Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
Gyuma

Light Meters

Recommended Posts

Ciao @Gyuma

in merito alle incongruenze sui dati verificati e di rilievo, oltre alle questioni che ti ha già descritto @LucaRosty poco più sopra, mi preme sottolineare anche un'altra cosa, ovvero che il dato di rilievo dev'essere verificato con strumentazione idonea. Sono certo che non è il vostro caso, ma verifiche realizzate con strumentazione non certificata, di scarsa qualità o addirittura realizzata con luxmetri (se così possiamo definirli) da cellulare possono portare a margini d'errore anche sensibili di rilievo.
Nel caso dovesse servirvi una persona  riferimento per effettuare rilievi con strumentazione certificata e relativa relazione tecnica fammi sapere, perchè su Firenze conosco un professionista più che accreditato (nel caso contattami in pvt).

 

Inoltre sul valore massimo verificato da Max illuminance, e altri valori di verifica, anche a me sembra molto strano un errore così sensibile.

In ogni caso io rimango della mia teoria che già anticipavo sopra, ovvero che, se si tratta (come in questo caso) di una verifica illuminotecnica di testing poi da confermare con rilievo in campo, forse andrebbe valutato l'utilizzo anche di qualche altro software più specifico, che sicuramente è in grado di offrire un output "tecnico" un po' più ricco di quanto è in grado di offrire 3ds Max+ MR

Buona serata

G.


Edited by GiacomoLight

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Giacomo, ti ringrazio per il possibile contatto...ma lo strumento utilizzato per le misure è un Konica Minolta (quindi credo sia abbastanza affidabile) e durante il sopralluogo mi sono già avvalsa dell'aiuto di un professionista (per essere certa che non si potessero commettere errori sciocchi)..purtroppo, quindi, escludo che l'errore sia nelle misure rilevate con luxmetro...anche se non mi sarebbe affatto dispiaciuta questa eventualità!!! Ora comunque sto provando a ricreare il modello e a calcolare l'illuminamento/luminanza ricorrendo solo all'ausilio del light meter (niente photon map e final gather...per il momento)...per adesso ho riscontrato un problema solo con il pavimento in cotto e con i vetri delle porte/finestre...che hanno entrambi dei valori in lx più bassi di quelli rilevati con il luxmetro, quindi sto provando a modificare un po a caso i valori dei materiali per provare ad aumentare il valore restituito in lux da 3ds, ma senza successo per adesso! 

Comunque vi ringrazio molto...voi e il manuale di Segatto siete stati i miei unici punti di riferimento per imparare ad utilizzare (un pò) 3ds max+mr partendo da zero!!!!

 

Grazie davvero di cuore!!!

 


Edited by Gyuma

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti

prima di tutto complimenti a Luca, i tuoi articoli sono chiarissimi e fatti molto bene, 

mi inserisco in questa conversazione perchè sto impazzendo anche io con light meter,

spiego prima l'obiettivo. Devo fare simulazioni, sia con luce naturale che artificiale, all'interno di una struttura antica, ho ricavato il modello 3D da rilievo fotogrammetrico, quindi mesh con una sua texture, non materiale associato.

I problemi sono diversi:

1. non riesco ad ottenere, per il momento solo con luce naturale,un calcolo di lightmeter che sia plausibile, i valori dei lux sono sempre molto alti.E anche 

2. il comando "create Image Overlay Render Effect" non è attivo.

il motore è mentalray

ho inserito solo daylight, con il suo mrsun e mrsky

hai dei suggerimenti da darmi per capire come affrontare questi problemi?

grazie mille,

Marina

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve Marina , grazie per i complimenti innanzitutto .

Per poter valutare la componente naturale in modo analitico, una volta inserito il daylight system e selezionato Mr Sun e Mr Sky dovresti utilizzare i modelli di Sky CIE Overcast (per valutare FLD) o il Perez All-Weather accompagnato dal file .epw  corrispondente alla zona più vicina possibile al luogo dove è situata la struttura, o in alternativa il CIE Clear dove puoi settare in modo autonomo i valori di irradianza solare e della volta celeste.

Devi tenere conto delle vetrate dove presenti e replicare le caratteristiche fisiche di dei vetri , il materiale della mash importata deve essere A&D e nel canale diffuse inserire la mappa creata dalla scansione.

Poi ovviamente dipende dal tipo di analisi che devi eseguire,  ma la scelta del modello di Sky è fondamentale , e allo stesso tempo sia il loro utilizzo che i materiali fondamentali , per lo meno quello della mash e dei vetri.

Buon lavoro 🙂

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao Luca

grazie per la rapida risposta

sono riuscita più o meno ad avere valori accettabili chiudendo l'oggetto, che non ha finestre ma solo un vano d'ingresso, ma il problema principale è che non mi si attiva il comando Analysis Output, c'è da settare qualcosa?

è sempre spento e il render non lo fa.non so veramente più che fare!

grazie

Marina

immagine.png.c138a0441891ce06afb8676869ffdfd5.png

 

 

 

 

immagine.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema è semplice ed assurdo allo stesso tempo, purtroppo.

Mi sembra di capire che utilizzi max 2018 dove mental ray non è installato di default, dovresti installarlo come plugin esterno , ma non è più possibile ad oggi che io sappia, e come al solito in max vige la regola "non si toglie mai nulla anche se obsoleto ed inutile" , come nel caso del modulo lighting analysis che in max è ancora legato a mental ray sebbene di fatto il motote di render non esiste più.

Dovresti passare a V-Ray che dalla versione Next ha introdotto un sistema simile e per certi versi più evoluto in termini di utilizzo pratico , perché ha legato il lighting analysis ad un element o pass , il V-RayLightingAnalysis appunto , molto simile al sistema adottato da max+mental ray, ma a mio avviso molto più intuitivo e semplice da utilizzare.

Tieni conto però che in V-Ray hai si la possibilità di poter utilizzate modelli di sky CIE overcast e clear ma non è presente il Perez all weather .

Alternativa utilizzare max 2016 dove mental ray era ancora integrato e pienamente funzionante.

Di più non saprei che dirti purtroppo , valuta tu con attenzione, in base alle tue esigenze, se non sia più auspicabile scegliere di utilizzare altri programmi più idonei come Relux, Dialux o Radiance.

Buon lavoro 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites

si io ho la versione 2018, ma mental ray è installato, l'avevo installato io e ha sempre funzionato, i render li ho sempre fatti,

è con lightmeter che non permette più di farli,

V-Ray sarebbe da aggiungere come plugin? o è solo da settare?

grazie...non mi rassegno che non funzioni....ho una scadenza imminente e questo fatto mi sta facendo diventare matta!

grazie mille!

p.s. relux o dialux non mi danno gli stessi risultati in termini di texture... considerato che è un elemento architettonico importante, la resa deve essere almeno buona

 


Edited by marzo62

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dalle immagini che hai postato vedo che ti segnala 2 errori il lighting assistant, sulla tendina general dovrebbe specificare quali,  prova a postare quella videata , comunque dalla 2017 in poi il sistema non l'ho più testato e non riesco a dirti quali bug ci possano essere e se il sistema sia comunque affidabile, i miei test erano relativi alla versione 2016, per quanto mi riguarda l'ultima versione stabile del sistema lighting analysis max+mental ray , motivo per cui poi son passato a Vray acquistando la locenza dalla versione 3.4 sperando che implementassero un proprio "Lighting Analysis" cosa che poi è avvenuta con l'uscita della Next.

Capisco le tue esigemze , ma sulla 2018 non ho riscontri di persona e non ho la versione a disposizione, quindi test non ne posso fare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, marzo62 ha scritto:

si io ho la versione 2018, ma mental ray è installato, l'avevo installato io e ha sempre funzionato, i render li ho sempre fatti,

è con lightmeter che non permette più di farli,

 

 

la 2018 ha diversi bug di mental ray mai messi a posto da nvidia.

se vuoi usare il light meter prova la 2017 ma ancora meglio la 2016. li Mr è ancora supportato da Autodesk


Edited by Marcello Pattarin

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Giacomo, riallacciandomi al tuo intervento del 15 Giugno sulla determinazione del parametro UGR volrvo chiederti secondo te (voi) da cosa potrebbe dipendere il fatto che utilizzando Dialuxevo e facendo riferimento a superfici di calcolo e punti di calcolo per un locale privo di sorgenti artifciali (solo una spot da 1,2W per consentire la simulazione) avente una parete completamente vetrata ma opportunamente provvista di schermature solari l'UGR non risulti assolutamente verificato (neanche nei punti più bui...quelli diametralemnte opposti alla superfici finestrata)...sebbene come da render che ti/vi allego il locale risulta nel complesso molto buio!!! 🙄 .....non capisco proprio.

 

Vi ringrazio moltissimo!!!

 

Giulia

Area 1.jpg

pianta.PNG

valori.PNG

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao @Giulietta Degli Spiriti
Avevo dimenticato di questo post (l'intervento era del giugno 2017 :D)
Provo a risponderti brevemente: UGR è un parametro costruito per verificare la probabilità che in un ambiente si presentino condizioni di abbagliamento molesto. (tutto spiegato nell'articolo che avevo linkato.) ha una scala valori che varia da un minimo di 10 ad un massimo di 30 (abbagliamento non presente a abbaggliamento non tollerabile)
Il parametro è costituito a partire da rapporto tra luminanza di sfondo e corpo illuminante, per questo motivo (ipottizo perchè non avendo bene idea di come è costituito il tuo ambiente..non ho la certezza) che il valore non viene come ti aspetti che venga, poichè la situazione che descrivi è molto contrastata ovvero con probabilità hai un elevato contrasto di luminanze (la luminanza dell'apparecchio è molto elevata, mentre l'ambiente è meno luminoso) questa situazione potrebbe essere causa di abbagliamento molesto.
Poi, tengo a precisare: il dialux da risultati che vanno letti e confrontati con la normativa di riferimento: leggo ad esempio un valore di ugr 26: esistono ambienti in cui la normativa considera valori come questo tollerabili per l'attività svolta.
Se hai prescrizioni specifiche da rispettare ad esempio UGR<19 come negli spazi d'ufficio, va pensata una soluzione differente d'illuminazione. Se riesci a dare più dettagli...

buona serata.


Edited by GiacomoLight

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno Giacomo, io non potevo non ricordare i vostri preziosi consigli anche se dati 2 anni fa!!! Sono stati di grande...grandissimo aiuto!!! 🙂 La questione è che io vorrei verificare la presenza/assenza di abbagliamento all'interno di locali scolastici in cui al momento è prevista solo luce naturale e delle superfici vetrate considerevoli e per le quali starei valutando delle tipologie di schermature diverse...a quale indice potrei fare riferimento secondo te per capire che contributo mi da in questo senso la luce naturale e l'utilizzo di schermature?

 

Grazie mille

 

Giulia

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 hours ago, Giulietta Degli Spiriti said:

Buongiorno Giacomo, io non potevo non ricordare i vostri preziosi consigli anche se dati 2 anni fa!!! Sono stati di grande...grandissimo aiuto!!! 🙂 La questione è che io vorrei verificare la presenza/assenza di abbagliamento all'interno di locali scolastici in cui al momento è prevista solo luce naturale e delle superfici vetrate considerevoli e per le quali starei valutando delle tipologie di schermature diverse...a quale indice potrei fare riferimento secondo te per capire che contributo mi da in questo senso la luce naturale e l'utilizzo di schermature?

 

Grazie mille

 

Giulia

UGR è un indice che non è adeguato a verificare l'abbagliamento da luce naturale. Al momento (da che mi risulti) esistono due indici comunemente usati, che sono in grado di dare una valutazione il primo è il DGI Daylight Glare Index (di non semplice computazione) non sono a conoscenza di software attuali in grado di valutare DGI.
Il secondo indice,Il più attuale e ritenuto ad oggi più affidabile, è il DGP Daylight Glare Probability https://web.mit.edu/tito_/www/Projects/Glare/GlareRecommendationsForPractice.html
DGP Daylight Glare Probability , che di fatto definisce un rating di probabilità che si manifesti abbagliamento da daylight in ambiente,

sfrutta immagini HDRI come base del metodo di verifica. E' simulabile con software che sfruttano radiance come base di motore di simulazione, ad esempio DIVA 4 Rhino. http://diva4rhino.com/user-guide/simulation-types/point-in-time-glare:

QUa sotto un'immagine che ti fa comprendere il valore assegnato ai diversi punti di rating.

 

Ciao.

G.

DGP.JPG


Edited by GiacomoLight

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Giacomo,

ti ringrazio per i consigli sempre utilie e preziosissimi!!!!! Ho installato il plug in Diva su Rhino (installando anche la versione gratuita per studenti...tanto per averlo in uso per un pò di tempo in più!!)....ma purtroppo non funziona.....😥

Non riusciamo a capire come sia possibile!!!! E' come se i pulsanti comparsi relativamente al plug in non fossero attivi 😥 ...a voi è mai capitato?

 

.....😣

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
Aspetta! x

Ti piacerebbe rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità nel campo della computer grafica?

Iscrivendoti alla Newsletter riceverai subito una mail con le indicazioni per scaricare gratuitamente:

  1. Le immagini HDRI presenti su HDRI pro
  2. Una sequenza di 300 immagini HDRI generata da Luca Deriu tramite il programma Real HDR