Vai al contenuto
zatta 3d

3d artist italiano con commitenza estera

Recommended Posts

Ciao a tutti,

forse questa è la prima discussione che apro in generale; perché vorrei avere delle informazioni su lavoro all'estero.

La mia domanda essenziale:

Come ci si comporta avendo dei committenti di altra nazionalità? (europea, ma anche non)???

Questa è un po' la sostanza, ho già chiacchierato col commercialista, ma senza avere pressoché delle risposte, in quanto ho già avuto dei problemi solo a mettere in contabilità la fatturazione di un pagamento di una fattura per un acquisto proveniente da San Francisco, in quanto la loro partita iva o forse meglio dire codice fiscale internazionale, non viene accettato dal mio commercialista. Questo è un discorso da poco, che si basa su un importo di 99.00€ e che non ho potuto scaricare.

Ora io vorrei capire, in primis, come ci si può organizzare per lavorare con l'estero.... e certo che da qui c'è il mondo, perché molte cose variano da stato a stato. Almeno avere un'infarinatura, per chi già lavora in italia e collabora con l'estero; in modo tale da poter fare domande specifiche al commercialista e valutare se è il caso di cercarne un altro, ma anche qui per poter fare questo devo un po' esser preparato in materia.

Dunque ad aggravare un po' la situazione è che essendo geometra, devo tenere fede all'albo e nello specifico devo aggiungere il contributo previdenziale pari al 4% che di fatto diventa l'imponibile e poi aggiungere l'IVA del 22%, sottraendo il 20% di ritenuta d'acconto che sarà a carico della committenza (questo vale solo se la committenza è fornita di P.I., ma sicuramente non mi capita di trovare una committenza privata all'estero).

Questo è il mio quesito che vorrei cercare di capire..... perché se io devo considerare un onorario (come già mi è stato proposto fra l'altro), in cui mi viene detto dalla commitenza che non può scaricare l'iva; io arriverei a smenarci il 22% del mio onorario, abbassando l'importo della competenza senza neppure il contributo previdenziale, ed inoltre la ritenuta d'acconto come me la pagano??????????

In attesa di risposta, da parte di chi ne sa più di me!!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Io ti posso dire come lavoro con i siti esteri Usa, sono andato all'ambasciata Usa per dichiarare che percepivo pagamenti dai siti esteri e mi hanno dato un numero identificativo per essere tassato, Loro dovrebbero darti le istruzioni dove spedire questo codice, per essere poi registrato dagli uffici tasse Usa.

Io mio caso è un po diverso dal tuo, comunque senza quel identificativo non potevo collaborare con gli Usa.

Se vai in Ambasciata porta un esempio di con chi vuoi lavorare, tipo indirizzo copia del sito etc.

Il mio commercialista registra le fatture che arrivano dai siti Usa - io devo fare prima la conversione in euro - l'iva non saprei perché nel mio caso non sono io che fatturo - ma sono loro che mi spediscono delle royalty - Nel tuo caso è diverso perché sei tu che fatturi, ma è anche verso che l'iva non è presente negli Usa, potrebbe essere che la perdi, puoi provare a chiedere in Ambasciata come prima informazione -

I commercialisti di piccoli studi non ne sanno niente di queste cose, ci vuole uno studio più grande se non vuoi farti venire il mal di testa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×