Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
Sooken

Hexerei - hunters

Recommended Posts

Ciao, oggi volevo mostrarvi le ultime 3 miniature realizzate per il boardgame Hexerei. Semplici pupazzetti in 35mm, ma mi sono divertito a scolpirli, trovo abbiano un sacco di carattere(merito del bravissimo concept artist eh).

La cosa divertente in questo tipo di modelli è cercare di sintetizzare molto il dettaglio, tendando di rendere giustizia all'illustrazione, mantenendo il carattere(o enfatizzandolo in qualche suo aspetto, come la suora) tenendo comunque presente che poi il pezzo andrà stampato e prodotto in plastica.

Software usato: zbrush

2_edited.jpg

76605209_2142317152743330_699663998018125824_n.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Michele71 ha scritto:

Ma daiii!!! Spettacolo puro!!!! 🙂 

grazie mille 🙂

 

tecnicamente qua c'è proprio pochino, il grosso del lavoro è analisi e interpretazione

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissimo il lavoro e bellissima l'immagine da cui hai preso spunto.

L'effetto pelliccia e le fibbie cosi grosse sono le uniche cose meno convincenti rispetto al concept, ma immagino dipenda da una limitazione della stampa 3D perchè tu saresti in grado di modellare qualsiasi cosa.

Il fumo della pipa ovviamente è diverso ma mi piace molto come lo hai fatto...quindi ti faccio i complimenti per l'interpretazione gerenale


Edited by Pix

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie. Si l'illustrazione è molto bella, si tratta di uno degli artwork del boardgame che ospiterà queste miniature.

 

Si, quando si lavora su miniature da gioco(quindi circa 30/35mm) ci sono dei vincoli. In primis per via delle dimensioni, bisogna avere cura che ogni elemento rimanga leggibile...anche perchè, il target primario, è che poi la gente possa dipingerle. Se gli elementi non sono sufficientemente grandi e divisi...che si dipinge?

In seconda battuta c'è poi la produzione. In questo caso pvc. Una plastica che tende a ritirare a rimanere sempre un po'..mmmm squagliata...come effetto. Quindi bisogna esagerare molto spigoli e engrave.

Ma non solo questo, quando si rimane su certe dimensioni anche le banali proporzioni anatomiche cambiano. Dimentichiamo 7 teste per definire l'altezza....qui le capocce sono grosse(circa 6 teste, alle volte pure meno), le mani sono enormi e pure i piedi....però in effetti poi quando si stampa, funziona.

 

La cosa intrigante, in termini professionali, è riuscire a mantenere un certo carattere e una certa omogeneità nonostante tutti questi vincoli.

Salendo di scala(1/35,1/10,1/6...fino alle statue stile sideshow) ci sono sempre meno vincoli, ma vengono richieste maggiori skill tecniche proprio a livello di scultura.

 

 

...ahh non ultimo.....banalmente il budget, per miniature di questo tipo non è altissimo, dunque non posso lavorare come su sculture per cui sono pagato 3 o 4 volte tanto.


Edited by Sooken

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, xforte ha scritto:

ma il dipinto è di rembrandt?

però la tua suora con quell'aria da sadica mi piace di più di quella del dipinto

no, l'illustrazione è di Igor Krstic, un illustratore fenomenale che fa tutto a mano e usa sovente questo stile. Il gioco vuole essere storicamente corretto e i ragazzi che ci sono dietro hanno fatto un gran lavoro di ricerca. Dunque, per la parte di lore, si sono affidati allo stile pittorico che richiama proprio la produzione artistica di quel periodo. 

Tu dici Rembrandt, difatti il gioco è ambientato nella germania del 17 secolo, durante la guerra dei trent'anni.

 

In realtà l'espressione e il viso della suora del dipinto sono molto più interessanti. Un misto di pazzia e ingenuità, estremizzato dallo sguardo strabico.

Connotato poi dal piccolo particolare della croce al contrario che "casualmente" è finita in quella posizione mentre gioca col rosario.

Sono piccole sfumature....purtroppo impossibili da trasferire su una miniatura alta circa 33mm.

 

Se avessi cercato quelle sfumature, sarebbe venuta fuori una monaca e basta....ho quindi dovuto esagerare molto quelle caratteristiche.

La piccola croce è diventata enorme, sia per i limiti della dimensione/produzione, sia perchè mi serviva come elemento di disturbo. Uno deve prenderla in mano e rendersi immediatamente conto che qualcosa non torna.

Stesso discorso per l'espressione....è una monaca che è finita a cacciare le streghe...insomma tutta sana non deve essere rimasta.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Sooken ha scritto:

grazie. Si l'illustrazione è molto bella, si tratta di uno degli artwork del boardgame che ospiterà queste miniature.

 

Si, quando si lavora su miniature da gioco(quindi circa 30/35mm) ci sono dei vincoli. In primis per via delle dimensioni, bisogna avere cura che ogni elemento rimanga leggibile...anche perchè, il target primario, è che poi la gente possa dipingerle. Se gli elementi non sono sufficientemente grandi e divisi...che si dipinge?

In seconda battuta c'è poi la produzione. In questo caso pvc. Una plastica che tende a ritirare a rimanere sempre un po'..mmmm squagliata...come effetto. Quindi bisogna esagerare molto spigoli e engrave.

Ma non solo questo, quando si rimane su certe dimensioni anche le banali proporzioni anatomiche cambiano. Dimentichiamo 7 teste per definire l'altezza....qui le capocce sono grosse(circa 6 teste, alle volte pure meno), le mani sono enormi e pure i piedi....però in effetti poi quando si stampa, funziona.

 

La cosa intrigante, in termini professionali, è riuscire a mantenere un certo carattere e una certa omogeneità nonostante tutti questi vincoli.

Salendo di scala(1/35,1/10,1/6...fino alle statue stile sideshow) ci sono sempre meno vincoli, ma vengono richieste maggiori skill tecniche proprio a livello di scultura.

 

 

...ahh non ultimo.....banalmente il budget, per miniature di questo tipo non è altissimo, dunque non posso lavorare come su sculture per cui sono pagato 3 o 4 volte tanto.

 

Praticamente hai scritto un mini tutorial sull'ottimizzazione dei modelli 3D per stampa _^_^

Per me che sono ignorante in materia sono tutti consigli preziosi


Edited by Pix

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da niubbo di ZBrush sono seriamente impressionato dal passaggio dal clay al mappato 😱

 

Perdona la domanda probabilmente ingenua, ma hai colorato direttamente sopra il render clay, o hai fatto un lavoro di unwrap pazzesco? O magari questa è una foto del tuo modello poi dipinto a mano?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 29/11/2019 at 17:53 , Pix ha scritto:

Praticamente hai scritto un mini tutorial sull'ottimizzazione dei modelli 3D per stampa _^_^

Per me che sono ignorante in materia sono tutti consigli preziosi

 

ahaha ma no dai sono due cavolate, solo che è una roba interessante per contestualizzare alcune scelte.

 

Il 1/12/2019 at 18:10 , Marco Vanetti ha scritto:

Da niubbo di ZBrush sono seriamente impressionato dal passaggio dal clay al mappato 😱

 

Perdona la domanda probabilmente ingenua, ma hai colorato direttamente sopra il render clay, o hai fatto un lavoro di unwrap pazzesco? O magari questa è una foto del tuo modello poi dipinto a mano?

Macchè figurati, quella sotto è semplicemente l'illustrazione che mi è stata fornita per scolpire i tre personaggi. Io non so unwrappare manco un cubo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...