Vai al contenuto
Kazzuranis

Fotoraddrizzamento

Recommended Posts

Ciao a tutti!!

Mi trovo alle prese con il lavoro di tesi dove tra le altre cose dovrei raddrizzare le pile del ponte (che è l'oggetto della tesi) per poter effettuare un rilievo materico patologico.

La pila ha forma geometrica di un mezzo cilintro, ho effettuato 4 foto per pila e vorrei averne lo sviluppo solo che non riesco a trovare un'automatizzazione che mi faciliterebbe il lavoro magari utilizzando Photoshop ( la versione che ci passa l'università è la CS5 ).

Qualcuno potrebbe aiutarmi?

I passaggi che portano da una foto piana (vedi un testo) ad essere ben posta su una superficie curva (vedi un bicchiere) mi sono chiari, è tornare indietro che mi da molte difficoltà!!

Io ho una foto in prospettiva di un cilindro e la vorrei rendere piana... :D

Ciao e grazie a tutti anticipatamente

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Con il fotoraddrizzamento non ci fai nulla in quanto vi si ricorre quando le parti del soggetto che si vogliono restituire sono comprese in un piano. Proprio rispetto al piano che si vuole restituire si effettua il fotoraddrizzamento e, dopo averlo eseguito, tutto ciò che si può misurare è solo e soltanto all'interno del piano di riferimento.

Il fotoraddrizzamento non è applicabile a soggetti dalle superfici curvilinee (regolari o irregolari che siano) in quanto l'immagine di partenza è bidimensionale e per quanto tu voglia deformarla o stretcharla il dato bidimensionale rimarrà sempre tale.

Per quello che devi fare tu è più indicato l'utilizzo di un sistema di structure from motion con il quale ricostruire il modello tridimensionale, riproiettarvi la texture e generare una vista ortografica (proiezione ortogonale) in cui visualizzi il modello texturizzato.

Il sistema più semplice, per chi non ne ha mai sentito parlare è autodesk 123d catch http://www.123dapp.com/catch

I video che spiegano il suo funzionamento e il come scattare le foto vanno visti assolutamente prima di iniziarci a smanettare

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A sinistra un fotoraddrizzamento e a destra un'ortografia (rendering in proiezione ortogonale del modello texturizzato).

Il fotoraddrizzamento è stato fatto utilizzando come piano di riferimento il portone in legno e, come puoi ben vedere, tutto ciò che vi si discosta nello spazio non è assolutamente misurabile, soprattutto le superfici curvilinee e organiche.

Nell'ortografia invece puoi misurare tutti gli elementi in quanto è una proiezione ortogonale a tutti gli effetti

post-3571-0-11309100-1392307041_thumb.jp


Modificato da philix

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille philix,

Per ora sono riuscito a raddrizzare una pigna ( a proposito le pigne sono le ali a monte ed a valle della pila del ponte). Philix forse tu intendevi (con il non si può fare) impossibile ricavare un'immagine misurabile con estrema precisione, a me serve solo un'idea per poter lavorare, magari in modo automatico, senza pretese in merito ad una precisione millimetrica.

A tal scopo ho diviso in strisce verticali molto sottili le mie 4 foto ( molto sottili per avere meno influenza della combo prospettiva-curvatura) così da poter correggere la non linearità con il solo strumento trasformazione libera---->inclina. Qua e la un po di comando Altera ed ho ricavato......

Accidenti ho il file sull'altro PC, più tardi, al max domattina posto le 4 foto ed il raddrizzamento per i commenti e i suggerimenti.

Preciso che in circa 6 ore di lavoro ho prodotto solo il raddrizzamento di una pigna..... ecco perchè cerco un automatizzazione :(:crying::(:crying:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il sistema più semplice, per chi non ne ha mai sentito parlare è autodesk 123d catch http://www.123dapp.com/catch

A tal scopo ho diviso in strisce verticali molto sottili le mie 4 foto ( molto sottili per avere meno influenza della combo prospettiva-curvatura) così da poter correggere la non linearità con il solo strumento trasformazione libera---->inclina. Qua e la un po di comando Altera ed ho ricavato......

E' bello quando dai suggerimenti alle persone e queste continuano imperterrite sulla loro strada...cosa vuoi che ti diciamo? Continua così, con le tue strisce e buon lavoro

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tristan ma tu non mi hai dato nessun suggerimento!! :D

Certo non posso limitarmi al commento -non si può raddrizzare una foto di una superficie curva- perchè io lo devo fare sennò addio laurea ... :D

Questo è quello che ho prodotto e la partenza ( ne posto solo una per intendersi, in realtà si tratta della composizione di più foto)

post-95953-0-69642600-1392379901_thumb.j

post-95953-0-95852700-1392379964_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

dopo aver compreso carattere e modi di porsi del threadstarter, mi ejetto dalla discussione alla velocità della luce :)

in bocca al lupo per la tesi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Con un' immagine si è capito meglio cosa vuoi fare, forse il fotoraddrizzamento che intendi tu non è il termine più corretto.

A te serve il passaggio opposto del texturing in grafica 3d, tipo srotolare dal modello (reale nel tuo caso) la texture già applicata ed averla in 2d.

123 catch ti crea anche la texture, ma non so se possano paragonarsi in qualità al risultato da te ottenuto,affiancando più foto. Lascio l'ultima parola a chi ne sa di più.

Come le devi usare queste immagini? Da inserire dove?


Modificato da peperepe77

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Su queste foto "raddrizzate" (uso questo termine perchè è quello usato dalla prof in aula ed a ricevimento ma prendo atto non sia consono) devo indicare le aree con patologie simili e preparare, in una tavola, gli interventi da eseguirsi nei vari casi, faccio un esempio sulla base della foto postata prima:

-Graffito, atto vandalico, misura circa xx metri quadri (evidenziato con opportuna campitura) ---> intervent proposto------------> sabbiatura

vi posto un'immagine del lavoro di un ragazzo il quale ha "raddrizzato le volte di un casolare e ne ha studiato patologie ed interventi

post-95953-0-74737900-1392382939_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non le ha raddrizzate, ha barato, le ha spiattellate sulla superficie, operazione estremamente antiscientifica, certo che ce ne sono di docenti universitari fessi. Se il raddrizzamento di quella crociera fosse realmente così, hai idea di come si vedrebbero le decorazioni pittoriche una volta applicate sulla parte curva? Rifai l'operazione al contrario , mettiti ad una distanza tale da simulare l'altezza ed ammira...povera università.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tristan: all'affermazione -non si può raddrizzare un'immagine di una superficie curva- dovendo fare qualcosa che vi assomigli, non posso fare capo quindi vado avanti con la ricerca, magari trovo qualcuno che ha già fatto una cosa simile e che mi consigli come affrontare il mio problema riducendo i tempi.

Assodato che il termine "fotoraddrizzamento" non è corretto, cerco un sistema per fare quello che ho spiegato. La tesi che affronto è molto pratica e poco indirizzata verso la ricerca scientifica quindi, non ho bisogno dello sviluppo preciso del solido semi-cilindrico ma bensì uno sviluppo che mi permetta di fare quel che devo.

Penso che peperepe77 abbia capito di cosa parlo guardando le foto che ho postato. Riferendomi ad Ivan, non è importante se ha barato o meno, il pittore quando riceve in mano la tavola della patologia del degrado, non guarda come è stata composta la tavola se è corretta la proiezione, lo sviluppo ecc. ma guarda quello che deve fare secondo le indicazioni.

Ripeto cosa serve a me: Vorrei trovare un sistema più rapido del formare tante striscioline che mi permetta di rappresentare uno sviluppo del mio semi-cono.

Qualcuno ha qualche idea ??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A questo punto meglio mandare direttamente la foto al pittore che almeno è in vera forma, altra cosa, di solito il pittore (un restauratore credo) il rilievo se lo fa da solo perché intervenendo direttamente sulla superficie il disegno gli è perfettamente inutile. Al massimo (ma proprio al massimo) gli può servire per computarsi i materiali d'uso ma in quel caso sarebbero comunque sballate le quantità in quanto le aree che evidenzi, per effetto dello spiattellamento sono più grandi o più piccole. Visto che è una cosa pratica ti consiglio di inventartelo di sana pianta e non perdere tempo ritoccando con il timbro photoshop anche le foto di partenza.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io ho capito cosa ti piacerebbe ottenere, ma purtroppo è un settore dove non ho dimestichezza, mentre gli altri utenti che mi hanno preceduto, sono molto ferrati in materia e alcuni sono docenti universitari.

La sciocchezza più grande che puoi provare :D , è di scattare molte foto e provarle a montarle con uno di quei software che creano immagini panoramiche...non è assolutamente un consiglio professionale...vedi tu :D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

vi posto un'immagine del lavoro di un ragazzo il quale ha "raddrizzato le volte di un casolare e ne ha studiato patologie ed interventi

se ho letto bene questa immagine è stato un lavoro inutile :P il perche è presto detto. leggo questa forma come una volte a botta con unghie. mentre sviluppare il corpo principale o le unghie non è un problema, il fatto che non si deformino incrociandole è magico :D chissa che bei computi metrici ci si possono fare sopra.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

salve, 

sono anche io interessato all'argomento dovendo sviluppare la superficie del fusto di una colonna liscia (per fortuna!), pertanto vorrei sapere se avete trovato nel frattempo qualche soluzione efficace. Come suggerì Philix anche io sono partirei dalla generazione della mesh dal software re-make di autodesk (ex 123catch) ma poi? come faccio a sviluppare la superficie ottenuta?  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×