Vai al contenuto
3dboldicotti

Tesi Sul Fotorealismo In Architettura

Recommended Posts

seguo :)

motore di render?? Vray??

avrei voluto..ma vogliono farmi usare mental..vero ke lo sò usare, ma avrei preferito vray, così m sarei esercitato un pò visto ke con questo motore sn all'inizio. :blush:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

la tua tesi mostrerà solotanto quanto sono fighi i motori di rendering attuali per renderizzare scene architettoniche fotorealistiche o ti soffermerai anche sull'analisi del:se, come, quando e perchè è utile utlizzare il fotorealismo in architettura?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
la tua tesi mostrerà solotanto quanto sono fighi i motori di rendering attuali per renderizzare scene architettoniche fotorealistiche o ti soffermerai anche sull'analisi del:se, come, quando e perchè è utile utlizzare il fotorealismo in architettura?

andrò a spiegare anke il quando e il perchè sono utili dei render fotorealistici in architettura, ( soprattutto per quanto riguarda l'impatto ambientale) visto ke la maggior parte dei professori dicono ke sn più utili degli schizzi ke dei render fatti bene.. :angry:

:hello: :hello:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si potresti dimostrare come la progettazione non può ovviamente rinunciare a degli schizzi lungo il percorso progettuale ed ha come giusta conclusione il render fotorealistico.

Ti seguo anche io.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

non avendo niente contro la tua tesi i concetti e quant'altro, il fotorealismo in architettura è un vezzo del cliente e un espressione artistica non una necessità architettonica. l'architettura è la costruzione non la confezione. che poi per passare alcuni concorsi o farsi approvare progetti una resa fotorealistica serva dipende dalla commissione.

premesso questo, seguo interessato gli sviluppi della tesi

buon lavoro

ps: anche io sto facendo una tesi sul quasi fotorealismo, ma per restauro.

ciaooooo :hello:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
non avendo niente contro la tua tesi i concetti e quant'altro, il fotorealismo in architettura è un vezzo del cliente e un espressione artistica non una necessità architettonica. l'architettura è la costruzione non la confezione. che poi per passare alcuni concorsi o farsi approvare progetti una resa fotorealistica serva dipende dalla commissione.

premesso questo, seguo interessato gli sviluppi della tesi

buon lavoro

ps: anche io sto facendo una tesi sul quasi fotorealismo, ma per restauro.

ciaooooo :hello:

non si puó che quotare.

Il rendering fotorealistico c´entra piú col restauro che con la progettazione vera e propria, é difficile trovare architetti e studi che cerchino una resa fotorealistica di un progetto, perché quello che interessa nel 99% dei casi é trasmettere una sensazione o un´idea, o taroccare qualcosa per vendere meglio un progetto. Una resa fotorealistica piú che esaltare il progetto ne esalta inevitabilmente i difetti (perché ogni progetto e soprattutto quelli realizzati hanno difetti) cosa che ovviamente nessun architetto é interessato a mostrare. Non bisogna neanche dimenticare che quasi sempre il progetto di concorso o il progetto approvato non coincide con quello realizzato, quindi in ogni caso parleremmo di fotorealismo virtuale.

Per quanto riguarda il fotorealismo nel restauro anche qui sono d´accordo con Uncle Pritt, e secondo me questo é il vero campo dovre andrebbe sviluppato il concetto di rendering fotorealistico.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per opinione personale ritengo il rendering un vezzo o quando l'importo dei lavori non giustifica un costo di progettazione pompato anche dalla generazione delle immagini o quando non si deve descrivere ne un atmosfera ne dei particolari non altrimenti comprensibili in tavole tecniche all'occhio del non addetto ai lavori. Purtroppo sta diventando un esigenza anche quando fuori luogo, e quando le cose diventano moda subiscono un inevitabile inversione di tendenza che potrebbe portare sia buone che cattive conseguenze agli addetti ai lavori. Questa tesi è molto interessante a patto che focalizzi la reale funzione di un rendering nel contesto progettuale e non l'inutile utilizzo dello strumento per arricchire ed abbellire il materiale, sarebbe molto bello anche sottolineare le differenze tra la rappresentazione tridimensionale del progetto ed il calcolo delle immagini fotorealistiche che si fa forte dello sviluppo della cg.

Seguo con interesse

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×
×
  • Crea nuovo...