Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Recommended Posts

buona sera a tutti!

è da un pò di tempo che mi gironzola quest'idea per la testa e oggi mi sono deciso a realizzarlo.

Come ho scritto nel titolo sono un principiante quindi oltre ad avere molta pazienza con me spero che possiate essermi di aiuto :rolleyes:

con questo posto il primo screen

123uj0.th.jpg

4567kq9.th.jpg

Com'è ben chiaro voglio realizzarlo in stile robotico

Queste sono solo le "ossa" della testa... quindi manca tutto il rivestimento e le parti interne.

il software che utilizzerò per la modellazione è autostudio per il texturing e il render utilizzerò maya e colgo l'occasione per chiedervi dei validi tutorial in quanto di quest'ultimo so ben poco.

Premetto che ho paura che sarà un wip molto lungo non solo per la mia scarsa conoscenza di maya (e quindi per il tempo che mi servirà per apprenderne le basi) ma anche a causa di problemi universitari.

...detto questo bando alle ciance e sotto con la modellazione!! :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piccolo up prima di andare a dormire

Come vedete ho fatto qualche prova della corazza esterna ma la vista laterale mi fa inorridire :wallbash: , mentre non mi disiace quella frontale... sto valtando un pò di alternative e comunque dicono che la notte porti consiglio :P speriamo :lol:

asdfghjklud4.th.jpg

hjkiuyghjnm0.th.jpg

a presto e buona notte!

Share this post


Link to post
Share on other sites

ti seguo anche perche sono curioso di vedere come lavora studiotools! che mi ha sempre affascinato ma purtroppo lo reputo troppo difficile rispetto ad un rhino e questo mi ha sempre portato a disinstallarlo eheh

sta venendo bene cmq! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

rieccomi qui per un piccolo up!

Ho cambiato completamente quell'obrobrio che era la skin superiore con questa che oltre ad essere molto più "robotica" è decisamente più bella.

skinprova2wj4.th.jpg

provaskin22gl4.th.jpg

C&C sono bene accetti!!

A proposito di rhino! Mi piacerebbe molto approfondire questo anrgomento sulle differenze e potenzialità dei due software...e comincio con una domanda che è da un pò di tempo che mi pongo:

Ma rhino ce l'ha la contruction history?

Share this post


Link to post
Share on other sites

@MmAaXx:Si studio tools ce l'ha e trovo che sia ottima. Ha solo un paio di difetti uno per problemi del sotware l'altro per una cosa molto ovvia

1)Il problema software è che se è attiva la contruction history su delle superfici SCORDATEVI di pare più di 2 round (il round è un tool per smussare gli angoli delle superfici per chi non lo sapesse), infatti tende a fare parecchi casini soprattutto dove si incontrano 3 round. L'unico modo per ovviare al problema è cancellare la contruction history , ovviamente una volta decisa la forma finale, e poi applicarci i round.

2)L'altro problema è un problema di complessità dell'oggetto...mi spiego meglio: se ho molte superfici che si itersecano tra di loro e ho effettuato dei tagli su di esse è possibile che muovendo qualunque cosa le superfici non si incontrino più e le superfici che prima erano tagliate dopo non lo siano più ecc... Ma a questo problema è difficile porre rimedio :lol:

Cmq si sto lavorando senza reference perchè?

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie per la risposta!!

beh ti dico che rhino è moooolto meno flessibile sotto questo punto di vista nel senso che io personalmente prima di metterci mano ho gia bene chiara in testa la forma definitiva del mio oggetto finale... lascio all'improvvisazione il meno possibile visto appunto la poca flessibilità, pero ce da dire che rhino è un software leggerissimo salva in 30 formati diversi e poi costa solo 900 euro il che lo rende richiestissimo da molti studi medio piccoli...

Anyway studio tools mi affascina parecchio ma tutte le volte che ho installato la ple mi sono trovato difronte a troppe tendine e avevo anche dei problemi di visualizzazione grafica, per dirla in parole povere " mi sminchiavano le palettes dei comandi "

Ti ho chiesto se lavori senza references per la questioen che ti ho detto prima , ossia che in rhino non hai molta flessibilià durante il lavoro in corso e pensavo che anche studiotools fosse così ma invece sembra che tu lavori con le nurbs con la stessa flessibilità dei poligoni mi pare di intuire...forse anche di più

cmq sta procedendo bene e vedo che sei anche parecchio svelto...se hai voglia di fare un tutorial basic su studio tools per busy-men te ne saremo tutti grati!

continuo a seguirti ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che sia più flessibile della modellazione poligonale non è vero infatti la mia decisione di fare un drago "robotico" non è stata casuale ;).

Per quanto riguarda le palettes dei comandi ti assicuro che è un problema diffusissimo e , da quel che ho notato, succede sulle macchine che non hanno una scheda video dedicata (e non chiedetemi perchè :lol:) ed in pratica non ti visualizza le immaginette dei comandi. Cmq questo è un problema solo all'inizio in quanto questo programma possiede un ottimo Hotbox che dopo un pò di allenamento consente di fare il 98% delle azioni possibili senza l'ausilio della paletta dei comandi.

Per il tutorial potrei realizzarlo ma dovrete aspettare un pò, causa impegni universitari :rolleyes:

Tornando alle differenze con Rhino... mi interessava sapere come si comporta sul controllo delle curve e delle continuità tra superfici.

Mi spiego, in studio tools è possibile decidere sia a priori che a posteriori la continuità tra due superfici, sia di tangenza che di curvatura e con un comando apposta permette poi di controllarne il tipo di continuità anche su superfici su cui non era stato preimpostato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tornando alle differenze con Rhino... mi interessava sapere come si comporta sul controllo delle curve e delle continuità tra superfici.

Mi spiego, in studio tools è possibile decidere sia a priori che a posteriori la continuità tra due superfici, sia di tangenza che di curvatura e con un comando apposta permette poi di controllarne il tipo di continuità anche su superfici su cui non era stato preimpostato.

fantascienza.... in rhino la superficie te la devi rifare se vuoi cambiare il tipo di tangenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Peccato per le superfici!!

è vero anche che studio tools non ha un motore di render decente al suo interno e se si vuole fare qualcosa bisogna per forza esportare tutto (cosa che io dovrò fare :crying: ).

Posto un piccolo up e poi vado a studiare che è meglio :lol:

cornavm6.th.jpg

corna2gx6.th.jpg

corna3jy7.th.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

I congegni all'interno sono previsti, infatti quello che vedi sono le ossa e l' "armatura" superiore, solo che non ho ancora pensato a come farli.

Per quanto riguarda le reference non ne ho, vado dove mi porta il cuore :wub::lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ieri sera ero andato un pò avanti ma il contatore ha deciso di saltare nel momento più opportuno facendomi perdere tutto il lavoro svolto fino a quel momento :wallbash: :wallbash: :wallbash:

ora volevo scrivere il breve tutorial su come muoversi all'interno delle viste e sull'uso dell'hotbox ma dove lo scrivo qui o nella sezione tutorial?

Share this post


Link to post
Share on other sites

intanto che aspetto che mi accettino il breve tutorial nell'apposiata sezione lo posto qui, così almeno mi dite se ho fatto qualche errore :lol:

Buon giorno a tutti :lol:

Ecco qualche nozione base sull’utilizzo di Studio Tools v13.0 (dovrebbe essere applicabile anche alle versioni successive).

In questo breve tutorial ci occuperemo dei controlli di movimento e della funzione di selezione rapida dei comandi.

Appena acceso il programma vi dovrebbe dare una schermata del genere, clicchiamo su AutoStudio e successivamente su Launch per continuare.

57150555hy2.jpg

Appena acceso il programma si presenta in questo modo

85510855rn0.jpg

La prima cosa da fare è andare nel menù a tendina “windows” disattivare la Shelves e attivare la Palette come da immagine. Quest’ultima si presenterà come una lunga finestra verticale con all’interno tutti i comandi suddivisi per categorie.

Attenzione: la palette dei comandi si aprirà in una finestra a parte quindi è consigliabile adattare le finestre in modo che si vedano bene entrambe.

65462040nw6.jpg

Aperto un nuovo file ci si presenterà questa visulale:

79638614ul6.jpg

Come possiamo vedere sopra ogni vista ci sono una serie di simboli che forniscono informazioni sulla stessa.

Attenzione: la disposizione delle viste è americana quindi risulta differente dalla disposizione europea.

Potremmo già cominciare a lavorare ma essendo già rimpicciolita la schermata , a causa della palette , risulta scomodo, soprattutto per lavori di precisione, lavorare sulle finestrelle.

Per mandare a tutto schermo una delle viste possiamo cliccare sull’ultimo pulsante in alto a destra come da immagine (sia per mandare a tutto schermo, sia per tornare su tutte le viste), oppure molto più semplicemente con i tasti:

F5: Top

F6: Side

F7: Back

F8: Persp

F9: Tutte le viste.

Digitando quindi F8 ci troveremo nella schermata prospettica

32023853hm1.jpg

Cominciamo quindi a capire come muoverci:

I bottoni sulla finestra che ci consentono le tre azioni fondamentali, quindi zoom, rotazione e spostamento, sono posizionati in alto a destra come da immagine.

Notiamo subito ciccandoli e provando a muoverci che sono molto sensibili e risulta complicato lavorare di precisione, andiamo quindi a vedere i tasti della tastiera che ci consentono di fare gli stessi movimenti.

I tasti in questione sono lo shift e l’alt e premendoli contemporaneamente vedremo apparire questa finestrella sullo schermo( ignoratela:lol:).

49012243xh0.jpg

Combinando questi tasti con quelli del mouse otteniamo i tre movimenti con queste combinazioni:

Shift + Alt + Tasto Sx: Rotazione

Shift + Alt + Tasto Centrale: Movimento

Shift + Alt + Tasto Dx: Zoom

All’inizio risulterà un po’ ostico ma poi sarà un un po’ come giocare ad unreal tournament :lol:

Scorriamo ora nella palette fino alla voce “surfaces”, la espandiamo se non lo è già, e andiamo a selezionare una primitiva, per esempio una sfera.

91148281qp6.jpg

Notiamo subito che, anche se abbiamo premuto il pulsante la sfera non è comparsa, questo perché il software sta aspettando le informazioni su dove creare la sfera.

In alto, nella linea bianca, potremo inserire le coordinate per la creazione della sfera, infatti se inseriamo 0,0,0 verrà creata all’origine degli assi.

66563909rs7.jpg

Ovviamente non è l’unico modo per posizionare un oggetto nello spazio ma gli altri metodi li vedremo successivamente con gli snap.

Come possiamo notare la sfera viene visualizzata con i tre assi al suo centro e lungo questi assi tre figure che premendole ci consentiranno di muovere, scalare(modificarne la dimensione), e di ruotare l’oggetto l’ungo l’asse che abbiamo selezionato, ma anche di questo ci occuperemo dopo.

15nj7.jpg

Attenzione: questi comandi sulle primitive si attivano solo alla creazione dell’oggetto, una volta deselezionato non sarà più possibile utilizzarli.

Attenzione: tutti i tasti nella palette che presentano una frecciolina gialla in alto a destra hanno la possibilità di espandersi in una piccola sottocategoria semplicemente tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse.

Una volta creata la nostra sfera ci occuperemo di come prendere gli oggetti nello spazio e come muoverli o trasformarli.

I tasti di selezione e trasformazione li troviamo nella palette dei comandi nei primi due menù sotto il nome di “Pick” e “Transform”

28wb4.jpg

o con la comodissima Hotbox dei comandi.

Quest’ultima è attivabile tramite le seguenti combinazioni di tasti:

Ctrl + Shift + Tasto Sx del mouse: Menù tasti di selezione

Ctrl + Shift + Tasto Centrale: Menù tasti di trasformazione

Ctrl + Shift + Tasto Dx: Menù tasti di visualizzazione (ma questi non ve li spiego in questo tutorial :lol: magari nel prossimo ;) ).

Vediamo la sezione Pick:

21qu3.jpg

IMPORTANTISSIMO!! Nothing: Se non volete impazzire dopo 10 minuti di utilizzo del software ricordatevi SEMPRE di premere questo tasto dopo TUTTE le azioni compiute.

Infatti tutti i comandi rimangono selezionati fino a nuovo ordine, così come tutti gli oggetti.

Es: avete appena modificato una curva, ne selezionate un’altra, fate per muoverla e il programma vi muoverà entrambe le linee.

CV: I cv sono i punti di controllo della curva. Questo comando ci permetterà di selezionare solo i punti di controllo escludendo il resto (non ci sarà quindi concesso di selezionare una superfice ad esempio quando questo comando è attivato, per farlo dovremo prima premere “Nothing”).

Curves: Questo tasto ci permette di selezionare solo le curve escludendo tutto il resto.

Object: questo tasto ci consente di selezionare qualsiasi cosa, ed è l’unico modo per selezionare oggetti gruppati.

Surface: Questo tasto ci consente di selezionare solo le superfici escludendo tutto il resto.

Curve-on-Surface: Le curve on surface sono delle linee generate dall’intersezione di due superfici tra di loro. Questo tasto ci consente di selezionare solo quelle escludendo il resto.

La sezione Transform:

Su questa sezione bisogna fare una premessa

Il Pivot: Qualsiasi cosa venga creata in questo programma ha un pivot, esso viene visualizzato come un puntino azzurro e creato al centro della scena a meno che non utilizziate uno snap, in questo caso verrà posizionato nel punto in cui volete “attaccare” l’oggetto (ma questo lo vedremo dopo).

Sarà possibile visualizzare solo il pivot degli oggetti selezionati.

Ogni azione che viene svolta su di un oggetto (move, scale, rotate), viene applicato dal pivot.

23me3.jpg

Torniamo quindi un attimo alle azioni principali per poi vedere in che modo il pivot le influenza.

22gk1.jpg

Move: Questo tasto ci consente di muovere un oggetto nello spazio, ma il movimento non sarà libero. Infatti se teniamo premuto il tasto sinistro del mouse il movimento sarà lungo l’asse X, se teniamo premuto il tasto centrale l’asse sarà Y ed infine col tasto destro l’asse sarà Z.

Scale: Questo tasto ci consente di cambiare le proporzioni di un oggetto. A differenza del Move e del Rotate qualunque sia il tasto premuto del mouse l’effetto sarà identico, infatti l’unica cosa che può influenzare lo scale è il pivot.

Rotate: Questo tasto ci consente di ruotare gli oggetti nello spazio. Come per il Move ad ogni tasto del mouse corrisponderà un differente asse di rotazione.

Torniamo ora al Pivot.

Move pivot: Questo tasto serve per cambiare la posizione del pivot. Quando andiamo a muovere il pivot notiamo che l’oggetto non si muove, ma solo il puntino azzurro. Una volta mosso il pivot, andando a riselezionare il tasto move l’oggetto si muoverà su quel punto.

24dl4.jpg

Capite quindi che diventa fondamentale nel momento in cui voglio far coincidere perfettamente due oggetti come in figura (ovviamente bisognerà utilizzare gli snap di cui parleremo più tardi).

25do4.jpg

L’esempio però più efficace per spiegare il pivot è sicuramente la rotazione, come nelle figure.

Centre pivot: Questo tasto riporta semplicemente il pivot nel centro.

26xt9.jpg

27vj6.jpg

Torniamo ora ai metodi di posizionamento degli oggetti nello spazio.

Prima abbiamo visto come creare un oggetto inserendone le coordinate, ora utilizzeremo altri metodi.

Andiamo quindi a selezionare il tasto “sfera”, clicchiamo col mouse su un qualsiasi punto nello spazio e teniamo premuto. Verrà creata la sfera con la possibilità di movimento solo lungo l’asse X. Se invece clicchiamo col tasto centrale i movimenti consentiti seguiranno l’asse Y, mentre con il tasto destro l’asse è la Z.

10iq5.jpg

11sg9.jpg

12kq3.jpg

Ma se il primo metodo poteva risultare troppo preciso, questo è decisamente troppo approssimativo vediamo quindi gli SNAP.

Gli Snap sono selezionabili in alto a destra come da figura e, in ordine sono:

Snap al punto

Snap alla griglia

Snap alla curva

13en2.jpg

Ciccando su uno di questi si attiverà lo snap indicato e resterà selezionato finchè non viene di nuovo ciccato. Capite che se devo creare molti oggetti il selezionare e deselezionare tutte le volte il tasto è molto scomodo vediamo quindi i tasti di scelta rapida.

In questo caso i tasti sono il Ctrl e l’ Alt nelle seguenti combinazioni:

Ctrl: snap al punto

Alt: snap alla griglia

Ctrl + Alt: snap alla curva.

Ovviamente una volta rilasciati i tasti si annullerà immediatamente anche il comando di snap.

Andiamo quindi a riselezionare il tasto “sfera” e tenendo premuto il tasto Alt clicchiamo su un punto qualunque della griglia. Se non molliamo il tasto del mouse e ci muoviamo vediamo che la nostra sfera si sposterà saltando da un incrocio della griglia all’altro.

1234cl5.jpg

Vediamo ora lo snap al punto.

Prima di tutto andiamo a creare dei punti sulla griglia in questo modo:

Andiamo nella palette, nella categoria “curves”, tenendo premuto sul secondo bottone (new curve), seleziono la seconda opzione del sotto menu, come da illustrazione.

Poi, tenendo sempre premuto il tasto Alt (per lo snap alla griglia), clicco due punti a caso della griglia un po’ distanti tra loro (giusto per apprezzare lo snap ai punti).

Torno quindi a selezionare il tasto sfera.

Tenendo premuto il tasto Ctrl e premendo col tasto sinistro del mouse in un punto dello spazio anche distante dalla linea, la sfera verrà creata su uno dei quattro punti che compongono la linea.

Se inoltre non rilascio il tasto del mouse potrò “saltellare” da un punto all’altro posizionandomi quindi su quello che preferisco.

18xs3.jpg

Lo snap alla curva funziona allo stesso modo.

Lasciamo la linea nello spazio e andiamo a riselezionare il tasto sfera.

Teniamo quindi premuto i tasti Ctrl + Alt , clicchiamo quindi col tasto sinistro del mouse sulla linea e subito la nostra sfera si aggancerà alla linea. Tenendo quindi premuto il tasto sinistro del mouse e muovendoci col mouse vedremo scorrere la nostra sfera lungo la linea.

Attenzione: lo snap alla linea è sensibile a tutti i punti di intersezione con eventuali altre linee facilitando così il posizionamento preciso degli oggetti ecc…

19ud7.jpg

Per questo tutorial è tutto, spero di essere stato chiaro e che a qualcuno serva :lol:

Mi scuso in anticipo per qualsiasi errore grammaticale e non :TeapotBlinkRed:

:hello:

Share this post


Link to post
Share on other sites

sono andato avanti un p; con la struttura ossea

drago1uz1.jpg

drago2pl9.jpg

sto prendendo spunto un pò dallo scheletro umano sia da quello degli uccelli.

Commenti??

Mi porto avanti con una bella domandona per voi che riguarda Maya:

quando esporto un qualsiasi modello all'interno di maya quest'ultimo ne imposta la tassellazione di ogni superfice a valoro troppo bassi e se voglio cambiarli devo selezionare superfice per superfice e modificarne i parametri.

c'è un modo per importare tutto direttamente ad alta tassellazione??


Edited by Jack84

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
Aspetta! x