Vai al contenuto
nio gd

3d Modeling Roba Da Artisti?

Recommended Posts

Ciao ragazzi, vi seguo da molti mesi ma solo oggi ho postato in "Lavori Finiti" il mio

primo render.

volevo lanciare un dibattito perchè ho davvero bisogno della vostra opinione...

sarei curioso di sapere se cè qualcuno tra voi che usa il 3d modeling (archicad, architectural desktop, autocad, 3DS Max ecc,) per controllare l'eseguibilità di un progetto oltre che per la sua resa commerciale e/o visiva nei confronti del utente finale.

Senza soffermarci sul fatto che al cliente fa più "figo" un parquet luccicante che un dettaglio costruttivo (senza pensare che è quello che gli fa reggere il sedere sul pavimento).... vorrei sapere cosa ne pensate sul fatto che oggi va ancora per

la grande il 2d... nelle cose un po di Architettura (ho visto molti interni su questo sito)

dico questo perche sono anni che cerco di sensibilizzare gli architetti con cui ho lavorato ad usare 3d modeler per avere davvero un controllo simulato-ma-reale di cio che fanno..... in risposta passo le mie giornate a correggere esecutivi 2d altrui in cui la pianta del piano terra non fa scopa con quella del piano di sopra.

che ne pensate? il dubbio che ho è che cosi molti di noi/voi saremo sempre considerati in funzione del prodotto finale e pochi apprezzano che molti di voi/noi hanno in reltà la capacità di controllare un po meglio lo spazio e quindi la sua fattibilità reale.

e intanto faccio i 3d a casa...

grazie e scusate lo sproloquio!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'architetto che mi ha "iniziato" all'uso di ArchiCAD cercava di insegnarmi proprio quello di cui stai parlando: avere il pieno controllo sul disegno e di conseguenza sul progetto; oltre alla possibilità di valutare superfici e volumi in modo molto più diretto, la modellazione tridimensionale (in questo caso anche parametrica) ci consentiva di considerare, per esempio, anche la "trasportabilità e lo stoccaggio di certi elementi in cantiere (pallet, carpenteria metallica ecc.).

Alla fine, come già ribadito in altre discussioni, i PC ed i software sono solo strumenti.

Ciao. :TeapotBlinkRed:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh, come designer negli ultimi anni lavoro quasi esclusivamente per una azienda che produce diffusori acustici di alta qualità e ti assicuro che gli ultimi progetti sono nati prima in 3D che in fase di prototipazione, anche se poi tra il vedere una "foto" e toccare con mano è un'altro paio di maniche. Realtà virtuale e realtà reale sono inscindibili nel mio lavoro, ma senza il 3D avrei sprecato moooolto più tempo e danaro in prototipi sbagliati....Insomma non so se riuscirei a fare a meno del 3D :-) e anche di TREDDI!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Pensa che 3D Max lo uso anche per il calcolo dei volumi d'aria dei diffusori......è più semplice ed immediato di Autocazzz.

Poi con l'artigiano è più semplice perchè se gli mostri una vista 3D ti dice immediatamente se è fattibile o meno e che incidenza sui costi avrà ingegnerizzare la produzione, cosa che col 2D non sempre è di immediata comprensione...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io lavoro per un'agenzia di servizi per le promozioni.. ed il mio lavoro in 3D consiste proprio nella verifica di fattibilità, piuttosto che mostrare al cliente la resa finale del progetto...etc...etc..

Lo faccio da molto tempo ed i risultati grazie al 3D ci sono, cosa che con un altro software 2D non potrei mai realizzare...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

)

credo ke per il cliente non serve il dettaglio, vuole ovviamente vedere solo il

' prodotto ' finale, e non gli interesa come è fatto. ( almeno ke sia un cliente "illuminato" ke sono raramente trovabili). il 2D CAD etc. è ancora il metodo piu' analitico a spiegare un dettaglio, per cio ancora piu facile da eseguire. ( dettaglio 3D secondo me serve solo

per capire forse meglio l'idea dell dettaglio).

dico questo perche sono anni che cerco di sensibilizzare gli architetti con cui ho lavorato ad usare 3d modeler per avere davvero un controllo simulato-ma-reale di cio che fanno..... in risposta passo le mie giornate a correggere esecutivi 2d altrui in cui la pianta del piano terra non fa scopa con quella del piano di sopra

qui il problema, secondo me, ke gli architetti ancora oggi sono abituati a vedere

solo il 2D, cio'è solo le piante, fanno fatica a capire il concetto stesso del 3D.

non esiste architettuera 2D, e loro continuano a pensare e progettare

solo pensando IN PIANTE, sia costruzioni e sopra tutto urbanistica,

continuano a colegare dei tracciati lineari ke funzionano solo sulla loro carta,

e non capiscono, oppure non riescono a vedere il significato nello spazio.

questo è per la progettazione, quando arriviamo all esecutivo la situazione

va peggiorando, perche deriva dalla progettazione già limitata.

comunque, è molto interessante a studiare questi problemi.

credo ke i tempi cambiano.

ilan ;);)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
C'è una discussione lunga 40 e più pagine, poi chiusa, su questo argomento. Mi sebra nella sezione Lavori finiti. Ma ora non mi ricodo più dov'era di preciso.

ti riccordi forse come si intitola? :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che dire?, con il 3D si ha una dimensione in più del 2D!

A parte questa banale considerazione, ho sempre lavorato ed utilizzato strumenti 3D

Anche quando lavoravo per Flos ed Artemide per la progettazione ed il calcolo illuminotecnico usavamo software 3D.

Oltre che ad avere una completa visione e padronanza dell'oggetto con un modello 3D possono risaltare all'occhio problematiche che nel 2D non sono verificabili.

Solitamente, quando mi occupo della progettazione di un nuovo prodotto utilizzo questo semplice procedimento:

Analisi storica, di mercato e tecniche di produzione > Cervello> Idee su carta > modello concettuale 3D > modello dettagliato per la presentazione al cliente >se approvato, disegni esecutivi estratti dal 3D > modello fisico

Capite che senza un modellatore 3D si allungherebbero i tempi ma anche il risultato finale sarebbe inevitabilmente diverso da quello progettato.

Ricordo che per la realizzazione dei treni IC1 per la Danimarca ll modello progettato da Pininfarina era perfettamente uguale al definitivo tuttora in produzione.

Mio padre (quando lavorava lui si disegnava solo a mano e i modelli erano in legno) mi raccontava che il risultato ottenuto era sempre un buon compromesso

tra tecniche di produzione e livello esecutivo e che il prodotto finale era sempre leggermente differente dal progetto iniziale.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×