Jump to content

DATE

Members
  • Portfolio

    Portfolio
  • Content Count

    48
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

DATE last won the day on May 16

DATE had the most liked content!

About DATE

  • Rank
    Matricola

Professional Info

  • Employment
    Libero Professionista (Freelancer)
  • Sito Web
    https://www.date3d.it

Recent Profile Visitors

908 profile views
  1. Certo, grazie mille ancora del consiglio! Quando avrò tempo di metterci mano (...) ti manderò una preview!
  2. Ciao Luca, grazie come sempre del tuo feedback: vista la tua esperienza in materia non posso fare altro che seguire i tuoi consigli! Non appena avrò un po' di tempo proverò a mettere in pratica quello che mi hai consigliato! Sì non è un problema tecnico o di software, anzi, penso sarà divertente vedere il risultato! Grazie ancora!
  3. Ciao Manuel! Grazie anche a te per il feedback: l'immagine "non è bilanciata" volutamente perchè (a mio avviso!) sarebbe risultata troppo fredda e/o impersonale motivo per cui ho scelto una HDRI con una luce tipo "tramonto" così da ottenere una scena più calda (e più scenica, perchè no!) anche senza dover inserire molti oggetti nelle mensole; l'attenzione doveva rimanere sul soggetto (il mobile) e mi piaceva, una volta tanto, lasciare più vuoti che pieni (...sono del partito "less is more" ) Hai ragione: in realtà questo è un concept (quindi mi interessava l'aspetto estetico generale se così lo possiamo chiamare), la versione finale penso avrà quel pannello incernierato alla schiena del mobile o ad una parte del fondo per poterlo sollevare ( a patto che si riesca a risolvere il "problema" della guida a terra del pannello scorrevole, per ora sto valutando diverse soluzioni fra cui lasciare solo quella superiore e togliere la inferiore ma devo ancora entrare bene nella fase "tecnica" ) Grazie ancora per il tuo messaggio: come sempre cerco di far tesoro dei vostri consigli!
  4. Ciao Gianluca! Grazie anche a te del feedback! Sì le immagini virano volutamente sul giallo/arancio perchè altrimenti sarebbe stato un po' freddo, considerando che non ci sono molti oggetti a riempire i vari vani e che la struttura è molto rigida di per sè! Però ti ringrazio tu l'abbia notato perchè è una cosa a cui tengo molto anch'io (quando posso! )
  5. thumb
    Ciao a tutti! Volevo condividere con voi alcune semplici immagini realizzate per un concept di una libreria minimal con scrivania integrata: un piccolo home office nascosto ma, al contempo, completo e funzionale. L'idea alla base di questo sistema a parete era un design minimale e sobrio ottenuto con linee nette e chiare in cui la zona lavoro si fonde con l’ambiente domestico attraverso un scenografico pannello scorrevole. Il risultato è rigoroso, solido, semplice ma pieno di significati. Il modello l’ho realizzato con Cinema4D, renderizzato con Corona Renderer e un po’ di Photoshop per la post-produzione. Come sempre, commenti e critiche costruttive sono sempre ben accetti! Se volete, immagini ad una risoluzione maggiore le potete trovare sulla mia pagina di Behance o sul mio sito. Grazie! www.behance.net/DATE3D www.date3d.it Instagram @date3dviz
  6. thumb
    Ciao a tutti! Volevo condividere con voi alcune immagini di uno dei miei ultimi concept che ho realizzato per una zona living di una casa di Utrecht, nei Paesi Bassi. Queste immagini sono un tributo personale al designer, architetto e pittore olandese Gerrit Rietveld (che trascorse tutta la sua vita in questa città): nel 1919 si unì a Theo van Doesburg, Piet Mondrian e altri artisti per fondare un movimento artistico chiamato "De Stijl“(dall'olandese “lo stile”), noto anche come Neoplasticismo. Il movimento De Stijl proponeva la massima semplicità e astrazione, sia nell'architettura che nella pittura, usando per lo più linee diritte, orizzontali e verticali, forme rettangolari, colori primari (rosso, giallo, blu) uniti a tre valori primari quali nero, bianco e grigio. In questo caso per gli arredi, ho usato dei colori analoghi (giallo e verde) come palette allo scopo di creare equilibrio e ottenere un'atmosfera serena, idilliaca, armoniosa nonostante le forme rigide, rendendole "creazioni spaziali", sculture nello spazio piuttosto che un mobile. Come sempre, commenti e critiche costruttive sono sempre ben accetti! Modello realizzato con Cinema4D, Corona Renderer e finalizzato, come sempre, con un tocco di Adobe Photoshop. Immagini ad una risoluzione maggiore le potete trovare sulla mia pagina di Behance o sul mio sito. Grazie! www.behance.net/DATE3D www.date3d.it IG @date3dviz
  7. DATE

    Making of: “Norwegian Home Concept”

    La parete della cucina è tinta unita bianca, niente colore sfumato: se ho ben capito la tua domanda, nella parte superiore può sembrare leggermente più scura per un discorso di taglio della foto (nella vista ravvicinata della cucina che trovi qui ad esempio, l'immagine è tagliata proprio dove fanno ombra gli oggetti sopra la mensola perciò sembra più scura) mentre nelle altre è solo un alone dato in post (non pensavo si notasse ) Grazie del feedback!
  8. DATE

    Making of: “Norwegian Home Concept”

    Ti ringrazio, è la prima volta che mi viene dato un feedback del genere: sono contento che ti abbia trasmesso questa sensazione! Hai ragione: è stata una scelta “progettuale” quella del colore delle tazze e degli altri oggetti sopra le mensole! Volevo ottenere un effetto tipo tono su tono per evitare di metterle troppo in evidenza! Nella vista ravvicinata sulla cucina (non c’è in questo articolo purtroppo ma la puoi trovare qui ) forse l’effetto è più evidente: mensole con oggetti e muro sono bianchi mentre gli oggetti sopra il piano di lavoro della cucina sono neri o comunque molto scuri (es. il cavolo tagliato) che contrastano con il legno delle basi sospese. Anche qui nulla di volutamente casuale: l’intenzione era quella insomma, spero di essere riuscito a trasmetterla! Ad ogni modo farò tesoro del tuo riscontro! Grazie ancora!
  9. DATE

    Making of: “Norwegian Home Concept”

    Grazie mille a tutti!!!
  10. Ciao a tutti, sono Davide Tezza: sono un architetto e 3D Artist. Da circa sei anni mi occupo principalmente di visualizzazione architettonica come libero professionista dopo aver accumulato oltre sette anni di esperienza in diversi studi di architettura, ricoprendo via via ruoli sempre diversi (tirocinante, progettista/architetto/designer, model maker, visualizer ecc.) Negli ultimi anni la mia attenzione si è rivolta maggiormente verso la progettazione e produzione di immagini digitali di alta qualità per l’Architettura e l’Interior Design e, in particolare, di immagini con finalità commerciali o promozionali, soprattutto per quanto riguarda il settore dell’arredamento e del design. I primi approcci con il 3D risalgono ai tempi dell’Università a Venezia (2003-2009) dove, da autodidatta, ho iniziato ad utilizzare SketchUp e V-Ray raggiungendo negli ultimi anni risultati soddisfacenti (…a mio avviso, ovviamente, però lascio siano gli altri a giudicare!). Un anno fa, seguendo i consigli di colleghi e amici, ho deciso di affiancare a questi tools uno strumento più versatile come Cinema 4D: attualmente, infatti, utilizzo Cinema 4D e Corona Renderer per i miei lavori. Per la realizzazione del concept “Norwegian Home” ho adottato, in prima battuta, un approccio più architettonico, partendo cioè da alcuni semplici schizzi su carta e da alcune immagini di riferimento (raggruppate in una sorta di moodboard) per poi sviluppare via via l’idea durante gli step successivi. L'idea alla base del concept era quella di lavorare sulla distribuzione degli spazi della zona giorno: in questo caso, disporre in successione gli ambienti principali come il soggiorno (L), la sala da pranzo (D) e la cucina (K) mi avrebbe permesso di ottenere una continuità spaziale ma soprattutto visiva, dando la possibilità all’occhio di spostarsi da una stanza all'altra creando un effetto complessivo di uno spazio interconnesso. Un semplice ragionamento è stato fatto anche per quanto riguarda le aperture fra le tre stanze, ipotizzando già in questa fase dei punti di vista interessanti (da verificare poi durante la modellazione) e una palette di colori di base da cui attingere. Per quanto riguarda la prima parte di modellazione, ho iniziato modellando l’involucro ovvero le pareti e le chiusure orizzontali (pavimento e solaio) per poi passare alla parte visibile delle finestre (puro e semplice box modeling); il pavimento è composto da lastre di cemento lisciato perciò, dopo averne deciso le singole dimensioni, ho creato delle semplici istanze e posizionato le lastre in modo “casuale”: per aumentare il realismo, alcune lastre sono state spostate verso l’alto o verso il basso di qualche millimetro in modo da ottenere un pavimento non troppo uniforme; infine ho applicato un Bevel alle lastre per arrotondare un po’ gli spigoli. (Per gli utenti di Cinema che hanno Mograph, tutte queste operazioni saranno più veloci e/o scontate: io purtroppo non avendolo a disposizione ho dovuto gestire questi aspetti da me, impegnato un po’ più di tempo ma avendo il controllo totale sull’effetto finale che volevo ottenere). Inoltre, durante questa fase, ho cercato il più possibile di tenere come riferimento gli schizzi di partenza: in questo caso, per quanto riguarda il posizionamento della camera, mi sembrava più interessante il secondo punto di vista che avevo riportato negli schizzi: a differenza della classica prospettiva centrale, riesce a dare qualche informazione in più circa la conformazione delle stanze e crea una specie di asse di centrale che spesso caratterizza alcune mie immagini. Nella seconda fase di modellazione ho aggiunto man mano tutti i particolari della scena, inserendo qualche modello scaricato online, altri modelli già ricreati precedentemente da me tempo addietro (per prendere dimestichezza con Cinema) e, quando necessario, modellando alcuni elementi da zero: in questo caso sono partito da un semplice box modeling per poi agire con i vari generatori e deformatori fino ad ottenere l’effetto desiderato: nulla di troppo complicato. Oltre a riempire la scena, mi sono soffermato molto sulla composizione delle singole immagini e sul posizionamento degli oggetti: nessun oggetto della scena è posizionato casualmente ma tutto segue delle regole di composizione che ogni buon 3D Artist o visualizer sicuramente avrà fatto sue in base alle proprie esperienze, al suo stile ed alle inclinazioni personali. Per quanto riguarda i materiali, anche in questo caso, nella scena non ho inserito nulla di particolarmente complicato: la maggior parte dei materiali hanno caratteristiche normali (canali diffuse, reflection, bump ecc.) fatto salvo i vetri, i liquidi o altri materiali particolari (come la cera delle candele) che ovviamente hanno anche altri canali attivi (es. traslucency, refraction, volumetrics). Per un ottenere un lavoro di qualità consiglio sempre di usare texture sufficientemente grandi e dettagliate ma di utilizzare solamente i canali che producono effetti tangibili sul materiale per evitare di aumentare inutilmente i tempi di rendering con un displacement quasi impercettibile. Un aspetto fondamentale, per quanto mi riguarda, e che necessita di uno studio più attento è sicuramente l’illuminazione della scena: in questo caso ho realizzato una versione diurna e una versione serale a partire dallo stesso punto di vista, modificando leggermente gli elementi presenti in scena. Per quanto riguarda la scena diurna, volevo ottenere una luce morbida, non troppo forte e che non appiattisse troppo gli elementi presenti. (Non amo le scene troppo luminose: con il tempo ho imparato, e sto imparando ancora, ad apprezzare le scene poco illuminate dove anche le ombre degli oggetti entrano nella composizione e danno spessore all’intera composizione). L’illuminazione globale è un semplice Corona Sky: per controllarne l’effetto e verificare i vari settings della Corona Camera (es. Exposure, Bloom and glare, DOF) generalmente realizzo dei clay render molto veloci prima di lanciare la vista definitiva. Eventuali correzioni o aggiustamenti di colore dello spettro luminoso (e quindi sul mood dell’immagine) li gestirò in un secondo momento agendo nel tab “Post” direttamente nel Corona VFB. Per l’immagine serale invece, il procedimento è analogo ma con qualche piccola modifica. Per l’illuminazione globale ho utilizzato un Corona Light Material con un HDRI (nello specifico, un semplice cielo all’imbrunire) a cui ho modificato l’esposizione nel Material Editor per aumentare il suo contributo alla scena e far uscire maggiormente la sua componente blu. Successivamente ho iniziato ad inserire le fonti luminose nella scena valutando singolarmente il loro effetto sulla scena (sempre utilizzando dei clay render). Per la luce a sospensione sopra il tavolo, ho utilizzato una Corona Light di tipo “Object” a forma sferica: suggerisco di non esagerare sull’intensità ma di far riferimento sempre alla situazione reale (in termini di W, lm o temperatura colore) e cercare di riprodurre quelle condizioni attraverso i parametri di Corona. Per la luce sottopensile, invece, dopo aver modellato la scanalatura sulla mensola e la relativa barra luminosa, ho applicato a quest’ultima un semplice Corona Light Material, senza esagerare troppo con l’intensità per non avere aree troppo bruciate nell’immagine finale o che riflettessero troppo distogliendo così l’attenzione. Una volta trovata un bilanciamento soddisfacente, dopo aver attivato il Multi-pass di Corona (ed in particolare il pass di Interactive LightMix e selezionato le fonti luminose che intendo controllare singolarmente) lancio finalmente il render definitivo. Anche in questo caso, potrò intervenire nel Corona VFB anche in un secondo momento per eventuali piccoli aggiustamenti di colore o intensità dello spettro luminoso di ogni singola luce presente nel tab “LightMix” senza dover rilanciare nuovamente il render. Infine, l’ultimo passaggio del workflow è dedicato alla post-produzione: l’ampio controllo a disposizione direttamente dal Corona VFB permette di ottenere già delle buonissime basi di partenza per la post-produzione. Attualmente sto cercando di effettuare meno post-produzione possibile, evitando di correggere troppo l’immagine durante la post (specialmente se ci sono più scene all’interno dello stesso set su cui sto lavorando) ma, al contrario, cercando di ottenere già in partenza risultati soddisfacenti lavorando fin da subito, come detto precedentemente, sulla resa di luci e materiali. Generalmente cerco sempre di controllare il bilanciamento generale ed accentuare (quando serve) il contrasto o la saturazione dell’immagine. Ovviamente non ci sono dei settings predefiniti: ogni scena va studiata ed analizzata da sé in base al mood che si vuole ottenere e alla storia che si vuole raccontare attraverso le immagini. Per l’immagine serale, ad esempio, ho aggiunto delle impronte digitali sui bicchieri: di solito non inserisco persone o silhouette se non esplicitamente richiesto ma lascio siano gli oggetti presenti nella scena a parlare e a raccontare chi è stato lì, chi ha fruito dell’ambiente. Questo è tutto! Spero che questo “making of” sia stato interessante e di vostro gradimento: mi auguro che questo mio semplice contributo possa essere una piccola ispirazione per i vostri progetti futuri. Come sempre, commenti e critiche costruttive sono sempre ben accetti! Un ringraziamento particolare a Fabio e a Treddi.com per la pubblicazione. Grazie dell’attenzione e un saluto a tutti. Alla prossima! Davide www.date3d.it www.behance.net/DATE3D Instagram @date3dviz
  11. Grazie mille D@ve, sono contento ti piacciano!
  12. Grazie mille Magog! ...Hai ragione: in effetti le prime immagini le ho contrastate di più in post per accentuare il mood...è una "licenza poetica"! Grazie dell'apprezzamento!
  13. thumb
    Ciao a tutti! Alcune immagini realizzate per un concept di una casa moderna situata a Østlandet, la regione della parte sud-orientale della Norvegia. L'idea alla base di questo concept era di ottenere un design sobrio attraverso dei semplici dettagli, utilizzando una palette di colori neutri e un uso consapevole dei materiali: muovendosi attraverso la zona giorno, l'occhio vaga da una stanza all'altra creando un effetto complessivo di uno spazio interconnesso. Il calore tattile del legno di larice, le piastrelle in cemento grigio scuro lucido e le tonalità tenui del bianco morbido aggiungono un carattere tranquillo a questa accogliente casa minimalista. Modello realizzato con Cinema4D, Corona Renderer e finalizzato, come sempre, con un tocco di Adobe Photoshop. Come sempre, commenti e critiche costruttive sono sempre ben accetti! Immagini ad una risoluzione maggiore le potete trovare sulla mia pagina di Behance o sul mio sito. Grazie! www.behance.net/DATE3D www.date3d.it
×
×
  • Create New...