Vai al contenuto

neo ninpo

Members
  • Portfolio

    Portfolio
  • Numero messaggi

    307
  • Registrato

  • Ultima Visita

  1. Salve a tutti! Ho deciso di ambientare la mia solita casetta architettonica su un bel prato, grazie ai tutorial degli utenti di www.treddi.com ho notato come sia facile crearne uno con il displacment di 3ds Max (e nel mio caso renderizzarlo con Mental Ray). Ho visto però che alcuni utenti consiglia un programma chiamato Vue D'esprit, non conoscendolo vi chiedo pareri e comparazione su questi due modi di modellare tale elemento, il prato appunto. Grazie
  2. Ciao a tutti estrattori di materiali, stavo con Mental Ray sperimentando il materiale "mental ray" invece di utilizzare i soliti Arch&Design tanto cari quanto ormai comuni, volevo quindi utilizzare questo materiale ed inserire nello slot SURFACE un materiale DGS. Nel testo di Fabio D'Agnano viene descritto il materiale DGS (diffuse, glossy e specular) come un elemento che al suo interno presenta la possibilità di giocare con valori percentuali. Io purtroppo non vedo tali opzioni ma solo la scelta del colore. Sono io che non lo trovo oppure la descrizione dell'autore è basato su vecchie opzioni del programma? Grazie
  3. Come utilizzo ovviamente mi conviene di più spostarmi su renderizzatori quali Mental Ray (che attualmente uso) o il tanto quotato Vray, volevo comunque studiare questo metodo di calcolo della luce per avere almeno un piccolo approccio conoscitivo del sistema
  4. neo ninpo

    Volume Light In 3ds Max

    Comunque reputo davvero maniacale per l'Italia la guida di ecosystem, non sarà aggiornatissima però è davvero ben fatta...chissà chi ci lavora che sbocchi lavorativi ha poi avuto
  5. Quindi Radiosity è un particolare motore di render? Io pensavo fosse un opzione che era possibile utilizzare nel motore di render SCANLINE. Ovviamente se Radiosity è un motore di render non è presente come opzione in Mental Ray, ma le feature che offre il Radiosity sono possibili di base in Mental Ray?
  6. Salve colleghi di annullamento della dimensione, stavo studiando il sistema radiosity del motore di render SCANLINE e mi chiedevo, non travandolo, se questo sistema fosse contenuto in Mental Ray di default visto che non era selezionabile, come in SCANLINE, tramite opzioni. Grazie per i chiarimenti a tutti i Production e gli ActiveShade!
  7. neo ninpo

    Volume Light In 3ds Max

    L'intensità della luce è 1,0 (è una semplice standard) mentre il colore è bianco
  8. neo ninpo

    Volume Light In 3ds Max

    Ringrazio tutti per le risposte! Ho ridisegnato la scena facendo un reset al programma e tutto si è risolto...certo è stata una risoluzione "forzata". Per il resto la voce active era checkata...chissà come era accaduto (anche le ombre erano renderizabili). @HiRes: come mai non usi il Volume Light? Preferisci un altro programma per applicare questo effetto tanto carino quanto old style (vedi vecchi videogiochi e render degli anni '90 ) ?
  9. neo ninpo

    Volume Light In 3ds Max

    Salve amici di pena (si spera poca) e passione (sempre di più ), ho creato un lampione e volevo far si che la luce prodotta da esso mostrasse i fasci luminosi come quelli di potenti proiettori, ho quindi aggiunto come effetto atmosferico il VOLUME LIGHT in ENVIRONMENT ma, credo per le impostazioni, non riesco a vedere i fasci luminosi nel render (mental ray settato come renderizzatore). Vi allego le due immagini, una con impostazioni e l'altra con render! Grazie a chi mi darà una mano (ma anche, seppur di meno a chi legge )
  10. neo ninpo

    3d Studio Max 2010: Conviene Aggiornare?

    Purtroppo fin quando non saremo interni allo sviluppo del programma non potremmo sapere cosa si cela dietro, spesso sono anche priorità che si danno alle varie segnalazioni degli utenti dettate da chi gestisce ai piani alti (che di programmazione e grafica ne capisce davvero poco). Volevo farti una domanda, in merito a Windows 7, lo trovi meglio di Vista? Ed i programmi di uso principale per il lavoro (Photoshop, Rhino, 3ds Max) sono compatibili oppure c'è qualche incompatibilità ? p.s. ma stai utilizzando una beta di Windows 7 o è stato rilasciato in forma commerciale?
  11. Non so quale facoltà di architettura tu abbia fatto, se l'hai fatta, ma negli esami di diritto, di estimo, nonchè in quelli di progettazione insegnano anche i comportamenti umani buoni e giusti in merito alla professione che si svolgerà una volta laureati ed abilitati. Poi ognuno ha avuto i propri insegnanti e la propria voglia di ricercare e crescere nelle facoltà, in parte dipende anche dallo studente
  12. Scusami Mercy (sempre se possa permettermi di replicare ma credo che sia mio diritto visto che mi hai accusato di dire stupidaggini) tu che facoltà hai fatto?
  13. Come dovrebbero essere i laboratori ad architettura e dove invece si riciclano amici dei docenti che fanno il favore nel fare i tutor per prendere qualche incarico con l'università sponsorizzati dal prof. al quale danno la mano? Scherzi ( ) a parte penso che la formazione debba partire dalle scuole superiori e che se è vero che le Università italiane debbano vivere con i fondi degli alunni, queste dovrebbero esser più selettive nel fare entrare e, scusate la crudeltà, anche nel fare uscire i laureati. 150.000 architetti in Italia....ma ci rendiamo conto? Quando la maggior parte dei laureati uscendo dalla facoltà vuole costruire (dove?) o come massima aspirazione fare l'assistente al professore di turno sperando di rimanere nel clima di amicizia della facoltà (che non era male ma bisogna anche esser responsabili e capire che la laurea serve per fare un lavoro e non per divertirsi con i compagnelli). DIA e designer infine, ne sento spesso parlare, questo perchè i 500, 600 o 1000 euro per una firma fanno gola a molti ma per metterla quella firma, oltre che ad avere sostenuto degli esami particolari, che nella Facoltà di Disegno Industriale non ci sono, bisogna avere una conoscenza ed un etica di alto valore....perchè? Perchè altrimenti si paga, come già detto, amministrativamente, civilmente e penalmente... p.s. i soldi facili non ci sono per nessuno quindi come hanno detto alcuni, meglio fare una scelta mettendo insieme tutte le variabili e confrontandole, seguire la passione ma con realismo perchè la vita è una sola ed il tempo per inserirsi nel mondo del lavoro, dove ci sono sempre più professionisti, è sempre meno.
  14. Che io sappia IL CORSO DI STUDI in Ingegneria edile-Architettura della Facoltà di Ingegneria è una laurea in Ingegneria edile con un particolare sguardo alla progettazione architettonica pur rimanendo nell'ambito ingegneristico. Quando uscì fu molto criticata nella facoltà di Architettura perchè con il boom degli iscritti ai corsi di architettura sembrava un escamotage per attirare gli studenti che emigravano da ingegneria presso le facoltà di architettura. Ricordo infatti che un architetto nella pratica lavorativa può fare tutto quel che fa un ingegnere se no di più (vedi il restauro degli edifici...anche se nella realtà i calcoli di strutture in cemento armato all' Ufficio Tecnico li depositano firmati i geometri, ed i restauri sono firmati dagli ingegneri, che fino a poco tempo fa potevano anche esser laureati in ingegneria meccanica ma con un'abilitazione di larga manica potevano operare in tutti i campi dell'ingegneria). Comunque il mondo dell'edilizia e' vario e variegato, c'è chi ha grandissima cultura e non sa lavorare che dopo un 110&lode fa il rappresentate per il fotovoltaico e di piastrelle, così come c'è l'imprenditore che mette i soldi, fa lui schizzi, progetto e trova la committenza e sfrutta per 4 soldi la firma di un architetto abilitato che si prende tutte le responsabilità penali, civili ed amministrative. Comunque rimango dell'idea che prendere una laurea per farsi chiamare "Dottore" sia oggi una perdita di tempo se non si può esercitare...purtroppo dopo la laurea c'è "l'esame di stato di abilitazione alle professioni" però almeno dopo questa ennesima prova si è almeno inquadrati in una categoria professionale...
  15. In merito alle fasi di costruzione di un progetto ti do ragione, ma per quanto riguarda le materie diffida sempre dai programmi scritti che sono spesso ben differenti da quelli reali Ultima cosa, la passione, è vero che devi fare un lavoro che ti piaccia,a ma il lavoro serve per farti mangiare e sopravvivere perchè se è vero che la passione aiuta a vivere meglio, non si mangia di passione. Ingegneria meccanica ed informatica cmq sono quotatissime, andando a meccanica rimarresti nell'ambito progettuale e della rappresentazione virtuale (computer grafica legata ad essa) ovviamente con tutta la base scientifca di fisica che ti serve per lavorare. Insomma basta sapersi gestire nel lavoro e vedere la passione anche in materia che spesso vengono reputate noiose come quelle scientifiche
×