Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
Driven

Quali Sono I Programmi Dei Grandi Studi Di Progettazione?

Recommended Posts

Salve a tutti, ho una piccola curiosità, che programmi si usano nei grandi studi di progettazione, Renzo Piano, Norman Foster,Richard Rogers.. ecc ???

A riguardo ho trovato questo video, (http://www.fosterandpartners.com/content/projects/1027/1027_01.mov) che ho visto sul sito di Norma Foster, qualcuno saprebbe dirmi che programma é?

Tutte le informazione a riguardo sono ben accette..

Ciao Guido

Share this post


Link to post
Share on other sites
Salve a tutti, ho una piccola curiosità, che programmi si usano nei grandi studi di progettazione, Renzo Piano, Norman Foster,Richard Rogers.. ecc ???

A riguardo ho trovato questo video, (http://www.fosterandpartners.com/content/projects/1027/1027_01.mov) che ho visto sul sito di Norma Foster, qualcuno saprebbe dirmi che programma é?

Tutte le informazione a riguardo sono ben accette..

Ciao Guido

Innanzitutto bisogna considerare che grandi studi come quelli da te citati hanno piú di una sede e che spesso le succursali sono addirittura piú grandi dello studio-madre e in altri continenti. Poi c´é da aggiungere che in generale molti lavori (e in genere proprio visualizzazione , renderings, etc.) vengono appaltati a studi esterni (e molto spesso questi studi esterni non sono altro che ex-collaboratori dello studio stesso che si sono specializzati e quindi messi in proprio). Comunque i programmi che usano sono sempre gli stessi Autocad, Max, etc. etc., niente di particolare, con l´aggiunta che magari in Inghilterra é molto usato Microstation, in Germania Vectorworks e cosí via, tutto questo per dire che il video non necessariamente viene dallo studio di Foster e non necessariamente viene da Londra.


Edited by krone

Share this post


Link to post
Share on other sites

è un software basato su regole della bentley appena mi ricordo il nome lo posto... non sono soft che amo molto, sono piu di ricerca.

dai un occhiata qui http://apiusurface.blogspot.com

ps per me i soft piu usati sono

professionalita 1.3

creatività 3.4

progettualità 9.2

nome 25.2 :P


Edited by algosuk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao, algosuk. che intendi dire con :

"per me i soft piu usati sono

professionalita 1.3

creatività 3.4

progettualità 9.2"

????

vuol dire che é inutile cercare che programma usa questo o quell´altro architetto famoso, perché i programmi alla fine sono un po tutti uguali e la differenza la fa il "manico", senza contare che restano pur sempre dei semplici strumenti di lavoro come potevano esserlo riga squadra e matite e non credo che la generazione precedente andasse in giro a chiedere che squadra e che matita usassero Mies o Le Corbousier..........

Share this post


Link to post
Share on other sites
vuol dire che é inutile cercare che programma usa questo o quell´altro architetto famoso, perché i programmi alla fine sono un po tutti uguali e la differenza la fa il "manico", senza contare che restano pur sempre dei semplici strumenti di lavoro come potevano esserlo riga squadra e matite e non credo che la generazione precedente andasse in giro a chiedere che squadra e che matita usassero Mies o Le Corbousier..........

Ciao, la mia domanda non è nata con l'obbiettivo di individuare il programma migliore, ma dalla curiosità di capire quali programmi sono usati negli studi di progettazione, se sono usati.. oppure se domina sempre la matita...

In quanto sono uno studente che al momento è attratto da vari programmi (revit, 3ds ecc..) ma al contempo ho la paura, che il tempo e i soldi che devo investire se voglio imparare questi programmi non abbiano un ritorno futuro in termini di maggiori e più ambiziose possibilità lavorative.

Dico questo perchè anche io come te non credo che i programmi non abbiano la possibilità di creare da soli l'opera di architettura, e molto spesso mi chiedo se mi agevolano o al contrario standardizzano le opere di architettura, uccidono la creatività impediscono di vedere i veri significati dell’ opera ecc… come spesso è sostenuto da molti professori con cui sono a contatto tutti i giorni, e che consigliano di dedicare questo tempo ad altro…

Ovviamente il mio obbiettivo sarebbe quello di diventare un buon progettista e non un visualizzatore, o un modellatore di opere altrui…

Qualunque critica o consiglio è ben accetto..

Ciao, Guido

Share this post


Link to post
Share on other sites
molto spesso mi chiedo se mi agevolano o al contrario standardizzano le opere di architettura, uccidono la creatività impediscono di vedere i veri significati dell’ opera ecc… come spesso è sostenuto da molti professori con cui sono a contatto tutti i giorni, e che consigliano di dedicare questo tempo ad altro…

non agevolano ne standardizzano l'opera architettonica... quella dipende sempre dal progettista...

il software è solo un modo di rappresentare un idea... ma è il tuo cervello che produce l'idea... la puoi poi rappresentare in 10.000 modi... plastici... disegni 2d, 3d, schizzi, disegni ad acquerello o china o carboncino o altro... nessun modo di rappresentare influsce su quella che è l'idea... se non per colpa del progettista che magari trovando difficltà nel fare una cosa con uno strumento si accontenta di quello che esce.... che è un grave problema... ne vedo tutti i giorni... gente che non sà usare gli strumenti dire va bene lo stesso... invece di fare un piccolo sforzo e capire come fare...

Share this post


Link to post
Share on other sites

il software che ha utilizzato nel video che hai postato non è microstation, è un software un pò macchinoso che ora non mi ricordo il nome. La scorsa estate ero all'A.A. di londra per un corso e il tutor di un'altra unit utilizzava quel software lì. Vado a cercare tra gli appunti e te lo dico. Adesso ti posso dire che è un software abbastanza complesso perchè differente dai classici maya, max ecc. Solo dopo un bel pò di tempo riesci a fare cose interessanti, all'inizio è un casino.

Ciao... ovviamente potrei anche sbagliarmi, ma mi sembra proprio quello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
In quanto sono uno studente che al momento è attratto da vari programmi (revit, 3ds ecc..) ma al contempo ho la paura, che il tempo e i soldi che devo investire se voglio imparare questi programmi non abbiano un ritorno futuro in termini di maggiori e più ambiziose possibilità lavorative.

Non ci investirei molti soldi o tempo, considera che i praticanti che prendiamo molte volte non hanno mai visto Vectorworks, gli si danno tre giorni per leggere il manuale e cominciare a fare le prime cose (quando non partono subito a lavorare). Dopo una o due settimane cominciano ad essere pienamente produttivi. Per i softwares 3D ci vuole un po piú di tempo diciamo uno o due mesi, ma comunque imparare un programma non é un´impresa titanica, tutt´altro, lavorandoci sopra e con un "anziano" vicino si fa presto. Impara ad usare un programmma, ma non pensare che una volta imparato hai raggiunto un obiettivo o chissá quale skill come dicono gli inglesi, l´importante é avere la capacitá di imparare velocemente ed essere flessibile, perché come detto i programmi sono tantissimi (Autocad, Archicad, Vectorworks, Microstation, Rhino, Form Z, Revit, 3DS max, Cinema 4D D, XSI, Maya, Allplan, etc. etc.) non si possono imparare tutti. Comunque se sei un buon progettista nessuno ti fará mai storie se non conosci Microstation, perché (almeno all´estero) danno per scontato che se hai studiato per 5-6-7 anni architettura, hai 2-3 anni di esperienza, non dovrebbe essere un grande problema imparare ad usare un programma in una o due settimane.

uccidono la creatività impediscono di vedere i veri significati dell’ opera ecc… come spesso è sostenuto da molti professori con cui sono a contatto tutti i giorni, e che consigliano di dedicare questo tempo ad altro…

tutta gente che é nata, cresciuta e vissuta nell´universitá e non ha mai lavorato o costruito qualcosa, che alla fin fine dell´architettura sanno solo la teoria . Diciamo un po come dei chirurghi che hanno imparato a memoria tutta l´anatomia umana ma non hanno mai operato una persona o visto un malato. Il computer in architettura é fondamentale oggi come lo era la matita ieri.

Ovviamente il mio obbiettivo sarebbe quello di diventare un buon progettista e non un visualizzatore, o un modellatore di opere altrui…

questo é un po il sogno di tutti, ma é difficile se non impossibile (a meno di non avere qualche scorciatoia....), comunque te lo auguro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
Aspetta! x