Jump to content
Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Search the Community

Showing results for tags 'cinema4d'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Help
    • F.A.Q.
  • Discussioni
    • Presentazioni
    • General
    • (W.I.P.) Work In Progress
    • Hardware
    • Job Offering
    • Mercatino dell'usato
  • 3D and 2D Graphics Programs
    • 3ds Max
    • Blender
    • Maya
    • Cinema 4D
    • SketchUp
    • Rhinoceros
    • Autocad and CAD programs
    • BIM programs
    • Unreal Engine, Unity and realtime engines
    • ZBrush
    • CG Software
  • Render Engines
    • V-Ray
    • Corona Renderer
    • Render Engines
  • Final
    • [FINAL] Architettura e Interior Design
    • [FINAL] Immagini CG/VFX
    • [FINAL] Animazioni CG/VFX
    • [FINAL] Immagini e disegni 2D
  • Old Forum
    • Contest Terminati
    • Tips & Techniques
    • Tutorial Professionali con il supporto del docente
    • Forum Commerciali
  • Lighting Design & Render's Forum
  • Lighting Design & Render's Risorse e Link utili
  • BIM, Revit e dintorni.'s Generale
  • BIM, Revit e dintorni.'s Famiglie e masse
  • BIM, Revit e dintorni.'s Architettura
  • BIM, Revit e dintorni.'s Strutturale
  • BIM, Revit e dintorni.'s MEP
  • BIM, Revit e dintorni.'s Dynamo
  • BIM, Revit e dintorni.'s Risorse
  • finalRender4's Forum
  • Unreal Engine's Forum
  • CORONA RENDERER's Forum
  • V-Ray's Forum
  • Blender's Forum
  • 3ds Max's Forum
  • Rhino & Grasshopper's Forum
  • DDD - Digital Drawing Days's Forum
  • Cinema 4D's Forum
  • Contest Natale 2017's WIP Contest
  • Campus Party 2019's Discussioni

Categories

  • Tutorial
  • News
  • Hidden
  • Show Room
  • Articoli
  • Interviste
  • Making Of
  • Cinematiche, Corti e Spot

Categories

  • Meshes e Scene
    • Archviz & Interior Design
    • Furniture
    • Lights
    • Lumina Lamps
    • Appliances and Electronics
    • Vegetation
    • Vehicles
    • Organic
    • Misc Objects
  • Textures e immagini HDRI
  • Script e utilities
  • Premium
  • Collezione di Shader
    • 3DSMax - VRay
    • 3DSMax - Mental Ray
  • Misc
  • Treddi Open Contests

Product Groups

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Sito Web

Found 97 results

  1. Nemetschek, holding tedesca celebre per avere nel suo portfolio soluzioni come Allplan, Archicad (Graphisoft) e Cinema 4D (Maxon), sarebbe ormai prossima ad acquisire Red Giant, con cui è stato perfezionato un preaccordo ora al vaglio dei validatori finanziari. I dettagli dell'operazione non sono stati ovviamente ancora resi noti, ma dal punto di vista finanziario, più che di una vera e propria acquisizione, le parti in causa parlano di una fusione, che potrebbe dunque risolversi grazie ad una condivisione di quote societarie tra le società Maxon e Red Giant. Al di là dei dettagli finanziari, la notizia per i creativi è che Cinema 4D avrà il controllo diretto dei tool dedicati alla creazione di effetti di Red Giant, come Trapcode (particle system) e Magic Bullet (color correction). La notizia assume particolare rilievo nell'ottica di potenziare ulteriormente il già ottimo pacchetto di soluzioni dedicato alla motion graphics di cui Cinema 4D attualmente dispone. Nemetschek si conferma dunque una realtà molto ambiziosa nel potenziare le proprie company. Ricordiamo che, sempre nel corso del 2019, Maxon ha acquisito Redshift, uno dei principali motori di rendering sul mercato. Ulteriori dettagli relativi alla fusione di Maxon e Red Giant sono previste per l'inizio del 2020. Per ulteriori approfondimenti è possibile leggere il comunicato ufficiale rilasciato da Maxon e Red Giant.
  2. Ciao a tutti. Mi scuso in anticipo perché sono poco presente nel forum e, anche x questo non mi sono iscritto prima al gruppo. Devo dire che, grazie ad una collaborazione spero costruttiva, ho rispolverato le scarse conoscenze del programma x alcuni render ed i risultati sono stati eccezionali. Ho molte domande e dubbi soprattutto sul comparto dinamiche e simulazioni. Spero di potermi confrontare con voi al più presto! Manu
  3. thumb
    Non ho saputo resistere, il mio babyYODA. Sono una schiappa nelle forme organiche, ma so destreggiarmi con le illusioni...ha ha ha Prima che la mia ispirazione venga utilizzata da altri (magari con risultati migliori) ecco il mio omaggio a questo personaggio. Il mio babyYoga usa la forza per prendersi cio' che vuole, in fondo e' un cucciolo di 50 anni.
  4. thumb
    Semplice scena "still life" creata in cinema4d R14 e Katana 2.6 utilizzando come render engine Renderman versione 20. Vorrei qualche consiglio su come migliorare il look dev della scena...essendo in fase wip devo sistemare/bilanciare ancora la composizione, alcune modellazioni e aggiungere delle texture... Con katana ho provato a costruirmi alcuni shader precedurali che avevo fatto in C molti anni fa... grazie ps: qualità allegato draft 515x512
  5. thumb
    Buona sera Treddiani. Arieccomeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee Questo progetto e' molto articolato nel senso che i Robot sono tanti uno diverso dall'altro. Non vi voglio intasare ogni volta che un robot e' pronto, e quindi (sperando di non infrangere nessuna regola, in quel caso scusate) vi posso invitare sul mio spazio in ArtStation dove con pazienza li presento uno ad uno. https://www.artstation.com/raulc4d Ma ora vi presento il primo,dopo un restauro del logo e della impaginazione. Flo-Flower...creata per il giardinaggio. Qualche info: L'idea nasce dalla passione dei robot anni 40/50/60. Avevo già fatto un lavoro simile ma le mie immagini erano come tante altre. Cosi' un giorno mi sono imbattuto in una serie di icone. Da li mi e' venuta l'idea di rendere quelle Icone in 3D e con un mio tocco personale. Ma non volevo dare ai robot shader complicati infatti Flo-Flower e' la prima dei molti, con un semplice shader metallico rugoso, e interventi luminosi. Nulla di piu'...puliti puliti. Sono simpatici...almeno per me e mia nipote!
  6. thumb
    Buon giorno a tuttti oggi ho il tempo per iniziare questa discussione per il momento in W.I.P Non sono bravo nel modellare forme "organiche" ma un poco di Sculpt qui una sistemata in Zbrush la, copri con il vestito poi...ecc ecc. Cio' che vi allego oggi e' una preview di come dovrebbe essere Eloize e le creature che "per errore" ha creato dal suo pentolone magico ecc. Se vi piace l'idea la discussione la imposto come un diario personale con curiosità riflessioni incaxxx ecc. Diario di Eloize - Giorno uno Mi sono imbattuto in una immagine bellissima oggi dell'artista Colin Stimpson raffigurante una strega, mi e' piaciuta tanto. La sua postura, i suoi capelli ma sopratutto la sua smorfia di disapprovazione per qualcosa (almeno a me sembra). Sono mesi che non mi diverto a creare cosi' mi sono detto dai proviamoci anche se non sono bravo nel modellare forme "organiche" ma un poco di Sculpt qui una sistemata in Zbrush la, copri con il vestito poi...ecc ecc. Mentre componevo la scena mi sono imbattuto in piccoli/grossi problemi che con il tempo sto' cercando di risolvere. Curiosità 1) I capelli sparati di lato non erano voluti da qui l'idea che qualcosa (ancora non so cosa) passi vicino al suo viso scompigliandoli. Forse la scopa, o un dolcetto con le ali da pippistrello, o altro non identificato. Curiosità 2) Cio' che non riesco ancora per il momento ad ottenere e' una pelle verde (non hulk) per Eloise. Cosi' per il momento la tengo con uno shader diciamo di base (colore e forse bump). Curiosità 3) In origine nella mi testa i dolcetti uscivano dal pentolone ma con l'aspetto "normale" di dolcetto, poi ho battuto la testa sul muro e ho avuto l'idea di renderli mostruosi, o forse l'idea era già in essere e la botta me l'ha fatta uscire?Bho! Curiosità 4) Redshift mi fà impazzire non riesco ad impostare la scena che Lui me l'ha gia renderizzata sull'altro monitor. Cosi' rimango impalato a guardare come un babbeo ricordandomi quando con l' Amiga e Real3D stavo 1/2 ore per vedere una sfera di legno (20 anni fa). Anche troppo pero'...devo impostare meno con il denoizer (Optix). Appunto1) Per staccare un attimo ho voluto provare a fare il porting da Redshift a Prorender....si e' riavviato il pc prima e si e' chiuso il programma poi. Calo di tensione in tutta la zona dove abito ed intervento dei vigili del fuoco. Non penso che userò in futuro Prorender...(ho una gtx 1060 6gb forse e' per questo? MAH) Allego prime immagini...Stay tuned!
  7. Buona sera ragazzi... una domanda semplice ma che può avere mille risposte... sapete consigliarmi un corso di lighting avanzato in italia? per Maya e non solo... anche per altri programmi vorrei approfondire di più questo campo del 3D grazie mille
  8. thumb
    Ciao a tutti! Terza parte del mio progetto ispirato ai personaggi di Zerocalcare, questa volta basato sulla copertina del suo primo libro "la profezia dell'armadillo". Ho cercato di interpretare la cover aggiornandola all'attuale stile dell'autore (quindi niente gomiti e forme in generale più stilizzate). Modellato in c4d e zbrush, texture in 3d coat, substance designer e Photoshop e rendering in Arnold per c4d. Qui il link ad Artstation: https://www.artstation.com/artwork/aRBV58 Per i prossimi modelli mi ci vorrà un po' di tempo, ma ci saranno divano, plumcake e serie tv... Spero vi piaccia! Mo:)
  9. thumb
    ciao, sono novizio di cinema 4d e vray. vorrei utilizzare questa scena per migliorare. vi allego due viste di un piccolo bagno che ho modellato con rhino. ho provato ad inserire già qualche materiale; sono ancora indeciso su quale focale sia però la più corretta. Ogni altro consiglio è ben accetto! grazie a tutti in anticipo
  10. Ciao a tutti, sono Davide Tezza: sono un architetto e 3D Artist. Da circa sei anni mi occupo principalmente di visualizzazione architettonica come libero professionista dopo aver accumulato oltre sette anni di esperienza in diversi studi di architettura, ricoprendo via via ruoli sempre diversi (tirocinante, progettista/architetto/designer, model maker, visualizer ecc.) Negli ultimi anni la mia attenzione si è rivolta maggiormente verso la progettazione e produzione di immagini digitali di alta qualità per l’Architettura e l’Interior Design e, in particolare, di immagini con finalità commerciali o promozionali, soprattutto per quanto riguarda il settore dell’arredamento e del design. I primi approcci con il 3D risalgono ai tempi dell’Università a Venezia (2003-2009) dove, da autodidatta, ho iniziato ad utilizzare SketchUp e V-Ray raggiungendo negli ultimi anni risultati soddisfacenti (…a mio avviso, ovviamente, però lascio siano gli altri a giudicare!). Un anno fa, seguendo i consigli di colleghi e amici, ho deciso di affiancare a questi tools uno strumento più versatile come Cinema 4D: attualmente, infatti, utilizzo Cinema 4D e Corona Renderer per i miei lavori. Per la realizzazione del concept “Norwegian Home” ho adottato, in prima battuta, un approccio più architettonico, partendo cioè da alcuni semplici schizzi su carta e da alcune immagini di riferimento (raggruppate in una sorta di moodboard) per poi sviluppare via via l’idea durante gli step successivi. L'idea alla base del concept era quella di lavorare sulla distribuzione degli spazi della zona giorno: in questo caso, disporre in successione gli ambienti principali come il soggiorno (L), la sala da pranzo (D) e la cucina (K) mi avrebbe permesso di ottenere una continuità spaziale ma soprattutto visiva, dando la possibilità all’occhio di spostarsi da una stanza all'altra creando un effetto complessivo di uno spazio interconnesso. Un semplice ragionamento è stato fatto anche per quanto riguarda le aperture fra le tre stanze, ipotizzando già in questa fase dei punti di vista interessanti (da verificare poi durante la modellazione) e una palette di colori di base da cui attingere. Per quanto riguarda la prima parte di modellazione, ho iniziato modellando l’involucro ovvero le pareti e le chiusure orizzontali (pavimento e solaio) per poi passare alla parte visibile delle finestre (puro e semplice box modeling); il pavimento è composto da lastre di cemento lisciato perciò, dopo averne deciso le singole dimensioni, ho creato delle semplici istanze e posizionato le lastre in modo “casuale”: per aumentare il realismo, alcune lastre sono state spostate verso l’alto o verso il basso di qualche millimetro in modo da ottenere un pavimento non troppo uniforme; infine ho applicato un Bevel alle lastre per arrotondare un po’ gli spigoli. (Per gli utenti di Cinema che hanno Mograph, tutte queste operazioni saranno più veloci e/o scontate: io purtroppo non avendolo a disposizione ho dovuto gestire questi aspetti da me, impegnato un po’ più di tempo ma avendo il controllo totale sull’effetto finale che volevo ottenere). Inoltre, durante questa fase, ho cercato il più possibile di tenere come riferimento gli schizzi di partenza: in questo caso, per quanto riguarda il posizionamento della camera, mi sembrava più interessante il secondo punto di vista che avevo riportato negli schizzi: a differenza della classica prospettiva centrale, riesce a dare qualche informazione in più circa la conformazione delle stanze e crea una specie di asse di centrale che spesso caratterizza alcune mie immagini. Nella seconda fase di modellazione ho aggiunto man mano tutti i particolari della scena, inserendo qualche modello scaricato online, altri modelli già ricreati precedentemente da me tempo addietro (per prendere dimestichezza con Cinema) e, quando necessario, modellando alcuni elementi da zero: in questo caso sono partito da un semplice box modeling per poi agire con i vari generatori e deformatori fino ad ottenere l’effetto desiderato: nulla di troppo complicato. Oltre a riempire la scena, mi sono soffermato molto sulla composizione delle singole immagini e sul posizionamento degli oggetti: nessun oggetto della scena è posizionato casualmente ma tutto segue delle regole di composizione che ogni buon 3D Artist o visualizer sicuramente avrà fatto sue in base alle proprie esperienze, al suo stile ed alle inclinazioni personali. Per quanto riguarda i materiali, anche in questo caso, nella scena non ho inserito nulla di particolarmente complicato: la maggior parte dei materiali hanno caratteristiche normali (canali diffuse, reflection, bump ecc.) fatto salvo i vetri, i liquidi o altri materiali particolari (come la cera delle candele) che ovviamente hanno anche altri canali attivi (es. traslucency, refraction, volumetrics). Per un ottenere un lavoro di qualità consiglio sempre di usare texture sufficientemente grandi e dettagliate ma di utilizzare solamente i canali che producono effetti tangibili sul materiale per evitare di aumentare inutilmente i tempi di rendering con un displacement quasi impercettibile. Un aspetto fondamentale, per quanto mi riguarda, e che necessita di uno studio più attento è sicuramente l’illuminazione della scena: in questo caso ho realizzato una versione diurna e una versione serale a partire dallo stesso punto di vista, modificando leggermente gli elementi presenti in scena. Per quanto riguarda la scena diurna, volevo ottenere una luce morbida, non troppo forte e che non appiattisse troppo gli elementi presenti. (Non amo le scene troppo luminose: con il tempo ho imparato, e sto imparando ancora, ad apprezzare le scene poco illuminate dove anche le ombre degli oggetti entrano nella composizione e danno spessore all’intera composizione). L’illuminazione globale è un semplice Corona Sky: per controllarne l’effetto e verificare i vari settings della Corona Camera (es. Exposure, Bloom and glare, DOF) generalmente realizzo dei clay render molto veloci prima di lanciare la vista definitiva. Eventuali correzioni o aggiustamenti di colore dello spettro luminoso (e quindi sul mood dell’immagine) li gestirò in un secondo momento agendo nel tab “Post” direttamente nel Corona VFB. Per l’immagine serale invece, il procedimento è analogo ma con qualche piccola modifica. Per l’illuminazione globale ho utilizzato un Corona Light Material con un HDRI (nello specifico, un semplice cielo all’imbrunire) a cui ho modificato l’esposizione nel Material Editor per aumentare il suo contributo alla scena e far uscire maggiormente la sua componente blu. Successivamente ho iniziato ad inserire le fonti luminose nella scena valutando singolarmente il loro effetto sulla scena (sempre utilizzando dei clay render). Per la luce a sospensione sopra il tavolo, ho utilizzato una Corona Light di tipo “Object” a forma sferica: suggerisco di non esagerare sull’intensità ma di far riferimento sempre alla situazione reale (in termini di W, lm o temperatura colore) e cercare di riprodurre quelle condizioni attraverso i parametri di Corona. Per la luce sottopensile, invece, dopo aver modellato la scanalatura sulla mensola e la relativa barra luminosa, ho applicato a quest’ultima un semplice Corona Light Material, senza esagerare troppo con l’intensità per non avere aree troppo bruciate nell’immagine finale o che riflettessero troppo distogliendo così l’attenzione. Una volta trovata un bilanciamento soddisfacente, dopo aver attivato il Multi-pass di Corona (ed in particolare il pass di Interactive LightMix e selezionato le fonti luminose che intendo controllare singolarmente) lancio finalmente il render definitivo. Anche in questo caso, potrò intervenire nel Corona VFB anche in un secondo momento per eventuali piccoli aggiustamenti di colore o intensità dello spettro luminoso di ogni singola luce presente nel tab “LightMix” senza dover rilanciare nuovamente il render. Infine, l’ultimo passaggio del workflow è dedicato alla post-produzione: l’ampio controllo a disposizione direttamente dal Corona VFB permette di ottenere già delle buonissime basi di partenza per la post-produzione. Attualmente sto cercando di effettuare meno post-produzione possibile, evitando di correggere troppo l’immagine durante la post (specialmente se ci sono più scene all’interno dello stesso set su cui sto lavorando) ma, al contrario, cercando di ottenere già in partenza risultati soddisfacenti lavorando fin da subito, come detto precedentemente, sulla resa di luci e materiali. Generalmente cerco sempre di controllare il bilanciamento generale ed accentuare (quando serve) il contrasto o la saturazione dell’immagine. Ovviamente non ci sono dei settings predefiniti: ogni scena va studiata ed analizzata da sé in base al mood che si vuole ottenere e alla storia che si vuole raccontare attraverso le immagini. Per l’immagine serale, ad esempio, ho aggiunto delle impronte digitali sui bicchieri: di solito non inserisco persone o silhouette se non esplicitamente richiesto ma lascio siano gli oggetti presenti nella scena a parlare e a raccontare chi è stato lì, chi ha fruito dell’ambiente. Questo è tutto! Spero che questo “making of” sia stato interessante e di vostro gradimento: mi auguro che questo mio semplice contributo possa essere una piccola ispirazione per i vostri progetti futuri. Come sempre, commenti e critiche costruttive sono sempre ben accetti! Un ringraziamento particolare a Fabio e a Treddi.com per la pubblicazione. Grazie dell’attenzione e un saluto a tutti. Alla prossima! Davide www.date3d.it www.behance.net/DATE3D Instagram @date3dviz
  11. thumb
    Buon giorno a tutti. Potato Monster è uno di quei progetti che nascono così per divertimento e che non ci vuoi spendere molto tempo. Poi invece sono due settimane che ci sto' dietro, perché non mi piacevano i risultati ottenuti. Potato Monster mi ha divertito farlo per aver studiato meglio il comparto shader di redshift, ed averci capito qualcosa in più...spero vi piaccia.
  12. thumb
    Salve a tutti, vorrei mostrarvi un mio vecchio progetto personale. Si tratta di una still life di prodotto realizzata con Cinema 4d e Octane render. L'immagine non è stata post prodotta. Grazie a tutti
  13. thumb
    Salve a tutti, vorrei condividere con voi un mio ormai vecchio progetto personale. Si tratta di una still life di prodotto relazzata con cinema 4d e octane render.
  14. thumb
    Buona giornata a tutti. Vi presento la Creatura, un progetto portato a termine per dei miei nuovi amici. Hanno nel loro studio un murales che allego nella discussione, mi hanno chiesto se potevo trasformarlo in una immagine 3D. Detto...fatto. Avrei voluto avere piu' tempo per migliorarne l'aspetto, ma come spesso accade mi sono arrivati altri lavori e quindi alla fine ho dovuto terminare il progetto in fretta e furia. La mia sfida e' stata quella principalmente di decidere se Umanizzare il soggetto o farlo tale e quale al murales, ho scelto un ibrido. Nel portare a termine il progetto ho studiato ancora di piu' le funzionalita' di Octane... Spero vi possa piacere.
  15. thumb
    Buon giorno a tutti Treddiani. E' da parecchio tempo che non scrivo piu' qui pur seguendo. Ho da poco terminato alcune cose realizzate con C4D e rendershift , oramai il mio motere di rendering preferito. It's time for the circus Blueberries Time
  16. buonasera , sto svolgendo un progetto nel quale sto effettuando dei render statici usando vray per rhino, e dopo dovrei effettuare delle animazioni con cinema 4d, qualcuno ha idea se è possibile importare i materiali dati da vray, passarli su cinema 4di? se si , dovrò impostare di nuovo tutti i materiali alle superfici/ gruppi come ho fatto con vray su rhino? o esiste un qualcosa che mi meteremtte di importare sia il modello che i materiali gia dati?
  17. thumb
    Era un giorno di Novembre, una ragazza aspetta il suo autobus da sola sotto una pioggia molto fitta. Ad un tratto le cade il cellulare e si china per raccoglierlo. In quel momento ho pensato “sta raccogliendo quello smartphone con la stessa gentilezza con la quale si accarezza un cagnolino abbandonato”. Il resto ve lo lascio immaginare. Questa produzione ha richiesto circa due settimane di lavoro impiegando circa due ore serali per ogni giorno. Quasi tutto modellato in 3D, vi fa eccezione la spazzatura in basso a sinistra. I materiali sono stati recuperati on line, unica eccezione l’omino, la cui texture l’ho creata fotografando un pannello di cedro dal mio parquettista di fiducia.
  18. thumb
    Buongiorno a tutti, sto cercando di ricostruire l'Arena di Verona di epoca romana in 3d con Cinema 4D. Premetto che il modello che voglio ricostruire è molto semplice senza tanti dettagli ecc. ma le misure sono esatte. Ho realizzato le sezioni che compongono l'arena, con due entrate differenti e un entrata principale (allego immagine). A questo punto l'idea è quella di comporre le sezioni sul perimetro originale dell'Arena. Il perimetro non è altro che una spline "ovale" che mantiene le misure esatte di lunghezza e larghezza. Ho composto dunque le sezioni attraverso un "cloner" in modalità "object" inserendovi la spline, e qui ho avuto i miei primi problemi. L'Arena è composta da 72 archi quindi ho aggiunto questo numero nel conteggio del cloner e le varie sezioni si sovrapponevano in maniera errata dandomi come risultato archi più larghi e/o più stretti. Alla fine le ho provate tutte ma il risultato non è stato dei migliori, tra le sezioni si vede la linea di congiunzione e gli archi non hanno dimensione uniforme. (allego immagine). Ho provato anche con lo Spline Wrap risultato più o meno simile. Speravo fosse una cosa molto semplice e magari lo è, ma non riesco ad uscirne. Spero che qualcuno possa darmi una mano a risolvere questo problema. Intanto vi ringrazio Daniele
  19. thumb
    Ciao a tutti! Volevo mostrarvi un lavoro finito da poco, relativo ad un mio progetto di una villa che si affaccia sulle sponde di un lago. Tutta la modellazione è stata fatta in Cinema 4D ed il modello renderizzato in Octane. Mi piacerebbe conoscere la vostra opinione sia sull'aspetto tecnico che progettuale. Grazie e buona serata!
  20. thumb
    Buona sera a tutti. Piccolo progetto fatto per testare Keyshot e Cinema4d R20. Hi Hi HI spero non vi piaccia troppo...
  21. thumb
    Ciao a tutti! In tanti anni, spesi principalmente in soggetti architettonici, non mi ero mai misurato con una natura morta.. così, a sto giro, ci ho voluto provare. Spero vi piaccia! Buona giornata!
  22. thumb
    Modelling: Cinema4d Render: Octane
  23. thumb
    Flight to Mars film Sci-fi del 1951, questo il mio personale tributo con Cinema 4D e Redshift. Ho ricostruito il logo e il Rocket, nei render ho utilizzato immagini della NASA ed un poco di Photoshop. Spero sia di vostro gradimento.
  24. thumb
    Buon giorno a tutti...un mio piccolo lavoro in Cinema4D e render con Redshift. Un piccolo gioiello un poco Steempunk e un poco Cartie'.
  25. thumb
    ciao a tutti! condivido un lavoretto veloce, fatto più per gioco che per altro.... come mi sono trovato a dire potete intenderlo come la dicotomia tra interno ed esterno, un paradosso della vita di oggi o, molto più semplicemente, una cagata micidiale modellato con cinema, renderizzato con octane. buon pomeriggio!!
×
×
  • Create New...
Aspetta! x

Ti piacerebbe rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità nel campo della computer grafica?

Iscrivendoti alla Newsletter riceverai subito una mail con le indicazioni per scaricare gratuitamente:

  1. Le immagini HDRI presenti su HDRI pro
  2. Una sequenza di 300 immagini HDRI generata da Luca Deriu tramite il programma Real HDR