Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...
roberto2004

moria di treddiani...

Recommended Posts

questo lavoro non è un obbligo. io vorrei fare il fisico quantistico al cern ma non lo faccio. AMEN. non è che vivo sotto un ponte a ginevra dicendo che lo stato non mi ha aiutato e che il sito fisica.com non mi aiuta: faccio altro. è ovvio oltre alla passione bisognerebbe aver la capacità di fare questo lavoro, l'intelligenza. Per cortesia di solito non si dice agli user che sono degli incapaci a fare questo lavoro (bhe un paio di volte l'ho detto e sono stato pesantemente ripreso da chi di dovere) ma si lascia che il mercato professionale li allontani verso altri lidi.

si, ma se non si dà agli uomini la possibilità di sognare, o di poter coltivare un sogno, allora è finita, ritorniamo all'agricoltura e chissenefrega <_<:lol:

P.s.:lo so che la realtà è ben altra cosa, ma io non smetterò mai di sognare..."The Dreamers".Chiudo :hello:


Edited by Openyourmind76

Share this post


Link to post
Share on other sites

questo lavoro non è un obbligo. io vorrei fare il fisico quantistico al cern ma non lo faccio. AMEN. non è che vivo sotto un ponte a ginevra dicendo che lo stato non mi ha aiutato e che il sito fisica.com non mi aiuta: faccio altro. è ovvio oltre alla passione bisognerebbe aver la capacità di fare questo lavoro, l'intelligenza. Per cortesia di solito non si dice agli user che sono degli incapaci a fare questo lavoro (bhe un paio di volte l'ho detto e sono stato pesantemente ripreso da chi di dovere) ma si lascia che il mercato professionale li allontani verso altri lidi.

Fai altro.

Questo altro è quello che ti dà da vivere (a meno che tu non sia ricco) e quindi sei obbligato a farlo.

Se non faccio grafica sono obbligato a fare qualcos'altro (a meno che non sia ricco).

Per vivere sono obbligato a fare un lavoro.

Nel mio caso, ma in tantissimi altri casi di gente normale, cambiare non è semplice, allora si cercano aiuti.

Sono contento per te se non capisci questo, vuol dire che non ne hai bisogno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

si, ma se non si dà agli uomini la possibilità di sognare, o di poter coltivare un sogno, allora è finita, ritorniamo all'agricoltura e chissenefrega <_<:lol:

P.s.:lo so che la realtà è ben altra cosa, ma io non smetterò mai di sognare..."The Dreamers".Chiudo :hello:

il sogno puoi costruirtelo da solo, senza necessariamente bisogno di scuole o chissà quale aiuto da parte dello stato.devi solo esser disposto a farti il culo...più della massa di principianti allo sbaraglio che invadono questo mondo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

personalmente poi, non so queste scuole come sono all'interno, ma credo che oltre ad imparare la seconda regola dovrebbe essere quella di immetterti nel mondo del lavoro, nel senso già la scuola dovrebbe darti input, su come "venderti"(), o facendo degli stage per i + meritevoli verso SW house, cinema, ecc., o a pagamento ( possibilmente senza dover rendere un rene). :P:D

Appunto.

Immettere una persona che ha bisogno di lavorare per vivere, nel mondo del lavoro.

Poi se quel lavoro lo fa perché gli piace o perché comunque lo deve fare è altra cosa ma in ogni caso ha diritto alle strutture adeguate.

Senza dover donare un rene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sognare è un ottima cosa, ma devi rimanere in contatto con la realta: quanti ragazzini sognano di diventare calciatori... e non arrivano in promozione e non si lamentano mica che lo stato non fa scuole di calcio o altre sciocchezze che ho letto oggi qui.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dai ragazzi sparate cose fattibili... per spare cose tanto per fare meglio lasciare perdere.

Anche io sogno mille cose ma dal sognare al lavorare c'e di mezzo la sveglia del mattino.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dai ragazzi sparate cose fattibili... per spare cose tanto per fare meglio lasciare perdere.

Anche io sogno mille cose ma dal sognare al lavorare c'e di mezzo la sveglia del mattino.

:Clap03:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Appunto.

Immettere una persona che ha bisogno di lavorare per vivere, nel mondo del lavoro.

Poi se quel lavoro lo fa perché gli piace o perché comunque lo deve fare è altra cosa ma in ogni caso ha diritto alle strutture adeguate.

Senza dover donare un rene.

Al mondo non credo che esista una scuola pubblica in cui insegnano a fare grafica 3D. Se non se ne sente il bisogno all'estero (in cui oggettivamente sono molto più avanti dell'italia) perchè qua dovremo sentirne la necessità?

Inoltre da come ne parli pare che questo sia un lavoro di ripiego in cui basta scaricarsi 2 software piratati e imparare qualche comando buttandosi nel mucchio di renderisti di basso livello che si svendono pur di lavorare e di cui il mercato è saturo, tralasciando passione e creatività che sono tra gli elementi che fanno fare la differenza in questo come in qualunque lavoro nel campo creativo.


Edited by Sieve

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi assento per pranzo e torno con le proposte.

A tra poco

Quindi, ecco le proposte:

- raccogliere firme da tutti gli utenti del forum (dico tutti) ed inviare al ministero della pubblica istruzione la richiesta per l'istituzione di una scuola secondaria pubblica relativa alla grafica 3d;

- sempre con le firme inviare alla commissione europea alla cultura ed istruzione (forse ha un altro nome...) la richiesta come sopra, per l'Italia (non credo che il problema riguardi solo l'Italia);

- sempre con le firme, rivolgersi alle regioni per fare la stessa cosa (a livello di potenzialità-fruibilità credo che questa sia forse la miglior cosa)

..............................

Mangiato pesante?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il 3d fine a se stesso non esiste.

Si tratta di applicarlo a determinati campi che guarda caso hanno ( quasi tutti) già una scuola. Basterebbe che venisse trattato meglio nei luoghi in cui dovrebbero già esserci: architettura, ingegneria, licei artistici etc. Le scuole devono dare l'interesse semmai, nozioni generali. Poi chi ha la voglia approfondisce da sé. Ecco sarebbe bello che ci fosse qualche corso a prezzi più bassi per chi non ha molte possibilità economiche, ma comunque resta il fatto che internet fornisce ottimo materiale gratuitamente, quindi chi ha voglia e si fa il culo qualcosa riesce a fare. Se uno deve lavorare per vivere può fare anche altro.

Quando devi guadagnarti il pane sei disposto anche a lavorare la notte o a salari che pure il signor Stakanov avrebbe deriso.

Non è scritto da nessuna parte che lo stato debba garantire l'esistenza di una scuola per ogni professione nel mondo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Al mondo non credo che esista una scuola pubblica in cui insegnano a fare grafica 3D. Se non se ne sente il bisogno all'estero (in cui oggettivamente sono molto più avanti dell'italia) perchè qua dovremo sentirne la necessità?

Inoltre da come ne parli pare che questo sia un lavoro di ripiego in cui basta scaricarsi 2 software piratati e imparare qualche comando buttandosi nel mucchio di renderisti di basso livello che si svendono pur di lavorare e di cui il mercato è saturo, tralasciando passione e creatività che sono tra gli elementi che fanno fare la differenza in questo come in qualunque lavoro nel campo creativo.

E' il contrario.

E' un lavoro serio e duro che non ha strutture adeguate. Leggi bene quello che ho scritto...

Anche un perito industriale ha un lavoro serio e duro ma ha le strutture adeguate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il 3d fine a se stesso non esiste.

Si tratta di applicarlo a determinati campi che guarda caso hanno ( quasi tutti) già una scuola. Basterebbe che venisse trattato meglio nei luoghi in cui dovrebbero già esserci: architettura, ingegneria, licei artistici etc. Le scuole devono dare l'interesse semmai, nozioni generali. Poi chi ha la voglia approfondisce da sé. Ecco sarebbe bello che ci fosse qualche corso a prezzi più bassi per chi non ha molte possibilità economiche, ma comunque resta il fatto che internet fornisce ottimo materiale gratuitamente, quindi chi ha voglia e si fa il culo qualcosa riesce a fare. Se uno deve lavorare per vivere può fare anche altro.

Quando devi guadagnarti il pane sei disposto anche a lavorare la notte o a salari che pure il signor Stakanov avrebbe deriso.

Non è scritto da nessuna parte che lo stato debba garantire l'esistenza di una scuola per ogni professione nel mondo.

Sono d'accordo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Capite?? Treddi è l'ultima spiaggia per chi vuole sopravvivere (ma non è colpa sua se manca la struttura formativa adatta)

Di questo non c'è coscienza.

Io continuo sempre a non capire come mai la grafica 3D piú che una professione viene percepito come una cazzatella che qualsiasi persona puó imparare nel giro di qualche mese.

La realtá é che come tutte le professioni e mestieri, piú si investe in formazione e quindi in tempo (tempo dedicato alla formazione e alla pratica professionale) e piú si é competitivi, piú si guadagna e cosí via.

A John Koenig e a chi come lui viene sul forum pensando che con un paio di tutorial o un mini-corso da 10 euro al mese di svoltare nella vita e di crearsi un posto di lavoro dal NULLA, chiedo perché con gli stessi soldi investiti per comprare un pc (diciamo 800 euro, tralasciando licenze e tutto il resto) non hanno pensato a comprarsi una chitarra e pensato di imparare due accordi, incidere un disco, fare un paio di concerti e quindi firmare per una major americana, secondo me le percentuali di riuscita sarebbero maggiori di quelle di fare un´onesta carriera tra renderings e/o animazioni.

Sempre a John Koenig vorrei far notare che non tutti quelli che fanno scuola calcio diventano calciatori e non tutti quelli che vanno al conservatorio diventano musicisti e cantanti e cosí via........... puó essere che anche con scuole di stato, corsi gratuiti di 3D e tutto il resto non tutti diventino professionisti o mestieranti in grado di vivere con renderings e tutto il resto.

Diciamo che anche in "queste cose" che tu consideri cazzatelle che tutti possono fare, ci vuoe un po di talento o di "predisposizione", non basta svegliarsi un giorno con tante motivazioni, tanti sogni o con la scuola della comunitá europea, etc. etc. etc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

il sogno puoi costruirtelo da solo, senza necessariamente bisogno di scuole o chissà quale aiuto da parte dello stato.devi solo esser disposto a farti il culo...più della massa di principianti allo sbaraglio che invadono questo mondo.

infatti io me lo costruisco da solo il "sogno", se dovessi aspettare qualcuno, o lo stato, o chicchèssia allora, veramente avrei scelto la pastorizia, ah ah :P:D

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' il contrario.

E' un lavoro serio e duro che non ha strutture adeguate. Leggi bene quello che ho scritto...

Anche un perito industriale ha un lavoro serio e duro ma ha le strutture adeguate.

Tra un perito industriale e un grafico 3d ce ne passa... Mentre per uno hai bisogno di un titolo per poterlo praticare, per un 3d artist contano solo le proprie capacità, anche sviluppate completamente da autodidatti e la predisposizione ad un lavoro creativo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra un perito industriale e un grafico 3d ce ne passa... Mentre per uno hai bisogno di un titolo per poterlo praticare, per un 3d artist contano solo le proprie capacità, anche sviluppate completamente da autodidatti e la predisposizione ad un lavoro creativo.

allora ti pongo un quesito, tu vai a fare un colloquio e presenti il tuo reel, demo o show, e concorri con un altro che diciamo presenta un reel +o- della tua stessa qualità, ma tu hai fatto la scuola a Bari, per es. e l' altro alla prestigiosa Gnomon school, tu chi dici che prendono, se permetti il tu :lol:

P.s.: è tutto un discorso aleatorio e le variabili sono tante, ma alla fine la scelta secondo me è sempre la stessa.

Se parlassimo di liberi professionisti naturalmente il discorso sarebbe diverso.


Edited by Openyourmind76

Share this post


Link to post
Share on other sites

allora ti pongo un quesito, tu vai a fare un colloquio e presenti il tuo reel, demo o show, e concorri con un altro che diciamo presenta un reel +o- della tua stessa qualità, ma tu hai fatto la scuola a Bari, per es. e l' altro alla prestigiosa Gnomon school, tu chi dici che prendono, se permetti il tu :lol:

P.s.: è tutto un discorso aleatorio e le variabili sono tante, ma alla fine la scelta secondo me è sempre la stessa

Non ti permetto di darmi del tu!!!!! :P (scherzo ovviamente)

Fossi io il datore di lavoro metterei i due davanti a due workstation e gli darei da fare il medesimo lavoro per valutare la velocità, qualità d'esecuzione e il flusso di lavoro. ;)

Se qualuno assume un creativo in base ai titoli per me è un pollo... Poi ovviamente purtroppo la disciminante esiste, così come esistono le spintarelle e le raccomandazioni. Ma qua sforiamo in un altro (squallido) discorso..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io continuo sempre a non capire come mai la grafica 3D piú che una professione viene percepito come una cazzatella che qualsiasi persona puó imparare nel giro di qualche mese.

La realtá é che come tutte le professioni e mestieri, piú si investe in formazione e quindi in tempo (tempo dedicato alla formazione e alla pratica professionale) e piú si é competitivi, piú si guadagna e cosí via.

A John Koenig e a chi come lui viene sul forum pensando che con un paio di tutorial o un mini-corso da 10 euro al mese di svoltare nella vita e di crearsi un posto di lavoro dal NULLA, chiedo perché con gli stessi soldi investiti per comprare un pc (diciamo 800 euro, tralasciando licenze e tutto il resto) non hanno pensato a comprarsi una chitarra e pensato di imparare due accordi, incidere un disco, fare un paio di concerti e quindi firmare per una major americana, secondo me le percentuali di riuscita sarebbero maggiori di quelle di fare un´onesta carriera tra renderings e/o animazioni.

Sempre a John Koenig vorrei far notare che non tutti quelli che fanno scuola calcio diventano calciatori e non tutti quelli che vanno al conservatorio diventano musicisti e cantanti e cosí via........... puó essere che anche con scuole di stato, corsi gratuiti di 3D e tutto il resto non tutti diventino professionisti o mestieranti in grado di vivere con renderings e tutto il resto.

Diciamo che anche in "queste cose" che tu consideri cazzatelle che tutti possono fare, ci vuoe un po di talento o di "predisposizione", non basta svegliarsi un giorno con tante motivazioni, tanti sogni o con la scuola della comunitá europea, etc. etc. etc.

Io non ho mangiato pesante e nel bicchiere che bevi, il vino è andato a male...

Sto dicendo l'esatto contrario. Dico che la grafica 3d non è una cazzatella, questo lo dici tu, dico che è molto impegnativa e che va sostenuta con strutture che aiutino. Oltre al talento, alla passione, se c'è una struttura valida è molto di aiuto.

Aiuta non solo me ma anche te.

Vai a leggerti quello che ho scritto.

Dico il contrario delle parole che mi hai messo in bocca.

Questa si chiama falsità.

Dico il contrario!!!


Edited by Sieve
Evitiamo gli insulti grazie. Qua si può discutere ma in modo civile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra un perito industriale e un grafico 3d ce ne passa... Mentre per uno hai bisogno di un titolo per poterlo praticare, per un 3d artist contano solo le proprie capacità, anche sviluppate completamente da autodidatti e la predisposizione ad un lavoro creativo.

Sono d'accordo Sieve, però pensa che il titoli, cioè i diplomi, che esistono non ci sono sempre stati.

Una persona avrebbe potuto fare il perito contando solo sulle proprie capacità, anche sviluppate da autodidatta e con predisposizione personale...

Poi hanno istituito un titolo, come per altre discipline.

Share this post


Link to post
Share on other sites

se facessimo come l'America, che in questo senso è veramente l'America, dove già alle superiori per esempio hanno corsi di fotografia, corsi d'arte, non come i nostri, corsi di cinema, sinceramente non so per la grafica 3d (ma penso proprio di si) e poi università ben strutturate per le suddette, allora si che saremmo 30 anni avanti e non a livello di terzo mondo :wallbash:<_<:D


Edited by Openyourmind76

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Restore formatting

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
Aspetta! x

Ti piacerebbe rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità nel campo della computer grafica?

Iscrivendoti alla Newsletter riceverai subito una mail con le indicazioni per scaricare gratuitamente:

  1. Le immagini HDRI presenti su HDRI pro
  2. Una sequenza di 300 immagini HDRI generata da Luca Deriu tramite il programma Real HDR