Jump to content
roberto2004

Estero, come competere..?

Recommended Posts

Salve a tutti.

Dunque, ogni tanto mi capita di ricevere qualche richiesta di preventivo da qualche sbadato che si imbatte erroneamente sul mio sito(lo sò,magari sarebbe ora che ci scrivessi che non sono un freelance).

Puntualmente giro l'offerta ad amici/colleghi/datori di lavoro etc..stò giro me ne è capitata una dagli U.S.

arrivo alla domanda, il preventivo che gli ha girato il mio collega sta nella classica media dell 35 euro l'ora, il prezzo che, da quanto ne sò, gironzola tra i freelance.

La risposta è stata che il budget a disposizione è di circa un terzo il che, fosse stato dai paesi meno abbienti del nostro(che per come siam messi ha il suo bel dire) avrebbe potuto avere un senso...ma dagli U.S.?

Quello che mi chiedo io è questo..ma come si fà a competere con l'estero quando in italia l'imposta, da quello che ne sò, è del 50-57% tra tasse, iva e commercialista?da quanto ne sò all'estero non si arriva alla spesa totale del 22%(germania, inghilterra etc).

ok, esiste quel coso assurdo che ci spacciano per regime dei minimi...che però,oltre ad esser limitato, non ti permette di scaricare una mazza..

Prima o poi dovrò mettermi in proprio per cui, inizio a farmi qualche domanda...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rob permettimi...Ma che domanda è?

X cliente(del quale non si sa se sia studio, regista indipendente, mediatore) chiede 1/3 del Budget X e facciamo partire una riflessione filosofica generale sulla base del nulla,e addirittura sorgono paragoni competitivi?

Esistono 1000 tipi di casistiche. E poi studi grandi e piccoli esteri stanno sempre piu' giocando al ribasso,non credere che vi sia da qualche parte una terra promessa.

Quello che è sicuro è che fare il libero professionista,in Italia, ha le sue difficolta' fiscali non indifferenti. Purtroppo qua non ci piove.

PS. Prima di metterti in proprio creati sto benedetto showreel :P


Edited by HoudiniVFX

Share this post


Link to post
Share on other sites

PS. Prima di metterti in proprio creati sto benedetto showreel :P

quoto HoudiniVFX, in quanto sia per italia, ma a maggior ragione su estero.... la show reel è l'introduzione all'ambito lavorativo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

La risposta alla tua domanda è vai negli u,s. cosi pagherai anche tu il 22% il regime dei minimi è una bufala per chi crede ancora ai miracoli, dove si dice che puoi guadagnare massimo 15.000 l'anno; tolte le tasse ti rimango forse 600 - 700 euro al mese se non compri computer programmi bollette etc.

Se sei una persona onesta che non crakka i programmi e li acquista, che non ruba la corrente al vicino ma paga la sua bolletta e che acquista un nuovo computer per rimanere aggiornato e non prende i pezzi alla discarica , forse ti rimangono 300 - 400 euro al mese.

Ma consolati tutti i soldi pagati in tasse serviranno per il bene del tuo paese, come avrai visto nei giorni scorsi a striscia la notizia abbiamo la seconda scala mobile più luna del mondo, realizzata con i nostri soldi pubblici per la modica cifra di 17 milioni di euro; indovina un po'? la scala mobile è ferma perché il comune che la gestisce non ha i soldi per la manutenzione. e ci credo è lunga più di un KM?

fai lo showreel e e valige, almeno i soldi delle tue tasse all'estero non serviranno per costruire scale mobili decadenti, scuole, piscine, campi sportivi, strade etc, mai finite o dismesse, come vediamo tutti i giorni in tv.

passo e chiudo.


Edited by mak21

Share this post


Link to post
Share on other sites

La risposta alla tua domanda è vai negli u,s. cosi pagherai anche tu il 22% il regime dei minimi è una bufala per chi crede ancora ai miracoli, dove si dice che puoi guadagnare massimo 15.000 l'anno; tolte le tasse ti rimango forse 600 - 700 euro al mese se non compri computer programmi bollette etc.

Se sei una persona onesta che non crakka i programmi e li acquista, che non ruba la corrente al vicino ma paga la sua bolletta e che acquista un nuovo computer per rimanere aggiornato e non prende i pezzi alla discarica , forse ti rimangono 300 - 400 euro al mese.

Ma consolati tutti i soldi pagati in tasse serviranno per il bene del tuo paese, come avrai visto nei giorni scorsi a striscia la notizia abbiamo la seconda scala mobile più luna del mondo, realizzata con i nostri soldi pubblici per la modica cifra di 17 milioni di euro; indovina un po'? la scala mobile è ferma perché il comune che la gestisce non ha i soldi per la manutenzione. e ci credo è lunga più di un KM?

fai lo showreel e e valige, almeno i soldi delle tue tasse all'estero non serviranno per costruire scale mobili decadenti, scuole, piscine, campi sportivi, strade etc, mai finite o dismesse, come vediamo tutti i giorni in tv.

passo e chiudo.

sostanzialmente, stai confermando i miei timori...

agli altri...raga, ma siete davvero convinti di dovermelo dire che devo prima fare il reel?bah...

Share this post


Link to post
Share on other sites

sostanzialmente, stai confermando i miei timori...

agli altri...raga, ma siete davvero convinti di dovermelo dire che devo prima fare il reel?bah...

Te l'ha detto anche Mak, di farlo,ma come tuo solito filtri solo ciò che ti fa comodo :D


Edited by HoudiniVFX

Share this post


Link to post
Share on other sites

un paio di osservazioni

- 35 per mè son nelle migliori delle ipotesi, si lavora pure per mooolto meno.

- un cliente cerchera sempre di abbassare il costo, se non ti sta bene passa la mano, non è che uno tira su sempre tutto.

- estero o italia cambia poco, anche qui ho visto richieste per mè assurde, dipende solo da che tipo di cliente hai di fronte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non dipende solo dal cliente, ma anche dalla serietà di chi si pone. un laureato di architettura che si propone come designer, non ha un sito internet e ha 2 render fatti in croce che neanche autocad li fa così. E si lamenta che non trova lavoro o i clienti gli danno 2 lire? Poi sta gente si lamenta dell'Italia che non gli dà possibilità.

Ma pensate che all'estero i soldi ve li tirano dietro con la fionda?


Edited by Manuel84

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest

Non dipende solo dal cliente, ma anche dalla serietà di chi si pone. un laureato di architettura che si propone come designer, non ha un sito internet e ha 2 render fatti in croce che neanche autocad li fa così. E si lamenta che non trova lavoro o i clienti gli danno 2 lire? Poi sta gente si lamenta dell'Italia che non gli dà possibilità.

Ma pensate che all'estero i soldi ve li tirano dietro con la fionda?

Con la fionda no ma se sai fare qualcosa hai più possibilità la che qua. Per mia esperienza ho fatto guadagnare migliaia di dollari agli amici USA , qui non sarebbe possibile per i motivi sopra citati. Poi come tu hai già scritto non bastano due render ma ti devi rompere la schiena davanti al monitor e andare dritto per la tua strada.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Andando un po' OT, ma probabilmente neanche troppo, ho l'impressione che, soprattutto tra i giovani, quella del "problema Italia" sia solo una scusa della poca voglia di impegnarsi e di mettersi in gioco. Nell'archviz, come nei Vfx o nella computer grafica in generale, con 2 o 3 render fatti grossolanamente o un video abbastanza banale con un po' di particelle "a spray" (per non dire "a cazzo" pasatemi il termine) ci si presenta come esperti del settore, si apre partita iva o si cominciano a mandare proposte di collaborazione, lamentandosi ovviamente per gli scarsi risultati o la scarsa considerazione. Forse la differenza tra l'Italia e l'estero è che questi personaggi in Italia vengono sfruttati, all'estero nemmeno considerati. Quindi dov'è che si sta veramente peggio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

riformulo la domanda, perchè ho la sensazione che stiamo andando fuori tema..

quello che voglio sapere è se si riesce a competere con l'estero con un 30% di tasse in più e, nel caso del regime dei minimi, senza la possibilità di scaricare i sw.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa Roberto, ma la tua speranza è di aprire p.iva in Italia, lavorare in Italia ma collaborare e fare dei progetti (di che tipo?) con studi esteri?

La risposta è NO , a meno di non avere già molti contatti e agganci che ti garantiscono dei lavori.

Ma questo non c'entra niente con il discorso di tasse, regime dei minimi ecc. ma perché il mercato diventa enorme.

Per farti un esempio ieri ho scoperto di aver perso un cliente a cui avevo fatto un preventivo per un piccolo catalogo di arredamento, una decina di immagini niente di eccezionale. Questo cliente girando su internet ha trovato (a sua detta) un sito indiano che per 300 € gli ha fatto tutto

Share this post


Link to post
Share on other sites

da quanto ne sò all'estero non si arriva alla spesa totale del 22%(germania, inghilterra etc).

basta con queste baggianate da forum!!!

sai male, perché magari le ritenute sulla busta paga o le tasse per i liberi professionisti possono pure essere il 22% ma poi ci sono tutta una serie di tasse e spese accessorie (assicurazione sanitaria, tasse religiose, etc., etc.) che comunque vanno pagate e alla fine fanno il 50%, poi in molti paesi, la tassazione é progressiva, nel senso che fino a 17500 euro (mi sembra in Germania) la tassazione é quasi nulla, fino a 24000 é minima poi comincia a salire progressivamente, tanto che il mio stipendio da dipendente puó anche raddoppiare al lordo, ma non raddoppia al netto, perché aumenta la tassazione totale.

Informatevi bene, il 22% di tasse lo paghi al massimo in un paradiso fiscale, in tutto il resto del mondo la tassazione (incluse tasse varie) é intorno al 40-50% ed in Italia, per redditi normali o bassi, sicuramente non é al 57%.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa Roberto, ma la tua speranza è di aprire p.iva in Italia, lavorare in Italia ma collaborare e fare dei progetti (di che tipo?) con studi esteri?

La risposta è NO , a meno di non avere già molti contatti e agganci che ti garantiscono dei lavori.

Ma questo non c'entra niente con il discorso di tasse, regime dei minimi ecc. ma perché il mercato diventa enorme.

Per farti un esempio ieri ho scoperto di aver perso un cliente a cui avevo fatto un preventivo per un piccolo catalogo di arredamento, una decina di immagini niente di eccezionale. Questo cliente girando su internet ha trovato (a sua detta) un sito indiano che per 300 € gli ha fatto tutto

se ho fatto questa domanda è perchè non è proprio la prima volta che mi viene chiesto un preventivo.

poi, onestamente, finiamola di puntare il dito su di me e, per cortesia, restiamo sul tema generale.

se ho clienti e/o proposte, se ho un reel, se sono bravo o meno è ovvio che sia importante, ma io voglio sapere soltanto se, in un contesto generale, sia possibile o meno competere, tutto quì.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci rinuncio. Si parla di casi generali e si va ot, si entra nello specifico e "puntiamo il dito". Se le cose le sai bene, se non le sai apri un thread e le chiedi (come hai fatto).

Ti sei già sentito rispondere "bravo, fai bene vai all'estero e ti pioveranno addosso soldi" (mi domando perché poi non ci vada quella persona...) . Ti basta quel consiglio? buon per te, io la chiudo qui

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per fare un po di chiarezza:

Wikipedia, tasse in Europa

KPMG analisi delle tasse negli ultimi 10 anni

BBC "Quale paese ha la piú alta tassazione?" (riferito a stipendi di 400.000 dollari annuali)

dove si puó facilmente vedere o presumere la tassazione in altri stati europei che nel caso di paesi di interesse lavorativo (Regno unito, Germania e simili) non é certamente del 22% come non é del 57% in Italia.......

Poi si, Albania, Bulgaria, Montenegro, Lichtenstein, etc. hanno tassazioni piú basse delle nostre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

riformulo la domanda, perchè ho la sensazione che stiamo andando fuori tema..

quello che voglio sapere è se si riesce a competere con l'estero con un 30% di tasse in più e, nel caso del regime dei minimi, senza la possibilità di scaricare i sw.

roby, dando per buono queste informazioni, con queste premesse la risposta è ovviamente ....No

Share this post


Link to post
Share on other sites

poi, onestamente, finiamola di puntare il dito su di me e, per cortesia, restiamo sul tema generale.

Nessuno punta il dito contro di te,smettila con queste manie di persecuzione Rob! :D

Nel tuo caso,seppure l'argomento generale fosse interessante e sicuramente c'è chi ha piu' esperienza di me per affrontarlo, hai citato proposte di preventivo da clienti X,cosa che non è sufficiente per generalizzare la situazione.Fine.

Discorso showreel: Non entro in merito piu', sono affari tuoi,scusa se mi sono permesso. So che vuoi lavorare nell'animazione,dimostri tanta passione ma visto che 20 anni non li abbiamo piu', mi viene meccanico(anche sbagliando) dare un piccolo sprono di tanto in tanto,che dovrebbe essere visto come pacca sulla spalla e incoraggiamento, visto che l'ambiente è parecchio diverso dall'archviz,e uno showreel specifico accompagnato da esperienza è vitale!

In bocca al lupo!

Per i parametri commerciali credo invece che Krone sia stato abbastanza esaustivo,per quello che ne posso capire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per fare un po di chiarezza:

Wikipedia, tasse in Europa

KPMG analisi delle tasse negli ultimi 10 anni

BBC "Quale paese ha la piú alta tassazione?" (riferito a stipendi di 400.000 dollari annuali)

dove si puó facilmente vedere o presumere la tassazione in altri stati europei che nel caso di paesi di interesse lavorativo (Regno unito, Germania e simili) non é certamente del 22% come non é del 57% in Italia.......

Poi si, Albania, Bulgaria, Montenegro, Lichtenstein, etc. hanno tassazioni piú basse delle nostre.

a quanto pare qualche risposta nutile è arrivata.solo che, come mi hai fatto notare, poi all'estero ci sono altri tipi di spesa(assicurazione sanitaria etc) quindi bisogna fare ulteriori analisi per capire se realmente convenga o meno trasferirsi.

visto che però la mia domanda era se si poteva o meno competere con l'estero rimanendo in italia allora la piega risulta diversa da come l'avevo preventivata.

grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema non è tanto in area UE, dove con qualche sacrificio, si riesce a rimanere competitivi, ma nei confronti dei preventivi che arrivano da cina, india, vietnam ecc. o persino brasile, messico ecc.

Li molto spesso, quando ancora mi imbattevo in quel genere di problematiche, avevo visto girare preventivi con ordini di grandezza ben differenti. E intendo uno zero in meno in fondo alla cifra.

Logicamente per lavori di una certa entità. Per lavori piccoli il problema è minore, perchè lo scoglio logistico (con relativi costi anche in termini di tempo) che il cliente ha molto spesso non giustifica il risparmio nudo e crudo alla voce di preventivo.

Lo so, ho detto cose che sapevate già, ma volevo rendermi utile anch'io :hello:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...