Jump to content
patraclo

Interno Da Correggere

Recommended Posts

Ciao a tutti! .Seguendo un tutorial ho realizzato questo interno, desidererei da voi qualche consiglio per migliorare alcune parti,

1) come posso eliminare le zone d'ombra (cerchiate in rosso) che sembrano delle macchie di muffa?

2) a cosa è dovuto quello strano riflesso sul bordo del tavolo di vetro?

3) per creare la veduta fuori dalla finestra ho usato un'immagine che ho poi caricato su L'Environment Map , è giusta tale procedura per inserire uno sfondo di veduta? se si si devono anche applicare alcune regolazioni? dove?

4) come potete notare anche voi tutto l'insieme della scena,sembra ofuscato da un velo, come posso ottenere una migliore nitidezza?

vi ringrazio fin'ora delle risposte pregandovi cortesemente di indicarmi i vari parametri eventualmente da settare, indicandomi la loro posizione sulle schede del rendering. A... dimenticavo.... il tutto lo ho realizato con max 8 e Vray 1.5

Abbiate pazienza sono alle prime armi, e questo è uno dei miei primi interni un po' complessi!!! Grazzie!!soggiornosolarepertreddzp3.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Ciao,

Io utilizzo Vray da poco più di un mese, ma posso dire di avere fatto una "cura intensiva", anche se sono molto lontano da ottenere risultati davvero buoni. Proverò a rispondere alle tue domande. In caso tu abbia, come mi auguro, già risolto i problemi, puoi leggere per conferma o smentita, così puoi darmi qualche consiglio.

Certo che ti sarà utile anche il link al tutorial che ti hanno passato, una delle prime dritte che ho letto anch'io, ma la questione spesso è più complicata...

1) Le zone d'ombra che hai cerchiato in rosso, secondo me, dipendono dal dark multiplier (tendina Vray G-buffer color mapping) settato a 3 come nel tutorial. Il tutorial della evermotion risale al 2004, ed è stato realizzato con una versione di Vray antecedente alla 1.5. Le versioni precedenti alla 1.5 trattavano diversamente il parametro brightness (vedi a questo proposito il thread aperto nella sezione tutorial, a seguito del tutorial di Pillus sulla illuminazione di interni). Io ho notato che la manipolazione del parametro dark multiplier genera spesso artefatti, quindi lo lascio a 1, e piuttosto aumento il "receive GI" a 2 o 2.5 in "Object properties" (System), e meglio ancora aumento il multiplier delle luci, sempre evitando di bruciare. Al limite per il soffitto utilizza un Vray light material, con intensità molto tenue, che rischiara comunque.

Per migliorare la resa luminosa, prova anche "Vray ambient occlusion". È un plug-in free.

2) Il riflesso rosso è il riflesso del posacenere più alla tua sx. Se noti c'è un punto luminoso sul posacenere, e anche quello insieme al rosso è ingigantito dalla "lente" costituita dallo spessore del vetro del tavolo. Prova a settare a 1 lo IOR (rifrazione) del materiale che hai assegnato al vetro (default 1.6). Puoi anche toglierlo in Photoshop con un bel timbro clone piazzato giusto.

3) Interessa anche a me questa domanda. Il tuo procedimento mi sembra ortodosso, ma al momento non saprei dove mettere le mani per le modifiche. Ti dico come faccio io, ma forse sono un profanatore: prendo un piano, gli metto un Vray material con una mappa diffuse e una opacity (alfa) fatta in Photoshop. Se non conosci il procedimento, cerca negli argomenti già trattati di treddi, la sacra bibbia per intenderci. Il vantaggio è che puoi variare i parametri del materiale e quelli del piano (compreso orientarlo, ecc.)

4) La nitidezza secondo me dipende dalle subdivisions dei materiali. Mettile a 50, come suggerito nel tutorial. Di default stanno a 8. L'hai già fatto? Allora potrebbe dipendere dall'Image sampler che usi, e soprattutto dal filtro antialiasing, ma non credo. Io uso Adaptive QMC + Blackman e mi trovo benissimo. C'è anche da dire che il tutorial usa per GI la Photon map. Io non l'ho mai usata, e uso quasi sempre Irradiance map + Quasi Monte Carlo, salvando la IM finché non cambio di molto la scena. Credo piuttosto che quello sia un problema della Photon map usata impropriamente, ed in un'altra release.

Spero di esserti utile. Davvero più di così non saprei che cosa fare (è più di mezz'ora che scrivo!). Se non trovi subito le indicazioni che ti ho fornito, aguzza la vista e cerca tra le tendine: è l'unico modo per prendere confidenza con questo strumento e con qualsiasi altro strumento parametrico.

Un ultimo consiglio: sperimenta, sperimenta, sperimenta. Vray dà risultati straordinari, ma bisogna sperimentare. Poi leggi la guida di Wikipedia su Vray, e anche questa. Leggere questo tipo di guide ti aiuta molto a capire la struttura del programma, e a fare ordine in testa.

Io sto lontanissimo ancora dai bravi di treddi, ma visto che mi son permesso di darti delle dritte (o delle storte), se vuoi farti un'idea di quel (poco) che so fare dai un'occhiata qui e qui.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao,

Io utilizzo Vray da poco più di un mese, ma posso dire di avere fatto una "cura intensiva", anche se sono molto lontano da ottenere risultati davvero buoni. Proverò a rispondere alle tue domande. In caso tu abbia, come mi auguro, già risolto i problemi, puoi leggere per conferma o smentita, così puoi darmi qualche consiglio.

Certo che ti sarà utile anche il link al tutorial che ti hanno passato, una delle prime dritte che ho letto anch'io, ma la questione spesso è più complicata...

1) Le zone d'ombra che hai cerchiato in rosso, secondo me, dipendono dal dark multiplier (tendina Vray G-buffer color mapping) settato a 3 come nel tutorial. Il tutorial della evermotion risale al 2004, ed è stato realizzato con una versione di Vray antecedente alla 1.5. Le versioni precedenti alla 1.5 trattavano diversamente il parametro brightness (vedi a questo proposito il thread aperto nella sezione tutorial, a seguito del tutorial di Pillus sulla illuminazione di interni). Io ho notato che la manipolazione del parametro dark multiplier genera spesso artefatti, quindi lo lascio a 1, e piuttosto aumento il "receive GI" a 2 o 2.5 in "Object properties" (System), e meglio ancora aumento il multiplier delle luci, sempre evitando di bruciare. Al limite per il soffitto utilizza un Vray light material, con intensità molto tenue, che rischiara comunque.

Per migliorare la resa luminosa, prova anche "Vray ambient occlusion". È un plug-in free.

2) Il riflesso rosso è il riflesso del posacenere più alla tua sx. Se noti c'è un punto luminoso sul posacenere, e anche quello insieme al rosso è ingigantito dalla "lente" costituita dallo spessore del vetro del tavolo. Prova a settare a 1 lo IOR (rifrazione) del materiale che hai assegnato al vetro (default 1.6). Puoi anche toglierlo in Photoshop con un bel timbro clone piazzato giusto.

3) Interessa anche a me questa domanda. Il tuo procedimento mi sembra ortodosso, ma al momento non saprei dove mettere le mani per le modifiche. Ti dico come faccio io, ma forse sono un profanatore: prendo un piano, gli metto un Vray material con una mappa diffuse e una opacity (alfa) fatta in Photoshop. Se non conosci il procedimento, cerca negli argomenti già trattati di treddi, la sacra bibbia per intenderci. Il vantaggio è che puoi variare i parametri del materiale e quelli del piano (compreso orientarlo, ecc.)

4) La nitidezza secondo me dipende dalle subdivisions dei materiali. Mettile a 50, come suggerito nel tutorial. Di default stanno a 8. L'hai già fatto? Allora potrebbe dipendere dall'Image sampler che usi, e soprattutto dal filtro antialiasing, ma non credo. Io uso Adaptive QMC + Blackman e mi trovo benissimo. C'è anche da dire che il tutorial usa per GI la Photon map. Io non l'ho mai usata, e uso quasi sempre Irradiance map + Quasi Monte Carlo, salvando la IM finché non cambio di molto la scena. Credo piuttosto che quello sia un problema della Photon map usata impropriamente, ed in un'altra release.

Spero di esserti utile. Davvero più di così non saprei che cosa fare (è più di mezz'ora che scrivo!). Se non trovi subito le indicazioni che ti ho fornito, aguzza la vista e cerca tra le tendine: è l'unico modo per prendere confidenza con questo strumento e con qualsiasi altro strumento parametrico.

Un ultimo consiglio: sperimenta, sperimenta, sperimenta. Vray dà risultati straordinari, ma bisogna sperimentare. Poi leggi la guida di Wikipedia su Vray, e anche questa. Leggere questo tipo di guide ti aiuta molto a capire la struttura del programma, e a fare ordine in testa.

Io sto lontanissimo ancora dai bravi di treddi, ma visto che mi son permesso di darti delle dritte (o delle storte), se vuoi farti un'idea di quel (poco) che so fare dai un'occhiata qui e qui.

ciao , ti ringrazio delle spiegazioni e del tempo che mi hai dedicato a scrivere tutto quel "papiro", ora provo a modificare i

vari parametri , scusa se non ti ho risposto subito, ma sono stato impegnato

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...