Jump to content
LucaRosty

Guitar Still Life - Lighting Test

Recommended Posts

Salve amici, durante questo periodo di pausa/ferie , mi son divertito nel fare qualche test di Lighting e per provare il glare di V-Ray Next , sia in IPR che in copositing .  su un modello da libreria.

 

3dsMax - Vray Next 2.1

Affinity Photo per compositing e post produzione

 

C&C sempre gradite

 

01_Orizontal_Post_Web.jpg.3b41842d1c509325e47b790b3a334291.jpg

 

04_Orizontal_Post_Web.jpg.a0dee2e0cf653cb52954b2ebf35bcb95.jpg

 

03_Orizontal_Post_Web.jpg.fcb9704d51c6761d7531a3bedd2f2721.jpg

 

05_Vertical_Post_Web.jpg.f5d14e67a64cdc677ecd6d0848e08a60.jpg

 

06_Vertical_Post_Web.jpg.274b1869d6cd7b2c2d7c3006c5b8e1b7.jpg

 

07_Vertical_Post_Web.jpg.f4a042c3d50051e793a48f6ffe7f718d.jpg

 

08_CloseUP02_Post_Web.jpg.5b2d50098729021d4915405a5a001d46.jpg

 

09_CloseUP01_Post_Web.jpg.6251eb53ec72f1d69d95c62241e57292.jpg

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Effetti inimmaginabili fino a pochi anni fa, se non fatti in post. I render engine stanno facendo passi da gigante. E chissà quanti altri ne faranno.
Ho scelto un brutto momento per smettere di fumare (sarcasmo per pochi😂)

Bravo Luca 👍 bella resa, credo però siano un pochino troppo riflettenti ti sei fatto prender la mano?
Oppure mi passi il barattolo dl "Pronto" che hai usato?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Hehehe grazie Ferruccio 

Più che farmi prendere la mano ho proprio spinto e lavorato sulle riflessioni (componente diffusa e speculare) , in realtà di 'luce' ce n'è ben poca 

Di test si tratta, se fosse per produzione sarei andato più cauto, anche con le tonalità,  ma in questo caso volevo proprio "osare" .Grazie boss 


Edited by ferruccio della schiava

Share this post


Link to post
Share on other sites

E sinceramente,  a parte il glare, l'engine qui incide poco, il grosso del lavoro è sulle valutazioni e metodi per raggiungere un fine , applicabili con qualunque sw , almeno per me.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Glare o meno, proprio belle ste' chitarre. Esperimento riuscitissimo, "slowhand" 🙂
(Eric Clapton per i meno ferrati)
P.S.
Scusa Luca, ti avevo per sbaglio modificato un comment; errori che si fanno navigando da Tablet 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites

Spettacolare come sempre Luca, il riflesso viola sull'ultimo dettaglio mi fa impazzire!

Curiosità tecnica, senza entrare nei segreti professionali: hai aggiunto uno strato di resina trasparente sulla superficie della chitarra e hai lavorato sui due materiali (resina+fondo chitarra) o sei riuscito a gestire tutto da un unico materiale? (spero di essermi spiegato 😂)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fantastiche! Hai scelto un gran soggetto, ma lo saprai, forme e materiali sono caratterizzate da una grande varietà e il test su di loro permette valutazione approfondite soprattutto da uno che come te conosce il mestiere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
Il 25/8/2019 at 10:40 , Marco Vanetti ha scritto:

Curiosità tecnica, senza entrare nei segreti professionali: hai aggiunto uno strato di resina trasparente sulla superficie della chitarra e hai lavorato sui due materiali (resina+fondo chitarra) o sei riuscito a gestire tutto da un unico materiale? (spero di essermi spiegato 😂)

 

Ciao @Marco Vanetti , prima di tutto grazie , la tua curiosità è legittima, perchè ci possono essere più strade per ottenere un risultato, fra le quali ad esempio quella da te citato.

Nel mio caso non ho toccato il materiale orriginale, se non eliminando la tex nel duffuse (legno marroncino) lasciando un "Nero" pari al dorso, perchè volevo un oggetto uniforme nel complesso della forma, una lavagna nera sulla quale dipingere con la luce (e le sue caratteristiche).

Ho lavorato esclusivamente su 3 concetti

- posizione, tonalità, forma e peso delle fonti luminose ;

- gestione della componente "diffusa" e "speculare" della luce ;

- Riflessioni ambientali, ovvero cosa e come far riflettere oggetti o un ambinete in determinate zone o parti del soggetto ;

 

L'obiettivo era "dipingere" con la luce e le riflessioni su un soggetto monocromatico ma caratterizzato dalla grande quantità di componenti molto riflessivi.

Ho utilizzato V-Ray Light con softbox in alcuni casi, e HDRI.

Come vedi nessun segreto professionale particolare, solo la voglia di sperimentare e mettere in pratica concetti semplici ma straordinariamente efficaci di lighting design (percezione visiva, riflessione, riflettanza ecc ecc ecc ) che tu conosci molto bene 😉 

 

3 ore fa, mtsim ha scritto:

Fantastiche! Hai scelto un gran soggetto, ma lo saprai, forme e materiali sono caratterizzate da una grande varietà e il test su di loro permette valutazione approfondite soprattutto da uno che come te conosce il mestiere.

 

Ti ringrazio @mtsim troppo buono, hai colto perfettamente il punto, perchè per poter lavorare su quanto detto sopra, avevo bisogno di un soggetto con determinate caratteristiche di "forma" e materiale.

Il modello della Les Paul l'ho acquistato proprio perché perfetto per questo tipo di studio da un punto di vista sia tecnico che emozionale, se avessi sperimentato su un divano o un soggetto privo di "carisma" come la Les Paul , la percezione di alcuni aspetti sui quali ho spinto sarebbero risultati pacchinai e totalmente fuori luogo (percezione).

 

Son contento vi siano piaciuti i test, chi volesse provare questo esercizio potrebbe condividerne i risultati e magari discuterne assieme qui nel gruppo con una discussione unica o personale (titolo : nickname - soggetto Lighting test)  , sarebbe una bella occasione di condivisione e crescita che ne dite ?

1 -  Scegliete un soggetto ;

2 -  Sfruttate e valorizzare le sue caratteristiche di forma , materiale ed anima con la luce (componente , riflessione , tonalità , ecc ecc )

3 -  Ambiente/contesto : limbo monocromatico o contesto minimale ;

 

chi ci sta ? 🙂 

 

 


Edited by LucaRosty

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, LucaRosty ha scritto:

 

Ciao @Marco Vanetti , prima di tutto grazie , la tua curiosità è legittima, perchè ci possono essere più strade per ottenere un risultato, fra le quali ad esempio quella da te citato.

Nel mio caso non ho toccato il materiale orriginale, se non eliminando la tex nel duffuse (legno marroncino) lasciando un "Nero" pari al dorso, perchè volevo un oggetto uniforme nel complesso della forma, una lavagna nera sulla quale dipingere con la luce (e le sue caratteristiche).

Ho lavorato esclusivamente su 3 concetti

- posizione, tonalità, forma e peso delle fonti luminose ;

- gestione della componente "diffusa" e "speculare" della luce ;

- Riflessioni ambientali, ovvero cosa e come far riflettere oggetti o un ambinete in determinate zone o parti del soggetto ;

 

L'obiettivo era "dipingere" con la luce e le riflessioni su un soggetto monocromatico ma caratterizzato dalla grande quantità di componenti molto riflessivi.

Ho utilizzato V-Ray Light con softbox in alcuni casi, e HDRI.

Come vedi nessun segreto professionale particolare, solo la voglia di sperimentare e mettere in pratica concetti semplici ma straordinariamente efficaci di lighting design (percezione visiva, riflessione, riflettanza ecc ecc ecc ) che tu conosci molto bene 😉 

 

 

 

La risposta che speravo di avere, nessun magheggio con i materiali ma solo corretto posizionamento delle luci, rinnovo i complimenti e mi unisco allora al tuo invito di sperimentazione con qualche topic dedicato 😛

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

2 ore fa, LucaRosty ha scritto:

Il modello della Les Paul l'ho acquistato proprio perché perfetto per questo tipo di studio da un punto di vista sia tecnico che emozionale, se avessi sperimentato su un divano o un soggetto privo di "carisma" come la Les Paul , la percezione di alcuni aspetti sui quali ho spinto sarebbero risultati pacchinai e totalmente fuori luogo (percezione).

....si ma questo non è abbastanza per spiegare l'accostamento di un Les Paul al logo dela tua firma....avessi almeno scelto un les paul gibson ti saresti salvato con another brick in the wall...ma un les paul ephiphone non c'entra niente...devi quantomeno cambiare firma _:P_:lol:

 

2 ore fa, LucaRosty ha scritto:

Son contento vi siano piaciuti i test, chi volesse provare questo esercizio potrebbe condividerne i risultati e magari discuterne assieme qui nel gruppo con una discussione unica o personale (titolo : nickname - soggetto Lighting test)  , sarebbe una bella occasione di condivisione e crescita che ne dite ?

1 -  Scegliete un soggetto ;

2 -  Sfruttate e valorizzare le sue caratteristiche di forma , materiale ed anima con la luce (componente , riflessione , tonalità , ecc ecc )

3 -  Ambiente/contesto : limbo monocromatico o contesto minimale ;

 

chi ci sta ? 🙂

...magari qualcosa posto...quando un annetto fa sono passato a vray la prima cosa che ho fatto anchio sono dei test sul comportamento della luce...ma pero vray 3.50...non vray next

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, Pix ha scritto:

 

....si ma questo non è abbastanza per spiegare l'accostamento di un Les Paul al logo dela tua firma....avessi almeno scelto un les paul gibson ti saresti salvato con another brick in the wall...ma un les paul ephiphone non c'entra niente...devi quantomeno cambiare firma 

Azz hai ragione da vendere 👍

😂

Share this post


Link to post
Share on other sites

Entra nel Club

Devi essere un utente del Club per poter lasciare un commento. Entra


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...