Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
mirco salvatore

percorso studi progettista grafico

Recommended Posts

Buongiorno,

mio nipote di 13 anni vorrebbe diventare progettista grafico di auto e mi ha chiesto quale scuola frequentare alle superiori e quale corso di laurea. Essendo un agronomo non ho la minima idea di come indirizzarlo in questo campo. Spero che qualcuno possa darmi una mano. Grazie tante e buone feste. Mirco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo dipenda tanto dal ruolo che vuole rivestire all'interno di un'azienda.. quindi se solo "concept", bozze e progetti "estetici".. oppure proprio entrare nel dettaglio della meccanica. Qui c'è la differenza tra scegliere un corso più da "ingegneria meccanica" o disegno CAD e a mano..

Share this post


Link to post
Share on other sites

forse una buona soluzione per prepararlo all'università mantenendo vivo il suo interesse potrebbe essere quella di mandarlo in un istituto tecnico industriale, dove otterrebbe la qualifica di perito meccanico, ma avendo fatto il geometra non so di preciso come sia. dovrebbe essere ben farcita di disegno tecnico e materie scientifiche anche se sul lato artistico forse un po' carente, ma considerando com'è organizzata questa merdosissima scuola italiana dovrebbe essere il male minore. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa "merdosissima scuola italiana" permette comunque una buona scelta e un buon livello di istruzione anche a chi non può permetterselo. Scusate l'ot, ma molto spesso la gente se lo dimentica...


www.rendertofuture.com

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Manuel84 ha scritto:

Questa "merdosissima scuola italiana" permette comunque una buona scelta e un buon livello di istruzione anche a chi non può permetterselo. Scusate l'ot, ma molto spesso la gente se lo dimentica...

 

quant'è una buona scelta? e soprattutto ti sembra sensato fare una scelta che condiziona irreversibilmente la vita di una persona a 13 anni??? 

quasi tutti i paesi hanno un percorso unico fino ai 16-17 anni con un piano di studi personalizzato in base alle attitudini e preferenze ( si scelgono le materie che si vogliono approfondire e quindi si hanno i compagni di corso e non di classe negli ultimi anni), non si fa una scelta lapidaria come qui. questa stronzata rovina la vita a decine di migliaia di persone ogni anno. io sono il primo che se potessi incontrare il me adolescente gli darei 4 sberle per aver scelto la scuola che mi ha caldamente raccomandato il padre impresario edile, e forse gliene darei altrettante pure ai miei genitori per avermi fatto tale violenza. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Straquoto StefanoVR, io ho fatto il geometra perchè alle medie disegnavo bene con il righello..... ma ci rendiamo conto? Quante persone conoscete che hanno un talento vero, in qualsiasi campo, e causa scelta della scuola sbagliata possono esprimerlo solo in privato, come un hobby? Io almeno una ventina.... quanti qui nel forum hanno dovuto fare un salto nel buio per fare della propria passione un lavoro? Studiando programmi alla sera tornati dal lavoretto di cui si sono dovuti accontentare per anni? E le passioni spesso trovano riscontro pratico non a 40 anni, ma proprio verso i 16/18 anni (dj, pittori, musicisti, grafici, matematici, etc etc.) Far scegliere ad un bambino, perchè a 13 anni di bambini stiamo parlando, cosa fare della sua vita così giovane è una violenza bella e buona, sui bambini e anche sui genitori che quando un domani si sentiranno dire la famosa frase dai professori "non è portato per questa scuola, non gli piace", si sentiranno in colpa per aver spesso spinto il proprio figlio in una scuola piuttosto che in un'altra, magari su consiglio dei professori delle medie.... Nessuno è colpevole, nè i ragazzi, nè i professori delle medie e men che meno i genitori, è questo assurdo sistema italiano che rovina e toglie a tanti giovani la voglia di fare, perchè dopo 5 anni di superiori con un indirizzo che non ti piace, fatti venire la voglia anche di continuare a studiare se ci riesci... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, kap ha scritto:

Straquoto StefanoVR, io ho fatto il geometra perchè alle medie disegnavo bene con il righello..... ma ci rendiamo conto? Quante persone conoscete che hanno un talento vero, in qualsiasi campo, e causa scelta della scuola sbagliata possono esprimerlo solo in privato, come un hobby? Io almeno una ventina.... quanti qui nel forum hanno dovuto fare un salto nel buio per fare della propria passione un lavoro? Studiando programmi alla sera tornati dal lavoretto di cui si sono dovuti accontentare per anni? E le passioni spesso trovano riscontro pratico non a 40 anni, ma proprio verso i 16/18 anni (dj, pittori, musicisti, grafici, matematici, etc etc.) Far scegliere ad un bambino, perchè a 13 anni di bambini stiamo parlando, cosa fare della sua vita così giovane è una violenza bella e buona, sui bambini e anche sui genitori che quando un domani si sentiranno dire la famosa frase dai professori "non è portato per questa scuola, non gli piace", si sentiranno in colpa per aver spesso spinto il proprio figlio in una scuola piuttosto che in un'altra, magari su consiglio dei professori delle medie.... Nessuno è colpevole, nè i ragazzi, nè i professori delle medie e men che meno i genitori, è questo assurdo sistema italiano che rovina e toglie a tanti giovani la voglia di fare, perchè dopo 5 anni di superiori con un indirizzo che non ti piace, fatti venire la voglia anche di continuare a studiare se ci riesci... 

ma anche altre cose non vanno. moltissimi ragazzi si sparerebbero nelle palle piuttosto di andare a scuola perchè oggettivamente questa fa schifo, e il problema non è intrinseco nella formazione dato che chiunque si incolla a ventosa sulle fonti che trova interessanti.

tonnellate di nozionismo inutile, i bambini in prima elementare a scannarsi con il corsivo per mesi a causa della mano che non ancora formata quando basterebbe una settimana alle medie, compiti per casa* e poi giù di religione (...), "storia" ( alias diario di guerra, alias chicaxxosenefrega, quando si potrebbe fare la ben più interessante antropologia) musica, ginnastica, artistica, tutta roba che nella vita reale non serve al 99,5% della popolazione, quando poi manca informatica a un livello decente, diritto, economia/ gestione d'impresa/ rapporti con le istituzioni, lingue fatte in maniera decente, applicazioni tecniche, e chi più ne ha più ne metta. 

ma soprattutto si potrebbe fare un portale con tutte le lezioni offerte dallo stato online e accessibili a tutti in modo da ripassare argomenti, studiare materie non previste dal proprio indirizzo scolastico, uniformare le verifiche, parificare la formazione tra le varie scuole  e sopperire in buona misura alle carenze di quegli insegnanti poco portati. 

 

*cacchio fare un lun venerdì 8-18 come per un lavoro e poi chiuso sarebbe così sbagliato? no, divertiamoci a tediarli h24 così crescono belli esauriti sia i ragazzi che "i genitori" ( cioè quasi sempre la madre) non possono nemmeno fare orari di lavoro normali e godersi il week in famiglia, W le pari opportunità.. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

comunque a parte questo pippone gli indirizzi potenziali per il ragazzo secondo me sono 3, e cioè:

- liceo artistico ( ma questo è più basato sulle arti che non sulla tecnologia, quindi giù di storia dell'arte)

- istituto tecnico per grafici ( questi sono incentrati solitamente sulla stampa e web, cioè grafica raster, non sulla progettazione)

- istituto tecnico industriale ma è un mah. 

forse la cosa migliore sarebbe chiedere a chi ha fatto design industriale/automobilistico quale sarebbe stato il percorso di studi migliore alle superiori, un reverse engineering insomma :D


Edited by StefanoVR

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo una considerazione all'ultimo post di Stefano , che mi sovviene sia da esperienza personale  che da testimonianze di colleghi che hanno seguito altri percorsi.

Io ho fatto un I.T.I.S. indirizzo Elettrotecnica, perché l'aveva fatto mio cugino prima e 3 zii ancor prima, quindi quasi una scelta non dico obbligata ma un po' indotta e francamente mi è anche piaciuta , però è vero che se in quel periodo non sei molto portato per lo studio è davvero pesante e devastante da un punto di vista dell'impegno dovuto, tanto che al termine dei 5 anni avevo la nausea al solo pensiero di continuare gli studi e di fatti ho scelto di non proseguire con l'UNI (ad oggi l'unico rimpianto che ho).

La passione per una materia grafico/artistica è nata in seguito e solo grazie ad un impegno mostruoso extra lavorativo ho potuto coltivarla da autodidatta e mi è costato molto in termini di tempo e risorse varie , che più volte mi ha fatto riflettere su quella scelta scellerata di interrompere gli studi e di non seguire un corso di laurea.

Ma se l'avessi fatto appena terminato l'ITIS cosa avrei scelto? ovviamente ingegneria elettronica o elettrotecnica , mentre se potessi tornare in dietro oggi farei sicuramente disegno industriale e poi un master di Lighting Design , sicuramente non ingegneria .

Questo per dire che le passioni e le idee a 13 anni è giusto tenerne conto , ma sono figlie del momento e del contesto di quel periodo , con il passare del tempo cambieranno , oppure si rafforzeranno è impossibile saperlo, quindi prima di tutto in base alla sua "attitudine" allo studio sceglierei un indirizzo che gli possa dare una buona base che può essere data sia da un liceo artistico che da un ITIS con indirizzo meccanico (dipende se ha più attitudine verso materie artistiche o tecniche) , alla quale poi dar seguito con un indirizzo universitario che tenga conto delle sue passioni e attitudini.

 

E' difficile dare consigli , per molti motivi già citati ed altri che non esprimo perchè ovvi e scontati, ma di sicuro cercherei di coltivare e tenere viva la passione del ragazzo , se non altro per tenerlo impegnato in qualcosa di costruttivo piuttosto che vederlo perso dietro a nullità insignificanti come purtroppo ormai spesso accade.


Edited by LucaRosty

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, LucaRosty ha scritto:

ho scelto di non proseguire con l'UNI (ad oggi l'unico rimpianto che ho).

La passione per una materia grafico/artistica è nata in seguito e solo grazie ad un impegno mostruoso extra lavorativo ho potuto coltivarla da autodidatta e mi è costato molto in termini di tempo e risorse varie , che più volte mi ha fatto riflettere su quella scelta scellerata di interrompere gli studi e di non seguire un corso di laurea.

Ma se l'avessi fatto appena terminato l'ITIS cosa avrei scelto? ovviamente ingegneria elettronica o elettrotecnica , mentre se potessi tornare in dietro oggi farei sicuramente disegno industriale e poi un master di Lighting Design , sicuramente non ingegneria .

Parole santissime, bisognerebbe avere 16 anni con l'esperienza e la testa dei 30, allora forse uno si salverebbe. Anche a me è piaciuta la scuola che ho fatto (nonostante i continui 3 in topografia....), anche io ho rinunciato all'università per benzina mentale esaurita, anche io se potessi tornare indietro metterei in un angolo i righelli e autocad...

Credo che una base tecnica sia comunque preferibile, il lato artistico è più facile da coltivare extrascolasticamente a parere mio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
Aspetta! x

Ti piacerebbe rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità nel campo della computer grafica?

Iscrivendoti alla Newsletter riceverai subito una mail con le indicazioni per scaricare gratuitamente:

  1. Le immagini HDRI presenti su HDRI pro
  2. Una sequenza di 300 immagini HDRI generata da Luca Deriu tramite il programma Real HDR