Vai al contenuto

Recommended Posts

Salve a tutti,

Per chi fosse interessato, dopo la pubblicazione del link alla Guida alle stampanti 3D (165 modelli), ho recentemente pubblicato, per chi fosse interessato, l'articolo Guida%20all'acquisto]Guida all'acquisto delle stampanti 3D e 30 cose che si possono fare con le stampanti 3D.

Un saluto,

Pietro Meloni

ShareMind

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

grazie Sharemind molto interessanti.

Vediamo se mi torna voglia di sperimentare con la makerbot 2.0 che ho ferma da quasi un anno (delusione totale).

Speriamo di si.

Queste macchine, in particolare quelle delle generazioni precedenti, richiedono parecchia sperimentazione per raggiungere risultati validi. Ma si possono ottenere, magari con un po' più di prove.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Speriamo di si.

Queste macchine, in particolare quelle delle generazioni precedenti, richiedono parecchia sperimentazione per raggiungere risultati validi. Ma si possono ottenere, magari con un po' più di prove.

Vero, anche se dopo un pò di risultati deludenti ti passa un pò la voglia.

Una piccolo trucchetto che ho messo in pratica di recente è stato posizionare 2 lampade che aumentano la temperatura del piano di lavoro. Nel mio caso ho semplicemente usato 2 luci da tavolo per ufficio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il problema dei lunghi tempi di raggiungimento della temperatura del piano di lavoro (che in alcuni casi non viene proprio raggiunta, inibendo la stampa che prevede certi parametri) è piuttosto comune. Generalmente è dovuto alla potenza dell'alimentatore, insufficiente a garantire l'energia necessaria a raggiungere i valori di temperatura programmati. In particolare per il piano, che per la sua forma tende a dissipare il calore piuttosto facilmente, basata una finestra aperta o una corrente d'aria perché la stampa non parta mai. Generalmente, sostituendo l'alimentatore con uno in grado di fornire maggiore potenza il problema si risolve.

Anche altri accorgimenti "meccanici" (coibentare la parte inferiore del piano con lana di vetro, sughero, etc.) producono buoni risultati.

Se utilizzi lampade, prova a cambiare la lampadina con una ad infrarossi (sono facilmente reperibili anche nei negozi per animali, vengono usate per tenere al caldo piccoli cuccioli). Queste lampade producono una quantità di calore, ben diffuso, molto superiore rispetto a quelle convenzionali.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

se avete il piatto freddo e volete piu adesione provate a coprire il piano con un nasto adesivo, ho letto molto bene del 3m mod 2090, ma appena ho tempo provo il nastro di carta normale, che costa molto meno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per chi ha problemi di temperatura insufficiente del piano di lavoro, suggerisco di recuperare delle lastre di vetro e fissarle al piano con delle molle per carta, dopo averle spruzzate con lacca per i capelli. Nei casi peggiori si può usare una soluzione di acetone e ABS. In ogni caso, nell'articolo Deformazione e distaccamento della parte - consigli pratici ci sono una serie di suggerimenti al riguardo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

imho altri fattori importanti per una stampa con minori rischi di distacco e poca incurvatura ( perche è un fattore che non si elimina mai completamente) sono un accurata progettazione della geometria e degli spessori del modello.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

imho altri fattori importanti per una stampa con minori rischi di distacco e poca incurvatura ( perche è un fattore che non si elimina mai completamente) sono un accurata progettazione della geometria e degli spessori del modello.

concordo,in effetti il problema di base di questo tipo di macchine è proprio nella natura "plastica" del materiale. il modello tira quando si raffredda e quindi si solleva dal piano, un trucchetto che ho provato un paio di volte è stato di aggiungere al modello stl da stampare, delle estensioni piatte che in fin dei conti aumentano la superficie a contatto con il piano.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Salve,

Per chi fosse interessato ad un ulteriore approfondimento riguardo alla tecnologia delle stampanti 3D FFF per uso personale, ho appena pubblicato un articolo riguardo agli Estrusori.

Come sempre, qualsiasi approfondimento o contributo è benvenuto!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Segnalo, in merito ai comuni problemi di warping e distacco della parte, l'interessante soluzione della Zortrax M200.

La stampante utilizza uno speciale piano di lavoro microforato a fissaggio magnetico, che non richiede particolari accorgimenti (kapton, nastro blu, lacca, vinavil etc.) per garantire l'adesione della parte. Il sistema funziona molto bene, ed assicura un'ottima tenuta.

Diverse altre soluzioni tecniche, tra cui l'esclusivo SES (Single Extruder Support system) la rendono ideale per la stampa di personaggi realizzati con tecniche CG. Se qualcuno dispone di complesse figure realizzate con ZBrush, 3DCoat o Modo, sarei lieto di effettuare qualche stampa di prova e pubblicare i risultati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora

  • Navigazione recente   0 utenti

    Non ci sono utenti registrati da visualizzare in questa pagina.

×