Vai al contenuto

Roberto 84

Members
  • Portfolio

    Portfolio
  • Numero messaggi

    9
  • Registrato

  • Ultima Visita

Info su Roberto 84

  • Rango
    Matricola

Informazioni professionali

  • Impiego
    Libero Professionista (Freelancer)

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

304 lo hanno visualizzato
  1. Buongiorno Vladimiro, riguardo a quello che dici mi permetto di fare una piccola divagazione teorica. Credo che, proprio perché il BIM sia condivisione e gli attori del processo molti, che sia giusto mettere tutti nelle condizioni di poter lavorare sui dati a loro utili. Spesso si contrappone l'idea che condivisione significhi dire tutto a tutti, ma condivisione secondo me significa soprattutto responsabilità: Nel caso da me descritto, penso che sia giusto a monte del processo attuare tutte le azioni che facciano in modo che il facility manager non cancelli o compili per errore un campo invece che è stato di responsabilità per esempio del Direttore dei Lavori, provocando così un danno al modello ed alla sua professionalità. Il FM potrà certamente visualizzare quei dati, ma non potrà modificarli. Il ruolo del BIM a mio parere deve essere quello di semplificare la vita, non di complicarla. Buona giornata Roberto
  2. Buongiorno Ferruccio, riguardo al "non modificabile" conosco la soluzione ma è utile solo quando si schedula l'elemento, mentre io vorrei creare un parametro non modificabile anche quando si naviga nel modello. Sull' USERMODIFIABLE ho riprovato a sostituire manualmente 1 con 0 ed effettivamente il parametro diventa intoccabile, quindi andrebbe eseguita prima la compilazione del parametro e poi l'editazione manuale del .txt. Ho però notato che effettivamente il file .txt se modificato manualmente poi non riesco a rimodificarlo perchè ricaricandolo in revit pare non mi dia retta, insomma "# Do not edit manually" Questo è proprio quello che cercavo, ma mi pare di capire che dovrei usare il plug-in RTV Tool che è uno Shared Parameter Manager (SPM), che da una breve ricerca devo dire che costicchia un po'... A tal proposito ti faccio una domanda: esiste qualche sito in rete dove sono collezionati e disponibili plug-in per Revit magari free? Grazie mille per l'impegno che hai messo a rispondere alla mia domanda (immagino la noiosa ricerca in rete su siti in inglese) e sono sicuro che queste conversazioni siano utili a molte persone che lavorano in BIM così come lo sono per me. Buona giornata Roberto
  3. Grazie Ferruccio, magari mi viene voglia di imparare ad usare Dynamo . Devo dire che aprendo il file .txt dei parametri condivisi noto una voce "USERMODIFIABLE" che ho provato a modificare impostando il valore a 0 ma non succede nulla. D'altra parte in testa al file leggo "# Do not edit manually." che mi mette alquanto in soggezione. Mi puoi spiegare cosa intendi con messaggio di "non modifica"? Parametri condivisi.txt
  4. Roberto 84

    Blocco parametri condivisi

    Ciao a tutti, ho creato una serie di parametri condivisi e li ho inseriti nel mio progetto. Trattandosi di parametri che saranno compilati a diversi stadi del progetto (parametri per la fase construction e parametri per la fase di facility management) vorrei che i parametri della fase construction siano bloccabili una volta compilati, di modo che quando il modello passerà al facility manager questi non potrà neanche inavvertitamente modificarli o cancellarli e provvedere a compilare solo i suoi. Si può fare? Grazie mille Roberto
  5. Buonasera Marco, conosco benissimo il contesto di cui parli e le condizioni ridicole che offrono diversi studi e società. Io dopo aver fatto un corso post-laurea al Politecnico di Milano ho fatto una scelta controcorrente: da Milano sono andato a vivere al Sud e lì ho iniziato a cercare collaborazioni che mi permettessero di fare esperienza in ambito BIM. Un disastro. L'ultima che mi è capitata è stata un importante società che dopo due mesi mi ha offerto un rinnovo di un mese ad una cifra per me irrisoria. Considera che pur avendo poca esperienza di lavoro con processi BIM sono comunque un architetto con quasi 9 anni di lavoro e diversi progetti importanti alle spalle e credo che ad un certo punto della propria vita professionale si debba maturare consapevolezza delle proprie capacità e della propria dignità ed alzareadeguatamente l'asticella di quanto ci si "vende". Mi sono sempre illuso che in questo paese da qualche parte c'è qualcuno che preferisce premiare la qualità piuttosto che la quantità, ma ad oggi quel qualcuno non l'ho ancora trovato. Poi qui c'è da fare anche un discorso di categoria nostro: nessuno di noi dovrebbe accettare proposte di lavoro così denigranti, perché altrimenti danneggia non solo la sua dignità ma anche quella degli altri. Gli studi capiranno che certi servizi si pagano adeguatamente solo quando non troveranno nessuno che accetti le loro condizioni imbarazzanti.
  6. Roberto 84

    Host dei modelli collegati

    Grazie Marco, ho fatto alcune prove ed il copia/controlla si comporta bene portandosi dietro le famiglie ospitate quando i muri vengono spostati. Ovviamente nel caso di eliminazione del muro e ricreazione la famiglia rimane lì dov'era, orfana di host. Ma questo è pacifico, la famiglia riconosce un host con un preciso ID e quindi quando l'ID non esiste più la famiglia non sa più che fare. Però tutto questo l'ho fatto con la stessa procedura: modello architettonico collegato nel modello elettrico e famiglia con host 'superficie' in quanto non c'era verso di inserirne uno con host 'muro', invece io credo (potrebbe essere un pregiudizio, però) che la condizione migliore sia quella di poter inserire nel modello famiglie con host specifico (muro, pavimento, controsoffitto, ecc), per una questione di precisione degli elementi del modello.
  7. Roberto 84

    Host dei modelli collegati

    Buongiorno a tutti, ho cercato sulle discussioni precedenti del forum ma non ho trovato risposta. Vorrei chiedere quale secondo voi è il modo migliore per gestire un modello condiviso in assenza di server, appunto, condiviso. Mi è capitato la scorsa settimana di dover intervenire su un modello MEP elettrico in cui erano collegati gli altri modelli (architettonico, strutturale, meccanico, idrico, antincendio, ecc.). Questo per scelta del progettista architettonico, nonché referente del committente. Avevo preparato delle famiglie di interruttori e prese con host 'muro', ma dovendo poi inserirli nel modello ho scoperto che gli elementi del modello collegato che avrebbero dovuto fare da host (i muri, quindi) non riconoscevano la famiglia creata con host analogo, ma solo quelle con host 'superficie'. Ho la sensazione che ci sia stato un problema di organizzazione della condivisione dei modelli, ma in caso di impossibilità di lavorare con piattaforma comune (certe scelte cadono spesso dall'alto, e non si può andare sempre contro i mulini a vento), come fare? Non assegnare l'host adeguato alle famiglie create mi pare poco BIM, oltre che pericoloso al momento di inserimento della famiglia nel modello. Da qui un altro dubbio: ovviamente il modello architettonico con cadenza settimanale arrivava aggiornato e dunque dovevamo ricollegare il nuovo modello, con la conseguenza che le famiglie MEP risultavano spesso distaccate dagli elementi architettonici che avevano cambiato posizione (es. prese al centro della stanza, lampade non più attaccate al solaio perché era cambiata l'altezza interpiano, ecc.). Questo ovviamente provocava il fatto che dovevamo fare una ricognizione del modello per verificare il corretto posizionamento dei componenti da noi inseriti, con evidenti rischi di errore e perdite di tempo. Il metodo mi pare molto perfettibile, quale potrebbe essere il flusso di lavoro ideale con queste condizioni? Grazie e buon BIM. Roberto
  8. Roberto 84

    Etichette porta

    Ciao Ferruccio, grazie. Temo anche io che la soluzione che adotterò sarà questa, ma mi pare una grossa falla di Revit...
  9. Roberto 84

    Etichette porta

    Salute a tutti, seguo il sito ed il forum da un po', e vi ringrazio per tutte le "capate" contro il muro che mi avete (senza saperlo) evitato in questi anni. Avrei bisogno di una mano riguardo ad un problema a cui non riesco a venire a capo: Ho creato la mia bella famiglia di etichetta per le porte, con indicate larghezza, altezza e contrassegno della porta, ma caricandola sul progetto la larghezza e l'altezza vengono invertite tra di loro quando l'elemento porta si trova in verticale (e dunque l'etichetta si visualizza in orizzontale). Ho provato a modificare la famiglia etichetta porta ponendola in orizzontale e togliendo la spunta a "Ruota col componente", ma se la inserisco nel progetto Revit la visualizza parallela alla porta e devo quindi modificare la modalità di inserimento (orizzontale/verticale) prima di inserire ogni etichetta. Ho cercato sul web, ma non ho trovato discussioni a riguardo. Sospetto che sia un errore di impostazione della famiglia, ma non riesco a capire quale possa essere. Ringrazio tutti per gli eventuali suggerimenti che mi arriveranno. Ciao Roberto Etichetta - Infissi interni_verticale.rfa Etichetta - Infissi interni_orizzontale.rfa
×