Vai al contenuto
ralph176

Definire disegno in 2D, spessori linee

Recommended Posts

Dovrei definire delle piante, vorrei sapere quali spessori utilizzare per definire muri (0,30?). bagni, porte e vetrate.. Grazie


Modificato da ralph176

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vedo che sei studente e mi vien da chiedere come mai non chiedi ad un prof ste cose oppure perchè non le insegnano...vabbè...

All'epoca del lucido e del rapidograph a china, usavo lo 0,4 per tutte quelle linee sezionate, 0,2 per tutto quello che è prospettato...anche se sui link di arri si vedono altri spessori, ci dovrebbe essere una normativa uni su queste cose.

Edit: forse questo è preciso:

http://www.mauriziog...li_intro_PO.pdf


Modificato da peperepe77

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lo chiedo perché è la prima volta che me lo chiedono.. Giuro che in tre anni i professori non hanno mai detto nulla al riguardo, volevano solo il tratteggio.... Io che ci posso fare? Se non ti andava di rispondere non rispondevi!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh però peperepe77 non ha tutti i torti, senza volerti criticare a tutti i costi ti consiglio di recuperare queste info forse su un buon manuale dell'architetto, credo che esistano poi anche dei piccoli manuali di rappresentazione, dove magari trovarne anche qualche altra utile sugli "standard" di rappresentazione, c'è da dire che è una grossa lacuna del sistema universitario attuale, i corsi di rappresentazione (non i laboratori di progettazione) servirebbero anche a dare queste nozioni base invece chissà in cosa si perdono, tutte queste info potrebbero trovare posto in UNA lezione e magari una dispensina risparmierebbe anche questa sola lezione; ai miei tempi (15 anni addietro) erano oggetto di una minuscola parte del

corso di rappresentazione 1 al primo anno... prima di qualsiasi altra cosa relativa alla progettazione dei laboratori ti spiegavano nozioni base sulla corretta rappresentazione.

Comunque a parte la normativa puoi fare un po' come vuoi, forse la cosa migliore sarebbe fare un po' di prove tanto con il CAD fai presto a stampare lo stesso disegno con diversi stili di stampa e poi decidere tu quale preferisci.

Personalmente preferisco usare lo 0.3 per le sezioni, lo 0.1 per le proiezioni e i serramenti lo 0.1 grigio per gli arredi e lo 0.6 o 0.5 per la linea di terra. Quando faccio esecutivi e costruttivi di una certa importanza invece raffino ulteriormente la cosa arricchendo il disegno per cui ad esempio se devo fare vedere elementi simili ma a profondità diverse rispetto ad un piano "principale" assottiglio le linee e talvolta se il cliente è esigente e merita cambio lo spessore di linea tra le parti esposte a sinistra e sopra rispetto a quelle a destra e sotto... è un po' complicato da spiegare e sembra cervellotico ma la qualità del disegno ci guadagna molto provare per credere.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se ti ho risposto mi andava di risponderti...la mia era un'amara considerazione su come insegnanti tralascino nozioni apparentemente banali, ma di importanza vitale. Se nel compito di disegno e ti parlo della 2"-3" superiore dei geometri, sbagliavi le linee ingrossate invertendole con quelle fini, sbagliavi a rappresentare la tavola, voto 4. Se ti troverai nel mondo del lavoro e sbagli queste cosucce, ti giustificherai con io cosa ci posso fare?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quando studiavo io, sia ai geometri che all'università, internet era ancora in alto mare, non c'erano blog, forum ne chatroom. Si ascoltava il docente, si andava a ricevimento, si facevano domande e revisioni. Avete forse perso il dono della parola a forza di "dgt msg sl cell"?! Siete degli smidollati, ma cristo santo non sei capace di andare dal docente e chiedere a lui? Fino a prova contraria è pagato per insegnare, o no??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Capisco quello che dite. Vi posso giurare che all'università queste cose non sono state trattate ed è ovvio che mi trovo in difficoltà.. Non ho un manuale, anche perché quelle poche volte che ho consultato qualcosa (manuale di una vecchia prof.) mi hanno comunque criticato (professore-anche la lezione scorsa), anche se utilizzavo il metodo giusto scritto nel manuale della professoressa. Non sono io a non voler imparare ma un minimo da parte dei professori ci vuole... E' logico che uno studente tende a sbagliare..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×