Vai al contenuto
kap

buongiorno, buonasera e buonanotte

Recommended Posts

Altro piccolo progettino personale, dunque, l'idea  quella di illuminare la stessa scena in 3 varianti, con l'utilizzo di HDRI, plane, portal, IES e chi più ne ha più ne metta.

Allego le prime 3 prove, una con luce del mattino, una con le luci stanza accese (6 faretti capovolti sulla testata letto in cartongesso e led stripes alta capovolta fuori inquadratura sul lato opposto), e una con luce di riposo, effetto abat jour (solo i 2 faretti centrali accesi). Critiche e consigli ben accetti come al solito

BUONANOTTE.jpg

BUONASERA.jpg

BUONGIORNO.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Questo mi pare molto interessante.... Ma nella luce mattutina oltre alla finestra sul fondo hai altre sorgenti? Vedo qualcosa nel sottoscala e poi dei triangoli di luce che non capisco...

Per quella in notturna hai solo ed esclusivamente faretti? Nessuna hdri notturna? Le Ies son vray o standard? Le detto in valori di scena o dai valori fisici?

Ti seguo con interesse

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, alfred80 ha scritto:

Questo mi pare molto interessante.... Ma nella luce mattutina oltre alla finestra sul fondo hai altre sorgenti? Vedo qualcosa nel sottoscala e poi dei triangoli di luce che non capisco...

Per quella in notturna hai solo ed esclusivamente faretti? Nessuna hdri notturna? Le Ies son vray o standard? Le detto in valori di scena o dai valori fisici?

Ti seguo con interesse

Ciao e bentornato sulle mie discussioni....:D sei sempre il benvenuto. Dunque, le scale portano al piano superiore dove proprio di fronte c'è una portafinestra, quindi vedi entrare luce anche da li, per quelle notturne nessuna HDRI per due motivi, il primo è che le tende sono quasi o del tutto chiuso, quindi non influirebbe sul risultato, secondo è che non ne ho trovate in rete aggratis.... Le IES sono Vray, inserite con valori fisici, infatti sono alla ricerca di qualcosa di un pochino più "soft".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi piace il progetto. Non capisco la differenza tra le due notturne a parte la quantità di luci. Secondo me sarebbe interessante provare anche un'illuminazione "al limite" tra il giorno e la notte, quando fuori non sta calando il sole e devi iniziare ad accendere qualcosa...
Buon lavoro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Modellazione e scena terminate, sistemo le luci e partiamo con i colori....  problemino, forse mi può aiutare @LucaRosty, l'occhio umano percepisce molti più "step" fotografici della fotocamera, con solo le IES piccole accese devo alzare a dismisura i tempi di scatto e la sensibilità iso, di conseguenza il cono che le IES creano è moooolto più grande..... c'è soluzione? 

CAMERA WIRE GIORNO.jpg

CAMERA WIRE NOTTE.jpg

CAMERA WIRE SERA.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Inviata (modificato)

Perdonami Kap, ma sono un po' cotto sta sera e fatico a capire cosa chiedi e quale sia il problema.

Prima di tutto, fornisci questi dati :

- parametri dei corpi illuminanti che stai utilizzando : marca/modello e soprattutto valore di flusso luminoso (lm) ;

- parametri fotografici , ISO , diaframma e tempi

- quali condizioni luminose vuoi processare : mista, diurna , notturna e per ognuna di loro dimmi come vuoi e se desideri utilizzare i corpi illuminanti;

 

In fine, spiegati un po' meglio perché per ora  ..... capio gnente :D ......(io intendo ;))


Modificato da LucaRosty

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

la terza mi piace come luce ed atmosfera..attendo di leggere la tua rispsta alle domande di @LucaRosty per capire come stai procedendo

PS: tu che hai istigato la condivisione sul mio wip..ora se non provi anche tu..sei marcato a vita :ph34r::P

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, LucaRosty ha scritto:

Perdonami Kap, ma sono un po' cotto sta sera e fatico a capire cosa chiedi e quale sia il problema.

Prima di tutto, fornisci questi dati :

- parametri dei corpi illuminanti che stai utilizzando : marca/modello e soprattutto valore di flusso luminoso (lm) ;

- parametri fotografici , ISO , diaframma e tempi

- quali condizioni luminose vuoi processare : mista, diurna , notturna e per ognuna di loro dimmi come vuoi e se desideri utilizzare i corpi illuminanti;

 

In fine, spiegati un po' meglio perché per ora  ..... capio gnente :D ......(io intendo ;))

capio gnente mi ha fatto morire:lol::lol::lol:  , comunque, tornando a noi, sto lavorando al momento su quella diurna, quindi ho tempo per le ies, in ogni caso, vorrei chiederti un consiglio, qual'è un produttore affidabile che metta i file sul suo sito? In giro se ne trovano a quintali, ma sono reali? Tu per esperienza quali mi consigli? 

Tornando al mio problema, mi rendo conto di essermi spigato male, allora, il fatto è, se in questa stanza, di notte a tende chiuse, accendo solo i due faretti piccoli, nella realtà il letto lo vedo , ma con una macchina fotografica (di conseguenza la camera vray) risulta tutto molto buio, per ovviare al problema in fotografia aumento i tempi di scatto, ma in questo modo i faretti sono troppo luminosi e netti, come potrei fare per far si che l'immagine risulti visibile ma i faretti non siano troppo i risalto? L'unica cosa che mi viene in mente è blurrare il fascio luminoso in post, in modo che almeno non mi faccia una riga netta su muro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, kap ha scritto:

capio gnente mi ha fatto morire:lol::lol::lol:  , comunque, tornando a noi, sto lavorando al momento su quella diurna, quindi ho tempo per le ies, in ogni caso, vorrei chiederti un consiglio, qual'è un produttore affidabile che metta i file sul suo sito? In giro se ne trovano a quintali, ma sono reali? Tu per esperienza quali mi consigli? 

Tornando al mio problema, mi rendo conto di essermi spigato male, allora, il fatto è, se in questa stanza, di notte a tende chiuse, accendo solo i due faretti piccoli, nella realtà il letto lo vedo , ma con una macchina fotografica (di conseguenza la camera vray) risulta tutto molto buio, per ovviare al problema in fotografia aumento i tempi di scatto, ma in questo modo i faretti sono troppo luminosi e netti, come potrei fare per far si che l'immagine risulti visibile ma i faretti non siano troppo i risalto? L'unica cosa che mi viene in mente è blurrare il fascio luminoso in post, in modo che almeno non mi faccia una riga netta su muro.

io metterei una hdri bassissima senza sole ma notturna che illumini un po tutta la scena..anche perchè le foto di notte notte di interni non si fanno mica..nel senso che comunque ci son sempre fonti di riempimento..vuoi una finestra da dove arrivano le luci della citta'..vuoi una da dove arriva quella della luna..oppure luci di scena..ma mai al buio..secondo il mio poco illuminotecnicofotograficolo parere :P

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, alfred80 ha scritto:

io metterei una hdri bassissima senza sole ma notturna che illumini un po tutta la scena..anche perchè le foto di notte notte di interni non si fanno mica..nel senso che comunque ci son sempre fonti di riempimento..vuoi una finestra da dove arrivano le luci della citta'..vuoi una da dove arriva quella della luna..oppure luci di scena..ma mai al buio..secondo il mio poco illuminotecnicofotograficolo parere :P

hai ragione, le foto non si fanno, ma se volessi ricreare l'atmosfera?........:blink: il problema era proprio quello, nella realtà l'occhio percepisce molti piu stop della macchina fotografica, come già detto, perciò con due lucine io ci vedo e non mi acceco, ma una foto è un casino se stiamo legati ai parametri della macchina, per questo stavo cercando di inventarmi una soluzione. Riguardo l'hdri vorrei evitare, perchè di notte le tende sono chiuse, pertanto luce non ne entra. Come si fa?:wacko:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

eh siamo sulla stessa barca...io da ieri appena riesco sto provando illuminazione con ies della scena famigerata...e i problemi son quelli..son arrivato alla conclusione che in notturna preferisco non illuminare perchè il risultato non mi piace..fa effetto discoteca e non riesco a bilanciare quindi preferisco andare con una hdri di riempimento (per evitare il buio assoluto) e poi bilancio le varie ies..anche se ovviamente è un mio limite..ma per ora provo cosi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, kap ha scritto:

hai ragione, le foto non si fanno, ma se volessi ricreare l'atmosfera?........:blink: il problema era proprio quello, nella realtà l'occhio percepisce molti piu stop della macchina fotografica, come già detto, perciò con due lucine io ci vedo e non mi acceco, ma una foto è un casino se stiamo legati ai parametri della macchina, per questo stavo cercando di inventarmi una soluzione. Riguardo l'hdri vorrei evitare, perchè di notte le tende sono chiuse, pertanto luce non ne entra. Come si fa?:wacko:

Ciao, scusa mi permetto di scendere un attimo fuori dal contesto. Ok il reale e il fotorealismo estremo, però quando si parla di fotografia, in qualche modo, si parla già di artificio, e si parla di una realtà filtrata (dall'obiettivo, dalla tecnologia, dal fotografo...), quando si passa al 3d si parla dell'artificio di un artificio, quindi aumentano i filtri e cambiano i parametri. 
Ti dico questo perchè capisco il tuo intento di capire ies, luci naturali e simili e le loro reazioni nei software, però la soluzione potrebbe essere proprio a volte apportare quelle modifiche per far tornare tutto. In fondo un fotografo si porta delle luci per fotografare gli interni e dopo li ripassa in post, non è che arriva scatta e ciao. 
Scusa, era un piccolo sfogo, ma è un ragionamento che mi stuzzica da un po' :) 
Comunque è un lavoro interessante, seguo attentamente :)

Buo lavoro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dunque, ho capito qual'e' il vostro problema e vi dico che in realtà è un falso problema perché noto solo molta confusione su concetti di base legati al fenomeno luminoso e in parte anche alla fotografia , anche se sempre legato alla luce. 

Il problema non sono le IES light o il modo di gestirle, il problema vero è che non siete in grado di "pesare" la luce e dunque risulta quasi impossibile avere il pieno controllo in ogni situazione o condizione.

Appena posso cercherò di essere più chiaro o perlomeno di poter argomentare quanto detto sopra, ma tenete presente che non è  possibile in 2 post sviscerare nella sua totalità un argomento molto articolato e che necessita di un minimo di basi tecniche. 

Appena mi libero torno per concludere la risposta, mi spiace ma per ora non posso andare oltre.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, kap ha scritto:

se in questa stanza, di notte a tende chiuse, accendo solo i due faretti piccoli, nella realtà il letto lo vedo , ma con una macchina fotografica (di conseguenza la camera vray) risulta tutto molto buio, per ovviare al problema in fotografia aumento i tempi di scatto, ma in questo modo i faretti sono troppo luminosi e netti, come potrei fare per far si che l'immagine risulti visibile ma i faretti non siano troppo i risalto? 

 

Partiamo da qui : una fotografia come ogni altra forma di rappresentazione grafica bidimensionale dal quadro dipinto a mano ad un immagine digitale (come ad esempio un Rendering foto-realistico o meno che sia) è sempre in ogni caso una rappresentazione della realtà , la realtà è un'altra cosa, ovvero ciò che ti restituisce il supporto occhio-cervello , l'occhio "cattura" e il cervello elabora.

Il nostro "sistema" si adatta di volta in volta a seconda della quantità di luce che è presente nell'ambiente in cui stiamo osservando, e non fa altro che regolare "l'esposizione" del nostro supporto visivo, ma fino ad un certo limite, quale?

Prova a pensare ad una nottata di luna piena, in assenza totale di luce artificiale, dopo un primo momento di adattamento (variabile in base a diversi fattori oggettivi e soggettivi) riesci a percepire l'ambiente che ti circonda anche in modo da poterti muovere apparentemente bene , di consentirti di poter effettuare diverse azioni, ma non tutte ovviamente, come ad esempio leggere un foglietto di carta con lettere molto piccole (è solo un esempio banale e consideralo tale).

Se la stessa condizione luminosa provi ad interpretarla con una reflex, puoi spingerti fino ad un livello tale da poter ottenere un risultato talmente luminoso da far sembrare giorno in piena luce.

Ovviamente l'occhio umano non arriva a tale livello di esposizione, dunque prima di tutto devi distinguere quale risultato vuoi ottenere, se puramente fotografico , oppure avvicinarti al risultato che teoricamente l'occhio umano potrebbe percepire in tale condizione, ed in assenza di competenze tali da poterti permettere di poter "quantificare"  la quantità di luce che stai analizzando e cercando di riprodurre virtualmente ti puoi affidare esclusivamente alla tua esperienza o ad un esercizio di attenta osservazione, che in parte hai già fatto ma secondo me non del tutto completo.

E veniamo alla tua scena : tenendo presente quanto detto sopra , i corpi illuminanti che tu hai inserito generano una determinata quantità di luce, dipendente dal flusso luminoso  emesso da tale corpo, motivo per cui ti ho chiesto dati e caratteristiche ; in assenza di tali informazioni posso basarmi solo in funzione dell'immagine che hai postato e da quanto vedo mi viene da dire che tale effetto non riusciresti ad occhio nudo a percepirlo in quel modo, dovrebbe essere molto meno marcato e di conseguenza la percezione dell'intero ambiente dovrebbe essere più basso, quindi è l'esposizione probabilmente sproporzionata e sovrastimata.

Corretta da un punto di vista fotografico ma eccessiva se paragonata al limite del nostro supporto visivo, ivi per cui se desideri utilizzare quel tipo di soluzione devi per forza fare una scelta e regolare l'esposizione in funzione di essa. Risulta un po' più credibile (ma non del tutto) la versione mista, dove dalla finestra si percepisce una debole componente proveniente dall'esterno.

 

Tieni presente che ho sintetizzato e in alcuni casi "maltrattato" concetti che andrebbero sviluppati in tutt'altro modo , come avevo detto nel precedente post non è possibile trattare in modo completo argomenti che di norma necessitano di molto ma molto più spazio ed approfondimento.

 

Ora, come pesare la luce : un modo semplice c'è ed è legato al valore di EV, in rete trovi diverse tabelle che mettono in relazione il valore di EV a determinati valori di illuminamento espressi in Lux, ovvio che devi capire bene cos'è un lux, un lm , e soprattutto renderti conto di cosa vuol dire 10-100-1000-100000 lux.

Aziende che forniscono fotometrie corrette ed affidabili ce ne sono molte e dipende dal corpo illuminante che stai cercando , per citarne alcune senza togliere nulla ad altre ti consiglio Reggiani, Erco , iGuzzini , ma solo perchè sono le prime che mi vengono in mente.

 

Mi fermo qui , consapevole (purtroppo) che probabilmente questo post può generare più confusione che risposte concrete, ma l'unico modo che ho a disposizione per dare un aiuto concreto è indicarti / vi  gli aspetti da approfondire e cercare di stuzzicare il vostro interesse verso determinati argomenti.

Spero comunque di essere stato in qualche modo di aiuto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
On 3/10/2017 at 9:56 AM, kap said:

come potrei fare per far si che l'immagine risulti visibile ma i faretti non siano troppo i risalto?

 

Abbassa il burn value. O crea due componenti, quella che ti fa solo l'effetto e quella che ti fa solo l'illuminazione.

Nel framebuffer lavori a una profondità di colore molto alta, quindi puoi fare quello che vuoi. E' anche facile cadere in uno sgradevole effetto HDR.

M.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, riccardocosco ha scritto:

Ciao, scusa mi permetto di scendere un attimo fuori dal contesto. Ok il reale e il fotorealismo estremo, però quando si parla di fotografia, in qualche modo, si parla già di artificio, e si parla di una realtà filtrata (dall'obiettivo, dalla tecnologia, dal fotografo...), quando si passa al 3d si parla dell'artificio di un artificio, quindi aumentano i filtri e cambiano i parametri. 
Ti dico questo perchè capisco il tuo intento di capire ies, luci naturali e simili e le loro reazioni nei software, però la soluzione potrebbe essere proprio a volte apportare quelle modifiche per far tornare tutto. In fondo un fotografo si porta delle luci per fotografare gli interni e dopo li ripassa in post, non è che arriva scatta e ciao. 
Scusa, era un piccolo sfogo, ma è un ragionamento che mi stuzzica da un po' :) 
Comunque è un lavoro interessante, seguo attentamente :)

Buo lavoro.

hai perfettamente ragione, infatti la mia intenzione non è riprodurre la foto, ma quello che vedrei io se fossi nella stanza, non so se mi sono spiegato. La foto ha ovviamente degli artifici, ma l'occhio no, eppure riuscirei a vederci "abbastanza bene" se ci fossi dentro.

28 minuti fa, wastzzz ha scritto:

 

Abbassa il burn value. O crea due componenti, quella che ti fa solo l'effetto e quella che ti fa solo l'illuminazione.

Nel framebuffer lavori a una profondità di colore molto alta, quindi puoi fare quello che vuoi. E' anche facile cadere in uno sgradevole effetto HDR.

M.

il burn è già basso (0,1), forse l'idea di ricomporre due componenti in post può aiutare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, LucaRosty ha scritto:

 

Partiamo da qui : una fotografia come ogni altra forma di rappresentazione grafica bidimensionale dal quadro dipinto a mano ad un immagine digitale (come ad esempio un Rendering foto-realistico o meno che sia) è sempre in ogni caso una rappresentazione della realtà , la realtà è un'altra cosa, ovvero ciò che ti restituisce il supporto occhio-cervello , l'occhio "cattura" e il cervello elabora.

Il nostro "sistema" si adatta di volta in volta a seconda della quantità di luce che è presente nell'ambiente in cui stiamo osservando, e non fa altro che regolare "l'esposizione" del nostro supporto visivo, ma fino ad un certo limite, quale?

Prova a pensare ad una nottata di luna piena, in assenza totale di luce artificiale, dopo un primo momento di adattamento (variabile in base a diversi fattori oggettivi e soggettivi) riesci a percepire l'ambiente che ti circonda anche in modo da poterti muovere apparentemente bene , di consentirti di poter effettuare diverse azioni, ma non tutte ovviamente, come ad esempio leggere un foglietto di carta con lettere molto piccole (è solo un esempio banale e consideralo tale).

Se la stessa condizione luminosa provi ad interpretarla con una reflex, puoi spingerti fino ad un livello tale da poter ottenere un risultato talmente luminoso da far sembrare giorno in piena luce.

Ovviamente l'occhio umano non arriva a tale livello di esposizione, dunque prima di tutto devi distinguere quale risultato vuoi ottenere, se puramente fotografico , oppure avvicinarti al risultato che teoricamente l'occhio umano potrebbe percepire in tale condizione, ed in assenza di competenze tali da poterti permettere di poter "quantificare"  la quantità di luce che stai analizzando e cercando di riprodurre virtualmente ti puoi affidare esclusivamente alla tua esperienza o ad un esercizio di attenta osservazione, che in parte hai già fatto ma secondo me non del tutto completo.

E veniamo alla tua scena : tenendo presente quanto detto sopra , i corpi illuminanti che tu hai inserito generano una determinata quantità di luce, dipendente dal flusso luminoso  emesso da tale corpo, motivo per cui ti ho chiesto dati e caratteristiche ; in assenza di tali informazioni posso basarmi solo in funzione dell'immagine che hai postato e da quanto vedo mi viene da dire che tale effetto non riusciresti ad occhio nudo a percepirlo in quel modo, dovrebbe essere molto meno marcato e di conseguenza la percezione dell'intero ambiente dovrebbe essere più basso, quindi è l'esposizione probabilmente sproporzionata e sovrastimata.

Corretta da un punto di vista fotografico ma eccessiva se paragonata al limite del nostro supporto visivo, ivi per cui se desideri utilizzare quel tipo di soluzione devi per forza fare una scelta e regolare l'esposizione in funzione di essa. Risulta un po' più credibile (ma non del tutto) la versione mista, dove dalla finestra si percepisce una debole componente proveniente dall'esterno.

 

Tieni presente che ho sintetizzato e in alcuni casi "maltrattato" concetti che andrebbero sviluppati in tutt'altro modo , come avevo detto nel precedente post non è possibile trattare in modo completo argomenti che di norma necessitano di molto ma molto più spazio ed approfondimento.

 

Ora, come pesare la luce : un modo semplice c'è ed è legato al valore di EV, in rete trovi diverse tabelle che mettono in relazione il valore di EV a determinati valori di illuminamento espressi in Lux, ovvio che devi capire bene cos'è un lux, un lm , e soprattutto renderti conto di cosa vuol dire 10-100-1000-100000 lux.

Aziende che forniscono fotometrie corrette ed affidabili ce ne sono molte e dipende dal corpo illuminante che stai cercando , per citarne alcune senza togliere nulla ad altre ti consiglio Reggiani, Erco , iGuzzini , ma solo perchè sono le prime che mi vengono in mente.

 

Mi fermo qui , consapevole (purtroppo) che probabilmente questo post può generare più confusione che risposte concrete, ma l'unico modo che ho a disposizione per dare un aiuto concreto è indicarti / vi  gli aspetti da approfondire e cercare di stuzzicare il vostro interesse verso determinati argomenti.

Spero comunque di essere stato in qualche modo di aiuto.

:o:o:o ok....... comincio a studiare con calma...... intanto porto avanti la scena diurna. In ogni caso, seppur da profano, ho recepito il concetto generale della tua risposta, ovviamente avrai capito bene che di illuminotecnica non ne so una beneamata, perciò cercherò di prendere spunto da quello che mi hai scritto per informarmi meglio e capire come gestire al meglio le IES, ma soprattutto, l'illuminazione in generale. Grazie infinite.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Come anticipato ho cominciato a colorare la scena principale, corretto l'esposizione e smaneggiato un bel po con le mappe. Ho scoperto che sui pavimenti, che prima facevo inserendo 3 mappe e via, smanettare un po' di più e perderci più tempo vale lo scomodo, questo ad esempio l'avevo usato altre volte, ma non avevo mai ottenuto quello che cercavo, stavolta invece mi sono avvicinato abbastanza, si può sempre migliorare ma per ora sono moderatamente soddisfatto. La coperta Vuitton invece è un piccolo sfizio che volevo togliermi, ho la texture da una vita ma non l'avevo mai usata...

2.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
25 minutes ago, kap said:

il burn è già basso (0,1), forse l'idea di ricomporre due componenti in post può aiutare.

 

Non devi farlo in post, devi riuscirci dal framebuffer.

M.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, kap ha scritto:

Come anticipato ho cominciato a colorare la scena principale, corretto l'esposizione e smaneggiato un bel po con le mappe. Ho scoperto che sui pavimenti, che prima facevo inserendo 3 mappe e via, smanettare un po' di più e perderci più tempo vale lo scomodo, questo ad esempio l'avevo usato altre volte, ma non avevo mai ottenuto quello che cercavo, stavolta invece mi sono avvicinato abbastanza, si può sempre migliorare ma per ora sono moderatamente soddisfatto. La coperta Vuitton invece è un piccolo sfizio che volevo togliermi, ho la texture da una vita ma non l'avevo mai usata...

2.jpg

bello il pavimento..un bell effetto riflessioni..l'hai ottenuto con una mappa nel reflect?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao mi intrometto un attimo.. Ma l'immagine che hai postato per ultima ti soddisfa? Cioè è come la vorresti ottenere o ci stai ancora lavorando per renderla più reale? Secondo me, se la vuoi rendere più reale, devi limitare molto l'uso dell'AO dove non fa altro che togliere realismo all'immagine. Io per esempio non lo uso mai.. Piuttosto usa un effetto "dirt"  solo su alcuni materiali che lo richiedono e non su tutta la tua scena. Molti ho visto che ne abusano alla grande pensando di dare più profondità e contrasto ma l'immagine perde molto.. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, ocman ha scritto:

Ciao mi intrometto un attimo.. Ma l'immagine che hai postato per ultima ti soddisfa? Cioè è come la vorresti ottenere o ci stai ancora lavorando per renderla più reale? Secondo me, se la vuoi rendere più reale, devi limitare molto l'uso dell'AO dove non fa altro che togliere realismo all'immagine. Io per esempio non lo uso mai.. Piuttosto usa un effetto "dirt"  solo su alcuni materiali che lo richiedono e non su tutta la tua scena. Molti ho visto che ne abusano alla grande pensando di dare più profondità e contrasto ma l'immagine perde molto.. 

Ciao, nessuna intromissione, anzi più  siamo meglio è . Ovviamente non mi soddisfa, anche perché essendo un WIP è in fase di costruzione, noterai di certo che mancano ancora quasi tutti i materiali. L' AO attivato nei test mi serve per vedere dove devo aggiungere particolari in modellazione o dove posso evitare e mi basterà il passaggio AO montato in post. Ad esempio, in questo caso noto bene che il pavimento è troppo piatto e i cuscini troppo " rigidi". Risolvere aggiungendo delle mappe displace adeguate.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 11/3/2017 at 15:12 , alfred80 ha scritto:

bello il pavimento..un bell effetto riflessioni..l'hai ottenuto con una mappa nel reflect?

questi sono lo schema del materiale e il risultato finale, finalmente ho ottenuto esattamente quello che volevo.Cattura.JPG

Questo wip mi sta insegnando molto sulla gestione dei materiali, è la mia parte preferita (a parte l'unwrap......:wacko:)pavimento ok.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×