Vai al contenuto

giusepped85

Members
  • Portfolio

    Portfolio
  • Numero messaggi

    14
  • Registrato

  • Ultima Visita

  1. giusepped85

    far crescere un muro animazione

    usa il modificatore slice plane e cap holes
  2. giusepped85

    Negozi a Roma?

    Io il mio ultimo pc l'ho preso da breakpoint, sul sito ti fai un idea dei prezzi ma se hai bisogno di parlare con loro puoi chiamare ed andare, non sono il solito negozietto di pc che trovi sotto casa loro lavorano solo con macchine ad alti livelli per gaming e computer grafica come penso che servano a te, ti dico solo che sono rappresentanti nazionali e forse anche internazionali della PNY e dell'NVIDIA.
  3. La cosa che meglio ti fa controllare l'effetto finale è l'Unwrap UVW, in parole povere ti spalma su un unico jpg tutte le facce del tuo oggetto e poi tu te le colori con photoshop o un altro programma analogo. Usando un blend material invece tu scegli due materiali e li misceli usando una mappa in bianco e nero, quindi bianco mat 1 nero mat 2 grigio sovrapposizione dei due.
  4. giusepped85

    La Città Futuribile

    Ciao a tutti, e intanto grazie per aver commentato e detto la vostra sul mio lavoro, un po' meno per aver fatto polemica in un luogo non adatto. Su molte delle critiche fatte sono daccordo, anche perchè essendo un lavoro fatto più di un anno fa, oramai anche io lo vedo con un'ottica ed una maturità diversa. D'altra parte però bisogna tener conto anche del fatto che l'esame prevedeva una parte teorica oltre al progetto, quindi il tempo da dedicarvi doveva essere bilanciato, poi il prof prendeva il progetto come un modo per rompere il ghiaccio e cominciare l'interrogazione senza influire molto sul voto finale. Alla fine quindi il tutto è stato fatto da me ed il mio amico solo per una sfida ed uno sfizio personale. Per rispondere a LuchettoTA, il cordolo non è fatto con la texture della pelle, ma con un banalissimo cellular, solo che nelle caratteristiche della cella invece che circular ho spuntato chips.
  5. giusepped85

    La Città Futuribile

    L'esame prevedeva la progettazione di una città futuribile, come se dovessimo ideare la scenografia di un film. Io ed il mio amico ci siamo ispirati al decostruttivismo ecco perchè tutti i palazzi spaccati. La sensazione che volevamo dare con questa città, è una sensazione di desolazione, un'ambiente quasi ostile, tipo quello di Pluto Nash il film con Eddie Murphy. E' per quello che la vita all'esterno dei palazzi è quasi zero, ci si muove per vie aeree, i palazzi sono comunicanti... La scena è stata realizzata con max, la frammentazione dei palazzi è stata fatta con rayfire, per gestire una scena così pesante abbiamo usato i vray proxy, il render è stato fatto con vray usando due quad core in distributed render, e poi ritoccato in photoshop. La ripetizione delle auto forse si nota un po' troppo joe073 ha ragione, ma purtroppo la scena è talmente pesante che inserire altre auto diverse è impossibile almeno con i nostri mezzi, non riusciremmo più a girare nella scena. Forse ho dimenticato ancora qualcosa, ma giustamente ora avete qualche info in più. Se avete altre domande sono qui.
  6. io ho fatto una presentazione multimediale, gli lascio direttamente il cd così oltre al curriculum e ai render statici possono vedere anche i viedeo da me fatti senza dover andare su you tube
  7. giusepped85

    La Città Futuribile

    Ops mi sono ricordato che potevo caricare le immagini esternamente 1 2 3 4 5 6
  8. giusepped85

    La Città Futuribile

    Ciao a tutti, vi seguo qui su treddi già da un bel po', ma non ho mai postato niente. In questi giorni ho deciso di condividere con voi un lavoro fatto un po' di tempo fa con amico per un esame all'uni. Ho visto che di solito insieme al render finale viene allegato anche qualche wire, ma in questo caso con circa 8 milioni di poligoni e proxy vari servirebbe a poco. Sono ansioso di sapere cosa ne pensate e di rispondere alle vostre domande se ne avete. Mi dispiace solo che per il limite di caricamento ho dovuto dimezzazzare il numero di immagini (erano 6), abbassarne la qualità, e ridurne la risoluzione (la risoluzione originale è 4096x2458, e girare all'interno dell'immagine a tutto zoom alla ricerca dei dettagli è divertente).
  9. giusepped85

    Vray: Rendering Distribuito

    l'asset tracking così come lo vedo non è del tutto corretto, ci sono delle mappe che gli altri pc non vedranno mai.
  10. giusepped85

    Vray: Rendering Distribuito

    il triangolo giallo non è un problema, piuttosto gli altri pc oltre a vedere la cartella condivisa possono entrarci e metterci e\o prenderci e\o modificarci dei file al suo interno?
  11. giusepped85

    Vray: Rendering Distribuito

    Dipende da quale versione di max usi, in ogni caso la finestra dell'asset tracking ti si apre anche se premi shift (il tasto per fare le lettere maiuscole)+T. Una volta aperta la finestra controlla che per ogni texture, nella colonna status ci sia scritto network path. Se così non fosse, tasto destro sulla texture, poi clikki su set path, poi ancora clikki sui ... per scegliere il nuovo percorso, cosa importante se la texture sta in rete è da li che devi andare a prenderla quindi nel percorso parti: da risorse di rete\pc su cui si trova\cartella\sottocartella\nome texture. Alla fine dovresti avere un percorso simile a questo: \\sandro170(nome del tuo pc in rete)\nome cartella dove sono contenuti i file di lavoro\nome cartella dove sono le texture Spero di essere stato abbastanza chiaro, in ogni caso vedrai che è più facile a farsi che a dirsi. Ah un'altra cosa, la cartella è condivisa ok, ma gli altri pc oltre a vederla possono entrare e mettere o prendere o modificare dei file al suo interno?
  12. Non credo che sia un problema legato ai tuoi alberi o al tuo materiale, è proprio l'RT di v ray che nn ti fa vedere il risultato del canale alpha, così come se metti una luce in scena e poi da quella luce escludi qualche oggetto con il RT lo vedrai illuminato ugualmente, stessa cosa se usi un blend material con una maschera non vedrai il risulatato della maschera, in poche parole l'RT di v ray è come se facesse un render di quello che sta in viewport senza calcolare parametri come il displacement, o come quello detti prima. Questo almeno è quello che ho capito usandolo, se qualcuno ha una risposta più precisa ed esatta ci faccia sapere.
  13. giusepped85

    Vray: Rendering Distribuito

    Hai controllato l'asset tracking, magari le texture stanno nella cartella condivisa, ma i pc le cercano in un altro percorso.
  14. giusepped85

    Problema V Ray Distributed Rendering

    Ciao ragazzi vi espongo il mio problema: Renderizzando il file su un solo pc non ho nessun problema, nel momento in cui attivo lo spawner sullo slave questo prima parte come vraydummy2010, poi viene riconosciuto dal master che nel v ray log mi segnala server 192.168.... scene loaded, starting render e sullo slave diventa quindi vray_server_scene. Dopo qualche secondo lo spawner si chiude e si riapre da solo, e sul v ray log mi dice warning: render hos pc-...(192.168....) is not respondig. Dopo qualche secondo mi riconosce di nuovo lo spawner e riparte all'infinito il ciclo che ho descritto su. Uso V-ray Adv 1.50.SP4a su 3ds max 2010. I pc sono un fisso con xp a 64 bit ed un portatile con vista a 32bit, ho provato anche ad invertire le parti di master e slave. Ho questo problema da qualche giorno prima il DR funzionava, ho anche provato a disabilitare il firewall, e il file che renderizzo non ha texture ed è salvato in una cartella condivisa in rete. Spero che qualcuno mi sappia aiutare, non so più cosa provare, l'ultimo disperato tentativo sarebbe formattare sempre che possa servire a qualcosa. grazie a tutti in anticipo
×