Jump to content
bn-top

Dedurre la qualità di una superficie


Canzio
 Share

Recommended Posts

Ciao ragazzi, ho iniziato in questi giorni a utilizzare "seriamente" rhinoceros (intendo che mi sono finalmente messo a leggere manuali e approfondire varie dinamiche :Clap03: ) e cercando vari tutorial e informazioni, mi sono imbattuto su alcune discussioni in cui parlavano della "qualità" di un modello e delle superfici (ad esempio superfici di classe A).

In pratica mi chiedevo da cosa viene determinata la qualità di un modello o superficie? è determinata dalla continuità delle superfici o da altri fattori? A livello pratico che differenza c'è fra la qualità dei modelli?

Se ho detto qualche blasfemia mi scuso, ma sono appena agli inizi...

Ringrazio in anticipo della disponibilità :D

Link to comment
Share on other sites

bn-top

Le continuità varie vengono gestite anche da Rhino, che però non è un modellatore nurbs di Classe A. Trattasi della qualità intrinseca di una superficie, non è una cosa così semplice da definire, anzi piuttosto criptica direi, detto da chi se ne occupa nell'ambiete automotive, che è quello che si avvale di più di dette superfici.

Qui puoi farti un idea di massima della questione. Alias è un modellatore nurbs di Classe A.

Link to comment
Share on other sites

La continuità di posizione sono per due curve un punto di controllo estremo in comune. tangenza sono 4 punti di controllo e curvatura 6. E' matematica.

Come è specificato qua:

Rhino can certainly make "Class A" surfaces by any definition in the hands of a sufficiently experienced modeler. The REAL debate is having tools that allow you to easily analyze and modify your "Class A" surfaces in real time.

Edited by emilierollandin
Link to comment
Share on other sites

Le continuità di posizione, tangenza, e curvatura, non determinano necessariamente una superficie di classe A, come dimostrato nel video, la matematica da prendere in considerazione è quella della superficie risultante, e quelle di Rhino non vengono considerate di Classe A, infatti notoriamente Rhino non viene considerato un modellatore nurbs di Classe A.

Tanto è che esiste un plugin molto conosciuto, Shape Modeling, che estende questa possibilità all'interno di Rhino con un engine di modellazione proprio, creato da ex sviluppatori di Icem Surf, diciamo antagonista di Alias.

Ed Autodesk si è accorta di questo, cioè che alla modica cifra di 1200 euro, più il costo di Rhino, era possibile avere a disposizione un discreto strumento per superfici di Classe A, quando Alias può costare fino a sessantamila dollari. Infatti hanno acquistato il plugin, e non si sa se in futuro verrà ancora sviluppato in quella misura.

Ci sarà un motivo, se i designer automotive invece di usare Rhino usano sw da decine di migliaia di euro no? Eppure le features sono quelle, tranne qualche grip in più per gestire curve e superfici, ma non più di tanto.

Link to comment
Share on other sites

In pratica mi chiedevo da cosa viene determinata la qualità di un modello o superficie? è determinata dalla continuità delle superfici o da altri fattori? A livello pratico che differenza c'è fra la qualità dei modelli?

Sulla prima parte ti abbiamo risposto, sulla seconda dipende cosa intendi per qualità. Se stai modellando la fiancata di una macchina che andrà in produzione i raccordi tra le differenti superfici riflettenti si vedranno eccome in base alla scelte che hai fatto.

Se stai modellando un oggetto per un render, a parte dettagli molto spinti, non ne vedrai la differenza.

Link to comment
Share on other sites

Link all'help dell'Autodesk su Alias e le curve di classe A.

http://help.autodesk.com/view/ALIAS/2015/ENU/?guid=GUID-64611955-D2CC-44F2-98F0-D4F1FE931D8B

Queste sono le tolleranze richieste:

The distance between each point of the edges of two neighboring patches must comply with the following limits:

• For class A: no more than 0.01 mm.

• For class B: no more than 0.02 mm.

• For class C: no more than 0.05 mm.

Tangents continuity

The angle between the tangents to the surface on the edges of two neighboring patches must comply with the following limits:

• For class A: no more than 6’ (0.1◦).

• For class B: no more than 12’ (0.2◦).

• For class C: no more than 30’ (0.5◦).

Curvature continuity

The control parameter is the patch curvature along its contour.

• Class A surfaces must have coincident curvature at least every 100 mm of

contour of two neighboring patches.

• Class B and C have no applicable rule.

Points of maximum curvature or inflection are only allowed along patch contours of Class A surfaces.

Completion surfaces

As we have seen, they do not belong to the aesthetic surface (even if part of them is visible and influences the aesthetic evaluation of the body), but are added to represent the part as it can be produced.

• For class C surfaces: completion surfaces are not required; gaps are represented by double lines drafted onto the aesthetic surface.

• For class B surfaces: only rounded contours are represented on the surface

that is always fixed to the body.

• For class A surfaces: completion surfaces must be designed in all detail.

Shape tolerance

The shape tolerances are measured by comparison of a surface patch with the

counterpart on the aesthetic surface.

• For class A surfaces: no more than ±0.5 mm on body shell surfaces (or large

surfaces) and no more than ±0.2 mm for interior trimming (or small surfaces).

• For class B surfaces: no more than ±1.0 mm on body shell surfaces (or large

surfaces) and no more than ±0.5 mm for interior trimming (or small surfaces).

• For class C surfaces: shape tolerance is not applied.

Questo il link a Catia

https://catiatutor.com/class-a-surfacing/

Link to comment
Share on other sites

Correggo il tiro, il fatto che un sw gestisca la continuità di posizione, tangenza, curvatura, ed aggiungo la tolleranza, e Rhino fa tutto questo, non ne fa un modellatore di Classe A, la cosa è più complessa, anche se matematicamente sono quelli i parametri. ;)

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

-direzioni delle curve;

-controllo della deformazione della curva in scala;

-il numero di punti con il quale è formata la curva;

-le giunzioni della rete di curve,la tangenza o continuità tra i diversi segmenti,gli smussi degli angoli;

-la posizione dei punti intermedi nelle curve di sezioni posti su una media già approssimata tra le curve margine;

può essere utile per una continuità geometrica tra le superfici, se richiesto.

E' solo la base per fare curve e solo così migliori le superfici di rhinoceros che a quel punto raggiungono ottima qualità

essendo totalmente controllata

come pure durante lo sviluppo stesso delle superfici hai controlli su tangenze, numero di punti su superficie,semplificazioni e segmenti più rilevanti da scegliere

Altrimenti in confronto ad altri software (già entro i 15000euro) non c'è autocorrezione e la superficie non obbedisce alle curve tracciate, non vi rientra,il calcolo della forma è una media, un materiale virtuale che non si piega come vuoi tu e per tagliarlo devi usare certe altre attenzioni, a volte diverse da quelle dettate dalle istruzioni, la più che buona qualità di una superficie rhinoceros la puoi raggiungere ma non la ottieni subito o rischi di comprometterla almeno nel 75% dei casi

quindi-forse-ovvio non sono superfici di classe A

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...