Jump to content

Proteggere Le Cartelle Con Password


Recommended Posts

HO trovato questo ora provo:

Come impostare i diritti a una cartella

Per impostare i diritti a una cartella non dobbiamo far altro che cliccarci sopra con il tasto destro del mouse, selezionare “Proprietà” e successivamente la scheda “Protezione”.

Nota: Se in Windowx XP Professional questa voce non fosse presente bisogna abilitarla seguendo questa semplice procedura (infatti di default questa opzione è nascosta):

Aprire una cartella qualsiasi, dal menu a tendina selezionare la voce “Strumenti” e successivamente “Opzioni cartella”. Dalla finestr di proprietà che compare selezionare la scheda “Visualizzazione” e nel campo “Impostazioni avanzate” trovare la voce “Utilizza condivisione file semplice (scelta consigliata) e accertarsi che sia deselezionata. A questo punto anche in Windows XP Pro appare la scheda protezione tra le proprietà di una cartella. Per quanto riguarda Windows XP Home la procedura è un po’ più complicata e verrà spiegata in un paragrafo a parte.

Una volta che accediamo alla scheda “Protezione” delle proprietà della cartella possiamo iniziare a impostare i vari diritti:

In utenti e gruppi compare la lista degli utenti che hanno i vari diritti di accesso alla cartella; di default Windows imposta “Everyone” come utente predefinito, il che vuol dire che tutti gli utenti hanno accesso alla cartella. Se si intende impostare dei diritti per la cartella è bene eliminare l’utente “Everyone”. Successivamente bisogna aggiungere i vari utenti e impostare i vari diritti. Ma facciamo un esempio pratico:

Supponiamo che nel nostro computer ci siano due utenti: Utente1(U1) e Utente2(U2). Una volta avuto accesso alle impostazioni di protezione, eliminiamo l’account “Everyone” (se presente), clicchiamo sul tasto “Aggiungi”, inseriamo i nomi degli utenti separati da “;” e confermiamo. Nel campo utenti e gruppi ora compaiono gli utenti selezionati.

In “Autorizzazioni per nomeutente” possiamo impostare le autorizzazioni di accesso per l’utente selezionato. Supponiamo ad esempio di voler assegnare a U1 il permesso di accesso in lettura, mentre per U2 vogliamo completamente negare l’accesso. Selezioniamo quindi U1 e impostiamo come diritti (selezionando la colonna consenti):

Visualizzazione contenuto cartella (l’utente in questo modo riesce ad aprire la cartella per vederne il contenuto e basta)

Lettura (l’utente in questo modo riesce ad aprire i documenti contenuti all’interno della cartella in sola lettura)

Potremmo abilitare anche altri diritti volendo, come l’esecuzione nel caso la cartella contenga programmi che l’utente può eseguire, oppure la modifica che consente di aprire scrivere sui file esistenti ma non di crearne di nuovi.

Ora impostiamo i diritti per U2: selezioniamo l’utente e selezioniamo “Controllo completo” sulla colonna nega, in modo di impedire qualsiasi controllo da parte dell’utente. Queste operazioni si possono fare per singoli utenti o per gruppi di appartenenza (nel caso di una rete o nel caso che nel computer siano presenti molti utenti). Una volta confermato ci compare un messaggio che ci avverte che le autorizzazioni negate hanno la priorità su quelle concesse, quindi se un utente ipoteticamente appartiene a più gruppi e uno di questi gruppi non ha l’autorizzazione su un diritto, questa negazione prevarrà su qualsiasi autorizzazione di altri gruppi (in pratica se U1 è un membro di PowerUser e di User e come PowerUser ha accesso in lettura mentre come User non ha accesso, l’utente U1 non avrà accesso alla cartella in quanto le autorizzazioni negate prevalgono su quelle concesse).

Se ora proviamo ad accedere come U1 riusciamo a leggere i file contenuti nella cartella, mentre se accediamo come U2 non riusciamo nemmeno ad aprire la cartella.

Questa procedura è molto utile, soprattutto nelle reti, in quanto sulla cartella server possiamo avere le varie aree (Amministrativo, Commerciale, Magazzino, Produzione ecc…), ciascuna delle quali accessibile solamente dagli addetti all’area (quindi un responsabile di magazzino non potrà accedere all’amministrativo, ma magari alla produzione per la lettura dei file).

Questo metodo funziona anche in locale e ha senso se sul computer esistono più di un utente.

Ricordo inoltre che un utente amministratore ha accesso alle impostazioni di protezione, anche se non ha accesso alla cartella (se ad esempio U2 fosse un amministratore e gli fosse negato l’accesso a una cartella, non può accedervi ma può modificare le impostazioni di accesso a tale cartella e ridefinire i diritti di accesso).

Link to post
Share on other sites

Tieni presente che in questa maniera le cartelle con vengono criptate e possono essere lette comunque da altri sistemi operativi che supportano NTFS (e se ne fregano delle protezioni di windows), come per esempio le ultime release di linux.

Se vuoi che qualche ficcanaso non modifichi i tuoi dati può andare bene, ma se la sicurezza è fondamentale ti consiglio di usare qualche programma che cripta i file come NeoCrypt.

Inoltre se non sbaglio l'accesso della cartella poi sarebbe basato sul nome che inserisci al login, quinde se metti la tua pennina dove non c'è il tuo utente potrebbe non funzionare.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

Per garantire la migliore esperienza di navigazione possibile questo sito utilizza cookie tecnici, statistici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy - Cookie Policy