Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
braggart

Test Cucina Con Tecnica "g-lights"

Recommended Posts

Questa è la prima prova che faccio ispirandomi al tutorial di "Gabriele" sulle G-lights.

Ho anche analizzato le scene di "Zed" della "Pixel must die" ed ho cercato di fare tesoro delle tecniche di entrambi.

Sono molto soddisfatto del risultato generale.

Le mie considerazioni sono certamente soggettive, ma...

- La granulosità dell'immagine mi piace moltissimo e la trovo molto vicina ad un effettivo risultato fotografico

- Il forte contrasto tra zone illuminate e zone d'ombra mi sembra molto vicino alle scene reali e molto piu' credibile di un render completamente inondato di luce dove la prevalenza dei colori chiari ha si' un ' impatto molto forte al primo colpo d'occhio, ma risulta alquanto artificiale dopo attenta osservazione.

- La profondità dell'immagine sembra accentuata e trovo la distribuzione delle ombre diffuse degli oggetti presenti nella scena molto naturale.

Questa scena è illuminata semplicemente con 1 direct ed un piano G-lights all'esterno dell'ambiente al quale è applicata una mappa con un'immagine di background.

Considerando che la luce penetra nella stanza solamente da 2 finestre di ridotte dimensioni, ritengo che la distribuzione della stessa sia piu' che soddisfacente.

Gradirei che i commenti relativi a questo post siano inerenti alla tecnica utilizzata, in quanto sono interessato a discutere questo metodo di illuminazione, e non per es. alla troppa riflessione che ho dato al top della cucina o ad altre banalita' come la distribuzione delle piastrelle ecc. ecc.

Non sono alla ricerca di consensi o critiche per la scena ma vorrei uno scambio di esperienze con chi ha gia' avuto l'occasione di eseguire delle prove dopo aver approfondito il tutorial di Gabriele, che approfitto di ringraziare per il suo ottimo tutorial.

Le img sono state ritoccate in photoshop, correggendo leggermente i livelli, la saturazione dei colori ed applicando un filtro seppia al 27% per desaturare ulteriormente il colore e renderlo piu' credibile. (al mio occhio naturalmente).

gallery_1847_28_38743.jpg

gallery_1847_28_116138.jpg

gallery_1847_28_202237.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai ragione la luce e' molto piacevole e nel complesso le immagini risultano di forte realismo.

Non ho capito una cosa....le finestre sono due e il piano G-light e' uno? Ovvero le finestre sono posizionate sulla stessa parete e dietro hai posto il piano con la G-light?

Mi piacerebbe conoscere la macchina usata e i tempi.

L'unica cosa che trovo disturba molto e' il soffitto scuro....possibile che non riceva la stessa luce del pavimento?

Complimenti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

ti manca una cosa essenziale in una cucina fatta da un treddiano... la :TeapotBlinkRed: ...ok?

complimenti Braggat :Clap03:

:hello:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prima i pro:

delle belle immagini con un forte impatto di realismo...al di là dell'effetto di pulizia che ormai certe volte si va a ricercare...cosa che faccio spesso anch'io.

Posso dirti che hai messo in pratica il tutorial in modo veramante egregio.

Poi i contro:

detto che l'illuminazione per me va benissimo così (soprattutto se mi dici i valori delle G-lights che hai usato) devi assolutamente controllare le textures degli scaffali quando piegano...

alcuni oggetti mi sembrano un pochino strani in fatto di proporzioni: tipo i mestoli e le tazzine...c'è qualcosa di strano e il pavimento non mi fa impazzire come materiale...

Voglio specificare che i miei contro sono solamente delle piccolissime imperfezioni a immagini di grande effetto!!!

Complimentoni!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hai ragione la luce e' molto piacevole e nel complesso le immagini risultano di forte realismo.

Non ho capito una cosa....le finestre sono due e il piano G-light e' uno? Ovvero le finestre sono posizionate sulla stessa parete e dietro hai posto il piano con la G-light?

Mi piacerebbe conoscere la macchina usata e i tempi.

L'unica cosa che trovo disturba molto e' il soffitto scuro....possibile che non riceva la stessa luce del pavimento?

Ho dimenticato una cosa fondamentale, ossia che c'è anche una skylight per far entrare luce dalla 2° finestra, comunque allego uno screen dell'impostazione generale.

Il soffitto scuro l'ho notato subito, ma ho dato colpa alle 2 piccole aperture, ho lasciato cosi' proprio perchè è un test.

Il multiplier del piano g-light è 1,8, quello della direct 7,2. att. inverse subd 8

IM high, LC sub 1000 sample size 0,02 passes 2 interp samples 10

@ Panda. So' che è pieno di difettucci di materiali e poco curati i dettagli di modellazioni, ma era una scena sulla quale stavo lavorando e l'ho presa cosi' com'era per testare la luce. ;)

Ottimo braggart.Penso che il tuo contributo nel tutorial possa essere importante.Se vuoi, puoi postare lì una di queste immagini con uno screenshot e più info possibili per tutti.Bravo.

Grazie per l'invito.

Lo faro' di sicuro nei prossimi giorni. Sto' ancora lavorando a capire come gestire gli effetti di questa tecnica e come giocare con i parametri.


Edited by braggart

Share this post


Link to post
Share on other sites
bellissima!!!!!! complimenti non è che potresti postarmi anche uno screen del materale di questa glight?

Uso delle semplici jpg con immagini di paesaggi esterni, reperibili in qualunque sito di sfondi per desktop.

Forse mi sbaglio ma ho come l'impressione che una mappa del genere su di un piano col g-light funga "quasi" come una HDRI


Edited by braggart

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao braggart, innanzitutto complimenti per le ottime immagini che hai ottenuto col metodo g-light.

Ho qualche punto da segnalarti, solo a titolo di conversazione, niente di più :)

1)L'immagine è molto bella come luce, ma la sua distribuzione, diversa dalle solite immagini calcolate con i metodi standard, si nota dal soffitto del locale, visibilmente meno illuminato rispetto alle altre paretii dello stesso.

2) Personalmente non mi piace l'effetto che produce la luce negli angoli dei muri, dove non crea una linea divisoria netta, ma lascia i bordi abbastanza indefiniti.

3) L'immagine sembra piuttosto granulosa (a meno che tu non l'abbia fatta calcolare così di proposito) e si notano soprattutto sulle pareti degli splotches come nei render con setting bassi.

4) Nella prima immagine, l'anta che si vede subito a destra della penisola ha una interruzione/ripetizione della venatura del legno un po' strana.

5) Il pavimento non è secondo me ben abbinato ai colori scelti per la cucina

Per quanto riguarda la modellazione è davvero ben curata e il calore della luce molto piacevole.

Come ti ripeto sono solo mie impressioni e spero in ti possano aiutare a migliorare questa già bella immagine

Ciao

Neo

:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'impressione di avere un hdri ce l'ho anch'io.Considerate una cosa:

sia l'hdri che il sistema di rendering di maxwell (ora implementato anche in vray) sfrutta un calcolo più profondo dell'RGB ma alla fine tutto viene convertito in RGB e quindi avrete sempre una immagine che sfrutta 16 milioni e rotti di colori (24 bit).Il punto è : Come Vray o maxwell 'scelgono' i pixel per l'immagine finale.Se partono da campioni più grandi alla fine mediano comunque.Mi spiego meglio...

supponete di avere un piano di legno con un hilight bianco.quando nel dettaglio avremo un gradient che va da 100,20,0 per esempio a 255,255,255 cioè bianco puro passiamo attraverso quel range in uno spazio di 30 pixels (sempre per esempio).Nell'hdri avremo tanti di quei 249,580 / 249,590/ etc...che alla fine il sw avrà una logica di tipo arrotondamento per eccesso o difetto e sceglierà il campione 249 piuttosto che il 250 o viceversa.Arrivo al punto...se la distribuzione della luce non avviene mediante una luce tradizionale come può essere una vraylight è possibile che vray adoperi una scelta simile e quindi faccia una media che in qualche modo ricordi una hdri proprio in virtù del 'difetto' di specular.

Share this post


Link to post
Share on other sites
:blink2: Vorrei sapere come fai ad aprire le ante superiori dei pensili.

Come in tutte le cucine con le ribaltine in alto (tipo la mia) dove la maniglia è a 187 / 190 cm da terra.

Se sei un tappo compri un'altro modello. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
Come in tutte le cucine con le ribaltine in alto (tipo la mia) dove la maniglia è a 187 / 190 cm da terra.

Se sei un tappo compri un'altro modello. ;)

e quando la ribalta è aperta come la tiri giù?

Share this post


Link to post
Share on other sites

bravo, belle immagini

questa tecnica comincia a piacermi.....

tempi di rendering?

il calcolo si e' velocizzato rispetto ai sistemi di calcolo classici

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
ciao

purtroppo io non vedo le immagini, come se non le caricasse...

succede solo a me? :blink2:

No, è che avendole modificate nella gallery, nei post non aggiorna il link.

Le puoi visualizzare qui. (Sono le 3 img della cucina moderna blu). Link

Share this post


Link to post
Share on other sites
Neanch'io le vedo <_<

:TeapotBlinkRed:

Siccome le img erano linkate alla mia galleria qui' su treddi, editandole si perdono i link nei post.

E' uno dei "vantaggi" di non poter modificare i propri post dopo i primi 5 min. <_<

Le puoi visualizzare qui. (Sono le 3 img della cucina moderna blu).

immagini

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...