Vai al contenuto
cecofuli

Contratto A Progetto

Recommended Posts

Ciao a tutti,

come ormai sapete, o si lavora a progetto o ti apri la Piva. Ora, alla mia ragazza è stato offeto un contratto a progetto. Tanto per parlare di due numeri, se lei volesse 1000 euro netti al mense, in "busta" ( non so neppure se ci sian una busta paga o cos'altro visto che io ho PIva),

1. Quanto dovrebbe ricevere?

2. Inoltre, che tasse dovrebbe pagare se ce ne fossero?

3. Il datore di lavoro, che obblighi ha nei suoi confronti?

ho cercto un po' in rete, ma ogniuno dice la sua... :crying:

ciao e grazie.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho terminato da poco un contratto a progetto (circa un anno) con l'università e ho capito ben poco anch'io ^_^ provo a spiegarti quello che ho capito, ma potrei sbagliarmi: in pratica in busta paga mi risultava al netto poco + di 650 euro menisili e ho pagato quasi altrettanto di tasse, ora ho presentato il CUD (o meglio l'ha presentato il mio commercialista) e in base a quanto ho dichiarato (entroiti dal contratto + fatture come libero professionista) mi potrebbero ridare una parte delle tasse che ho già pagato in busta paga... mi era stato spiegato che, se nel corso dell'anno non avessi fatto nessuna fattura, con quel contratto sarei rimasto all'interno di una determinata fascia di redditto e mi avrebbero ridato una parte delle tasse fino ad arrivare a una retribuzione netta di circa 1000 euro.

Per gli obblighi dovrei riguardare il contratto... ora lo cerco e ti faccio sapere

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

il contratto l'ho lasciato tra le "scartoffie" in ufficio, x quanto mi ricordo ho aperto una gestione separata all'INPS e attualemente non ho capito come mi verranno calcolati questi contributi, ho dovuto stipulare un'assicurazione sulla vita, non erano previste ferie... il resto non mi ricordo ma se mi mandi una mail di promemoria lunedì ti faccio sapere + info possibili

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il fatto è che vorrei sapere quanto una persona, che ha come reddito solo questo contratto, se vuole avere a fine anno 12.000 euro netti o 1000 euro al mese netti, come si deve comportare, quanto chiedere e sopratutto il perchè. ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ciao a tutti,

come ormai sapete, o si lavora a progetto o ti apri la Piva. Ora, alla mia ragazza è stato offeto un contratto a progetto. Tanto per parlare di due numeri, se lei volesse 1000 euro netti al mense, in "busta" ( non so neppure se ci sian una busta paga o cos'altro visto che io ho PIva),

1. Quanto dovrebbe ricevere?

2. Inoltre, che tasse dovrebbe pagare se ce ne fossero?

3. Il datore di lavoro, che obblighi ha nei suoi confronti?

ho cercto un po' in rete, ma ogniuno dice la sua... :crying:

ciao e grazie.

ecco cosa mi ha appena spiegato la mia ragazza, da tempo inserita nel meraviglioso mondo del lavoro precario.

il contratto a progetto ha sostituito il vecchio co.co.co.

Il datore di lavoro paga il minimo dei contributi, ecco perchè ai capi piace molto questa formula.

chi riceve la busta paga non dovrà pagare nulla in più, al momento della dichiarazione dei redditi, in quanto, per l'appunto, è il capoccia a farlo.

con un contratto di questo tipo si può essere licenziati in qualsiasi momento e senza tanto preavviso.

non è rinnovabile come i contratti a tempo determinato, ma fatto ex novo ogni volta.

termina quando il "progetto" è concluso.

ahi ahi, povera italia...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se non sbaglio il limite per il pagamento tasse è di 4500 euro, mentre sotto i 5000 non hai nemmeno obblighi contributivi (Gestione separata INPS). Inpratica nella ricevuta o quello che è il datore di lavoro ci mette già tutti i pagamenti di tasse, lei dovrebbe solo assicurarsi che il netto mensile sia di 1000 euro, per esempio, e il resto lo fa il capo ;)

L'unica cosa che non mi è chiara è se i limiti detti in precedenza siano netti o lordi :(

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Se non sbaglio il limite per il pagamento tasse è di 4500 euro, mentre sotto i 5000 non hai nemmeno obblighi contributivi (Gestione separata INPS). Inpratica nella ricevuta o quello che è il datore di lavoro ci mette già tutti i pagamenti di tasse, lei dovrebbe solo assicurarsi che il netto mensile sia di 1000 euro, per esempio, e il resto lo fa il capo ;)

L'unica cosa che non mi è chiara è se i limiti detti in precedenza siano netti o lordi :(

mi ero dimenticato di scrivere che la gestione separata all'INPS lo dovuta fare solamente xchè ero già iscritto come libero professionista

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma tu hai la partita IVA? In quel modo non dovresti fare iscrizione alla gestione separata, perchè già verserestii contributi INPS normali... o no?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ma tu hai la partita IVA? In quel modo non dovresti fare iscrizione alla gestione separata, perchè già verserestii contributi INPS normali... o no?

appunto... ho un'iscrizione al'INPS x la partita IVA, ma le mansioni del contratto non rientravano in quelle della PI così ho dovuto aprire una gestione separata appositamente x questo contratto... il problema è che nessuno sa come (e se) verrano poi unite, boh staremo a vedere quando (e se) andrò in pensione ^_^

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
appunto... ho un'iscrizione al'INPS x la partita IVA, ma le mansioni del contratto non rientravano in quelle della PI così ho dovuto aprire una gestione separata appositamente x questo contratto... il problema è che nessuno sa come (e se) verrano poi unite, boh staremo a vedere quando (e se) andrò in pensione ^_^

Ah OK... per l'unione stai tranquillo, verranno unite, ma i versamenti della gestione separata sono praticamente buttati, è come unire 100 con 0 <_<

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A pate dire che con il contratto a progetto guadagna solo il datore di lavoro, (ma lo dico senza ipocrisia lavorativa e ovviamente sotto certi compensi) ti consiglio vivamente di non mischiare progetto con ritenute d'acconto, io facendo una cavolata del genere, l'anno scorso ho pagato una vera follia di tasse, ma una cosa veramente inaudita, per un cavillo strano...

Lo riporto per evitare a qualcuno di non andare in ferie dopo la 'sorpresa'. -_-

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

io ho letto che, se per esempio, vuoi avere 1000 euro netti, tu in "busta" dovresti avere un lordo di 1.000 euro più un 25% che sono tasse a carico del dipendente. Quindi 1250 euro. Poi le restanti tasse le paga il datore, tasse che saranno visibili tramite il CUD che verrà consegnato a fine anno.

Sbaglio o è così?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

No non sbagli.

Allora parlando di numeri...

Fino ad 8000 euro/anno lordi, sei nella fascia Area No-Tax, quindi non paghi alcuna tassa (IRPEF con Modello Unico), ma di conseguenza non puoi nemmeno scalare eventuali spese mediche, interessi su mutui, detrazioni fiscali ecc ecc

Il CoCoPro, a livello retributivo, però paga una percentuale di INPS (se non erro dovrebbe essere sul 18%) dove i 2/3 li paga il datore di lavoro, ed il restante 1/3 ti viene detratto dal lordo della busta paga.

Poi c'è la percentuale INAIL, ed eventuali Addizionali Comunali e/o Regionali.

Onestamente non credo si arrivi al 25% delle trattenute sull'imponibile lordo, in quanti molti preferiscono (parlo di lavoratori e non committenti) il CoCoPro alla ritenuta d'acconto.

Attenzione però!!!

Se superi i 8000 euro/anno, ovviamente il tutto viene a decadere in quanto entra in ballo la percenutale IRPEF ed il "gioco" potrebbe non risultare più conveniente.

Quindi consiglio alla tua ragazza di restare sui 8000, e poi il resto "fuori via" altrimenti deve calcolare il 23% di trattenute IRPEF in più.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sinceramente ceco, la ocsa migliore è ch echiedi a un commercialista...perchè da poco sono uscite circolari ch ehanno nuovamente ridefinito limiti e tasse..e rischi di non riuscire a capire bene le ultime novità.

cmq ti porto il mio esempio. l'anno scorso ho fatto un lavoro con l'uniuversità per la quale mi riconoscevano 6.000 euro lordi. con una prestazione occasionale c'era il 20 % di ritenuta da versare quindi me ne arrivavano meno di 5000, ma essendo ancora in area no tax ti vengono ridati (come credito ovviamente). facendo una collaboraizone invece c'erano tutta una serie di contributi che arrivavano a togliermi altri 500 euro buoni, quindi in tutto le tasse erano sul 30 %...il mio consiglio resta sempre di hciedere, se conosci un commercialista in 2 secondi ti risolve il problema e vai sul sicuro.. ^_^

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh, si, era solo per avere "a spanne" un'idea di quanto era il lordo. Se non è il 25, sarà il 20 o il 18%. Certo è che se vuoi 1.000 euro netti non puoi ricevere 1.000 euro e basta.

Si, in Italia è proprio uno schifo, non è possibile questa precarietà, sono i giovani che costruiranno la nuova Italia, invece sono quellio più bistrattati. Non dico che evono guadagnare milioni, ma mi dite a Milano, una giovane coppia, come fa a vivere e a creare un futuro (comprare casa e mettere via i soldi, avere due figli, comprare macchina) quando, se ti va bene, lavori per 1 anno sottopagato, entrambi portano a casa 2.000 euro in due sa va bene ( e si parla di laureati in architettura, ingegneria, lettere ecc..) con un'affitto da 700 euro da pagare, bollette, vitto, trasporti... forse con un mutuo di 50 anni un monolocale lo si riesce a comprare...

E poi sto contratto a progetto che tutti lo fanno passare per un'assunzione vera e propria, ma senza i piccoli privilegi che, per un lavoratore dipendente, sono sacrosanti. Sarebbeto tutti da dnunciare questi piccoli-medi studi di architettura, sfruttano i ragazzi con la scusa dello stage, dei "mesi di prova"... che merda... e poi i giovani dovrebbero aver fiducia di quei 60enni al governo... senatori a vita che manco si reggono sulle gambe o mozzarelle o pelati che si ciucciano 200.000 euro all'anno, e penzano d'aver risolto il loro mandato dando 40 euro in più a vecchietti che si prendono pensioni da fame (nel senso che davvero muoiono di fame...). Non so voi, ma per me l'Italia così non dura molto...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho tolto alcuni post (compreso uno mio) perchè non è il caso di andare in OT con la politica, questa discussione sui contratti a progetto è bene che continui a svolgersi su un livello + "informativo" ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora


  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×