Vai al contenuto

Marco Vanetti

Members
  • Portfolio

    Portfolio
  • Numero messaggi

    189
  • Registrato

  • Ultima Visita

Info su Marco Vanetti

  • Rango
    Treddista

Informazioni professionali

  • Impiego
    Libero Professionista (Freelancer)
  • Sito Web
    https://marcovanetti.wixsite.com/portfolio

Ospiti che hanno visualizzato il profilo

4262 lo hanno visualizzato
  1. Marco Vanetti

    Vray light e parametri reali

    Perdonatemi Luca e Giacomo ma mi vedo costretto a riuppare il thread solamente per difendere il mio approccio al rendering tramite i file ies in Vray. Non potete dirmi che il mio approccio è non corretto o poco professionale fintanto che le condizioni di contorno non sono chiare. Dal momento in cui ( vuoi la gamma del mio monitor, del software di base, di qualsiasi altro parametro che posso avere ) io ho un output che a mio parere è troppo scuro rispetto al risultato che SO dovrei avere, dato che so bene come si comporta la luce e dato che ne ho calcolato gli output illuminotecnici in Dialux, non mi faccio alcuno scrupolo a gestirmi come voglio le intensità, a patto che io applichi lo stesso 30% a tutti i solidi fotometrici ies importati. Per cui mi si può opinare il mio approccio a 3DS + Vray ( potrei ovviare il problema gestendo meglio la Phisical Cam, aumentando gli iso, diminuendo lo shutter speed, chi più ne ha più ne metta ), ma non la poca professionalità dell'approccio illuminotecnico. Se stiamo parlando del progettare direttamente tramite Vray è tutto un altro par di maniche, perchè abbiamo discusso in lungo e in largo e ho seguito con vivo interesse i test fatti da Luca, ma continuo comunque a progettare prima con la testa, poi con Dialux/Relux, e poi a sviluppare l'output visivo con Vray. Sto cominciando proprio in questo periodo a fare delle prove di massima con il Light Meter in vray data la complessità di 3d che utilizzo, dato che non riesco a importarli in DiaLux. Per cui va presa con le pinze anche questa frase, che anche a me fa storcere un sacco il naso da buon light designer, ma che ha comunque un fondo di verità, se l'approccio a 3DS è puramente grafico. Del resto ci sono dei casi reali in cui i solidi fotometrici forniti da certe aziende sono più attendibili di altri. Se prendiamo come legge che iES = verità, allora stacchiamo il cervello e diventiamo solo degli operai. Personalmente una certa marca di corpi illuminanti ho scoperto ( luxmetro alla mano ) che al 90% delle volte fornisce file fotometrici sovrastimati in potenza del 15-20%, per cui per ottenere un risultato ottenibile grazie all'esperienza so che ogni volta che importo quegli iES devo sottostimare quanto mi è fornito. Non per questo ritengo che sia un approccio sbagliato, semmai è il contrario. Scusate il papiro ma professionalmente dovevo difendere la posizione, dato che non ho nulla da nascondere.
  2. Finalmente un lavoro semplice e forte in cui con poco si plasma un carattere definito a un luogo! Secondo me sto tipo di location è l'ideale per giocare liberamente coi contrasti, perchè finchè uno non ci sbatte la testa personalmente fatica a rendersi conto di come con "due luci" un lighting designer possa stravolgere uno spazio...Grazie per la condivisione!
  3. Ti ringrazio Noothera, mi hai risolto il problema! Si, devo proiettare una clip all'interno di una animazione, non lo trovavo perchè speravo si potesse fare nelle vray light, ma devo usare una luce standard di tipo spot! Grazie ancora.
  4. Buongiorno a tutti, ho spulciato il pannello di ricerca ma non ho trovato risposta alla mia domanda ( eppure mi sembra pure banale!). Per un concorso di lighting design sto creando un'animazione video ( consueto 3ds Max + Vray ). Nell'animazione ho un video wall in cui devo far vedere che trasmetto una trasmissione TV. Inoltre, forse ancora più importante, devo proiettare a terra il suddetto video ( sparato da proiettore sulla gente che cammina ). La telecamera sarà mobile, quindi mi si rende difficile fare questa cosa in post in Vegas o AAE. C'è un modo per fare questa cosa? Grazie a tutti per l'attenzione!
  5. Marco Vanetti

    VrayLightSelect

    Luca, grazie come al solito per la risposta esaustiva! Mi hai incuriosito molto e appena la workstation torna operativa farò un sacco di prove. Da quanto mi hai detto sì risulta consapevole, però non c'è un vero e proprio tool per la modifica manuale del valore di temperatura di colore, quindi la chiamerei una modifica spannometrica coi controc****i Ma basta e avanza, e soprattutto, come mi è successo due mesi fa, se la committenza ti dice "No, ho cambiato idea, le luci sull'affresco le voglio non a 3000k ma a 4000k" in un attimo si cambia la tonalità, quindi in ogni caso è un approccio stra-utile! Grazie ancora!
  6. Non volevo insinuare nulla eh! Era solo una considerazione riguardo al come potrebbe apparire poi il topic ad occhi esterni se non gli si da un criterio più ponderato, come effettivamente sta avvenendo Quoto in toto, a me personalmente farebbe molto comodo avere altre risorse oltre a quelle che già uso per i rendering oltre che per le prove in Relux! Una bella listona toppata in alto con produttore -> link -> Piccola anteprima di cosa trovare all'interno (ES: iGuzzini, ha quasi sempre file .ies, file .ldt e drag&drop per Dialux, 3d in dwg e in 3ds ). Questa sarebbe una bella risorsa, ovviamente è un bel lavoro che va fatto progressivamente con il contributo di tutti!
  7. Marco Vanetti

    VrayLightSelect

    Grazie come sempre per l'esaustiva risposta Luca; ho evidenziato nel quote i punti fondamentali dei miei dubbi, in particolare il controllo dell'esposizione. Banalizzo drasticamente il workflow per capire dove sbaglio ( forse farei prima a provare ma preferisco andare sul sicuro): Tu imposti in 3DS/Vray le luci a 5000K ( presumo perchè sia una temperatura che in queste prove ti dia un range di abbassamento/alzamento delle tonalità. Così come avviene per il render elements tu hai alla fine un unico output in OpenExr che presumo contenga al suo interno i layer suddivisi. Qui il punto fondamentale: il controllo della tonalità devi farlo avvenire in fase di post nella finestra di 3DS o di PS ( o chi per lui)? Da quel che dici mi sembra che il controllo avvenga in modo spannometrico, non "scientifico". Ovvero, tu selezioni una luce "neutra", in questo caso 5000K, e poi localmente vari la tonalità in post con dei filtri, ma non sei andato dal principio a impostare la tonalità della sorgente. Sbaglio? Grazie ancora!
  8. Non vorrei questo diventasse un topic più di promozione di produttori che altro, però personalmente oltre a iGuzzini mi sono sempre trovato bene con la Zumtobel, che ha i file .IES e anche gli .LTD , con cui personalmente mi trovo pure meglio perchè ho un paio di LDT editor che permettono di taroccare le curve fotometriche a patto di avere un po' di dimestichezza con i numeri http://www.zumtobel.com/com-en/products.html
  9. Marco Vanetti

    VrayLightSelect

    Grazie dei bei test Luca, mi sfugge solamente una cosa nel workflow che hai seguito. Premetto che questo deriva dalla mia attuale ignoranza nelll'utilizzo del LightSelect. Questo controllo ti genera vari output per ogni luce associata nella scena? Quindi in pratica, basandomi sulla tua scena, nel tuo file .psd ( o equivalenti ) tu hai lavorato blendando 4 livelli differenti? Non riesco a capire il tassello fondamentale...mi sembra da quello che hai postato che il 90% del lavoro così lo hai fatto in PS, ma come fai a dirgli che temperatura di colore usare? Domande niubbe e chiedo scusa in anticipo
  10. Marco Vanetti

    Making of "An Ordinary School Day"

    Una cura nei dettagli pazzesca, un'amore e un rispetto per i fumetti meraviglioso...Ma dopo il lavoro su Zio Paperone ho i tuoi lavori in cima alla lista delle mie preferenze assolute
  11. Marco Vanetti

    Vray light e parametri reali

    Ciao, attualmente non ho tempo di rileggere quanto ci siamo detti in merito, ma sicuramente hai frainteso, perchè impostando una Vray IES Light puoi spuntare nella casella ( mi pare ) Power puoi selezionare o Multiplier o direttamente i Lumen. Io solitamente utilizzo i lumen, e non so se dipenda dal gamma che ho impostato, ma le trovo leggermente sottostimate rispetto a quella che dovrebbe essere la mia percezione, per cui di norma aggiungo un buon 30% di flusso a quello nominale della lampada!
  12. Marco Vanetti

    Vray light e parametri reali

    Bella piega ha preso la discussione, spero solamente in Chaos venga fatto tesoro del fatto che ci sono anche utenti che vogliono avere una presunta validità scientifica dei risultati illuminotecnici forniti da VRay, perchè io sto solamente aspettando di vedere qualche paper analogo a quello pubblicato da Giacomo per poter far ogni cosa su 3Ds + Vray...
  13. Marco Vanetti

    Alpha channel sballato, perchè?

    Buongiorno signori, ho spulciato il forum ma non riesco a venirne a capo, sono i miei soliti dubbi presunti da niubbo... Modello fatto con Autocad 2015 in metri, importato in 3Ds con Vray. Dei vari layer il layer MURI persino in Autocad sfarfallava, immaginavo per una ipotetica duplicazione del corpo che in realtà non c'era, per cui ho rifatto da capo e l'import in 3DS è risultato corretto ( prima il layer muri non lo importava ). Rifacendo il solido il 3d è uscito correttamente in 3DS durante l'import, e ho potuto renderizzarlo correttamente. Tuttavia l'Alpha channel risulta così, come nell'immagine allegata. Ho provato a cercare se ci fosse qualche opzione tipo "escludi da Alpha channel" o cose simili ma nulla. La cosa particolare è che mi ha escluso pure il layer Erba, e non riesco a spiegarmi il perchè... Qualche sant uomo ha la soluzione? Grazie!!
  14. Marco Vanetti

    3DS Max, domanda base su come fare un taglio su un piano

    Perfetto, esattamente ciò che cercavo! Non agivo sul gizmo, ero riuscito a gestire parzialmente il problema convertendo in Editable Patch e spostando a mano il vertice, ma usciva sporco! Ora ci provo, grazie mille!!
  15. Marco Vanetti

    3DS Max, domanda base su come fare un taglio su un piano

    Ti ringrazio @Michele71 , tuttavia a quel punto pensavo di esserci arrivato anche io. Il problema facendo il procedimento che mi hai consigliato è che la selezione dei vertici, con modificatore applicato, non si "stacca" dal piano originario, ma ovviamente preserva l'adiacenza tra gli spigoli. Vedere immagine allegata.
×