Jump to content
pierpaolo

Gehry...il Film!

Recommended Posts

Ciao,

questo è un messaggio generato automaticamente.

Se hai ricevuto questo messaggio è perché la tua discussione è stata spostata e messa nella sezione più appropriata.

Quando crei una discussione ti preghiamo di far attenzione ad inserirla nella sezione corretta in modo che sia più facile per tutti consultare il forum.

grazie per la collaborazione

lo staff di Treddi.com

Share this post


Link to post
Share on other sites

a prescindere dal fatto che non apprezzo particolarmente il suo operato, trovo che farsi fare un documentario non sia molto grave in sé....

Mandarlo al cinema invece è una mossa di megalomania ed autoesaltazione che trovo molto più che discutibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto è vedere se se lo è fatto fare o glielo hanno voluto fare ;)

Scorsese ha fatto il film su Dylan e ne ha in programma unon analogo sugli Stones, eppure è stato osannato da critica e pubblico. Il film su Khan fatto dal figlio idem... non vedo perchè sia da disprezzare a priori senza neppure averlo visto :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho visto e acquistato quello su khan e devo dire che non mi è dispiaciuto affatto!! Mi sa che questo prima di acquistarlo però ci penserò su due volte anche a me non fa impazzire ma mai dire mai!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma infatti io non discuto il contenuto, anzi...

ma soltanto la scelta di passarlo "addirittura" al cinema.....

Magari sará interessante. Gehry é uno dei pochi architetti "superstar" del momento che ha cominciato facendo architettura commerciale, cioé facendosi le ossa, e ad un certo punto, quando ne aveva i mezzi e le capacitá, ha cominciato a fare qualcosa di diverso e diciamo cosí "artistico" (salvo poi negli ultimi 10 anni a clonare se stesso in continuazione).

Forse la storia di questa crescita artistica, di uno che parte dai capannoni industriali, continua con qualche casa privata e a piú di 60 anni arriva al Guggenheim puó essere piú interessante di molte biografie di tutte le altre cosiddette "superstar" dell´architettura che, tolti pochi, é tutta gente che dopo la laurea ha viaggiato per 4-5 anni, fatto un pacco di masters al Berlage Institut o all´AAA e poi a 30 anni hanno aperto il loro bello studiolo con giá 20 dipendenti, in parole povere figli di papa................

Share this post


Link to post
Share on other sites
a prescindere dal fatto che non apprezzo particolarmente il suo operato, trovo che farsi fare un documentario non sia molto grave in sé....

Mandarlo al cinema invece è una mossa di megalomania ed autoesaltazione che trovo molto più che discutibile.

non capisco tutto questo fervore per un semplicissimo documentario relativo ad un architetto; che che se ne dica o che piaccia o meno rimane un artista, è come se nel XVI sec avessero scritto un trattato di architettura su Michelangelo, e con questo non voglio essere blasfemo.

e poi c'è sempre la libertà di decidere se andare o meno al cinema...

:hello:


Edited by mastro.gp

Share this post


Link to post
Share on other sites
e poi c'è sempre la libertà di decidere se andare o meno al cinema...

...come anche la libertà di esprimere un proprio parere personale. Non si sta facendo nulla di male a parte questo.

Io mi asocio all'idea di "esaltato"... capisco che possa essere interessante, ma lodarsi così con un film addirittura al cinema... boh, mi da un senso di megalomania.

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me non bisogna considerare il film fine a se stesso, come dice mac ci sono stati molti film su diversi architetti...il parere negativo che ho sull'uscita di questo film è influenzato molto dalla "persona" gehry...probabilmente arrivato a 60 ha sviluppato una sorta di corazza che lo porta a considerarsi quasi un "essere superiore"...diverse sono le interviste in cui risponde piccato quando gli si domanda se le sue architetture si assomigliano un pò troppo. Ho avuto modo di assistere ad una sua conferenza, e alla domanda (posta con molto garbo e rispetto) di un ragazzo, relativa alla non preoccupazione di gehry sull'impatto ambientale, ghery risponde letteralmente: "Stai zitto". questa frase mi colpì molto e penso sia estremamente indicativa della "persona gehry".

quindi nell'associazione gehry-film io ci vedo solo una sua esaltazione...naturalmente dopo aver visto il film potrò dire di essere stato smentito o meno.


Edited by pierpaolo

Share this post


Link to post
Share on other sites
ghery risponde letteralmente: "Stai zitto".

Premesso che non c'ero e son contento... a quella risposta mi sarei alzato in piedi e sarei uscito.

Share this post


Link to post
Share on other sites
...Ho avuto modo di assistere ad una sua conferenza, e alla domanda (posta con molto garbo e rispetto) di un ragazzo, relativa alla non preoccupazione di gehry sull'impatto ambientale, ghery risponde letteralmente: "Stai zitto". questa frase mi colpì molto e penso sia estremamente indicativa della "persona gehry"...

Magari nel documentario oltre che al "Gehry-architetto" sarà descitto anche il "Gehry-persona" ^_^ anche se credo che sarà tipo i film di Celentano... in cui era il + figo di tutti :lol:

P.S. cmq questo suo comportamento mi affascina un pò... mi ricorda le "vecchie" rock star ;)


Edited by gurugugnola

Share this post


Link to post
Share on other sites

non apprezzo molto il lavoro di ghery degli ultimi anni, per una serie di motivazioni lo trovo sia poco interessante ceh poco innovativo. tuttavia volenti o nolenti bisogna ammettere che G. è stata una delle personalità che più ha influenzato il modo di pensare l'architettura, e in parte anche di farla, degli ultimi decenni (alzi la mano chi non ha visto il guggenheim..e dire che di musei del guggenheim ce ne sono svariati bellissimi..). un film su di lui potrà pure essere celebrativo e basta, ma in effetti è un architetto che ha raggiunto una posizione tale da giustificare questo tipo di cose.

per il resto, penso che non sia, anche perchè non autore di opere teoriche (rilevanti), paragonabile all'importanza che altri architettti e pensatori hanno atutalmente, nè figura tra i miei architetti preferiti come personalità o modo di vedere l'architettura.

però sul fatto che sia una persona piena di sè, secondo me è una cosa che riguarda un po' tutti quei pochi che stanno in quelle posizioni..non è ch erenzo piano abbia evitato di farsi pezzi simili...se il documentario fosse su di lui, italiano importante rinomato e rispettato, di conclamato successo e capacità critica (no ncerto fuksas che niente ha a che vedere con questo tipo di cose, lui sì è un prodotto dell amoda di scarse capacità architettoniche..non per essere bastardi, ma sfido UN torinese ad apprezzare il bellissimo edificio che ci ha "regalato"...) non sono sciuro che ci sarebbero così tante polemiche....

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'importanza di Bilbao sta anche nel fatto che il "fenomeno Gehry" ha portato l'architettura nella casa di tutti in modo "ufficiale" e invadente. Non che non fosse successo molte altre volte, ma questo è stato il fenomeno più recente e di portata maggiore. Al di la della discutibilità progettuale, il progetto di Bilbao è stato una sorta di "epifania" dell'architettura dal punto di vista mass-mediatico, rotocalchi di moda e riviste di ogni sorta hanno portato la discussione sull'architettura ad un livello forse più basso ma coinvolgendo in piccola parte la gente in una dimensione culturale storicamente riservata agli addetti ai lavori.

Lo sconfinamento mediatico ha in sè una sua importanza come fenomeno culturale, e forse è questo che giustifica un film su Gehry piuttosto che su, che ne so, un Toyo Ito o un Van Berkel (che per inciso io apprezzo più di Gehry).

ciao

Paolo


Edited by PaZ

Share this post


Link to post
Share on other sites

non so come possa essere il film, tuttavia, dai racconti diretti di mio padre, project manager della permasteelisa (ditta di infissi, profilati e rivestimenti in alluminio, vetro e pietra, che ha collaborato con lo studio Gehry nella realizzazione di quasi tutte le sue opere), ed avendo contribuito in prima persona egli stesso alla messa in posa di molte sue commesse, si evince che egli è veramente quel tipo di persona che Pierpaolo ha "rappresentato" con quelle poche, ma sufficienti, linee di post, sempre scontroso e assai "acido" verso chi collabora o sottosta a lui...

a me non dispiace la sua architettura, tuttavia la trovo ben lungi dal poterla considerare tra le migliori di questo secolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Verissimo che Gehry sia noto per essere scontroso e chiuso (pare che nel suo studio parli direttamente solo con due collaboratori che poi girano le sue parole agli altri :rolleyes:), ma io continuo a non capire lo "scandalo" di un film su di lui, film... chiamiamolo documentario che poi è quello che è realmente, che è stato a Cannes anche perchè a dirigerlo è stato un signor regista come Sidney Pollack ;)

Occhio che la distribuzione italiana ha giocato proprio sul fatto che Gerhy è divenuto uno degli architetti più popolari e di massa cambiando il titolo originale da "Sketches of Frank Gehry" al più magniloquente "Creatore di sogni" :D

Aggiungo anche che non è assolutamente tra i miei preferiti (pure nella tesi gli ho dato contro :P) ma resta la curiosità di conoscere una personalità così influente nell'architettura moderna.


Edited by Macphisto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Verissimo che Gehry sia noto per essere scontroso e chiuso (pare che nel suo studio parli direttamente solo con due collaboratori che poi girano le sue parole agli altri :rolleyes:), ma io continuo a non capire lo "scandalo" di un film su di lui, film... chiamiamolo documentario che poi è quello che è realmente, che è stato a Cannes anche perchè a dirigerlo è stato un signor regista come Sidney Pollack ;)

Occhio che la distribuzione italiana ha giocato proprio sul fatto che Gerhy è divenuto uno degli architetti più popolari e di massa cambiando il titolo originale da "Sketches of Frank Gehry" al più magniloquente "Creatore di sogni" :D

Aggiungo anche che non è assolutamente tra i miei preferiti (pure nella tesi gli ho dato contro :P) ma resta la curiosità di conoscere una personalità così influente nell'architettura moderna.

sono perfettamente d'accordo, persino sull'attacco a Gehry in seduta di tesi! :devil:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...