'immagine anche digitale si può considerare in una delle tre categorie che ho elencato sopra (sicuramente non nella prima e secondo voi perchè?... perchè sicuramente c'è un elaborazione sicuramente tecnica)... il modello va visto...

Ragazzi per il momento prendete tale risposta un po' con le molle, sicuramente c'è chi può smentirmi però questo è quello che ho capito io leggendo la legge e i vari articoli, ho anche un libro che tratta la normativa anche sui prodotti digitali (software, file e mp3) appena posso ci do un occhiata se volete (se naturalmente qualcuno più aggiornato non ci illumina prima)...

Scusate se mi sono dilungato troppo....

Mat

:hello:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti per la specificazione, la situazione rimane spinosa.

Difatto posso capire che venga boicottato chi fa i pupazzatti, quel tipo di industria (cratoni,film etc.) vive anche di quei gadget e quindi è una sovrapposizione di business.

Ma nel nostro caso le aziende di arredo nn fanno questo tipo di attività, però potrebbero farlo.

Va beh, credo che convenga riproporre i modelli con l'interpetazione di certe parti penso sia la cosa + semplice.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
... Ma nel nostro caso le aziende di arredo nn fanno questo tipo di attività, però potrebbero farlo.

Va beh, credo che convenga riproporre i modelli con l'interpetazione di certe parti penso sia la cosa + semplice.

Alcune si! Distribuendo i propri modelli (3d o 2d) in maniera gratuita (alcune solo ai "clienti", altre in maniera "libera")... non ho mai sentito di aziende che lo facciano sotto pagamento.

Di certo c'è una cosa, se fossi un dirigente di un'azienda preferirei che iniziative di questo tipo nascano all'interno dell'azienda stessa per poterne controllare l'effettiva qualità!

X quanto scritto da Matteo (l'ho letto velocemente) mi sembra molto labile la possibilità di far rientrare quanto stiamo analizzando in quei concetti e leggi... tutto un pò fumoso per arrivare a una conclusione univoca!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Probabilmente non se ne accorgeranno mai,

ma la ditta a cui copi i modelli ti può denunciare

ovviamente non per il fatto che copi i modelli,

ma per il fatto che ci speculi sopra.

domanda: se io vendo una foto, un dipinto, un acquerello che rappresenta una Ferrari, come un elettrodomestico della Philips o un iMac posso essere denunciato da queste societá perché sto speculando?

Se io scrivo un libro sulla storia della Mercedes, della a.s. Roma, di Microsoft, posso essere denunciato da questi marchi perché sto speculando?

Se fosse cosí arriveremmo al paradosso che potrebbero essere denunciabili riviste come Quattroruote, etc. e in generale tutte le riviste specializzate in qualche prodotto particolare, perché traggono un utile parlando di marchi e prodotti di cui non hanno i diritti. Se fosse vero penso che le varie DOSCH & co. avrebbero chiuso da un bel po di tempo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
X quanto scritto da Matteo (l'ho letto velocemente) mi sembra molto labile la possibilità di far rientrare quanto stiamo analizzando in quei concetti e leggi... tutto un pò fumoso per arrivare a una conclusione univoca!

Guru... il casino principale è che sono servizi e quindi molte volte si parla di cose molto soggettive da persona a persona... non sono prodotti artigianali reali e non è che si può dire: "ok... questo è ok e allora va collacato qui"...

Cmq mi informerò su certe cose e poi magari scriverò un articolo visto che non è una cosa che interessa solo me...

Mat

:hello:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
domanda: se io vendo una foto, un dipinto, un acquerello che rappresenta una Ferrari, come un elettrodomestico della Philips o un iMac posso essere denunciato da queste societá perché sto speculando?

Se io scrivo un libro sulla storia della Mercedes, della a.s. Roma, di Microsoft, posso essere denunciato da questi marchi perché sto speculando?

Se fosse cosí arriveremmo al paradosso che potrebbero essere denunciabili riviste come Quattroruote, etc. e in generale tutte le riviste specializzate in qualche prodotto particolare, perché traggono un utile parlando di marchi e prodotti di cui non hanno i diritti. Se fosse vero penso che le varie DOSCH & co. avrebbero chiuso da un bel po di tempo.

Io credo che le cose stiano così:

Se faccio un dipinto della mercedes/ferrari/fiat il pezzo sarà unico e interpretato dal mio stile.E quindi nn credo ci sia nessun modo per essere perseguiti.Ben diverso il caso in cui riproduco soggetti nati per la carta(topolino, superman, la Pimpa)

Se i miei quadri sono sempre caratterizzati dai personaggi dei fumetti qulcuno potrebbe farsi avanti con il Codice alla mano.

Se io scrivo un libro e racconto della storia della Mercedes/fiat/ferrari etc, nn credo ci siano problemi.

Nel momento che inzii a metterci dentro delle foto riconducibil ai marchi suddetti credo tu debba se nn altro chiedere il permesso ai relativi proprietari, a parte i fotografi anche alle casa automobilistiche.

Del resto anche quando si scrive una bibiografia in linea di massima si contatta la persona stessa o i parenti per avere un liberatoria e l'avvallo nonchè una sorta di autenticazione per connotarla nel segno dell'ufficialità.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Guest ermannopretidesigners   
Guest ermannopretidesigners

IL PROBLEMA E IL DANNO ECONOMICO , IL DANNO ECONOMICO CHE TU FAI AD UNA AZIENDA O COMPAGNIA

CHE DANNO ECONOMICO FAI AD UNA AZIENDA TU.... CHE GLI HAI RIPRODOTTO IL SUO MOBILE IN 3D E CON QUESTA AZIONE CLI FAREI AUMENTARE IL FATTURATO con la possibilita che il tuo 3d si tramuti in una potenziale vendita reale del prodotto

e chiaro che se il mobile lo riproduci anche materialmente in legno allora fai una copia e quindi potrebbe essere protetta dal copyr

come fa una compagnia a trascinarti in tribunale se da una azione come questa trae un beneficio un beneficio economico

cosa dice al giudice il suo 3d mi ha fatto guadagnare di piu..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Guest ermannopretidesigners   
Guest ermannopretidesigners

le compagnie aeree virtuali la dicono lunga sviluppate da appassionati, riproducono in 3d modellini di aerei che volano supportate da flight simulator un programma geniale

le compagnie sono ben felici di avere una compagnia virtuale parallela al punto che in alcuni casi hanno finanziato piccolissimi progetti e questo perche .... sono messaggi subliminali una forma pubblicitaria molto raffinata a tal punto che oggi pagano per entrare nel programma con i colori della propria compagnia

penso che tra qualche tempo un azienda dovra dare qualcosa in termini economici a progettisti che decidono di mettere quel mobile anziche un altro poiche il mio disegno e determinante per la scelta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Sicuramente il tuo amico ha una committenza e un relativo pagamento giusto? quindi ha dei limiti, per quello non può rendere pubbliche le immagine dei suoi lavori, in ogni caso se non fosse così e lui realizzasse per conto suo delle proprie statue anche in stile manga ha dei diritti connessi totali sull'opera, perchè non ha un contratto di lavoro che gli dice che deve svolgere in maniera primaria quella mansione... Invece nel caso fosse la sua mansione principale e c'è una committenza quindi un pagamento (quello detto all'inizio) non può renderle pubbliche perchè possiede solo i diritti morali di quello che lui crea e non tutti i diritti connessi (morali, patrimoniali, di paternità, economici ecc...)...

Si, devo rettificare, mi pare che questo venda i suoi modelli, ma solo perchè gli vengono commissionati dalla ditta che detiene il copyright del soggetto.

Ecco il link ad una sua intervista, purtroppo il link al suo sito non funge più.

link

Al giono d'oggi credo che le opere digitali dovrebbero valere quanto quelle reali, ma ci vorrebbe una legislazione apposta e una crittografia dei dati per rendere il prodotto unico, evitarne la copia ecc... Anche se a questo punto sul modello 3d non servirebbe a molto, perchè uno poi non lo potrebbe utilizzare :wallbash:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Una cosa che mi sto chiedendo da un po' di tempo...

Io creo un modello 3d di una ferrari/Fiat/... qualunque, ci creo intorno una scena di mia invenzione, produco dei rendering delle animazioni. Quindi rielaboro personalmente, e come dice Mat sono apposto con la legge (se ho capito bene).

Però il materiale derivato lo espongo su internet sul sito della mia azienda, o lo distribuisco gratuitamente...

Tutto allo scopo di cercare clienti.

L'azienda non potrebbe arrabbiarsi per aver utilizzato il suo marchio registrato per ricavarci denaro anche e indirettamente.

Oppure perchè così facendo posso creare un'immagine aziendale diversa da quella che loro vogliono

O semplicemente perchè non ho chiesto nessuna autorizzazione per l'utilizzo del loro prodotto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Oggi ho avuto modo di parlare con il docente -c'è stato l'esame e diciamo che lo rivedrò a giugno- ai è dimostrato disponibile a spiegarmi due piccole cose e anche a rispondere ad eventuali domande visto che in materia la situazione file/internet/diritto è molto confusa a causa della "non territorialità" di uno strumento come internet quindi quello che vale in italia può non valere negli USA o in altri stati... In ogni caso appen ami riprendo compilo un'email e la invio al docente il quale sembra anche molto disponibile sul tale argomento essendo ancora in fase di espansione...

Che ne dite di postare una serie di domande o meglio di inviarmele privatamente?

Mat

:hello:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questo è il concetto come lo vedo io:

- alcuni siti come e-interiors hanno accordi pubblicitario/commerciali con le ditte che gli forniscono gli arredi, semplicemente xkè rendendo fruibile agli architetti il materiale, quest'ultimo verrà impiegato in progetti che se realizzati serviranno da pubblicità alla ditta che ha pubblicato il modello.

- ben diversa è la rivendita del modello: io disegnatore riproduco in un file x il modello di un mobile di una determinata marca; se lo rivendo privatamente chi mi dice che chi acquista il modello non sia un concorrente della ditta x che vuole subdolamente scopiazzare il suddetto mobile???chi protegge i diritti del designer che ha progettato il modello?e chi quelli dell'azienda che l'ha prodotto e quindi di tutto l'indotto???

Vi posso garantire che lo spionaggio industriale esiste e funziona!!!

Tutto come sempre IMH(and Humble)O.

Spero di non aver detto castronerie.

Byos

Christian

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scusate se mi riesumo questa discussione

ma proprio in questi giorni ho avuto un piccolo problema di "proprietà intelletuale"

ammettiamo di RIBALTARE il problema

ipotesi

io sono un designer o architetto che sia... un committente mi commissiona un oggetto... (esempio una villa x essere + chiari)

io creo il progetto

(quella che abbiamo chiamato opera di ingegno giusto?)

e lo seguo in tutto il suo iter burocratico...

(approvato dagli organi competenti... si può parlare in questo caso di "brevetto" a tutela della mia attività intellettuale?)

si realizza parzialmente il progetto da me creato

subentra una terza persona (a lavoro non concluso)

che utilizza il mio progetto di fondo e lo "rivede" in chiave 3D

ovvero aggiunge qualche modello (non suo) applica un pò di texturing e cuoce il tutto.

sbatte le suddette immagini come suo portfolio in homepage e si fà pubblicità cartacea sempre con i suddetti 3D

chi è in torto secondo voi?

non ho capito bene a chi appartiene la "proprietà intellettuale"

al sottoscritto che ha passato notti insonni x le scelte progettuali

al terzo che ha portato solo tutto su carta "rivisitandolo" (l'idea di fondo strutturale è quella... non si può cambiare.. quello che cambia ad esempio sono solo i colori!) e ne traee pubblicità come opera sua senza specificare il MIO lavoro? :wallbash:

grazie a tutti x le eventuali risposte :hello:


Modificato da acdmlk

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

in merito a TURBO SQUID

la walt disney ha proibito qualsiasi riproduazione digitale 2d/3d dei suoi prodotti.

le aziende (auto/furniture) hanno tutto l'interesse di avere prodotti digitali, in quanto il lo

principale scopo è quello di vendere prodotti REALI

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×